Grande Siria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
La Grande Siria secondo Saʿāda

Grande Siria, intesa non tanto come Siria (Sūriya in contesto storico), quanto in quello di Bilād al-Shām (in arabo: بلاد الشام) è stata una regione storica nel Vicino Oriente, confinante con il Mar Mediterraneo a ovest, con il deserto siriano (o arabico) a est, con l'Egitto a sud e con l'Anatolia a nord.

Nel VII secolo in cui si affermò il califfato degli Omayyadi di Damasco, l'area siro-libano-transgiordanico-palestinese era chiamata complessivamente Shām, impiegando un toponimo di origine molto antica per indicare tutta quell'area geografico-antropica che si estendeva a nord della Penisola Araba che confinava a ovest con l'Egitto e a est con la Cilicia bizantina.

Nell'ideologia nazionalista pan-siriana sviluppata da Anṭūn Saʿāda (che intendeva recuperare l'ampiezza della regione califfale e poi ottomana di al-Shām e che fu fugacemente l'obiettivo prefisso dall'effimero Regno Arabo di Siria del 1920), il progetto di dar vita a una Grande Siria si caratterizzava per le sue evidenti connotazioni irredentiste.

Saʿāda successivamente ampliò il concetto, estendendo i confini della Grande Siria fino a comprendere l'Iraq e Cipro. Puntava insomma a quelli che considerava i confini naturali della regione, che egli faceva giungere fino ai monti del Tauro a nord-ovest e ai monti Zagros a nord-est, al Canale di Suez e il Mar Rosso a sud, ivi incluse la Penisola del Sinai e il Golfo di Aqaba a ovest, comprendendo l'isola di Cipro, raggiungendo il deserto arabico e il Golfo Persico a est.

Il progetto di Saʿāda fallì ma l'idea di tornare a una Grande Siria anche in età contemporanea non è mai stata accantonata dai nazionalisti arabo-siriani e arabo-libanesi, riaffiorando nelle denominazioni di non pochi movimenti politici e paramilitari.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Evidente l'ambizione siriana di recuperare surrettiziamente il Libano nel corso dell'intervento siriano del 1976, sotto copertura del nome tranquillizzante di "Forza Araba di Dissuasione" (FAD) durante la guerra civile libanese o del Fronte al-Nusra e degli Ahrar al-Sham, formazioni combattenti entrambe nella guerra civile siriana esplosa nel 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]