Gian Carlo Menotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gian Carlo Menotti, fotografato da Carl Van Vechten, 1944

Gian Carlo Menotti (Cadegliano-Viconago, 7 luglio 1911Monte Carlo, 1º febbraio 2007) è stato un compositore e librettista italiano.

Autore per la televisione dell'opera lirica di Natale Amahl and the Night Visitors, fu il fondatore nel 1958 del Festival dei Due Mondi e, nel 1977, a Charleston (Carolina del Sud), della versione statunitense del festival, lo Spoleto Festival USA.

I suoi lavori di maggior successo furono scritti negli anni quaranta e cinquanta.

Oltre a scrivere i libretti delle sue opere, per le quali ha scelto personalmente i soggetti, Menotti diresse dal podio la maggior parte della sua produzione teatrale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Menotti cominciò a scrivere canzoni all'età di sette anni, a 11 anni scrisse sia il libretto che la musica - secondo una prassi che avrebbe seguito per tutta la vita - per la sua prima opera, La morte di Pierrot. Si iscrisse al Conservatorio Verdi di Milano nel 1923.

Dopo la morte del padre, su consiglio di Toscanini, Menotti si trasferì con la madre negli USA per iscriversi al Curtis Institute of Music di Filadelfia. Ebbe relazioni con Leonard Bernstein e Samuel Barber. Con quest'ultimo, a lungo suo compagno, lavorò a diverse opere (Menotti scrisse il libretto per l'opera più famosa di Barber, Vanessa, che debuttò nel 1958 presso il Metropolitan Opera).

Fu al Curtis Institute che Menotti compose la sua prima opera matura, Amelia al ballo, su proprio testo in lingua italiana. In madrelingua sono inoltre The Island God e The Last Savage, che poi tradusse: tutti gli altri suoi lavori teatrali - di cui egli scrisse sempre il libretto in prima persona - sono in lingua inglese.

Scrisse i libretti per due opere di Samuel Barber, la già citata Vanessa e A Hand of Bridge, e rivide quello di Antony and Cleopatra. Amelia ebbe tanto successo che la NBC gli commissionò un'opera per la radio: The Old Maid and the Thief.

In seguito, scrisse un balletto, Sebastian (1944), e un Concerto per pianoforte e orchestra (1945) prima di tornare all'opera con The Medium e The Telephone.

La sua prima opera di lunga durata fu The Consul (Il console), che debuttò nel 1950 e con la quale vinse il Premio Pulitzer per la musica e il premio della critica del New York Drama Circle per la migliore opera musicale (quest'ultimo riconoscimento nel 1954). Tre anni prima, nel 1951, Menotti aveva scritto la sua pregevole opera natalizia Amahl and the Night Visitors per l'Hallmark Hall of Fame. Il premio Pulitzer poteva essere attribuito solamente a cittadini Statunitensi e quindi si presentò il problema della cittadinanza. Gli chiesero di cambiarla ma lui si oppose. Allora fu trovato un escamotage: diventare cittadino statunitense solo per un giorno! e in questo modo gli fu consegnato il Premio Pulitzer. Nel 1958 creò il Festival dei Due Mondi di Spoleto, un genere di kermesse artistico-culturale allora pressoché inesistente in Italia, con il quale intese creare un terreno di contatto fra il mondo artistico europeo e quello americano.

Il Festival, di cui per cinquant'anni, fino alla sua morte, Menotti è stato indiscusso conduttore, è presto divenuto una delle più importanti manifestazioni culturali europee, spaziando in tutte le forme artistiche, dalla opera lirica alla prosa, dal balletto alle arti figurative, dalla musica classica e moderna al cinema, e dando vita a partire dagli anni settanta alle manifestazioni "gemelle" di Charleston (USA) e Melbourne (Australia).

Menotti lasciò la conduzione del festival statunitense nel 1993 per prendere la conduzione dell'Opera di Roma.

Proprio a causa del suo lungo e intenso impegno per la conduzione del Festival dei Due Mondi, dagli anni sessanta in poi limitò notevolmente la sua attività di compositore.

Nel 1976 avviene la prima esecuzione assoluta nella Symphony Hall dell'American Academy of Music di Filadelfia della Sinfonia n. 1 "The Halcyon" di Menotti diretta da Eugene Ormandy.

Nel 1984 fu premiato dal Kennedy Center Honor per meriti artistici e, nel 1991, fu scelto dal Musical America's come "Musician of the Year."

Nel 1998, in occasione del settantesimo di costituzione del Comune di Cadegliano-Viconago[1], fu invitato dall'Amministrazione Comunale a rivisitare il suo paese natale. In quell'occasione gli fu attribuita un'accoglienza trionfale.

Menotti morì a Montecarlo il 1º febbraio 2007.

L'Amministrazione Comunale di Spoleto e di Cadegliano-Viconago e l'Ass. Culturale Teatro Blu, con sede nella casa natale del maestro, hanno celebrato nel 2011 il centenario della nascita e il 7 luglio 2011 nasce a Cadegliano il Cadegliano Festival - Piccola Spoleto Festival delle Arti sceniche e Figurative dedicato al Maestro Gian Carlo Menotti. Festival al quale, Il Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano, ha conferito una medaglia di rappresentanza.

La sua abitazione a Spoleto, situata in Piazza del Duomo, è stata acquistata dalla Fondazione Monini nel 2010, ed è diventata sede del Centro di Documentazione del Festival dei Due Mondi: un piccolo museo denominato Casa Menotti di circa 160 inaugurato nel giugno 2011 e gestito dalla Fondazione Monini in stretta collaborazione con il Comune di Spoleto e con la Fondazione Festival dei Due Mondi.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 2 novembre 1981[3]
Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
— Roma, 28 novembre 1992[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Amelia al ballo (1937).
  • The Old Maid and the Thief, opera radiofonica (1939).
  • The Island God (1942), Metropolitan Opera House con Leonard Warren ed Astrid Varnay.
  • The Medium (1946).
  • The Telephone, or L'Amour à trois (1947).
  • The Consul (1950).
  • Amahl and the Night Visitors, opera televisiva (1951).
  • The Saint of Bleecker Street (1954).
  • Maria Golovin (1958).
  • The Death of the Bishop of Brindisi (1963).
  • Labyrinth, television opera (1963).
  • The Last Savage (L'ultimo selvaggio), (1963).
  • Martin's Lie, (1964).
  • Help, Help, the Globolinks!, (1968).
  • The Most Important Man, (1971).
  • Tamu-Tamu, (1973).
  • The Egg, (1976).
  • The Hero, (1976).
  • The Trial of the Gypsy, (1978).
  • Chip and his Dog, (1979).
  • Juana la Loca (Giovanna la pazza), (1979).
  • A Bride from Pluto, (1982).
  • The Boy Who Grew Too Fast, (1982).
  • Goya, (1986).
  • The Wedding (Il matrimonio), (1988).
  • Goya [rev.], (1991).
  • The Singing Child, (1993).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ All'epoca della sua nascita, solamente "Cadegliano"
  2. ^ Spoletonline, Grazie ai Monini, Casa Menotti torna ad essere il cuore del festival, 25-06-2011
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 113106540 LCCN: n79125116 SBN: IT\ICCU\CFIV\065434