Convoy - Trincea d'asfalto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Convoy - Trincea d'asfalto
Convoy - Trincea d'asfalto.JPG
"Anatra di gomma"/Kris Kristofferson
Titolo originale Convoy
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1978
Durata 106 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere azione, drammatico
Regia Sam Peckinpah
Soggetto C. W. McCall (canzone), Bill L. Norton
Sceneggiatura Bill L. Norton
Produttore Robert M. Sherman
Produttore esecutivo Barry Spikings, Michael Deeley
Casa di produzione EMI Films
Distribuzione (Italia) United Artists
Fotografia Harry Stradling Jr.
Montaggio Garth Craven, John Wright
Effetti speciali Candy Flanagin
Musiche Chip Davis
Scenografia Fernando Carrere
Trucco James Lee McCoy
Interpreti e personaggi
Premi
  • 'Golden Screen' al "miglior film" nel 1980
« Ti stanno ancora seguendo!
No. Sono solo dietro di me »
("Anatra di gomma" e Melissa)

Convoy - Trincea d'asfalto (Convoy) è un film del 1978 diretto da Sam Peckinpah, con Kris Kristofferson e Ali MacGraw.

Il film, che negli anni si è ritagliato la fama di cult movie, è stato scritto prendendo spunto dal testo della canzone country Convoy di C. W. McCall. È una sorta di "esperimento" del regista (la cui fama è dovuta principalmente a film western). Può infatti essere considerato un western trasposto ai giorni nostri, sia per l'ambientazione (paesaggi desertici nel sud degli Stati Uniti) che per i rapporti fra i personaggi della storia (i "briganti" e lo sceriffo, con camion e automobili al posto dei cavalli).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia vede come protagonista Martin "Anatra di gomma" (Rubber Duck in lingua originale) Penwald, camionista solitario e affascinante, con i suoi amici "Maialotto" (Pig Pen) e Spider Mike. I tre si imbattono nel perfido sceriffo Lyle "Papà Orso" Wallace, che li multa con una disonesta imboscata. Per vendicarsi, i camionisti fanno scoppiare una rissa in un bar con quest'ultimo, coinvolgendo molti altri clienti e distruggendo completamente l'arredamento del locale. A questo punto, ricercati da tutta la polizia dello Stato, seguono Anatra nella sua fuga dall'Arizona. Durante il tragitto si uniscono molti altri camionisti, creando un intero convoglio lungo chilometri che non si ferma mai e attraversa vari stati diretto in Messico, fra l'incredulità dell'opinione pubblica che non si spiega i motivi di quella che è mano a mano diventata una vera e propria protesta sociale. A fare da sfondo all'avventura, la storia d'amore fra Anatra e Melissa, e le perfide ambizioni politiche del senatore Hamilton, convinto di poter utilizzare la fama mediatica del convoglio per ottenere voti.

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «Kristofferson and MacGraw...ain't nothin' gonna get in their way!»
    «Kristofferson e MacGraw: e niente si metterà tra loro!».

Collegamenti ad altre pellicole[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il camion di Anatra di gomma nella canzone di origine era un Kenworth, mentre nel film venne usato un Mack "RS786LST" a cabina arretrata. Anzi, nelle riprese furono utilizzati ben 5 esemplari identici. Il camion di Maialotto era un "Jimmy" (GMC) nella canzone; l'esemplare scelto per il film fu invece un Mack "Cruiseliner WS700L" cabover (a cabina avanzata), che venne affiancato per le riprese da un Kenworth camuffato per somigliare al Mack. Nella realtà il camion di Maialotto era allestito davvero come si presenta nel film, cioè con gli interni in pelle viola e tutta una serie di rifiniture lussuose. Dopo le riprese, uno dei Mack usati nel film è stato venduto ad una azienda di autotrasporti di Albuquerque, che lo usò finché non finì completamente distrutto in un incidente nel 1988.
  • Peckinpah compare in un cameo come tecnico del suono nella scena delle interviste fatte al volo ad alcuni componenti del convoglio (compreso Martin) raccolte da Arnoldi. Lo si riconosce dall'immancabile bandana sulla fronte.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema