Carpa koi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Koi
Six koi.jpg
Carpe koi in un laghetto
Stato di conservazione
Status iucn2.3 LC it.svg
Basso rischio (lc)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Ostariophysi
Ordine Cypriniformes
Sottordine Cyprinoidea
Famiglia Cyprinidae
Sottofamiglia Cyprininae
Genere Cyprinus
Specie Cyprinus carpio
Sottospecie Koi

La carpa koi (鲤) più specificamente nishikigoi (锦鲤, pron. Niscichigoi, Letteralmente "carpa broccata") o carpa giapponese, è la varietà ornamentale addomesticata della carpa comune (Cyprinus carpio). Sono allevate per scopi decorativi in stagni all'aperto e laghetti da giardino. I colori più comuni comprendono il bianco, il nero, il rosso, il giallo, il blu e il color crema.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le koi sono state sviluppate dalla carpa comune nell'antica Cina durante la Dinastia Jin. Le prime notizie di queste carpe (conosciute col nome generico di koi) si hanno a partire dal V secolo a.C. quando le troviamo utilizzate nell'acquacoltura.[1] La carpa giunse poi anche in Europa grazie ai traffici dell'Impero Romano che la diffuse per la prima volta anche nelle abitazioni e nei giardini privati che disponevano di laghetti e fontane.[1] La carpa comune è stata introdotta in Giappone attraverso la Cina nel XV secolo e da qui si iniziò la classificazione e la produzione di carpe con colorazioni differenti. Le varie tipologie vennero riunite nel 1914 a Tokyo ove si tenne la prima di una serie di esposizioni annuali sull'argomento. A questo punto l'interesse per le koi esplose in tutto il Giappone e poi nel mondo.[2][3]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola koi deriva dal giapponese, ove significa semplicemente "carpa" e nella cultura popolare sono simbolo di amore e amicizia. Esse, soprattutto in occidente, hanno diffuso per questo significato la loro figura in molti tatuaggi.

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

Schema delle differenti varietà di koi
Koi della varietà "Showa"
Koi della varietà "Kohaku"
Koi della varietà "Asagi"

Le differenti varietà di carpe koi si distinguono per colorazione, decorazione e qualità delle scaglie. I principali colori sono bianco, nero, rosso, giallo, blu e crema. Anche se le varie combinazioni dei colori sono infinite, sono state identificate dagli studiosi delle categorie sommarie di inquadramento dei diversi pesci. La categoria più popolare è la Gosanke, che unisce la varietà Kohaku, Taisho Sanshoku e Showa Sanshoku.

Attualmente si producono anche nuove varietà di pesci. La Ghost koi si è sviluppata a partire dagli anni '80 del Novecento ed è divenuta molto popolare, soprattutto nel Regno Unito. Parallelamente vi sono anche degli ibridi di carpa selvatica e le Ogon koi, che si distinguono per la colorazione metallica delle scaglie. La Butterfly koi (conosciuta anche col nome di Longfin koi, o Dragon Carp) è stata anch'essa sviluppata negli anni '80.

Qui di seguito elenchiamo le principali varietà di carpa koi:

  • Kōhaku (紅白?) Koi dalla pelle bianca, con grandi macchie rosse sul dorso. Il nome significa appunto "rosso e bianco". Essa fu la prima varietà introdotta in giappone alla fine del XIX secolo.[4]
  • Taishō Sanshoku (o Taisho Sanke) (大正三色?) Molto simile alla Kohaku ma avente la parte del dorso macchiata di nero sumi (?). Questa varietà venne creata nel 1914 dall'allevatore Gonzo Hiroi, durante il regno dell'Imperatore Taisho. In occidente, il nome viene spesso abbreviato in "Sanke".
  • Shōwa Sanshoku (o Showa Sanke) (昭和三色?) È una carpa nera con macchie rosse (hi 赤) e bianche (shiroji 白地). La prima Showa Sanke venne creata nel 1927, durante il regno dell'Imperatore Showa. In occidente il nome viene solitamente abbreviato in "Showa".
  • Tanchō (丹頂?) È una carpa bianca con una sola macchia rossa sulla testa. Essa venne prodotta in giappone perché riprendeva la bandiera nazionale.
  • Chagoi. Letteralmente Color the è una carpa dal colore bronzo chiaro con alcune ombreggiature arancio. Famosa per la propria tranquillità, ha una personalità amichevole e raggiunge una grande stazza.
  • Asagi (浅葱?) Una carpa koi di colore azzurro nella parte superiore, mentre nella parte inferiore i colori possono essere rosso, giallo chiaro oppure crema. La parola giapponese significa letteralmente "verde acqua chiaro".
  • Utsurimono (写り者?) È una koi nera con macchie bianche, rosse o gialle. Essa è la specie più antica attestata in giappone anticamente chiamata "con macchie bianche e nere" (黒黄斑 Kuro Ki Han?) nel XIX secolo, poi rinominata Ki Utsuri (黄写り?) da Elizaburo Hoshino, allevatore di koi nel XX secolo. Le versioni rosse e bianche sono chiamate Hi Utsuri (赤写り?) e Shiro Utsuri (白写り?) rispettivamente.
  • Bekko (鼈甲?) È una koi con la pelle bianca, rossa o gialla con macchie nere sumi (?). Il nome giapponese significa "guscio di tartaruga" e si scrive anche come べっ甲. Le varietà bianca, rossa e gialla sono chiamate Shiro Bekko (?) Aka Bekko (?) e Ki Bekko (?) rispettivamente. Da non confondere con l'Utsuri.
  • Goshiki (五色?) Una koi a tonalità scure (solitamente azzurra) con macchie rosse sul dorso.
  • Shūsui (秋翠?) Il nome giapponese significa "verde autunnale". La Shusui venne creata nel 1910 da Yoshigoro Akiyama, incrociando la carpa giapponese Asagi con la carpa a specchio tedesca. Il pesce non ha scaglie ad eccezione di una singola linea dorsale che si estende dalla testa alla coda. Il tipo più comune si presenta con una colorazione base chiara con i fianchi rossi o arancio (molto raramente gialli) e la linea di scaglie blu sul dorso.
  • Kinginrin (金銀鱗?) Una koi con scaglie metalliche. Il nome significa appunto "con scaglie oro e argento" ed è solitamente abbreviato in Ginrin.
  • Kawarimono (変わり者?) È una delle specie più comuni di koi e si presenta solitamente di colore rosso o arancio con delle macchie bianche.
  • Ōgon (黄金?) Una koi metallica di un solo colore piuttosto diffusa, le cui varietà solitamente sono oro, platino o arancio. Esistono anche specie color crema ma sono molto rare. La varietà venne creata da Sawata Aoki nel 1946 da una carpa selvatica che aveva catturato nel 1921 incrociata con una koi. Solitamente questa varietà viene incrociata con la Kinginrin per metallizzare le scaglie e rendere quindi il pesce ancora più particolare.
  • Kumonryū (九紋竜?) La varietà Kumonryu è nera con macchie bianche che ricordano delle code di drago arricciate. Sono note per cambiare colore a seconda delle stagioni nel tentativo di confondersi con l'ambiente circostante.
  • Ochiba (落葉?) Una koi solitamente azzurro/grigia con macchie color rame, bronzo o giallo. La parola giapponese significa "foglie cadute" in quanto il pesce ricorda delle foglie autunnali cadute nell'acqua.
  • Koromo (挙母?) Un pesce bianco con macchie blu o nere. Tale varietà crebbe a metà del Novecento per la prima volta dall'incrocio tra una Kohaku ed una Asagi. Alcune varietà hanno delle macchie simili a grappoli d'uva di colore scuro.
  • Hikari-moyomono (光模樣者?) Una koi con macchie di diverso colore su una base metallica, oppure avente due colori metallici in contemporanea.
  • 'Kikokuryu' Versione metallica della Kumonryu.
  • 'Kin-Kikokuryu' Versione metallica della Kumonryu sviluppata da Seiki Igarashi nella città di Ojiya.
  • Ghost koi, ibrido di Ogon con scaglie metalliche.
  • Butterfly koi, ibrido di koi avente delle pinne molto sviluppate che danno al pesce un effetto fluttuante. Il colore varia a seconda delle specie incrociate.
  • Doitsu-goi (ドイツ鯉?) Originatasi dall'incrocio con carpe tedesche senza scaglie, i tipi più comuni di questa specie hanno una linea unica di scaglie dall'inizio della fronte all'inizio della coda, mentre altre specie presentano una fila di scaglie per ogni fianco per tutta la lunghezza del pesce. Una terza varietà unisce le prime due, mentre una quarta si presenta completamente coperta di scaglie grandi ed è chiamata anche "Armor koi" ovvero "koi armatura" in quanto riprende la forma di un'armatura.

Differenze con il pesce rosso[modifica | modifica wikitesto]

Le koi hanno dei barbigli prominenti sul labbro inferiori che non sono visibili sul classico pesce rosso.

I pesci rossi sono diffusi in Cina da un allevamento selettivo della carpa prussiana con variazioni di colore. Dalla dinastia Song (960 – 1279) si sono create varietà gialle, arancio, bianche e rosso-bianche, a tal punto che oggi il pesce rosso (Carassius auratus) e la Carpa prussiana (Carassius gibelio) sono considerate specie differenti. I pesci rossi vennero introdotti in Giappone nel XVI secolo ed in Europa giunsero nel XVII secolo.[5] Il pesce rosso si è quindi sviluppato parallelamente alla carpa koi sebbene abbia conservato sostanziali differenze con i pesci rossi.

In generale il pesce rosso tende a essere più piccolo di una koi ed ha una grande varietà di forme corporee e pinne differenti. Le koi hanno invece una forma del corpo precisa ma una grande varietà di colorazioni. Le koi hanno inoltre dei barbigli prominenti sul labbro inferiore. Molti pesci rossi come il pesce rosso comune o la varietà cometa o shubunkin hanno forme corporee e colorazioni simili ai koi a tal punto che sono poco distinguibili dalle koi più giovani.[6][7]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Un giardino giapponese tradizionale con carpe koi.

La carpa comune è un pesce molto resistente e anche le koi conservano questo aspetto di specie. Le koi sono pesci d'acqua calda e solitamente vivono tra i 15-25 gradi centigradi e mal sopportano l'acqua sotto lo 0.

I colori sgargianti delle koi creano a loro un profondo svantaggio verso i predatori come aironi, gatti, volpi e quant'altro.

Le koi sono pesci onnivori e solitamente la loro dieta include piselli, lattuga e anguria.[8] Dotate di una certa memoria, riescono a riconoscere le persone che le nutrono e il luogo ove solitamente ricevono il cibo a tal punto da poter essere allenate a prendere il cibo direttamente dalle mani. Il sistema digestivo delle koi diminuisce durante il periodo invernale e come tale anche la quantità di cibo ingerita in questa stagione diminuisce.

Le koi sono anche tra i pesci più longevi esistenti. Una famosa koi scarlatta chiamata "Hanako" (c. 1751 – 7 luglio 1977) visse per un totale di 226 anni prima di morire, raggiungendo di conseguenza anche dimensioni ragguardevoli.[9][10][11][12] L'età delle koi si può derivare da un'analisi di laboratorio di una scaglia del pesce e per Hanako questo studio venne fatto nel 1966. Attualmente essa è il vertebrato più longevo al mondo.[13][14]

Allevamento[modifica | modifica wikitesto]

Carpe koi in una fontana da esterno

Come la maggior parte dei pesci, le koi si riproducono attraverso la deposizione di una serie di uova da parte di una femmina e col successivo passaggio di un maschio per fertilizzarle.

In primavera le koi producono migliaia di uova per ogni singolo pesce che possono essere facilmente separate dal gruppo da parte degli allevatori di modo da scongiurare il fatto che altri pesci possano cibarsi di queste uova. La selezione viene fatta anche in base alle varietà che si vogliono produrre ed alle differenti richieste.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b History of common carp aquaculturing. URL consultato il 29 luglio 2010.
  2. ^ MPKS Ray Jordan Koi History, Ray Jordan. URL consultato il 26 aprile 2009.
  3. ^ Early Records, Netpets.org. URL consultato l'11 aprile 2009.
  4. ^ Tamadachi M, Koi varieties in The Cult of the Koi, Neptune City, New Jersey, TFH Publications, 1990, p. 191, ISBN 0-86622-085-2.
  5. ^ Background information about goldfish. URL consultato il 28 luglio 2006.
  6. ^ Aquatic-oasis articles, Aquatic-oasis. URL consultato il 26 febbraio 2009.
  7. ^ Exotic goldfish net
  8. ^ Olympic Koi, Goldfish & Water Garden Club, "About Koi Fish", 2004
  9. ^ The World's Oldest Koi
  10. ^ Hanako, Vcnet.com. URL consultato l'11 aprile 2009.
  11. ^ International Nishikigoi Promotion Center-Genealogy, Japan-nishikigoi.org. URL consultato l'11 aprile 2009.
  12. ^ Laura Barton, The Guardian (London), The Guardian, 12 aprile 2007. URL consultato l'11 aprile 2009.
  13. ^ Barton, Laura, Tarzan's Cheeta, now the oldest swinger in town in Taipei Times, 15 aprile 2007, p. 9.
  14. ^ The Story of Hanako, Koi Adventures, 25 maggio 1966.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci