Carolina Invernizio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carolina Invernizio

Carolina Invernizio (Voghera, 28 marzo 1851Cuneo, 27 novembre 1916) è stata una scrittrice italiana, fra le più popolari autrici di romanzi d'appendice tra la fine dell'Ottocento e l'inizio Novecento.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carolina Maria Margarita Invernizio[1] nacque a Voghera nel 1851, da Anna Tattoni e Ferdinando Invernizio, funzionario delle Imposte. A lungo le fonti riportarono come sua data di nascita - da lei stessa accreditata - il 1858.[2]. Nel 1865 la famiglia si trasferì a Firenze, divenuta la nuova capitale del Regno d'Italia. Qui Carolina frequentò l'Istituto Tecnico Magistrale, rischiando l'espulsione dopo la pubblicazione di un suo racconto sul giornale della scuola.

Nel 1881 sposò Marcello Quinterno, ufficiale dei bersaglieri, dal quale ebbe Marcella (1886-1971). Con il ritorno del marito nel 1896 dalla guerra di Abissinia, la scrittrice si trasferì prima a Torino e poi, nel 1914, a Cuneo, dove Carolina aprì il suo salotto di via Barbaroux a intellettuali e a personaggi della cultura, come recita la targa commemorativa posta sulla sua casa:[3]

« In questa casa Carolina Invernizio il 27 novembre 1916 chiude l'operosa esistenza fra il signorile salotto e i romanzeschi fantasmi »

Altre fonti la danno deceduta a Torino,[2] nel cui cimitero è sepolta.

Produzione letteraria[modifica | modifica sorgente]

Invernizio - autografo e ritratto.jpg
Firma e immagine di Carolina Invernizio

L'esordio letterario di Carolina Invernizio avvenne nel 1876 con la novella Un autore drammatico, pubblicata dall'editore Barbini di Milano. Nel 1877 uscì il primo romanzo, Rina o L'angelo delle Alpi, pubblicato dall'editore fiorentino Salani e nel 1879, ancora per Barbini, Pia de' Tolomei. Ne seguirono molti altri, pubblicati a puntate su giornali quotidiani come l'Opinione Nazionale di Firenze o La Gazzetta di Torino [2]. Nel 1907 si legò in esclusiva all'editore Salani, per il quale scrisse, in una carriera durata quarant'anni, 123 libri, molti dei quali col sottotitolo "romanzo storico sociale", che furono pubblicati in una collana a lei intitolata: "I Romanzi di Carolina Invernizio" [senza fonte].

Fra i suoi innumerevoli romanzi si ricorda La fidanzata del bersagliere, scritto alla vigilia della morte, nel corso della prima guerra mondiale, ispirandosi alla vicenda di Luigia Ciappi [4].

I romanzi di Carolina Invernizio, con le loro trame intricate dai colori forti e le loro improbabili - o quantomeno non sempre verosimili - storie di amore e odio, si collocano nella tradizione del romanzo d'appendice o feuilleton. Mostrano infatti tutte le tematiche consuete del genere e la tipica contrapposizione netta fra eroi positivi e personaggi diabolici. Un gusto per il mistero e l'horror è evidente nei titoli di molti suoi romanzi, come Il bacio di una morta (1889), La sepolta viva (1896), L'albergo del delitto (1905), Il cadavere accusatore (1912), e non mancano le ambientazioni che in qualche modo precorrono il genere poliziesco.

I suoi libri furono apprezzati più dal pubblico che dalla critica: Antonio Gramsci la definì "onesta gallina della letteratura popolare"[5]. Tra gli epiteti che le furono affibbiati, oltre a "la Carolina di servizio", va ricordato "la casalinga di Voghera", donde, secondo Deaglio, l'espressione oggi divenuta comune [6].

Molti dei suoi volumi sono stati tradotti con successo all'estero, specie in America Latina [7]

Le ultime edizioni complete sono quella Salani degli anni settanta che ripubblicano l'edizione degli anni trenta[8] e che a sua volta probabilmente è la ristampa della prima edizione (Inizio del secolo?) documentata dal Catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale e quella Lucchi pubblicata, e probabilmente spesso ristampata, degli anni settanta e ottanta[9]; si può anche registrare un'edizione Quartara, Torino, degli anni cinquanta[10] e l'edizione "consigliata da Alberto Lupo" pubblicata nel 1972 dall'Edizione del Gattopardo[11]

I romanzi[modifica | modifica sorgente]

Fonte: Dove non diversamente specificato, Catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale

  • Rina, o l'angelo delle Alpi, Firenze, Salani, 1877[2][12]
  • Pia de' Tolomei. Romanzo storico, Milano, Carlo Barbini, 1879[2][13]
  • Il bacio di una morta. Romanzo storico, Firenze, Salani, 1886
  • Il delitto della contessa. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1887[12]
  • L'orfana del ghetto. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1887[14]
  • Dora, la figlia dell'assassino. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1888
  • Paradiso e inferno, Firenze, Salani, 1888
  • Le vittime dell'amore. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1889
  • Satanella ovvero La mano della morta. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1889[14]
  • Le figlie della duchessa, Torino, Gazzetta di Torino, 1889[15]
  • La trovatella di Milano. Racconto storico, Milano, Carlo Barbini Editore, 1889[16]
  • Ij delit d'na bela fia (I delitti di una bella ragazza), in piemontese, a puntate ne «'l Birichin», 1889-1890[2][13]
  • Cuore di donna. Racconto storico sociale, Firenze, Salani, 18904[17]
  • I drammi dell'adulterio. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1890[15]
  • Amori maledetti, Firenze, Salani, 1892[12]
  • La bastarda, Firenze, Salani, 1892[12]
  • Catena eterna, Firenze, Salani, 1894[14]
  • I ladri dell'onore. Romanzo storico sociale, 1894[12]
  • La lotta per l'amore. Romanzo storico e sociale, Firenze, Salani, 1894
  • L'ultimo bacio. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1894
  • La vendetta d'una pazza. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1894
  • Il genio del male, Firenze, Salani, 1895
  • La maledetta. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1895[12]
  • La peccatrice. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1895
  • Birichina, Firenze, Salani, 1896[12]
  • La sepolta viva, Torino, Gazzetta di Torino, 1896
  • Mariti birbanti. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1897[12]
  • Anime di fango, Firenze, Salani, 1898[12]
  • Il delitto d'una madre, Firenze, Salani, 1898
  • Il paradiso di Fiammetta, Firenze, Salani, 1898[15]
  • Il segreto di un bandito. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1898[12]
  • La Venere torinese, Torino, Gazzetta di Torino, 1899[13]
  • La figlia della portinaia, Gazzetta di Torino, 1900
  • Nella rete, Firenze, Salani, 1900
  • Il figlio dell'anarchico, Torino, Gazzetta di Torino, 1901[12]
  • I misteri delle soffitte, Torino, Gazzetta del Popolo, 1901
  • Cuore di operaio. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1902[12]
  • I misteri delle cantine, Torino, Gazzetta di Torino, 1902
  • L'ultimo convegno, Torino, Gazzetta di Torino, 1902
  • La donna fatale. Romanzo storico sociale, Firenze, Salani, 1903[12]
  • La regina del mercato, Torino, Gazzetta di Torino, 1903[12]
  • Torino misteriosa (prima parte della trilogia Torino misteriosa), Torino, Gazzetta di Torino, 1903[13]
  • Amore che uccide, Firenze, Salani, 1904[18]
  • Amore e morte, Firenze, Salani, 1904
  • Le avvelenatrici, Torino, Gazzetta di Torino, 1904[12]
  • I disperati [seconda parte della trilogia Torino misteriosa], Torino, Gazzetta di Torino, 1904; Firenze, Salani, 1904
  • Le disoneste (terza parte della trilogia Torino misteriosa), Torino, Gazzetta di Torino, 1904; Firenze, Salani, 1904
  • Piccoli martiri, Firenze, Salani, 1904
  • L'albergo del delitto, Torino, Gazzetta di Torino, 1905
  • Raffaella, o i misteri del vecchio mercato, Firenze, Salani, 1905
  • Un assassinio in automobile, Torino, Gazzetta del Popolo, 1905[12]
  • Il treno della morte, Torino, Gazzetta di Torino, 1905
  • La Venere, Firenze, Salani, 1905[19]
  • L'impiccato delle Cascine [nell'ed. 1918: (seguito e fine al romanzo della stessa autrice, Raffaella, o I misteri del vecchio mercato)], Firenze, Salani, 1906[20]
  • Il primo amore, Firenze, Salani, 1906
  • La resurrezione di un angelo, Firenze, Salani, 1906
  • L'amante del ladro, Firenze, Salani, 1907[12]
  • Bacio ideale, Firenze, Salani, 1907
  • La felicità nel delitto, Firenze, Salani, 1907[12]
  • Odio di donna, Firenze, Salani, 1907
  • Passione mortale, Firenze, Salani, 1907[15]
  • La via del peccato, Firenze, Salani, 1908
  • Il morto di via San Sebastian, Firenze, Salani, 1909[12]
  • Nina, la poliziotta dilettante, Firenze, Salani, 1909
  • La potenza dell'amore, Firenze, Salani, 1909[12]
  • I sette capelli d'oro della fata Gusmara, Firenze, Salani, 1909
  • La collana di perle, Firenze, Salani, 1910
  • I drammi degli emigrati, Firenze, Salani, 1910
  • La fata nera, Firenze, Salani, 1910
  • La figlia del mendicante, Firenze, Salani, 1910
  • Idillio tragico, Firenze, Salani, 1910
  • Lara, l'avventuriera, Firenze, Salani, 1910
  • La morta nel baule, Firenze, Salani, 1910
  • Vendetta di operaio, Firenze, Salani, 1910
  • L'aviatore, Firenze, Salani, 1911
  • La maschera bianca, Firenze, Salani, 1911
  • La ragazza di magazzino, Firenze, Salani, 1911
  • Bottone d'oro, Firenze, Salani, 1912
  • Il cadavere accusatore, Firenze, Salani, 1912
  • Il figlio del mistero, Firenze, Salani, 1912
  • La sconosciuta, Firenze, Salani, 1912
  • Morta d'amore, Firenze, Salani, 1912[15]
  • Odio di araba, Firenze, Salani, 1912
  • Spazzacamino, Firenze, Salani, 1912
  • La villa delle fate, Firenze, Salani, 1912
  • La figlia del morto, Firenze, Salani, 1913
  • L'avventuriero, Firenze, Salani, 1914
  • Cuore di madre, Firenze, Salani, 1914
  • Cuori di bimbi, Firenze, Salani, 1915[15]
  • Il marito della morta, Firenze, Salani, 1915
  • Peccatrice moderna, Firenze, Salani, 1915[15]
  • Il trionfo dell'araba, Firenze, Salani, 1915
  • L'atroce visione, Firenze, Salani, 1915
  • La danzatrice di tango, Firenze, Salani, 1915
  • La spia, Firenze, Salani, 1915
  • La fidanzata del bersagliere, Firenze, Salani, 1916
  • L'orfana di Trieste, Firenze, Salani, 1916
  • La Madonna della neve, Firenze, Salani, 1920
  • Bacio infame[21]
  • La figlia del barbiere[22]

Adattamenti e trasposizioni cinematografiche e televisive[modifica | modifica sorgente]

Da alcuni suoi racconti furono tratti numerosi film dell'epoca del cinema muto, e più tardi, negli anni cinquanta[23]:

Nel 1975, Ugo Gregoretti ha realizzato uno sceneggiato televisivo ispirato a uno dei suoi romanzi più celebri, I ladri dell'onore, intitolato Romanzo popolare. I ladri dell'onore, con Gigi Proietti quale interprete principale [24].

Sulla figura di Carolina Invernizio, l'attore Paolo Poli ha realizzato nel 1969 un proprio spettacolo[25].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Umberto Eco et al., Carolina Invernizio, Matilde Serao, Liala, Firenze, La nuova Italia, 1979, p. 58.
  2. ^ a b c d e f G. Zaccaria, Invernizio Carolina, in «Dizionario Biografico degli Italiani», vol. 62, 2004.
  3. ^ Targa commemorativa.
  4. ^ Per amore o per bisogno. Storie di uomini per finta di Emanuela E. Abbadessa, la Repubblica, 4 ottobre 2011, p. 10, sezione Palermo, Archivio.
  5. ^ Antonio Gramsci, Letteratura e vita nazionale, Torino, Einaudi, 1950
  6. ^ Enrico Deaglio Patria 1978-2008, 258, Milano, il Saggiatore, 2009
  7. ^ Lina Aresu Chi legge l'Invernizio?, in Messaggero Sardo 26 novembre 2011.
  8. ^ Il catalogo di La peccatrice, Salani, 1937 coincide con quello di La danzatrice di tango, Salani, 1977 e sostanzialmente anche con i testi presenti nel Catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale
  9. ^ Ho consultato il catalogo del terzo volume di Satanella, Lucchi, 1988
  10. ^ La mia copia di La Madonna della neve, stampata il 30 settembre 1954 riporta come pubblicati: Il bacio di una morta, La vendetta d'una pazza, La sepolta viva, Cuore di madre, I disperati, L'albergo del delitto," La figlia della portinaia, Il cadavere accusatore, I drammi degli emigrati, Il delitto della contessa, La figlia del mendicante e, in preparazione, La peccatrice
  11. ^ La lotta per l'amore, Bacio infame, Morir d'amore, La figlia del barbiere, La trovatella di Milano, Amore ritorna, Nella rete, Il primo amore
  12. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t In due volumi nell'edizione Lucchi
  13. ^ a b c d Assente sia nel catalogo Salani sia in quello Lucchi
  14. ^ a b c In tre volumi nell'edizione Lucchi
  15. ^ a b c d e f g Assente nel catalogo Lucchi
  16. ^ Assente nel catalogo Salani ma presente in quello Lucchi
  17. ^ Assente nel catalogo Lucchi dove però compare un Calvario di una donna
  18. ^ Assente nel catalogo Lucchi dove però compare un Amore ritorna
  19. ^ Probabilmente ristampa di La Venere torinese
  20. ^ L'edizione Lucchi lo divide in tre romanzi: L'incognita della fortezza,La rivincita del Barone Vamba e L'impiccato delle Cascine
  21. ^ Presente sia nel catalogo Salani che in quello Lucchi
  22. ^ Presente solo nel catalogo Lucchi
  23. ^ (EN) Carolina Invernizio in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  24. ^ U.Bz. (Ugo Buzzolan), Onore, delitti e pazzia di Carolina Invernizio: "I ladri dell'onore" per il ciclo di Gregoretti sul romanzo popolare, su La Stampa, n. 281 del 5 dicembre 1975, p. 7
  25. ^ Ida Omboni, Paolo Poli, Carolina Invernizio!, Milano, Milano libri, 1970

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonia Arslan, Dame, droga e galline: romanzo popolare e romanzo di consumo fra 800 e 900, Padova, Cleup, 1977
  • Angela Bianchini, Il romanzo d'appendice, Torino, ERI, 1969
  • Angela Bianchini, La luce a gas e il feuilleton: due invenzioni dell'Ottocento, Napoli, Liguori, 1988
  • Vittorio Brunori, La grande impostura: indagine sul romanzo popolare; introduzione di Giorgio Luti, Venezia, Marsilio, 1978
  • Andrea Cantelmo, Carolina Invernizio e il romanzo d'appendice, Firenze, Atheneum, 1992
  • Guido Davico Bonino (a cura di), Carolina Invernizio: il romanzo d'appendice. Atti del convegno "Omaggio a Carolina Invernizio", Cuneo 25-26 febbraio 1983. Torino, Gruppo editoriale Forma, 1983
  • Umberto Eco, Marina Federzoni, Isabella Pezzini e Maria Pia Pozzato: Carolina Invernizio, Matilde Serao, Liala, Firenze, La nuova Italia, 1979
  • Umberto Eco, Superuomo di massa: studi sul romanzo popolare, Milano, Cooperativa Scrittori, 1976
  • Umberto Eco e Cesare Sughi (a cura di), Cent'anni dopo: il ritorno dell'intreccio, Milano, Bompiani, 1971
  • Massimo Giandebiaggi, Bibliografia ed iconografia del romanzo popolare illustrato in Italia: 1840-1899, Viterbo, Agnesotti, 1987
  • Riccardo Reim (a cura di), L'angelo e la sirena: il doppio ruolo della donna nel romanzo d'appendice italiano, Roma, Armando, 1998
  • Riccardo Reim (a cura di), Carolina dei misteri. Omaggio a Carolina Invernizio, Siracusa, Associazione Culturale Babele, 2001
  • Riccardo Reim (a cura di), Il cuore oscuro dell'Ottocento, Roma, Avagliano, 2008
  • Massimo Romano, Mitologia romantica e letteratura popolare: struttura e sociologia del romanzo d'appendice; in appendice: Per una storia del feuilletton dialettale in Piemonte, Ravenna, Longo, 1977
  • Giuseppe Zaccaria, «Invernizio, Carolina», in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 62, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2004 (on-line)
  • Giuseppe Zaccaria (a cura di), Il romanzo d'appendice: aspetti della narrativa "popolare" nei secoli XIX e XX, Torino, Paravia, 1977
  • Giuseppe Zaccaria, La fabbrica del romanzo: (1861-1914), Genève-Paris, Slatkine, 1984

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 90127951 SBN: IT\ICCU\CFIV\026112