Brandon Flowers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Brandon Flowers (disambigua).
Brandon Flowers
Brandon Flowers nel 2010
Brandon Flowers nel 2010
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock
Indie rock
Post-punk revival
Synth pop
New wave
Rock elettronico
Periodo di attività 2001 – in attività
Strumento Voce, tastiere, sintetizzatore, piano, basso
Etichetta Island (USA), Vertigo (UK)
Album pubblicati 2
Studio 2
Sito web

Brandon Richard Flowers (Las Vegas, 21 giugno 1981) è un cantante e musicista statunitense, frontman del gruppo rock statunitense The Killers.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In giovane età, grazie al fratello, inizia ad interessarsi alla musica vedendo i video degli Smiths e il film documentario degli U2 Rattle and Hum e conoscendo band come i Cars, i Beatles, Morrissey, e i Cure.

Pur vivendo negli Stati Uniti, musicalmente Brandon Flowers si identifica come estimatore e figlio delle band New Order, The Smiths, e Pet Shop Boys.

Lasciato il college, lavora come facchino al Gold Coast Hotel and Casino di Las Vegas. Nel 2001 viene espulso dalla sua prima band, i Blush Response, per il rifiuto di trasferirsi con loro a Los Angeles, in California.

La formazione dei The Killers (2002-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Rispose a un annuncio pubblicato da Dave Keuning su una rivista. Dopo l'avvicendamento di molti bassisti e batteristi, a Flowers e Keuning si unirono il bassista Mark Stoermer e il batterista Ronnie Vannucci e insieme divennero i The Killers nell'agosto 2002.

Il 2 agosto del 2005 si sposa con Tana Munblowsky col rito della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Dal matrimonio nascono tre figli: Ammon Richard (14 luglio 2007), Gunner (28 luglio 2009) ed Henry Brandon (8 marzo 2011)

Flamingo (2010-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Anticipato dal singolo Crossfire, il 6 settembre 2010 viene pubblicato il primo album solista di Flowers dal titolo Flamingo, che vede la partecipazione dell'attrice Charlize Theron. Successivamente esce un'altra canzone, estratta dal medesimo album, intitolata Only The Young. L'album, sebbene non abbia riscosso un notevole successo, è comunque riuscito a raggiungere la prima posizione in Inghilterra ed in Irlanda. Questo momentaneo periodo da solista è seguito dalla reunion dei Killers nel 2011, che pubblicano Battle Born l'anno successivo.

The Desired Effect (2015-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014, dopo aver concluso con i The Killers un breve tour di promozione del loro primo greatest hits, Direct Hits, comincia a comporre il suo secondo album dal solista. Quest'ultimo, The Desired Effect, uscirà il 18 maggio 2015. Stando all'intervista che il cantante ha rilasciato a NME, l'album è stato prodotto da Ariel Rechtshaid, e «sarà assolutamente diverso dal precedente». Il primo singolo estratto dall'album sarà Can't Deny My Love. Tale singolo è stato anticipato da vari teaser, pubblicati sul suo sito, in cui figura l'artista che vaga per posti desolati ed oscuri. Come detto da lui stesso, il video del singolo dovrebbe ispirarsi a "Young Goodman Brown", un romanzo breve scritto da Nathaniel Hawthorne.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i The Killers[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ha citato tra le sue maggiori influenze The Cars, The Smiths, Morrissey, New Order, The Beatles, David Bowie, U2, Oasis, Pet Shop Boys, Bruce Springsteen, The Cure, Dire Straits e Queen.
  • Ha vinto gli NME magazine awards nel 2005 come "Meglio vestito".
  • Il primo disco che comprò fu Discography dei Pet Shop Boys[1], di cui è fan.
  • Secondo il Las Vegas Review-Journal, i suoi genitori hanno sempre appoggiato la sua decisione di diventare un cantante rock, e spesso sono stati l'unico pubblico nelle prime performance dei The Killers agli esordi della band.
  • I The Cars hanno avuto una grande influenza su di lui dopo aver ascoltato un vecchio album che apparteneva al fratello maggiore.
  • La sua canzone preferita dell'album Hot Fuss è "Jenny Was a Friend of Mine".
  • Il suo autore di musica classica preferito è il compositore Bach.
  • Nei concerti suona il basso per la canzone "For Reasons Unknown".
  • "Uncle Johnny" racconta la vera storia dello zio di Brandon, che combatte e sconfigge la dipendenza alla cocaina.
  • Ha scritto la canzone 'My List' per la moglie, Tana.
  • Ha dichiarato che le sue canzoni preferite in assoluto dei Killers sono ''When You Were Young'' e ''Battle Born''.
  • Nel 2012 è stato eletto, dopo un sondaggio indetto dalla radio inglese Xfm London, sesto più grande front-man di tutti i tempi.[2]
  • Nel 2014, secondo un sondaggio promosso dalla radio inglese 104.5, è risultato vincitore come "miglior frontman degli ultimi venti anni", seguito da Jared Leto.
  • Lo stesso anno l'artista ha scritto il testo della canzone The Days di Avicii.
  • Il cantante ha vinto vari premi, tra cui il Q Idol Award.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brandon Flowers presents Pet Shop Boys
  2. ^ 6 Brandon-Flowers

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN80183865 · ISNI: (EN0000 0001 1494 115X · GND: (DE135438225 · BNF: (FRcb162514074 (data)