Brandon Flowers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Brandon Flowers (disambigua).
Brandon Flowers
Brandon Flowers nel 2010
Brandon Flowers nel 2010
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock
Indie rock
Post-punk revival
Synth pop
New wave
Rock elettronico
Periodo di attività 2001 – in attività
Strumento Voce, tastiere, sintetizzatore, piano, basso
Album pubblicati 4 + 1 solista
Studio 4
Live 0

Brandon Richard Flowers (Las Vegas, 21 giugno 1981) è un cantante e musicista statunitense, frontman del gruppo rock statunitense The Killers.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In giovane età, grazie al fratello, inizia ad interessarsi alla musica vedendo i video degli Smiths e il film documentario degli U2 Rattle and Hum e conoscendo band come i Cars, i Beatles, Morrissey, e i Cure.

Pur vivendo negli Stati Uniti, musicalmente Brandon Flowers si identifica come estimatore e figlio delle band New Order, The Smiths, e Pet Shop Boys.

Lasciato il college, lavora come facchino al Gold Coast Hotel and Casino di Las Vegas. Nel 2001 viene espulso dalla sua prima band, i Blush Response, per il rifiuto di trasferirsi con loro a Los Angeles, in California.

Rispose a un annuncio pubblicato da Dave Keuning su una rivista. Dopo l'avvicendamento di molti bassisti e batteristi, a Flowers e Keuning si unirono il bassista Mark Stoermer e il batterista Ronnie Vannucci e insieme divennero i The Killers nell'agosto 2002.

Il 2 agosto del 2005 si sposa con Tana Munblowsky col rito della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (mormoni). Dal matrimonio nascono tre figli: Ammon Richard (14 luglio 2007), Gunner (28 luglio 2009) ed Henry Brandon (8 marzo 2011)

Anticipato dal singolo Crossfire, il 6 settembre 2010 viene pubblicato il primo album solista di Flowers dal titolo Flamingo, che vede la partecipazione dell'attrice Charlize Theron.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

The Killers[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ha citato tra le sue maggiori influenze The Cars, The Smiths, Morrissey, New Order, The Beatles, David Bowie, U2, Oasis, Pet Shop Boys, Bruce Springsteen, The Cure, Dire Straits e Queen.
  • Ha vinto gli NME magazine awards nel 2005 come "Meglio vestito".
  • Il primo disco che comprò fu Discography dei Pet Shop Boys[1], di cui è fan.
  • Secondo il Las Vegas Review-Journal, i suoi genitori hanno sempre appoggiato la sua decisione di diventare un cantante rock, e spesso sono stati l'unico pubblico nelle prime performance dei The Killers agli esordi della band.
  • I The Cars hanno avuto una grande influenza su di lui dopo aver ascoltato un vecchio album che apparteneva al fratello maggiore.
  • La sua canzone preferita dell'album Hot Fuss è "Jenny Was a Friend of Mine".
  • Il suo autore di musica classica preferito è il compositore Bach.
  • Nei concerti suona il basso per la canzone "For Reasons Unknown".
  • "Uncle Johnny" racconta la vera storia dello zio di Brandon, che combatte e sconfigge la dipendenza alla cocaina.
  • Ha scritto la canzone 'My List' per la moglie, Tana.
  • Ha dichiarato che le sue canzoni preferite in assoluto dei Killers sono ''When You Were Young'' e ''Battle Born''.
  • Nel 2012 è stato eletto, dopo un sondaggio indetto dalla radio inglese Xfm London, sesto più grande front-man di tutti i tempi.[2]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brandon Flowers presents Pet Shop Boys
  2. ^ 6 Brandon-Flowers

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 80183865