Flamingo (Brandon Flowers)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flamingo
Artista Brandon Flowers
Tipo album Studio
Pubblicazione 3 settembre 2010
(vedi pubblicazione)
Durata 40 min : 56 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere[1] Alternative rock
Pop rock
New wave
Etichetta Island Records Vertigo
Produttore Stuart Price, Daniel Lanois, Brendan O'Brien, Brandon Flowers
Registrazione Battle Born Studios (Las Vegas)
Henson Recording Studios (Hollywood)
Certificazioni
Dischi d'oro Irlanda Irlanda[2]
(Vendite: 7.500+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(Vendite: 100.000)

Flamingo è l'album di debutto del cantante americano Brandon Flowers, già noto come frontman dei The Killers. L'album, pubblicato il 3 settembre 2010 in Australia e nei giorni seguenti anche nel resto del mondo, è stato preceduto dal singolo Crossfire, disponibile sul sito del cantante già dal mese di giugno del 2010[4] e pubblicato in Regno Unito il 23 agosto 2010.[5]

Il disco è stato registrato nei Battle Born Studios di Las Vegas (Nevada)[5] e negli Henson Recording Studios di Hollywood, in California.[6]

Registrazione e anticipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le voci circa un possibile album da solista di Brandon Flowers iniziarono a circolare a dicembre del 2009, ma furono inizialmente smentite dai rappresentanti della band e dal cantante stesso.[7] Nel gennaio del 2010, la band annunciò la propria intenzione di concedersi un periodo di riposo dopo le tappe australiane e asiatiche del loro tour mondiale, sottolineando di sentire il bisogno di un po' di tempo per staccare la spina.

Tuttavia una serie di date del tour furono cancellate, a causa della morte per cancro al cervello della madre di Flowers, avvenuta l'11 febbraio 2010.[8] Dopo un misterioso conto alla rovescia apparso sul sito ufficiale dei The Killers, Flowers ha confermato il 29 aprile 2010 che avrebbe rilasciato un album da solista intitolato Flamingo.[9]

In un'intervista alla rivista NME nel maggio 2010, Flowers ha dichiarato che l'album è stato prodotto da Stuart Price, Daniel Lanois e Brendan O'Brien e ha anticipato che avrebbe duettato in Hard Enough, con Jenny Lewis, frontlady dei Rilo Kiley. Durante il fine settimana del 12 giugno 2010, il brano Crossfire , è stato pubblicato sul sito del cantante. Il 14 giugno la canzone è stata premiata in Gran Bretagna nel corso della trasmissione Zane Lowe Show, in onda su BBC Radio 1.[10] Nell'occasione il cantante ha dichiarato che il processo di registrazione dell'album, pur essendo stato divertente, è stato talvolta solitario e che, nonostante la presenza dei tre produttori, ha sentito la mancanza della fratellanza con gli altri membri del gruppo.[10]

Flowers ha rassicurato i fans della band dicendo che la pubblicazione di un lavoro da solista non comporterà la fine dei The Killers. Queste sono le parole da lui pronunciate: «Il fatto che io pubblichi un disco come solista non farà altro che renderci più forti. Voglio che il prossimo album dei Killers sia una meravigliosa collaborazione tra quattro persone pronte a realizzare il miglior disco che riusciranno a fare».[11]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo del disco deriva da due attrattive che si trovano nella città natale di Brandon, Las Vegas, e in particolare in una zona della città nella quale il cantautore ha trascorso gran parte della sua gioventù. I due luoghi in questione sono il Flamingo Casino e la Flamingo Road, ovvero la strada del Casino Sam's Town, al quale si fa riferimento anche nel titolo del secondo album dei The Killers.[12]

Come suggerito dal titolo, l'album è ispirato e dedicato a Las Vegas.[13][14] In particolare, alla nota capitale del divertimento è dedicato il brano di apertura del disco, Welcome to Fabulous Las Vegas.[15] Nella canzone, che descrive la città mettendo in luce i contrasti tra la reale decadenza che vi si consuma e la sua esteriorità, fatta di luci e sfarzi,[16] si fa riferimento all'insegna che accoglie i viaggiatori che fanno ingresso nell'agglomerato urbano. A tal proposito, Flowers ha dichiarato: «le persone dovrebbero schivare le auto per poter scattare una fotografia in quel posto, così la città si è finalmente decisa a costruire un parcheggio accanto all'insegna. Rappresenta la combinazione dell'essere felici mentre si spendono tutti i propri soldi». Al riguardo di Las Vegas, Flowers ha poi aggiunto: «Certamente non è una città perfetta, e per questo era il luogo ideale da attraversare».[15]

Flamingo contiene però anche dei brani d'amore. Ad esempio, la canzone Hard Enough, cantata in duetto con Jenny Lewis, parla di quanto sia difficile per Brandon Flowers sopportare l'assenza della moglie Tana, spesso distante a causa degli impegni di lavoro del cantante.[17]

Un'altra tematica ricorrente è quella legata alla fede di Flowers, che si è da sempre dichiarato un mormone osservante.[14] Nel brano Playing with Fire Flowers, come da lui stesso confermato, parla del viaggio compiuto da adolescente: «I miei genitori mi lasciarono andare fuori casa quando avevo 15 anni per trasferirmi a Las Vegas e trovare quello che stavo cercando, qualunque cosa fosse. E in quel periodo non andai in chiesa. Ma non credo che una persona perda il diritto di avere una qualsiasi guida o aiuto da Dio solo perché non va in chiesa».[18] La canzone Magdalena è stata ispirata da un documentario sul pellegrinaggio che si svolge annualmente il 4 ottobre e che vede i fedeli percorrere le circa 60 miglia che separano Nogales e Magdalena, in Messico.[19] Inoltre, il testo di On the Floor è incentrato sull'atto della preghiera.[20]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione standard del disco è costituita da 10 tracce.[21][22] Dell'album è disponibile anche una Deluxe edition, contenente altri 4 brani.[23] Per coloro che prenotano l'album su iTunes in Giappone è inoltre scaricabile una seconda versione di On the Floor, già inclusa nell'edizione standard del disco.

Tracce contenute nella Standard Edition
  1. Welcome to Fabulous Las Vegas – 4:48 (Brandon Flowers) – Produttori: Brendan O'Brien
  2. Only the Young – 4:19 (Brandon Flowers) – Produttori: Stuart Price
  3. Hard Enough – 4:05 (Flowers, Lewis, Lanois, Benji Lysaght) – featuring Jenny Lewis — Produttori: Stuart Price, Daniel Lanois, Brandon Flowers
  4. Jilted Lovers & Broken Hearts – 4:40 (B. Flowers, D. Lanois, S. Price) – Produttori: Stuart Price, Daniel Lanois, Brandon Flowers
  5. Playing with Fire – 5:48 (Brandon Flowers, Daniel Lanois) – Produttori: Stuart Price, Daniel Lanois, Brandon Flowers
  6. Was It Something I Said? – 3:19 (S. Price, D. Lanois, B. Flowers) – Produttori: Stuart Price, Daniel Lanois, Brandon Flowers
  7. Magdalena – 3:19 (Brendon Flowers) – Produttori: Brendan O'Brien
  8. Crossfire – 4:18 (Brandon Flowers) – Produttori: Brendan O'Brien
  9. On the Floor – 3:23 (Brandon Flowers) – Produttori: Stuart Price, Daniel Lanois, Brandon Flowers
  10. Swallow It – 2:57 (Brandon Flowers) – Produttori: Stuart Price, Brandon Flowers

Durata totale: 40:56

Tracce aggiuntive contenute nella Deluxe Edition
  1. The Clock Was Tickin' – 4:49 (Brandon Flowers) – Produttori: Stuart Price, Brandon Flowers
  2. Jacksonville – 4:01 (Brandon Flowers) – Produttori: Stuart Price, Brandon Flowers
  3. I Came Here to Get Over You – 2:21 (Brandon Flowers) – Produttori: Stuart Price, Brandon Flowers
  4. Right Behind You – 3:53 (Brandon Flowers, Stuart Price) – Produttori: Stuart Price, Brandon Flowers

Durata totale: 15:04

Bonus track per chi acquista l'album su iTunes in pre-ordine dal Giappone
  1. On the Floor 2.0 – 3:12 (Brandon Flowers) – Produttori: Brandon Flowers

Reazioni della critica[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
The Guardian[24] 3/5 stelle
All Music Guide[25] 3/5 stelle
Spin[26] 5/10 stelle
MusicOMH[27] 3.5/5 stelle
Entertainment Weekly[28] B
A.V. Club[29] C+
Rolling Stone[30] 3/5 stelle
Sputnik Music[31] 3/5 stelle
Filter Magazine[32] 67%
NME[33] 5/10 stelle

In base alle recensioni raccolte da Metacritic, la reazione della critica a Flamingo è stata mediamente mista, con una valutazione media di 59 punti su 100.[34] Secondo Music Radar «si tratta della vertigine di un debutto». Music radar ha inoltre definito l'album una «vertiginosa raccolta di canzoni musicalmente audaci» ed ha affermato che Flowers non avrebbe potuto registrare con i The Killers un album come questo, perché troppo personale, confessionale e immediato.[35]

Per MusicOMH l'album è «una produzione interessante che si estende attraverso ballate a lenta combustione come Crossfire e melodie pop come Was It Something I Said?»; inoltre, MusicOMH sottolinea che l'esordio da solista ha permesso a Flowers di portare agli estremi il suo marchio di synthpop, senza doversi preoccupare della sensibilità indie-rock.[27]

The Independent ha sottolineato che il tema dominante dell'album è «la nostalgia di vecchie certezze nei confronti di un mondo rapace e senza scrupoli» e ha citato la «qualità epica» dei produttori Daniel Lanois e Brendan O'Brien e la «polvere di fata elettronica» del produttore Stuart Price.[36]

The Guardian ha ritenuto che a tratti Flamingo ha «la stessa emozione di un turista che scrive una cartolina», ma si è comunque complimentato per i suoi «enormi cori» e per gli «abili schizzi di carattere del giovane Springsteen» definendo Flowers «sporadicamente simpatico, se non proprio amabile».[24] Secondo The Scotsman il cantautore in questo album «si è distinto dagli inni raglianti della propria band indie-rock». Il giornatlista del quotidiano si è inoltre complimentato per la produzione del disco, ma ha anche affermato che a tratti ricorda i momenti più noiosi degli U2.[37]

Drowned in Sound ha affermato che il disco «potrebbe essere contemporaneamente il più sperimentale e moderato sforzo di Flowers» e ha concluso definendolo «un pasticcio di tanto in tanto interessante, a volte involontariamente esilarante, un concept album simile come gusto alla città che lo ha ispirato».[38] BBC Music ha dato all'album una recensione mista, affermando che «c'è una leggera sensazione di moderazione in tutto l'album» e criticando Flowers per essere stato «un po' sovra-eccitato con la sua Bibbia», che «insieme con la proliferazione di metafore sul gioco d'azzardo, si traduce in immagini di grave fatica».[39]

Spin ha ritenuto che Flowers abbia «erroneamente manipolato il melodramma» e che «i verbosi, consapevolmente mitici testi accartocciano le melodie».[26] NME ha scritto che Flamingo «sembra un album sulla carta» e che «ci sono un sacco di idee teoricamente grandi, audaci, stupide, ma che quando sono effettivamente registrate, piuttosto che suonare ridicole, semplicemente suonano come una zuppa di piselli insipidi».[33] The Observer ha notato che l'album «scivola indietro nello stile Great American Wannabe di Sam's Town» e che Flowers «può ancora dare buoni cori, ma questo non basta a mascherare la sua pervasiva aria di auto-importanza conservativa».[40]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  1. Crossfire (pubblicato il 21 giugno 2010 negli USA e in Canada tramite iTunes, pubblicato in Regno Unito il 23 agosto 2010)
  2. Only the Young (pubblicato il 12 ottobre 2010 negli USA)

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Paese Data
Australia 3 settembre 2010
Germania
Irlanda
Regno Unito 6 settembre 2010
Italia[22] 7 settembre 2010
Stati Uniti d'America 14 settembre 2010
Canada
Sud America 21 settembre 2010
Francia 27 settembre 2010

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Posizioni massime[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010) Posizione
massima
Australia[41] 5
Austria[42] 21
Belgio - Fiandre[43] 24
Belgio - Vallonia[44] 29
Canada[45] 9
Danimarca[46] 26
Francia[47] 78
Germania[48] 8
Grecia[49] 3
Irlanda[50] 3
Italia[51] 42
Messico[52] 16
Norvegia[53] 12
Nuova Zelanda[54] 6
Paesi Bassi[55] 4
Regno Unito[56] 1
Spagna[57] 7
Svezia[58] 25
Svizzera[59] 13
Stati Uniti d'America[60] 8

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Anno Paese Posizione
2010 Europa[61] 86

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scheda del disco "Flamingo", All Music Guide. URL consultato il 07/09/2010.
  2. ^ (EN) 2010 Certification Awards - Gold, www.irishcharts.ie. URL consultato il 3 giugno 2011.
  3. ^ (EN) Certified Awards Search, British Phonographic Industry. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  4. ^ Ascolta il primo singolo del cantante dei Killers, www.rockol.it, 18 giugno 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  5. ^ a b Brandon Flowers (Killers), nuovo album: 'Flamingo' nei negozi a metà settembre, www.rockol.it, 24 giugno 2010.
  6. ^ (EN) Brandon Flowers Reveals “Flamingo” Artwork, www.popinstereo.com, 12 luglio 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  7. ^ Il cantante Brandon Flowers esce dai Killers? Ma le voci durano poco, www.rockol.it, 6 dicembre 2009. URL consultato il 07/09/2010.
  8. ^ Brandon Flowers in lutto, cancellato tutto il tour dei Killers, www.rockol.it, 18 febbraio 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  9. ^ Killers fermi, il cantante Brandon Flowers diventa solista, 30 aprile 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  10. ^ a b (EN) Robin Murray, The Killers singer talk solo album, Clash Magazine, 15 giugno 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  11. ^ Il cantante dei Killers solista: 'Nessun problema per la band', www.rockol.it, 14 maggio 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  12. ^ (EN) Austin Scaggs, The Killers' Brandon Flowers: Why I'm Going Solo, Rolling Stone, 25 giugno 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  13. ^ Marco Bellagamba, Brandon Flowers in testa alle classifiche, delrock.it, 15 settembre 2010. URL consultato il 18-09-2010.
  14. ^ a b Giuseppe Videtti, Il Rock mormone, la Repubblica, 24 settembre 2010. URL consultato il 18-09-2010.
  15. ^ a b (EN) Welcome to Fabulous Las Vegas by Brandon Flowers Songfacts, www.songfacts.com. URL consultato il 18-09-2010.
  16. ^ Antonietta Frezza, Recensioni - Brandon Flowers Flamingo, Extra! Music Magazine, 16 settembre 2010. URL consultato il 18-09-2010.
  17. ^ (EN) Hard Enough by Brandon Flowers Songfacts, www.songfacts.com. URL consultato il 18-09-2010.
  18. ^ (EN) Playing with Fire by Brandon Flowers Songfacts, www.songfacts.com. URL consultato il 18-09-2010.
  19. ^ (EN) Magdalena by Brandon Flowers Songfacts, www.songfacts.com. URL consultato il 18-09-2010.
  20. ^ (EN) On the Floor by Brandon Flowers Songfacts, www.songfacts.com. URL consultato il 18-09-2010.
  21. ^ Scheda del disco, www.ibs.it. URL consultato il 07/09/2010.
  22. ^ a b Brandon Flowers (Killers) presenta l'album solista, www.rockol.it, 17 agosto 2010. URL consultato il 07/09/2010.
  23. ^ (EN) Flamingo - Deluxe Edition, All Music Guide. URL consultato il 07/09/2010.
  24. ^ a b (EN) Caroline Sullivan, Brandon Flowers - Flamingo. CD Review, The Guardian, 2 settembre 2010. URL consultato il 15-09-2010.
  25. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, Flamingo - Brandon Flowers Review, All Music Guide. URL consultato il 15-09-2010.
  26. ^ a b Barry Walters, Brandon Flowers, 'Flamingo' (Island), Spin. URL consultato il 15-09-2010.
  27. ^ a b (EN) Justin de la Cruz, Brandon Flowers - Flamingo, www.muicomh.com. URL consultato il 15-09-2010.
  28. ^ (EN) Leah Greenblatt, Music Review. Flamingo (2010) - Brandon Flowers, Entertainment Weekly, 8 settembre 2010. URL consultato il 15-09-2010.
  29. ^ (EN) Marc Hawthorne, Flamingo, www.avclub.com, 14 settembre 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  30. ^ (EN) Jody Rosen, Brandon Flowers. Flamingo, Rolling Stone, 14 settembre 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  31. ^ (EN) Davey Boy, Brandon Flowrs Flamingo, www.sputnikmusic.com, 7 settembre 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  32. ^ (EN) Lauren Harris, Brandon Flowers Flamingo - Island, Filter Magazine, 2 settembre 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  33. ^ a b (EN) Hamish MacBain, Album review: Brandon Flowers - Flamingo (Vertigo), NME, 6 settembre 2010.
  34. ^ (EN) Flamingo - Brandon Flowers, www.metacritic.com. URL consultato il 5 gennaio 2010.
  35. ^ (EN) Joe Bosso, Brandon Flowers: Flamingo review track-by-track, 1 settembre 2010. URL consultato il 15-09-2010.
  36. ^ (EN) Simon Price, Album: Brandon Flowers, Flamingo (Vertigo / Mercury), 5 settembre 2010. URL consultato il 15-09-2010.
  37. ^ (EN) Fiona Shepherd, Album review: Brandon Flowers: Flamingo, The Scotsman, 24 agosto 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  38. ^ (EN) Neil Ashman, Brandon Flowers. Flamingo, Drowned in Sound, 6 settembre 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  39. ^ (EN) Alix Buscovic, Brandon Flowers Flamingo Review, BBC Music, 6 settembre 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  40. ^ (EN) Hugh Montgomery, Brandon Flowers: Flamingo, The Observer, 5 settembre 2010. URL consultato il 16-09-2010.
  41. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica australiana, australian-charts.com. URL consultato il 14/09/2010.
  42. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica austriaca, austriancharts.at. URL consultato il 23-09-2010.
  43. ^ Andamento di "Flamingo" nelle classifiche del Belgio (Fiandre), www.ultratop.be. URL consultato il 18-09-2010.
  44. ^ Andamento di "Flamingo" nelle classifiche in Belgio (Vallonia), www.ultratop.be. URL consultato il 18-09-2010.
  45. ^ (EN) John Williams, Linkin Park's 'Sun' rises to No. 1, jam.canoe.ca. URL consultato il 24-09-2010.
  46. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica della Danimarca, danishcharts.com. URL consultato il 17/09/2010.
  47. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica della Francia, lescharts.com. URL consultato il 29/10/2010.
  48. ^ DEUTSCHE CHARTS - ALBEN TOP 10 17.09.2010, germancharts.com. URL consultato il 17/09/2010.
  49. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica della Grecia, greekcharts.com. URL consultato il 04/10/2010.
  50. ^ (EN) TOP 75 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 9 September 2010 (Irlanda), www.chart-track.co.uk. URL consultato il 14/09/2010.
  51. ^ Classifica settimanale dal 06/09/2010 al 12/09/2010, FIMI. URL consultato il 17/09/2010.
  52. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica del Messico, mexicancharts.com. URL consultato il 29/09/2010.
  53. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica della Norvegia, norwegiancharts.com. URL consultato il 17/09/2010.
  54. ^ Andamento di "Flamingo" nelle classifiche della Nuova Zelanda, charts.org.nz. URL consultato il 16/09/2010.
  55. ^ Andamento di "Flamingo" nelle classifiche dei Paesi Bassi, dutchcharts.nl. URL consultato il 14/09/2010.
  56. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica del Regno Unito, www.chartstats.com. URL consultato il 14/09/2010.
  57. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica della Spagna, spanishcharts.com. URL consultato il 18/09/2010.
  58. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica della Svezia, hitparade.ch. URL consultato il 17/09/2010.
  59. ^ Andamento di "Flamingo" nella classifica della Svizzera, swedishcharts.com. URL consultato il 17/09/2010.
  60. ^ "Flamingo" nelle classifiche di Billboard, Billboard. URL consultato il 24-09-2010.
  61. ^ (EN) YEAR END CHARTS European Top 100 Albums, Billboard. URL consultato il 21 gennaio 2011.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica