Crossfire (Brandon Flowers)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crossfire
Crossfire Brandon Flowers.JPG

Artista Brandon Flowers
Tipo album Singolo
Pubblicazione 21 giugno 2010(USA)[1]
23 agosto 2010 (UK)[2]
Durata 4 min : 17 s
Album di provenienza Flamingo
Genere Pop
Rock
Etichetta Island Records
Produttore Brendan O'Brien
Registrazione 2009-2010
Formati CD
Download digitale
Vinile
Brandon Flowers - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
Only the Young
(2010)

Crossfire è il primo singolo da solista del cantautore Brandon Flowers, frontman dei The Killers.

Prodotto da Brendan O'Brien, il singolo è il primo estratto dall'album di debutto di Flowers, intitolato Flamingo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno il singolo è stato trasmesso per la prima volta da BBC Radio 1, durante un'intervista.

Il video è stato pubblicato l'8 luglio 2010 su VEVO. La versione su vinile è stata rilasciata il 3 agosto, nel lato B vi è una versione acustica di On the Floor 2.0.

Il 23 agosto il singolo è risultato il più trasmesso della settimana da parte di BBC Radio 1 e BBC Radio 2. Il 6 settembre Crossfire è stato numero 1 alla NME Chart.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

iTunes download

  1. Crossfire – 4:17 (Brandon Flowers) – radio version

Promo CD

  1. Crossfire – 3:59 (Brandon Flowers) – radio version
  2. Crossfire – 4:17 (Brandon Flowers) – album version
  3. Crossfire – 4:17 (Brandon Flowers) – strumentale

Durata totale: 12:33

10" Vinile

  1. Crossfire – 4:17 (Brandon Flowers)
  2. On the Floor 2.0 – 3:10 (Brandon Flowers)

Durata totale: 7:27

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo è stato accompagnato da un videoclip diretto da Nash Edgerton, avente come protagonisti lo stesso Brandon Flowers e la nota attrice Charlize Theron.[3] Il video è girato nello stile di un film d'azione americano, e vede Charlize Theron trarre in salvo il cantante da 3 diverse situazioni di pericolo. L'attrice riveste quindi il ruolo di un'eroina pronta a salvare il proprio uomo. La conclusione del video segue la regola del tradizionale lieto fine che caratterizza molti film hollywoodiani: nell'ultima scena un tramonto fa da sfondo ai due protagonisti che insieme viaggiano in auto verso la loro salvezza.[4]

Risultati in classifica[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010) Posizione di picco
Australia Australia[5] 46
Belgio Belgio - Fiandre[6] 3
Belgio Belgio - Vallonia[7] 9
Paesi Bassi Paesi Bassi[8] 22
Svizzera Svizzera[9] 35
Austria Austria[10] 51
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[11] 22
Irlanda Irlanda[12] 4
Regno Unito Regno Unito[13] 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scheda del singolo "Crossfire", www.amazon.com. URL consultato il 14/09/2010.
  2. ^ Brandon Flowers (Killers), nuovo album: 'Flamingo' nei negozi a metà settembre, 24 giugno 2010. URL consultato il 14/09/2010.
  3. ^ Marco Mazza, Debutto da solista per Flowers, www.fastweb.it, 11 agosto 2010. URL consultato il 18 settembre 2010.
  4. ^ (EN) Gabriella Landman, Charlize Theron Saves Brandon Flowers in 'Crossfire', Billboard, 8 luglio 2010. URL consultato il 18 settembre 2010.
  5. ^ (EN) Andamento del singolo nella classifica australiana, australian-charts.com. URL consultato il 16 settembre 2010.
  6. ^ Il singolo nelle classifiche del Belgio (Fiandre), www.ultratop.be. URL consultato il 16 settembre 2010.
  7. ^ Il singolo nelle classifiche del Belgio (Vallonia), www.ultratop.be. URL consultato il 16 settembre 2010.
  8. ^ Andamento dell'album nella classifica dei Paesi Bassi, dutchcharts.nl. URL consultato il 16 settembre 2010.
  9. ^ Andmaneto del singolo nella classifica Svizzera, hitparade.ch. URL consultato il 16 settembre 2010.
  10. ^ Andamento del singolo nella classifica austriaca, austriancharts.at. URL consultato il 18 settembre 2010.
  11. ^ Andamento dell'album nella classifica della Nuova Zelanda, charts.org.nz. URL consultato il 16 settembre 2010.
  12. ^ (EN) TOP 50 SINGLES, WEEK ENDING 26 August 2010. URL consultato il 16 settembre 2010.
  13. ^ (EN) Andamento del singolo nella classifica del Regno Unito. URL consultato il 16 settembre 2010.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica