Babcock & Wilcox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Babcock & Wilcox Company
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Public company
Borse valori NYSE: BWC
Fondazione 1867 a Charlotte
Fondata da Stephen Wilcox e George Herman Babcock
Persone chiave John A. Fees (presidente)
Settore Metalmeccanica
Prodotti Caldaie, reattori nucleari
Dipendenti 20.000
Sito web www.babcock.com/

La Babcock & Wilcox Company (B&W) è un'azienda statunitense produttrice di macchinari per la produzione di energia da, nucleare, fonti rinnovabili, carbone ed altri combustibili liquidi e gassosi. La B&W ha installato più di 300 GW di caldaie in più di 90 paesi nel mondo.[1]

Durante la seconda guerra mondiale, più della metà della flotta della US Navy era azionata da caldaie Babcock & Wilcox.[2] La società ha la sua sede a Charlotte in North Carolina con stabilimenti a Lynchburg, Barberton, West Point, Cambridge e in Canada oltre che a Mount Vernon, Oak Ridge e Euclid.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1867, a Providence, Stephen Wilcox ed il suo socio George Herman Babcock brevettarono la Babcock & Wilcox Non-Explosive Boiler, che utilizzava tubazioni per generare più elevate pressioni e maggiore efficienza termica rispetto alle caldaie allora in commercio.[2]
  • Nel 1898, Robert Jurenka e Alois Seidl firmarono un accordo con British Babcock & Wilcox per creare una struttura a Berlino per la costruzione dei prodotti B&W, una sussidiaria (Deutsche Babcock) della compagnia inglese. Una fabbrica ad Oberhausen nella Ruhr iniziò a produrre le caldaie disegnate dagli ingegneri statunitensi.[3]
  • Nel 1902 la prima linea di metropolitana di New York City era alimentata con caldaie B&W.[4]
  • Dal 1907 al 1909 la Great White Fleet di Theodore Roosevelt era alimentata dalle caldaie B&W.
  • Nel 1929 B&W installò la prima caldaia a recupero di energia a bisolfito di magnesio nella regione del Quebec, in Canada.[5]
  • Fra il 1941 ed il 1945 B&W progettò e costruì 4.100 caldaie marine per navi mercantili e da guerra, compreso il 95% della flotta USA che combatté nella baia di Tokio in occasione della resa del Giappone.
  • Fra il 1943 ed il 1945 B&W realizzò componenti, materiali e processi per lo sviluppo del Progetto Manhattan.[2]
  • Fra il 1953 ed il 1955 B&W realizzò componenti per il USS Nautilus (SSN-571), il primo sommergibile a propulsione nucleare.
  • Nel 1961 B&W fu la volta della realizzazione del primo reattore nucleare per la nave NS Savannah.
  • Nel 1962 B&W realizzò il primo reattore commerciale per la, Indian Point, che utilizzava HEU 233.
  • Nel 1975 B&W costruì il primo reattore raffreddato a metallo liquido.
  • Nel 1978 B&W il reattore nucleare che venne coinvolto nell'Incidente di Three Mile Island.
  • Nel 1999 B&W ricevette l'incarico di sviluppare le pile a combustibile e le caldaie a reforming di vapore per la US Navy.
  • Il 22 febbraio 2000, B & W ha presentato istanza di Chapter 11, a seguito di migliaia di richieste di risarcimento per lesioni personali causate da amianto, tra cui l'asbestosi, cancro ai polmoni ed il mesotelioma. Come condizione per emergere dal fallimento, la B & W un fondo[6] per indennizzare le vittime, ma per un ammontare molto più basso rispetto a quello pagato nelle contestazioni individuali[7]
  • Dopo l'emersione dal fallimento nel 2006, B&W e BWX Technologies, entrambe sussidiarie della McDermott International, Inc., addivennero ad una fusione il 26 novembre 2007 per costituire la The Babcock and Wilcox Companies, guidata dal presidente John Fees. Il logo della vecchia società venne cambiato.
  • Il 10 giugno 2009, B&W presentò la B&W Modular Nuclear Energy, LLC (B&W MNE).[8] Lo stesso giorno, B&W MNE annunciò il suo programma di costruzione del reattore B&W mPower, un reattore nuclere modulare e scalabile. Il B&W mPower era un reattore da 125 megawatt, costruito secondo la tecnologia Advanced Light Water Reactor (ALWR) (un reattore di terza generazione ).[9] Il reattore era progettato per essere prodotto in una fabbrica, spedito per ferrovia e poi messo a dimora nel sottosuolo.[10][11]
  • Il 12 maggio 2010, B & W annuncia che essa e le sue controllate saranno scorporate dalla società madre, McDermott International, Inc.[12]
  • On August 2, 2010, B&W begins trading on the New York Stock Exchange as BWC.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ B&W Power Generation Group: Facts and Figures. URL consultato il 1º aprile 2009.
  2. ^ a b c About B&W - History. URL consultato il 1º aprile 2009.
  3. ^ Deutsche Babcock AG--Company History, fundinguniverse.com. URL consultato il 25 maggio 2010.
  4. ^ Records of Babcock International Group plc, boiler makers and engineers, England. URL consultato il 28 aprile 2009.
  5. ^ B&W Power Generation Group: Company History. URL consultato il 1º aprile 2009.
  6. ^ Trust fund
  7. ^ http://www.thefreelibrary.comBabcock+&+Wilcox+Bankruptcy+Reorganization+Bar+Date+Notice+and+Claims...-a067463016 Babcock & Wilcox Bankruptcy Reorganization Bar Date Notice and Claims Process Begins; Includes Apollo and Parks Township, Pennsylvania Nuclear Contamination And Radiation Claims
  8. ^ http://www.ohio.com/news/break_news/47655382.html Babcock & Wilcox plans modular reactor
  9. ^ http://www.world-nuclear-news.org/NN-BandW_unveils_modular_reactor_design-1006095.html B&W unveils modular nuclear power design
  10. ^ Scott DiSavino, McDermott B&W unit unveils small nuclear reactor, Reuters, 10 giugno 2009. URL consultato il 10 giugno 2009.
  11. ^ Katherine Ling and GreenWire, Company Calls New Small Nuclear Reactor a 'Game Changer', New York Times, 10 giugno 2009. URL consultato il 10 giugno 2009.
  12. ^ Gentry, B.:http://www2.newsadvance.com/lna/business/local/article/fees_bw_spinoff_aiming_for_june_30_completion/26899/, The News & Advance, May 12, 2010
  13. ^ The Babcock & Wilcox Company Begins Trading Today on the New York Stock Exchange, BUSINESS WIRE, 2 agosto 2010. URL consultato il 4 agosto 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]