Antonio Vivarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adorazione dei Magi di Berlino
Antonio Vivarini, Incoronazione della Vergine. Venezia, chiesa di San Pantaleone
Antonio Vivarini, San Ludovico di Tolosa al Louvre

Antonio Vivarini, detto anche Antonio da Murano (Murano, 1418 circa – Venezia, tra il 1476 e il 1484), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È comunemente considerato appartenente alla scuola di Andrea da Murano e le sue opere sono profondamente influenzate da Gentile da Fabriano. La sua prima opera conosciuta è una pala d'altare, conservata oggi all'Accademia di Venezia, datata 1440; il suo ultimo dipinto, conservato a Roma, è datato 1464, anche se ci sono documenti che attestano che il pittore era ancora in vita nel 1470.

Lavorò spesso con Giovanni d'Alemagna, spesso identificato con il cognato Giovanni da Murano, con il quale iniziò la decorazione ad affresco della cappella Ovetari nella chiesa degli Eremitani a Padova, a fianco dei più giovani Nicolò Pinzolo e Andrea Mantegna. Dopo il 1450 Antonio dipinse principalmente da solo o insieme al fratello minore Bartolomeo, realizzando numerose pale d'altare e polittici, in particolare per le chiese di Venezia: le sue opere presentano una considerevole attenzione ad una cromaticità delicata e raffinata, soprattutto negli incarnati.

La sua bottega fu proseguita, oltre che dal fratello Bartolomeo, anche dal figlio Alvise.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

In collaborazione con Giovanni da Murano:

Da solo o in collaborazione col fratello Bartolomeo:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Sinigaglia, De' Vivarini: pittori da Murano, Bergamo: Istituto italiano d'arti grafiche, 1905
  • Georg Pudelko, Ein Petrus-Martyr-Altar des Antonio Vivarini, in "Pantheon", fasc. 9, settembre 1937, pp.283–285
  • Rodolfo Pallucchini, I Vivarini: Antonio, Bartolomeo, Alvise, Venezia: Neri Pozza Editore, 1961 (Saggi e studi di storia dell'arte; 4)
  • Francesca D'Arcais, Antonio Vivarini, Milano: Fabbri, 1966 (I maestri del colore n.151)
  • Federico Zeri, Antonio e Bartolomeo Vivarini: il polittico del 1451 già in San Francesco a Padova, in "Antichita viva", n.4, 1975
  • Ian Holgate, Due pale d'altare di Antonio Vivarini e Giovanni d'Alemagna: le commissioni per San Moise e San Pantalon, in "Arte veneta", n.57, 2000, pp. 80–91
  • Miklós Boskovits, Giorgio Fossaluzza, La collezione Cagnola. I dipinti, Busto Arsizio, Nomos Edizioni, 1998.


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]