Andrzej Sapkowski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrzej Sapkowski

Andrzej Sapkowski (Łódź, 21 giugno 1948) è uno scrittore polacco.

È famoso soprattutto per la serie di racconti fantasy The Witcher.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Prima di fare lo scrittore, ha studiato economia e ha lavorato come rappresentante alla vendita per una società straniera. Sapkowski ha vinto cinque premi Zajdel Awards, tre per i racconti Mniejsze zło (Il male minore) (1990), Miecz przeznaczenia (La spada del destino) (1992) e W leju po bombie (Nel cratere di una bomba) (1993), e per due romanzi Krew elfów (Il sangue degli elfi) (1994) e Narrenturm (2002).

Sapkowski ha vinto nel 2003 due premi spagnoli Ignotus: il premio per la miglior antologia con la raccolta Il guardiano degli innocenti (Ostatnie życzenie), mentre Muzykanci (I musicanti) ha vinto il premio per il miglior racconto di letteratura straniera.

I libri di Sapkowski sono stati tradotti in ceco, russo, lituano, tedesco, spagnolo, francese, inglese, italiano, sloveno e portoghese. È famoso soprattutto per avere scritto la serie di racconti di The Witcher, da cui è stato tratto il famoso videogioco The Witcher, diffuso da CD Projekt a partire dall'ottobre 2007.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Serie The Witcher[modifica | modifica sorgente]

Antologie[modifica | modifica sorgente]

  • The Witcher (Wiedźmin), 1990, 5 racconti [1]

La saga[modifica | modifica sorgente]

Trilogia Hussita[modifica | modifica sorgente]

  • Narrenturm, 2002.
  • Boży bojownicy, 2004.
  • Lux perpetua, 2006

Altri romanzi[modifica | modifica sorgente]

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

  • Oko Yrrhedesa, 1995, gioco di ruolo
  • Świat króla Artura. Maladie, 1995
  • Rękopis znaleziony w Smoczej Jaskini, 2001

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 4 racconti sono stati ristampati ne Il guardiano degli innocenti, uno in Coś się kończy, coś się zaczyna
  2. ^ solo due di questi appartengono alla saga

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 74736122 LCCN: no/95/39140