All Good Things (Come to an End)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
All Good Things (Come to an End)
NellyFurtadoAllGoodThingsVideo.jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Nelly Furtado
Tipo album Singolo
Pubblicazione 24 novembre 2006
Durata 5:11 (album version)
5:12 (versione Zero Assoluto)
3:47 (Uk Radio Mix)
Album di provenienza Loose
(2006)
Dischi 1
Tracce 2
Genere Pop
Rhythm and blues
Etichetta Geffen Records
Produttore Timbaland; Danja
Registrazione 2005
Note Autori: N. Furtado; T. Mosley;
C. Martin; F. Hills
Certificazioni
Dischi d'oro Belgio Belgio[1]
(Vendite: 10.000+)
Norvegia Norvegia[2]
(Vendite: 5.000+)
Svezia Svezia[3]
(Vendite: 10.000+)
Dischi di platino Danimarca Danimarca[4]
(Vendite: 30.000+)
Italia Italia[5]
(Vendite: 50.000+)
Svizzera Svizzera[6]
(Vendite: 30.000+)
Nelly Furtado - cronologia
Singolo precedente
(2006)
Singolo successivo
(2007)

All Good Things (Come to an End), è una canzone pop scritta da Nelly Furtado, Timbaland, Nate "Danja" Hills e Chris Martin, per il terzo album della cantante canadese, Nelly Furtado, Loose (2006).

È stata prodotta con Timbaland e Danja e pubblicata come terzo singolo discografico in Europa nel novembre 2006. Negli Stati Uniti è uscito sul mercato musicale come quarto singolo.[7]

Parte del brano è stata tradotta o reinterpretata in collaborazione con vari artisti per il mondo: in Italia, ad esempio, è stata pubblicata una versione della canzone in cui la Furtado duetta con il gruppo musicale pop italiano Zero Assoluto.

Scrittura e registrazione[modifica | modifica wikitesto]

"All Good Things" fu ideata verso la fine delle registrazioni di Loose. Nelly Furtado si trovava alla cerimonia degli MTV Video Music Awards 2005 svoltasi nel mese di agosto a Miami, in Florida, quando si imbatté nel suo vecchio amico Chris Martin, leader dei Coldplay, con i quali aveva suonato alla cerimonia. La cantante lo informò che stava lavorando con Timbaland alla creazione di un nuovo album e Martin chiese di visitare lo studio di registrazione. Nelle settimane precedenti Timbaland aveva ascoltato spesso in studio l'album dei Coldplay X&Y, così la sera seguente la Furtado invitò Martin a The Hit Factory.[8][9][10]

Benché Timbaland e Martin avessero espresso in passato reciproca ammirazione, non si erano mai incontrati. Secondo Nelly Furtado, "Erano davvero più umili l'uno in presenza dell'altro",[11] ma Martin fu inizialmente agitato e spaventato dalla stazza di Timbaland e dal fatto che continuasse a chiamarlo "Coldplay".[9][10] Furtado, che è "sempre l'istigatrice", disse a Martin di sedersi alla tastiera e di cominciare a produrre musica.[9] "Chris doveva esprimere il suo James Brown interiore", disse.[10] Martin originariamente contribuì alla canzone cantandone una parte ma, in seguito ad una richiesta dell'esecutivo della sua casa di produzione, le sue performance canore furono eliminate dalla versione definitiva della canzone inclusa in Loose. Secondo Nelly Furtado l'esecutivo "non voleva che la sua voce suonasse così rock".[12] La versione della canzone con Martin come cantante trapelò su Internet verso la fine di giugno 2006[13] e sarà disponibile nella versione giapponese di Loose. In Italia è stata lanciata una versione della canzone in cui la Furtado duettava con il gruppo musicale pop italiano Zero Assoluto.

La cantante ha dichiarato di aver scelto Martin perché, avendo lei "una tendenza verso il malinconico", considerava Martin "Il genio del malinconico". Disse poi che il processo di creazione della canzone si rivelò "magico".[11] Ha descritto la canzone come "una fusione del ritmo hip-hop dal suono duro di Tim con quella malinconia che in cui Martin eccelle" e di "essere in mezzo" alle due tendenze.[10]

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito britannico di MSN la canzone venne descritta come "una ballata emozionante che fa riflettere, con una forte melodia, presumibilmente con l'input di un uomo dei Coldplay, e parole che ci fanno tornare in mente I'm Like a Bird"; al pezzo vennero assegnate 4,5 stelline di valutazione su cinque[14] HMV UK nella sua recensione reputava il brano troppo in contrasto con i precedenti singoli (Maneater e Promiscuous) e alla canzone vennero date, perciò, "solo" quattro stelline su cinque[15]. Il singolo fu pubblicato in Europa nel settembre 2006 e ottenne subito il successo atteso, raggiungendo la top 5 delle maggiori classifiche.

La canzone è uscita come quarto singolo di Loose negli Stati Uniti[7] e in Australia.

Formato[modifica | modifica wikitesto]

UK CD singolo
  1. "All Good Things (Come to an End)" (radio mix)
  2. "Maneater" (Radio 1 Live Lounge session)
Maxi-CD
  1. "All Good Things (Come to an End)" (radio mix)
  2. "All Good Things (Come to an End)" featuring Reamonn
  3. "No Hay Igual" featuring Residente Calle 13
  4. "All Good Things (Come to an End)" (video)
European Germany maxi-CD
  1. "All Good Things (Come to an End)" (radio edit)
  2. "All Good Things (Come to an End)" featuring Reamonn
  3. "Maneater" (Live Lounge Radio session)
  4. "All Good Things (Come to an End)" (video)
Singolo per iTunes
  1. "All Good Things (Come to an End)" (radio edit)
  2. "Maneater" (Radio 1 Live Lounge session)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Il video della canzone, diretto da Gabriel Coss e Israel Lugo, è stato girato in Porto Rico di seguito a Say It Right, terzo singolo uscito in nord-america. Rappresenta una storia d'amore tra Nelly Furtado e un ragazzo: la Furtado cammina lungo una spiaggia nella foresta, dove trova un tavolo da pranzo che pende sottosopra da un albero. Alcune riprese mostrano come il ragazzo si avvicini al tavolo e si "appenda" a testa in giù. Si vedono anche alcuni flashback di momenti in cui la Furtado e il ragazzo mangiano assieme al tavolo. Il video finisce con una loro inquadratura, abbracciati sotto un corso d'acqua. "È molto tropicale e romantico - ha affermato Nelly Furtado - e inoltre mi ricorda un vecchio video di Sarah McLachlan. Si avvicina ad un vero pezzo di cinema ed è molto artistico."[16]

Il video segue la "radio edit" della canzone; debuttò in Canada il 7 marzo sul canale musicale MuchMusic, mentre arrivò negli Stati Uniti il 19 marzo su MTV, nel programma TRL. Il giorno successivo entrò in classifica alla posizione numero 10, fino a raggiungere nelle puntate successive il secondo posto.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]


Classifica (2006/2007) Posizione
più alta
Australia[17] 12
Austria[18] 1
Belgio (Fiandre)[19] 1
Belgio (Vallonia)[20] 4
Canada[21] 5
Francia[22] 6
Germania[23] 1
Irlanda[21] 8
Italia[24] 1
Norvegia[25] 1
Paesi Bassi[20] 1
Regno Unito[26] 4
Repubblica Ceca[27] 1
Svezia[21] 5
Svizzera[28] 1
U.S. Billboard Hot 100[21] 86
Ungheria[29] 1


Classifiche annuali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2006) Posizione
Svizzera[30] 28
Regno Unito[31] 120
Classifica (2007) Posizione
Australia[32] 50
Austria[33] 5
Belgio Fiandre[34] 8
Belgio Vallonia[35] 13
Paesi Bassi[36] 9
Francia[37] 31
Germania[38] 2
Ungheria[39] 1
Svezia[40] 42
Svizzera[41] 4
Regno Unito[42] 115

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2000–2009) Posizione
Germania[43] 15

Classifiche di tutti i tempi[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Posizione
Svizzera[44] 38

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  2. ^ http://www.ifpi.no/sok/index_trofe.htm
  3. ^ www.sverigetopplistan.se - Årslista Singlar - År 2007
  4. ^ http://www.ifpi.dk/index.php?pk_menu=255
  5. ^ LE CIFRE DI VENDITA.
  6. ^ The Official Swiss Charts and Music Community
  7. ^ a b (EN) Keith Caulfield, Ask Billboard - 'Loose' Change in Billboard, 26 gennaio 2007. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  8. ^ (EN) John Intini, Nelly Furtado: 'I'm not Mother Teresa' in Maclean's, 25 agosto 2006. URL consultato il 30 dicembre 2006.
  9. ^ a b c (EN) Jolie Lash, Nelly Furtado Brings the Punk-Hop in Rolling Stone, 16 febbraio 2006. URL consultato il 30 dicembre 2006.
  10. ^ a b c d Vineyard, Jennifer. "Chris Martin Covers Jay-Z — And Other Scenes From Nelly Furtado's Loose". MTV News. 20 giugno 2006. Revisione il 30 dicembre 2006.
  11. ^ a b Shepherd, Julianne. "How Nelly Furtado Got Her Ghetto Pass". MTV News. 7 giugno 2006. Revisione il 30 dicembre 2006.
  12. ^ Gilbert, Ben. "Nelly Furtado Pulls Chris Martin Duet". Yahoo! Music. 7 giugno 2006. Revisione il 30 dicembre 2006.
  13. ^ "Listen: "All Good Things (Must Come to an End)" ft Chris Martin (Unreleased Track)". Burninthespotlight.com. 26 giugno 2006. Revisione il 30 dicembre 2006.
  14. ^ Latest celebrity News and gossip - MSN Celebrity UK
  15. ^ hmv | live it
  16. ^ Vineyard, Jennifer. "Nelly Furtado Double-Dips With Two Soaking-Wet Videos". MTV News. 6 novembre 2006. Revisione l'11 novembre 2006.
  17. ^ (EN) Andamento di All Good Things (Come to an End) nella classifica dell'Australia, 1º luglio 2010. URL consultato il 1º luglio 2010.
  18. ^ (EN) Andamento di All Good Things (Come to an End) nella classifica dell'Austria. URL consultato il 1º luglio 2010.
  19. ^ (EN) Andamento di All Good Things (Come to an End) nella classifica del Belgio (Fiandre). URL consultato il 1º luglio 2010.
  20. ^ a b (BE) Nelly Furtado - All Good Things (Come to an End) - Belgian Charts, Hung Medien. URL consultato il 1º luglio 2010.
  21. ^ a b c d (EN) Nelly Furtado - All Good Things (Come to an End) - αCharts.us, αCharts.us. URL consultato il 1º luglio 2010.
  22. ^ (FR) Meilleures ventes de singles en France - 09 avril au 15 avril 2007, chartsinfrance.net. URL consultato il 1º luglio 2010.
  23. ^ (DE) Hitlist Germany - Nelly Furtado, musicline.de. URL consultato il 1º luglio 2010.
  24. ^ Classifica settimanale dal 05/01/2007 al 11/01/2007, fimi.it. URL consultato il 1º luglio 2010.
  25. ^ (EN) Norway Singles Chart - March 13, 2007, αCharts.us, 13 marzo 2007. URL consultato il 1º luglio 2010.
  26. ^ (EN) UK Chart For Week 09/12/2006, chartstats.com, 9 dicembre 2006. URL consultato il 1º luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 2012-07-28).
  27. ^ Čns Ifpi
  28. ^ Schweizer HitParade - 31/12/2006, hitparade.ch, 31 dicembre 2006. URL consultato il 1º luglio 2010.
  29. ^ Kereső - lista és dátum szerint - Archívum - MAHASZ - Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége
  30. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2006, Swiss Music Charts. Hung Medien. URL consultato il 12 aprile 2011.
  31. ^ UK Year-End Chart 2006 (PDF), The Official Charts Company. URL consultato il 12 aprile 2011.
  32. ^ ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Singles 2007, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 12 aprile 2011 (archiviato il 27 aprile 2011).
  33. ^ (DE) Jarheshitparade 2007, Ö3 Austria Top 40. Hung Medien. URL consultato il 12 aprile 2011 (archiviato il 1º maggio 2011).
  34. ^ (NL) Jaaroverzichten 2007, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 12 aprile 2011 (archiviato il 20 maggio 2011).
  35. ^ (FR) Rapports annuels 2007, Ultratop. Hung Medien. URL consultato il 12 aprile 2011 (archiviato il 20 maggio 2011).
  36. ^ (NL) Jaaroverzichten - Singles 2007, Dutch Top 40. Hung Medien. URL consultato il 12 aprile 2011.
  37. ^ (FR) Classement Singles - année 2007, Syndicat National de l'Édition Phonographique. URL consultato il 12 aprile 2011.
  38. ^ (DE) VIVA Single Jahrescharts 2007 - 2007, Viva.tv. Media Control Charts. URL consultato il 12 aprile 2011.
  39. ^ (HU) MAHASZ Rádiós TOP 100 2007, Mahasz. URL consultato il 12 aprile 2011.
  40. ^ (SV) Årslista Singlar – År 2007, Swedish Recording Industry Association. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  41. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2007, Swiss Music Charts. Hung Medien. URL consultato il 12 aprile 2011.
  42. ^ UK Year-End Chart 2007 (PDF), The Official Charts Company. URL consultato il 12 aprile 2011.
  43. ^ (DE) Die ultimate chart show, Rtl.de. URL consultato il 12 aprile 2011 (archiviato il 10 maggio 2011).
  44. ^ (DE) Ewige Bestenliste - Singles, Swiss Music Charts. Hung Medien. URL consultato il 15 aprile 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo posto in classifica Successore G-clef.svg
Gli ostacoli del cuore - Elisa e Luciano Ligabue 15 gennaio 2007 Basta poco - Vasco Rossi
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica