Aitone II d'Armenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Regno di Cilicia
Hetumidi

Armoiries Héthoumides.svg

Aitone I (1252-1270)
Figli
  • Leone (1236 – 1289)
  • Teodoro (1244 - 1266)
  • Sibilla († 1290)
  • Eufemia († 1309)
  • Rita († 1310)
  • Maria
  • Vacahk
  • Isabella († 1269)
Leone III (1270-1289)
Figli
  • un figlio (circa 1262)
  • Costantino(1265)
  • Eufemia (circa 1266)
  • Aitone (1266-1307)
  • Sibilla (Zabel) (circa 1269-ante 1273)
  • Teodoro (1270–1298))
  • Ruben (circa 1272)
  • Isabella (Zablun) (circa 1273-1276)
  • Sempad (circa 1276–1310)
  • Isabella (circa 1276–1323)
  • Costantino (1278–1310)
  • Teofano (1278-1296)
  • Rita (1278-1333)
  • Nerse (1279-1310}
  • Oscin (1282–1320)
  • Alinakh (1283-1310}
Aitone II (1289-1293)
Figli
  • Teodoro (?-1296)
Teodoro III (1293-1298)
Figli
  • Boemondo
  • Leone (1287-1307)
Sempad (1297–1298)
Costantino III (1298–1299)
Aitone II (1299-1307)
Leone (1303-1307)
Costantino III (1307)
Oscin (1307–1320)
Figli
  • Leone (1309-1310)
  • Leone (1309-1341)
  • Giorgio (1317-1323)
Leone V (1320-1341)
Figli
  • Aitone († 1321)

Aitone II d'Armenia anche Hetoum, Hethoum, Hethum, Het'um o Hayton traslitterazione da (HY) Հեթում Բ (1266Anazarbe, 7 novembre 1307) dal 1289 al 1293, dal 1295 al 1296 e dal 1299 al 1303 fu re della Piccola Armenia mentre questa era uno stato cliente dell'Impero mongolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Re Aitone II, in tonaca da Francescano.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Apparteneva alla famiglia degli Hetumidi, era figlio di Leone III d'Armenia e Keran di Lampron e nipote di Aitone I d'Armenia che aveva sottomesso la Cilicia ai Mongoli nel 1240.

Aitone II sposò Helvis di Lusignano, figlia del re Ugo III di Cipro. Il figlio ed erede di Aitone, Teodoro, fu assassinato nel 1296 dall'usurpatore Sempad.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1292 la Cilicia armena fu invasa da Khalil, il Sultano Mamelucco d'Egitto che aveva conquistato il Regno di Gerusalemme l'anno precedente, Hromgla fu saccheggiata e Aitone fu costretto a cedere Besni, Marash e Til Hamdoun.

Nel 1293 egli abdicò in favore di suo fratello Teodoro III ed entrò nel monastero armeno di Mamistra.

Tuttavia, nel 1295 Teodoro III chiese ad Aitone di ritornare sul trono per aiutarlo a rinsaldare l'alleanza con i Mongoli; il tentativo ebbe successo.

Anche i rapporti con il potente Impero bizantino erano migliorati, il 16 gennaio 1294 una delle sorelle di Aitone, Rita, aveva sposato Michele IX Paleologo, l'Imperatore bizantino.

Attorno al 1297 Aitone e Teodoro si recarono a Costantinopoli e, durante la loro assenza, il loro fratello Sempad usurpò il trono con l'aiuto dell'altro fratello Costantino, quando Aitone e Teodoro tornarono Sempad li catturò a Caesarea e li imprigionò nella fortezza di Partzerpert dove Aitone fu parzialmente accecato per cauterizzazione mentre Teodoro fu strangolato nel 1298; ma Costantino si rivoltò contro Sempad e prese il trono a sua volta.

Aitone fu liberato e nel 1299, dopo essere guarito dalla sua cecità, riprese la corona ed esiliò i due fratelli fedifraghi a Costantinopoli.

Presto Aitone impegnò le truppe armene, al fianco dei mongoli, nel loro tentativo di conquista della Siria.

Offensiva in Siria[modifica | modifica wikitesto]

Attacchi mongoli nel Levante nel 1299 e 1303.

Nell'estate del 1299 Aitone, trovandosi nuovamente a fronteggiare una minaccia di attacco dai Mamelucchi, inviò una richiesta di aiuto al khan mongolo di Persia, Ghâzân, che in risposta mosse con le sue forze verso la Siria ed inviò lettere al re di Cipro ed ai capi dei Cavalieri templari, Ospitalieri e Teutonici, invitandoli a raggiungerlo per unirsi al suo attacco ai Mamelucchi in Siria.[1]

I Mongoli riuscirono a conquistare la città di Aleppo, dove furono raggiunti da re Aitone, le cui forze comprendevano alcuni Templari ed Ospitalieri dal Regno armeno di Cilicia, che parteciparono al resto dell'offensiva [2]. Gli alleati sconfissero i Mamelucchi nella battaglia di Wadi al-Khazandar, il 23 o 24 dicembre del 1299. [3] Un gruppo di mongoli allora si separò dall'esercito di Ghâzân ed inseguì le truppe mamelucche in ritirata fino a Gaza,[4] costringendoli a tornare in Egitto.

Vittoria dei Mongoli (sinistra) sui Mamelucchi (destra) alla Battaglia di Wadi al-Khazandar del 1299.

Secondo la tradizione, re Aitone visitò Gerusalemme nel 1300 dopo aver contribuito all'offensiva dei Mongoli. L'origine del racconto è un documento di uno storico medievale armeno, Nerses Balients (Narsete Balients):

« Il re d'Armenia, di ritorno da un'incursione contro il Sultano, si recò a Gerusalemme.

Egli trovò che tutti i nemici erano stati messi i fuga o sterminati dai Tartari, che erano arrivati prima di lui. Entrato a Gerusalemme egli radunò i Cristiani, che per la paura, si erano nascosti in caverne. Durante i 15 giorni che passò a Gerusalemme, egli fece celebrare le cerimonie del culto cristiano e solenni festività nei Luoghi Santi. La visita che fece a tutte le stazioni di pellegrinaggio fu per lui una grande consolazione. Egli era ancora a Gerusalemme, quando ricevette un documento dal Khan che gli concedeva Gerusalemme ed il territorio circostante. In seguito raggiunse nuovamente Ghazan a Damasco, e passò con lui l'inverno »

(Recueil des historiens des croisades, Documents arméniens I, p. 660[5])

Alcuni storici rilevano che questo racconto non concorda con nessuna altra fonte dell'epoca, ed attualmente è stata riconosciuta come originata da fonte inaffidabile; in altri termini, fu semplice propaganda armena del tempo. [6] [7]

Forse fu in occasione di una visita a Gerusalemme nel 1300 che Aitone II donò il suo scettro d'ambra al Convento armeno di San Giacomo di Gerusalemme.

Tuttavia in The Crusaders and the Crusader States, Andrew Jotischky usa l'articolo di Schein del 1979 ed il successivo libro del 1991 per affermare che "dopo una breve ed essenzialmente simbolica occupazione di Gerusalemme, Ghazan si ritirò in Persia".[8] Secondo Peter Jackson in The Mongols and the West, i Mongoli liberarono la Città Santa.[9] Steven Runciman in "A History of the Crusades, III" afferma che Ghazan penetrò fino a Gerusalemme, ma non prima dell'anno 1308.[10] Claude Mutafian, in Le Royaume Arménien de Cilicie menziona degli scritti ed un Domenicano armeno del XIV secolo che proclama che il re armeno visitò Gerusalemme quando questa fu temporaneamente tolta al governo dei musulmani. [11] Demurger, in Les Templiers, fa cenno alla possibilità che i mongoli abbiano occupato Gerusalemme, citando una tradizione armena secondo la quale Aitone celebrò la messa a Gerusalemme nel gennaio 1300.[1]

Secondo lo storico Claude Mutafian, forse fu in quest'occasione che Aitone II donò il suo scettro d'ambra al Convento armeno di San Giacomo di Gerusalemme.[11]

Vittoria musulmana di Shaqhab[modifica | modifica wikitesto]

Ghazan ordina al re d'Armenia Aitone II di accompagnare Kutlushka nell'attacco a Damasco del 1303.[12]
Aitone II (sinistra) lascia Ghazan ed i suoi Mongoli nel 1303.[12]

I restanti Templari, da Cipro, continuarono a fare razzie sulla costa Siriana all'inizio del 1303, e devastarono la città di Damour, a sud di Beirut; però persero Arados, poiché non erano in grado di schierare truppe sufficienti.[13]

Nel 1303 una grande forza mongola (circa 80.000) insieme con gli armeni, fu sconfitta ad Homs il 30 marzo ed alla decisiva battaglia di Shaqhab, a sud di Damasco, il 21 aprile dello stesso anno.[13] Questa è considerata l'ultima delle grandi invasioni mongole della Siria.[14]

Anche nel 1303, Ghazan aveva nuovamento inviato una missiva ad Edoardo I, nella persona di Buscarello de Ghisolfi, reiterando la promessa di Hulagu di dare Gerusalemme ai Franchi in cambio di aiuto contro i Mamelucchi.[15] Ma Ghazan morì il 10 maggio 1304, ed i sogni di una rapida riconquista della Terra Santa andarono distrutti.

Aitone divenne monaco francescano, con il nome di Giovanni e, nel 1303 o nel 1305, passò la corona a suo nipote Leone IV, figlio di Teodoro III, mantenne però la carica di Reggente d'Armenia.

Nel 1304 i Mamelucchi continuarono i loro assalti alla Cilicia armena e riuscirono a riprendere tutti i territori che gli armeni avevano acquisito durante l'invasione mongola. Nel 1305 Aitone e Leone guidarono un esercito armeno alla vittoria sugli scorridori Mamelucchi, nella battaglia di Laiazzo.

Nel 1307 mentre si trovavano vicino ad Anazarbe, nell'accampamento di Bilarghu, generale o rappresentante Mongolo in Cilicia[11] recentemente convertito all'Islam, [16] Aitone II, suo nipote Leone IV ed il loro intero entourage furono assassinati dallo stesso Bilarghu,[17] a seguito di un complotto interno contro gli sforzi di Aitone tesi ad unire la Chiesa armena a Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Demurger, op. cit., p. 143
  2. ^ "Egli fu presto raggiunto da re Aitone, le cui forze sembra comprendessero Ospitalieri e Templari dal regno d'Armenia che parteciparono al resto della campagna"Demurger , op. cit., p. 93
  3. ^ Demurger , op. cit., p. 142
  4. ^ "I Mongoli inseguirono le truppe in ritirata verso sud, ma si fermarono all'altezza di Gaza"Demurger , op. cit., p. 142
  5. ^ Receuil des Historiens des Croisades, Documents arméniens I, p. 660
  6. ^ Stewart , op. cit.
  7. ^ Amitai , op. cit.
  8. ^ Jotischky , op. cit., p. 249
  9. ^ "La liberazione della città Santa da parte dei mongoli, ovviamente, fornì l'opportunità per Papa Bonifacio e per d i cornisti occidentali di rimproverare i principi latini proclamando che Dio aveva preferito un governante pagano come Suo strumento"Jackson , op. cit., p.173
  10. ^ "Cinque anno dopo, nel 1308, Ghazan entrò nuovamente in Siria, e questa volta raggiunse la stessa Gerusalemme. Secondo alcune voci egli avrebbe volentieri consegnato la Città Santa ai cristiani se un qualsiasi stato cristiano gli avesse offerto la sua alleanza"Runciman , op. cit., p. 439
  11. ^ a b c Mutafian, op. cit., p. 73
  12. ^ a b Mutafian , op. cit., pp. 74-75
  13. ^ a b Demurger , op. cit., pp. 158
  14. ^ Nicolle , op. cit., p. 80
  15. ^ Articolo dell'Encyclopedia Iranica
  16. ^ (EN) Angus Stewart, The Assassination of King Het'um II: The Conversion of The Ilkhans and the Armenians in Journal of the Royal Asiatic Society, Volume 15, Cambridge, Cambridge University Press, aprile 2005, pp. 45-61, ISSN 1474-0591.
  17. ^ Receuil des Historiens des Croisades, Documents arméniens I, p. 664

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Steven RUNCIMAN, The Kingdom of Acre and the Later Crusades in A history of the Crusades, Volume III, Cambridge, Cambridge University Press, 1954, ISBN 978-0-521-06163-6.
  • Reuven Amitai, Mongol Raids into Palestine (AD 1260 and 1300) in Journal of the Royal Asiatic Society of Great Britain & Ireland, 1987, pp. 236–255.
  • (EN) Peter Jackson, The Mongols and the West: 1221-1410, Pearson Education Limited, 25 aprile 2005, ISBN 978-0-582-36896-5.
  • (EN) Andrew Jotischky, Crusading and the Crusader States, Longman Publishing Group, novembre 2004, ISBN 978-0-582-41851-6.
  • (EN) Alain Demurger, The Last Templar: The Tragedy of Jacques de Molay, Last Grand Master of the Temple, Londra, Profile Books, 1º gennaio 2005, ISBN 1-86197-553-8..
  • (FR) Claude Mutafian, Le Royaume Arménien de Cilicie, XIIe-XIVe siècle, 2ª ed., Parigi, CNRS Editions, 14 marzo 2002, ISBN 978-2-271-05105-9.
  • (EN) Cyril Toumanoff, Armenia and Georgia in Cambridge Medieval History, vol. IV, Cambridge, Cambridge University Press, 1966, pp. 593-637.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re della Piccola Armenia
Dinastia degli Hetumidi
Successore Armoiries Héthoumides.svg
Leone III 12891293 Teodoro III I
Teodoro III 12951296 con Teodoro III Sempad II
Costantino III 12991303 Leone IV III
Leone IV 13031307 reggente per Leone IV Costantino III IV