Aalst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aalst
comune
(FR) Alost
(NL) Aalst
Aalst – Stemma Aalst – Bandiera
Aalst – Veduta
Localizzazione
Stato Belgio Belgio
Regione Flag of Flanders.svg Fiandre
Provincia Flag of Oost-Vlaanderen.png Fiandre Orientali
Arrondissement Aalst
Amministrazione
Sindaco Christoph D'haese (N-VA) dal 2012
Data di istituzione 2013
Territorio
Coordinate 50°56′N 4°02′E / 50.933333°N 4.033333°E50.933333; 4.033333 (Aalst)Coordinate: 50°56′N 4°02′E / 50.933333°N 4.033333°E50.933333; 4.033333 (Aalst)
Superficie 78,12 km²
Abitanti 82 587 (01-01-2013)
Densità 1 057,18 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 9300-9320
Prefisso 053
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Belgio
Aalst
Aalst nella provincia delle Fiandre Orientali
Aalst nella provincia delle Fiandre Orientali
Sito istituzionale

Aalst (in neerlandese Aalst, in francese Alost) è una città del Belgio (Fiandre Orientali), ai confini del Brabante, situata sulla sponda sinistra del fiume Dendre, a circa 29 km da Bruxelles.

La sua municipalità comprende la città stessa di Aalst ed i villaggi di Baardegem, Erembodegem, Gijzegem, Herdersem, Hofstade, Meldert, Moorsel e Nieuwerkerken-Aalst.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le prime informazioni storiche su Aalst sono datate IX secolo, quando viene citata la villa Alost, dipendenza dell'Abbazia di Lobbes.

Nata come città e porto fluviale sul tragitto fra Bruges e Colonia, Aalst nel 1046 divenne la capitale dell'omonima contea, costituita da Baldovino V conte di Fiandra con i territori conquistati fra la Schelda e il Dendre, e incorporata nella cosiddetta "Fiandra imperiale". La sua posizione di frontiera, ai confini con il Sacro Romano Impero le consentirono di mantenere un certo grado di indipendenza. La sua relazione con il Brabante rimase nei colori cittadini, che sono quelli tipici della Lotharingia.

Filippo d'Alsazia annetté direttamente la città alla contea di Fiandra nel 1173. Proprio a quegli anni risale la costruzione del municipio[1], il più vecchio tuttora esistente in Belgio. Numerosi manoscritti di questo periodo sono custoditi ancora oggi negli archivi cittadini.

Durante le guerre del XIII e XIV secolo, la città fu più volte occupata e saccheggiata: nel 1360 il municipio e la città stessa furono quasi completamente distrutti dal fuoco. Tutto fu però ben presto ricostruito e nel XV secolo venne edificato un nuovo campanile in stile gotico.

Ad Aalst, nel 1473, Giovanni di Vestfalia e Thierry Maartens pubblicarono la prima opera a stampa uscita in Belgio: il De duobus amantibus di Enea Silvio Piccolomini (Papa Pio II).

La città soffrì molto per la Guerra degli ottant'anni (1568-1648). Fu poi conquistata dal francese Marshal Turenne nella Guerra di devoluzione del 1667, quindi occupata dalla Francia fino al 1706 insieme con tutte le Fiandre Meridionali. In questo periodo fiorì un'economia basata sul settore tessile. Il XVIII secolo fu segnato dalle tensioni sociali legate alla Rivoluzione Industriale, con Padre Adolf Daens e il suo Christene Volkspartij che emersero come difensori dei diritti dei lavoratori. Nel XX secolo la città fu occupata dai tedeschi in entrambe le guerre mondiali.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Nodo ferroviario della Fiandra orientale; vi sono presenti cotonifici, linifici, fabbriche di birra e sapone. Il suo territorio agricolo produce soprattutto frumento e luppolo.

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

È da visitare, in città, la Collegiata gotica di San Martino, iniziata nel 1480 e mai terminata, con all'interno alcuni dipinti di P. Rubens (tra cui un San Rocco) ed un prezioso tabernacolo del 1605 con sculture di Hieronymus Duquesnoy.

Interessante è anche il municipio, del XIII secolo, rifatto in stile gotico nel corso del XV secolo. Il suo campanile, come già citato sopra, è il più antico delle Fiandre ed ospita un carillon con 52 campane. Con la vicina Aldermen’s House è stato inserito nella lista dell'UNESCO nel 1999.

campanile

Cittadini celebri[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggio[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Aalst." Encyclopædia Britannica. 17 Dic. 2006.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Belgio Portale Belgio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Belgio