Wellington Phoenix Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wellington Phoenix F.C.
Calcio Football pictogram.svg
Wellington Phoenix crest (2017).png
The Nix
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px 3 stripes Yellow HEX-FFFF00 Black.svg Nero, giallo
Simboli Fenice
Dati societari
Città Wellington
Nazione Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Confederazione AFC
Federazione Flag of Australia.svg FFA/Nuova ZelandaNZF
Campionato A-League/New Zealand Football Championship (riserve)
Fondazione 2007
Presidente Nuova Zelanda Rob Morrison
Allenatore Australia Ufuk Talay
Stadio Wellington Regional Stadium
(35 400 posti)
Sito web www.wellingtonphoenix.com
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Wellington Phoenix Football Club è una società calcistica neozelandese con sede a Wellington, dove fu fondata nel 2007. Milita nella A-League, il massimo campionato australiano di calcio.

La squadra disputa le gare casalinghe al Wellington Regional Stadium, impianto da 35 400 posti. Dal 2014 una squadra di riserve dei Phoenix milita nel massimo campionato neozelandese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sul finire del campionato 2006-2007, la Federazione calcistica australiana (FFA) tolse al NZL Knights la licenza per partecipare alla A-League nella stagione successiva a causa dei problemi finanziari e amministrativi del club. La FFA chiese poi alla Federazione calcistica neozelandese di trovare un nuovo club che potesse iscriversi alla A-League.

Terry Serepisos, un uomo d'affari di Wellington, mise a disposizione un milione di dollari per creare un nuovo team da iscrivere alla A-League. La FFA si dichiarò soddisfatta dell'offerta e concesse a Serepisos una licenza triennale per partecipare al massimo campionato calcistico australiano.

Il 28 marzo 2007 fu annunciato il nome della squadra, Wellington Phoenix Football Club. Nel ruolo di allenatore fu ingaggiato Ricki Herbert.

Nel loro primo incontro di A-League, davanti a 14 421 spettatori, i Phoenix pareggiarono per 2-2 contro il Melbourne Victory, segnando due reti negli ultimi sette minuti di gioco con il brasiliano Daniel e Shane Smeltz. La prima vittoria in trasferta per la squadra di Wellington arrivò il 4 settembre 2007 (2-1 contro il Sydney FC), mentre la prima vittoria casalinga è datata 30 settembre 2007 (4-1 contro il Perth Glory). Il 30 novembre 2007 ad assistere al match di A-League contro l'Adelaide United furono 18 345 persone, che rappresenta il record di spettatori nella storia del calcio neozelandese (nella partita contro i L.A. Galaxy, giocata il giorno prima, c'erano 31 853 spettatori, ma in quel caso si trattava di un'amichevole). La prima stagione in A-League fu comunque piuttosto avara di soddisfazione per il Wellington Phoenix FC, che chiuse il campionato in ultima posizione, a pari punti con il Perth Glory, con 5 vittorie, 5 pareggi e 11 sconfitte, 25 reti segnate e 37 reti subite.

Nella stagione 2009-2010 il Wellington Phoenix divenne la prima squadra neozelandese a raggiungere i play-off di una competizione calcistica australiana. Il risultato fu raggiunto alla ventiseiesima giornata di campionato, quando il Brisbane Roar fu battuto dall'Adelaide Utd. Il 12 febbraio 2010, battendo il C.C. Mariners, il Phoenix chiuse al quarto posto, qualificandosi per il turno preliminare dei play-off contro il Perth Glory del 21 febbraio 2010. Sconfiggendo per 4-2 ai tiri di rigore il Glory dopo l'1-1 dei tempi supplementari, il Wellington Phoenix si qualificò per il turno seguente, contro il Newcastle Jets, che fu battuto per 3-1 dopo i tempi supplementari. Qualificatosi dunque per la semifinale preliminare, il Wellington Phoenix fu sconfitto per 4-2 dal Sydney FC. Il 20 aprile 2010 la federcalcio australiana estese la licenza del Wellington Phoenix a cinque anni, consentendo al club di gareggiare almeno fino alla fine della stagione 2015-2016.

Prima della stagione 2011-2012, Serepisos, in difficoltà finanziarie per insolvenze delle sue imprese nei confronti del fisco, attuò la cessione della proprietà del club ad un consorzio di sette imprenditori di Wellington capeggiati da Rob Morrison.

Il 26 febbraio 2013, con i Phoenix all'ultimo posto della classifica sul finire del campionato 2012-2013, Ricki Herbert si dimise, dopo una serie di risultati molto deludenti. Gli subentrò il traghettatore Chris Greenacre, che rimase in carica sino alla fine della stagione.

Il 20 maggio 2013 fu ingaggiato Ernie Merrick, reduce da sei anni di successi con il Melbourne Victory, con Greenacre nei panni di vice.

Merrick si dimise il 5 dicembre 2016 e fu rimpiazzato, il 2 gennaio 2017, da Des Buckingham, che mantenne Greenacre nel ruolo di vice.

Il 30 maggio 2018 fu nominato allenatore Mark Rudan, con contratto biennale. Egli fu il primo allenatore dei Phoenix a esordire con una vittoria, per 2-1 contro il Newcastle Jets nella prima partita del campionato 2018-2019. Malgrado due rovesci alla terza e alla quinta giornata, la squadra riuscì poi a ottenere una striscia di nove partite senza sconfitte e il rendimento successivo fu complessivamente buono. I Phoenix chiusero al sesto posto la stagione regolare, qualificandosi ai play-off. Il 15 aprile 2019, però, fu annunciato che Rudan avrebbe lasciato il club neozelandese alla fine del campionato per motivi personali. Nella prima elimination final dei play-off la squadra fu eliminata dal Melbourne Victory (3-1).

Il 4 maggio 2019 Ufuk Talay subentrò sulla panchina del Wellington Phoenix, che costruì una squadra di giovani. Furono ingaggiati Stefan Marinovic, Te Atawhai Hudson-Wihongi, Tim Payne e Callum McCowatt, oltre al messicano Ulises Dávila e l'inglese David Ball, oltre a Reno Piscopo, proveniente dal club italiano del Renate. Altri arrivi furono quelli di Walter Scott, Jaushua Sotirio, Cameron Devlin, Liam McGing, dell'esperto Luke DeVere e del tedesco Matti Steinmann.

Il Westpac Stadium

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Wellington Phoenix Football Club
  • 2007 - Anno di fondazione col nome Wellington Phoenix Football Club
  • 2007-2008 - 8° in A-League.
  • 2008-2009 - 5° in A-League.
  • 2009-2010 - 4° in A-League. Perde la finale preliminare dei play-off.
  • 2010-2011 - 6° in A-League. Eliminata alle semifinali dei play-off.
  • 2011-2012 - 4° in A-League. Eliminata alle semifinali dei play-off.
  • 2012-2013 - 10° in A-League.
  • 2013-2014 - 9° in A-League.
  • 2014-2015 - 4° in A-League. Eliminata al primo turno dei play-off.
  • 2015-2016 - 9° in A-League.
  • 2016-2017 - 7° in A-League.
  • 2017-2018 - 9° in A-League.
  • 2018-2019 - 6° in A-League. Eliminata al primo turno dei play-off.
  • 2019-2020 - in A-League.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

I Wellington Phoenix giocano le gare interne al Wellington Regional Stadium (soprannominato "Ring of Fire" dai tifosi), che ha una capacità di oltre 35 000 spettatori. Questo stadio è stato costruito nel 1999 ed è costato 130 milioni di dollari neozelandesi. L'impianto sorge nelle vicinanze della stazione centrale di Wellington.

Tifosi del Phoenix in Algeria

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Gli "Yellow Fever" ("Febbre Gialla", in italiano) sono il primo club ufficiale di tifosi del Wellington Phoenix. Il nome venne scelto immaginando che i Phoenix FC avrebbero giocato con casacche gialle, visto che questo è il colore dominante di tutte le società sportive della regione. Quando venne annunciato che il colore ufficiale della squadra sarebbe stato il nero, il club di tifosi decise comunque di non cambiare il proprio nome.

Divise[modifica | modifica wikitesto]

Casa[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2007-2009
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2009-2011
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2011-

Trasferta[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2007-2009
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2009-2011
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2011-

Speciali[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Pre-stagionale 2007
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Speciale 2011-2012

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 2009-2010

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2019-2020[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 15 marzo 2020.

N. Ruolo Giocatore
1 Nuova Zelanda P Stefan Marinovic
2 Australia D Liam McGing
3 Australia D Luke DeVere
4 Nuova Zelanda D Te Atawhai Hudson-Wihongi
5 Germania C Matti Steinmann
6 Nuova Zelanda C Tim Payne
7 Australia C Reno Piscopo
8 Australia C Cameron Devlin
9 Inghilterra A David Ball
10 Messico C Ulises Dávila
11 Nuova Zelanda C Jaushua Sotirio
12 Australia C Brandon Wilson
13 Nuova Zelanda D Liberato Cacace
N. Ruolo Giocatore
14 Nuova Zelanda C Alex Rufer
16 Nuova Zelanda D Louis Fenton
17 Nuova Zelanda C Callan Elliot
20 Nuova Zelanda P Oliver Sail
21 Nuova Zelanda C Callum McCowatt
23 Australia D Walter Scott
27 Inghilterra D Steven Taylor Captain sports.svg
31 Nuova Zelanda A Ben Waine
32 Nuova Zelanda C Sam Sutton
33 Nuova Zelanda A Oskar van Hattum
88 Inghilterra A Gary Hooper

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 10 luglio 2018.

N. Ruolo Giocatore
1 Australia P Lewis Italiano
2 Australia D Daniel Mullen
3 Australia D Scott Galloway
4 Croazia C Goran Paracki
5 Australia D Ryan Lowry
6 Australia D Dylan Fox
7 Brasile C Guhilherme Finkler
9 Serbia A Andrija Kaluđerović
10 Nuova Zelanda C Michael McGlinchey
11 Nuova Zelanda A Hamish Watson
12 Australia A Adam Parkhouse
14 Nuova Zelanda C Alex Rufer
N. Ruolo Giocatore
15 Nuova Zelanda C James McGarry
18 Nuova Zelanda D Sarpreet Singh
19 Nuova Zelanda D Tom Doyle
21 Figi A Roy Krishna
22 Nuova Zelanda D Andrew Durante (capitano)
23 Nuova Zelanda C Matthew Ridenton
24 Nuova Zelanda A Logan Rogerson
27 Nuova Zelanda C Liam Wood
30 Nuova Zelanda P Keegan Smith
Nuova Zelanda P Oliver Sail
Inghilterra D Steven Taylor

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]