Toto IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Toto IV
Artista Toto
Tipo album Studio
Pubblicazione 8 aprile 1982
Durata 42 min : 14 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Rock
Album-oriented rock
Etichetta Columbia Records, CBS
Produttore Toto
Registrazione studi Sunset Sound e Record One, Los Angeles, California
Formati LP, MC, CD
Certificazioni
Dischi d'oro Finlandia Finlandia[1]
(vendite: 34 179)[2]Hong Kong Hong Kong[3]
(vendite: 7 500+)
Regno Unito Regno Unito[4]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platino Canada Canada (2)[5]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania[6]
(vendite: 250 000+)
Francia Francia[7]
(vendite: 370 600)[8]Giappone Giappone[9]
(vendite: 300 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[10]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[11]
(vendite: 3 000 000+)
Toto - cronologia
Album precedente
(1981)
Album successivo
(1984)
Singoli
  1. Rosanna / It's a Feeling
    Pubblicato: 1982
  2. Make Believe / Lovers in the Night
    Pubblicato: 1982
  3. Africa / We Made It
    Pubblicato: 1982
  4. Afraid of Love / We Made It
    Pubblicato: 1982
  5. Lovers in the Night / Afraid of Love
    Pubblicato: 1982
  6. I Won't Hold You Back / Waiting for Your Love
    Pubblicato: 1983
  7. Waiting for Your Love / I Won't Hold You Back
    Pubblicato: 1983
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4.5/5 stelle[12]

Toto IV è il quarto album in studio dei Toto, pubblicato nel 1982 negli USA dall'etichetta discografica Columbia Records su Long playing (catalogo FC 37728) e musicassetta (FCT 37728); in Europa dalla CBS su LP (CBS 85529), MC (40-85529) e, nel 1988, su Compact disc (CBS 450088 2)[13].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo ottenuto con loro eponimo album di debutto nel 1978, i Toto faticarono a ripetersi con i due lavori successivi, Hydra e Turn Back. La band era sotto forte pressione da parte della Columbia Records: il loro quarto album doveva essere quello del grande successo, pena il rischio di ritrovarsi senza più contratto.

I Toto decisero di tornare alla formula che aveva contribuito al successo del primo album, abbracciando molti generi musicali diversi tra loro. La band si affidò anche ad alcuni musicisti esterni per contribuire a rendere il suono più vario e raffinato possibile.

Gli archi della Martyn Ford Orchestra, diretti ed arrangiati da James Newton Howard, vennero registrati agli Abbey Road Studios di Londra.

Alla sua uscita, Toto IV rappresentò il lavoro di maggior successo del gruppo, anche grazie ai singoli estratti, cinque nel 1982 e due nel 1983, fra tutti: Rosanna, Africa e I Won't Hold You Back (ripresa nel 2001 da Roger Sanchez nel suo brano "Another Chance")[12].

In Italia raggiunse la seconda posizione nella classifica delle vendite, risultando il 15º album più venduto durante il 1982[14].

Fu l'ultimo disco dei Toto con la formazione originale. Il bassista David Hungate, che si era trasferito a Nashville durante le registrazioni dell'album, lasciò la band poco dopo per passare più tempo con la propria famiglia, venendo sostituito da Mike Porcaro[15][16]. Seguì il licenziamento di Bobby Kimball nel 1984, per via dei problemi di droga che stavano danneggiando la sua voce.

La band ritardò il tour di promozione all'album per aiutare Michael Jackson nella produzione di Thriller, l'album più venduto nella storia della musica.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Oltre un triplo disco di platino per le vendite negli Stati Uniti, nel 1983 il gruppo ricevette 6 Grammy Awards nelle categorie:[16]

  • "Producer of the Year" (produttore dell'anno): Toto
  • "Album of the Year" (album dell'anno): Toto IV
  • "Best Engineered Recording" (migliore tecnica di registrazione): Toto IV
  • "Record of the Year" (registrazione dell'anno): Rosanna
  • "Best Instrumental Arrangement Accompanying Vocals" (migliore arrangiamento strumentale d'accompagnamento): Rosanna
  • "Best Vocal Arrangement" (miglior arrangiamento vocale): Rosanna

Nello stesso anno Steve Lukather vince un grammy nella sezione "Best Rhythm & Blues Song" per aver scritto (assieme a Jay Graydon e Bill Champlin) Turn Your Love Around di George Benson[16].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Gli autori del testo precedono i compositori della musica da cui sono separati con un trattino. Nessun trattino significa contemporaneamente autori e compositori[17].

Lato A
  1. Rosanna – 5:32 (David Paich)
  2. Make Believe – 3:47 (David Paich)
  3. I Won't Hold You Back – 4:56 (Steve Lukather)
  4. Good for You – 3:19 (testo: Bobby Kimball – musica: Steve Lukather)
  5. It's a Feeling – 3:10 (Steve Porcaro)
Lato B
  1. Afraid of Love – 3:51 (testo: David Paich, Steve Lukather, Jeff Porcaro – musica: David Paich, Steve Lukather)
  2. Lovers in the Night – 4:26 (David Paich)
  3. We Made It – 3:59 (testo: David Paich, Jeff Porcaro – musica: David Paich)
  4. Waiting for Your Love – 4:14 (Bobby Kimball, David Paich)
  5. Africa – 5:00 (testo: David Paich, Jeff Porcaro – musica: David Paich)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Toto[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Tom Scott - sax (anche in B2)
Jim Horn - sax (anche in B2)
Jerry Hey - arrangiamenti con David Paich, tromba
Gary Grant - tromba
Jimmy Pankow - trombone

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1982) Posizione
Canada[31] 60
Germania[32] 16
Giappone[33] 32
Italia[14] 15
Nuova Zelanda[34] 36
Paesi Bassi[35] 10
Stati Uniti[36] 41
Classifica (1983) Posizione
Australia[20] 21
Canada[37] 16
Germania[38] 46
Regno Unito[39] 39
Stati Uniti[40] 11

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Classifica Posizione
massima
1982 Rosanna Billboard Hot 100 2
Mainstream Rock Songs 8
Hot Adult Contemporary Tracks 17
UK Singles Chart 12
Make Believe Billboard Hot 100 30
Africa Billboard Hot 100 1
Hot Adult Contemporary Tracks 5
UK Singles Chart 3
Afraid of Love Mainstream Rock Songs 28
Lovers in the Night Mainstream Rock Songs 57
1983 I Won't Hold You Back Billboard Hot 100 10
Hot Adult Contemporary Tracks 1
UK Singles Chart 37
Waiting for Your Love Billboard Hot 100 73
Hot Adult Contemporary Tracks 27

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kultalevyjen myöntämisrajat, Musiikkituottajat.
  2. ^ Toto, Musiikkituottajat.
  3. ^ (EN) IFPIHK Gold Disc Award − 1984, IFPI Hong Kong. URL consultato il 24 maggio 2015.
  4. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 24 maggio 2015. Digitare "Toto" in "Keywords", dunque premere "Search".
  5. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 24 maggio 2015.
  6. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 24 maggio 2015.
  7. ^ (FR) French albums certifications, InfoDisc. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  8. ^ (FR) Les Albums Platine su infodisc.fr, SNEP. URL consultato il 31 agosto 2014.
  9. ^ Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970–2005, Roppongi, Tokyo, Oricon Entertainment, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  10. ^ (NL) NVPI - Overzicht Goud/Platina Audio su NVPI. URL consultato il 30 maggio 2015.
  11. ^ (EN) Ricerca certificazione, RIAA. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  12. ^ a b (EN) William Ruhlmann, Recensione, scheda album su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  13. ^ Scheda album e testi in Musica/discografia, Toto: sito ufficiale. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  14. ^ a b c Gli album più venduti del 1982, hitparadeitalia.it. URL consultato il 2 giugno 2015.
  15. ^ a b c d Porcaro è una famiglia di musicisti costituita dai 3 fratelli Jeff, Steve, Mike e da papà Joe.
  16. ^ a b c Biografia, Toto: sito ufficiale. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  17. ^ Autori e compositori, ISWC.
  18. ^ a b Yamaha CS-80, Yamaha GS-1 Digital Synthesizer, Roland Jupiter-8, Roland MC-4 e MC-8 Microcomposer
  19. ^ Padre di David.
  20. ^ a b David Kent, Australian Chart Book 1970–1992, Australian Chart Book, St Ives, N.S.W, 1993, ISBN 0-646-11917-6.
  21. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 38, No. 5, April 02 1983 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 giugno 2015.
  22. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, Infodisc.fr. URL consultato il 5 aprile 2015. Selezionare TOTO e premere OK.
  23. ^ (DE) German Charts – Toto – Toto IV su offiziellecharts.de.
  24. ^ Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970-2005, Roppongi, Tokyo, Oricon Entertainment, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  25. ^ (EN) Norwegian Charts – Toto – Toto IV su norwegiancharts.com.
  26. ^ (EN) New Zealand Charts – Toto – Toto IV su charts.org.nz.
  27. ^ (NL) Dutch Charts – Toto – Toto IV su dutchcharts.nl.
  28. ^ (EN) Chart Archive – Toto – Toto IV, Chart Stats.
  29. ^ (EN) Toto IV - Music Charts - AllMusic. URL consultato il 2 giugno 2015.
  30. ^ (EN) Swedish Charts – Toto – Toto IV, swedischcharts.com.
  31. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 37, No. 19, December 25 1982 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 giugno 2015.
  32. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1982 su offiziellecharts.de. URL consultato il 2 giugno 2015.
  33. ^ (JA) 1982年アルバム年間ヒットチャート Japanese Year-End Albums Chart 1982, Oricon. URL consultato il 2 giugno 2015.
  34. ^ (EN) Top Selling Albums of 1982, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 2 giugno 2015 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2015).
  35. ^ (NL) Dutch charts jaaroverzichten 1982, dutchcharts.nl. URL consultato il 2 giugno 2015.
  36. ^ (EN) Billboard.BIZ: Top Pop Albums of 1982, billboard.biz. URL consultato il 2 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2013).
  37. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 39, No. 17, December 24 1983 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 giugno 2015.
  38. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1983 su offiziellecharts.de. URL consultato il 2 giugno 2015.
  39. ^ (EN) Complete UK Year-End Album Charts. URL consultato il 2 giugno 2015 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2012).
  40. ^ (EN) Billboard BIZ: Top Pop Albums of 1983, billboard.biz. URL consultato il 2 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]