Targhe d'immatricolazione bulgare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Targa della città di Sofia con formato emesso dal 2008

Le targhe d'immatricolazione bulgare vengono utilizzate per identificare i veicoli immatricolati nel Paese balcanico.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Piastra di un motociclo
Formato utilizzato dal 2000 al 31/12/2007

A sinistra la banda blu con le dodici stelle dell'Unione Europea sormonta il codice internazionale del Paese (BG), di colore bianco. Dal 2000 alla fine del 2007 era posizionata la bandiera bulgara al posto di quella europea.
Il corpo principale della targa è a fondo bianco con caratteri neri; è composto dalla sigla del distretto, quattro cifre ed una parte finale costituita da una o due lettere, detta "serie", nella quale sono utilizzate le lettere А, В, Е (con limitazioni, vedi infra), К, М, Н, Р, С, Т, Х. Le targhe su un'unica linea, che misurano 490 × 110 mm, possono avere lo schema X(X) NNNNA o X(X) NNNNAA (X = lettera identificativa del distretto, N = cifra, A = lettera sequenziale); se la targa è stampata su due righe, il formato ha dimensioni 270 × 190 mm, del tipo X(X) AA/NNNN. La serie con un'unica lettera è apposta di frequente su ciclomotori e motocicli, ma anche su veicoli più vecchi.
Tutti i rimorchi (compresi semirimorchi, rimorchi agricoli, caravan e carrelli appendice) hanno una E come prima lettera del suffisso della serie, inserita subito dopo la sigla distrettuale, ad esempio CAEX/1234.
Le macchine agricole hanno targhe su doppia linea: su quella superiore è scritto per esteso il nome del distretto in caratteri cirillici, su quella inferiore la banda blu precede un numero progressivo di cinque cifre (a partire da 00001) e, all'interno di un quadrato, la sigla dell'area di immatricolazione.
I formati X(X) NNNNNA o X(X) NNNNNN possono essere usati al posto di quello standard; la A rappresenta qualsiasi lettera e la N una cifra da 0 a 9. Il prezzo di queste targhe personalizzate attualmente parte da circa 4.000 e per questo motivo sono molto rare.

Sigle dei distretti[modifica | modifica wikitesto]


Attuale sigla Distretto / città Codici utilizzati dal 1986 a luglio 1992 Codici pre-1986
A Distretto di Burgas Б Бс, Б
B Distretto di Varna B В
BH Distretto di Vidin ВД Вд
BP Distretto di Vraca ВР Вр
BT Distretto di Veliko Tărnovo ВТ ВТ
C, CA (dal 2006) e CB (dal 2014) Città di Sofia (Sofija) C Сф, C, A
CC Distretto di Silistra СС Сс
CH Distretto di Sliven СЛ Сл
CM Distretto di Smoljan СМ См
CO Distretto di Sofia (Sofija-Oblast) CO, СФ , CO
CT Distretto di Stara Zagora СЗ СтЗ, СЗ
E Distretto di Blagoevgrad БЛ Бл
EB Distretto di Gabrovo Г Гб
EH Distretto di Pleven ПЛ Пл
H Distretto di Šumen Ш Шн, Ш
K Distretto di Kărdžali К Кж, К
KH Distretto di Kjustendil КН Кн
M Distretto di Montana М Мх, М
OB Distretto di Loveč Л Лч, Л
P Distretto di Ruse Р Р
PA Distretto di Pazardžik ПЗ Пз
PB Distretto di Plovdiv П Пд, П
PK Distretto di Pernik ПК Пк
PP Distretto di Razgrad Рз
T Distretto di Tărgovište Т Тщ, Т
TX Distretto di Dobrič ТХ Тх
X Distretto di Haskovo Х Хс, Х
У Distretto di Jambol Я Яб, Я

Da luglio 1992 i codici identificativi dei capoluoghi distrettuali utilizzano solo lettere dell'alfabeto latino che abbiano una corrispondenza con le lettere dell'alfabeto cirillico (А, В, С, Е, Н, К, М, О, Р, Т, Х, У), anche se la pronuncia non è la stessa. Per mancanza di caratteri comuni ai due alfabeti, viene usata la sigla TX per il distretto di Dobrič, il cui nome fino al 1991 era Tolbuhin (in cirillico Tолбухин), mentre le lettere EB identificative del distretto di Gabrovo secondo l'ipotesi più accreditata[1] rimandano a Sevlievo (Cевлиево), seconda città del distretto per importanza e numero di abitanti dopo il capoluogo[2]. Il distretto di Montana fino al 1986 aveva, oltre a "M", il codice Mx perché prima del 1992 il nome ufficiale di questa città era Mihajlovgrad (in cirillico Mихайлoвград).

Formati precedenti a luglio 1992[modifica | modifica wikitesto]

Formato 1986–07/1992 per veicoli di proprietà dello Stato
Targa standard 1986–07/1992 di un veicolo commerciale di proprietà privata
Formato 1958–1986 per veicoli di proprietà statale
Targa standard 1958–1986 per veicoli privati
Design in uso dal 1944 al 1958

Dal 1986 a luglio 1992 il formato delle targhe era simile a quello attuale, ma tra il codice distrettuale e le cifre e tra queste e la/e lettera/e a destra comparivano dei punti (soppressi nelle targhe emesse dal 1993 in poi), era inoltre ammesso l'uso di lettere dell'alfabeto cirillico. I veicoli di proprietà dello Stato avevano piatti d'immatricolazione con caratteri neri su fondo bianco; anche nei veicoli privati i caratteri erano neri ma su fondo giallo. La lettera cirillica Ч dopo la numerazione indicava veicoli commerciali di proprietà privata. Le macchine agricole e i rimorchi avevano sempre placche su doppia linea con dimensioni 290 × 170 mm; la sigla distrettuale precedeva una "E" e le cifre erano più grandi delle lettere. Motocicli e ciclomotori avevano targhe di forma ovale.

Dal 1958 al 1986 lettere e cifre erano bianche in campo nero nei veicoli privati, in quelli di proprietà statale i colori erano invertiti. La sigla dell'area di immatricolazione, consistente in una, due o (solo nel caso di Stara Zagora) tre lettere dell'alfabeto cirillico, era seguita da un'altra lettera in cirillico e un numero di quattro cifre. Tra il codice e la lettera e tra questa e le cifre si trovava una losanga di dimensioni ridotte, posizionata in alto o al centro.

Dal 1944 al 1958 le targhe erano tutte bianche con caratteri neri; questa serie faceva seguire al codice distrettuale due numeri a due cifre separati da un trattino, del tipo X(x) NN-NN. Sistema e colori erano identici dal 1931 al 1944, mentre la numerazione era progressiva da un minimo di una a un massimo di quattro cifre, senza il trattino separatore.

Targhe di veicoli militari e della Protezione Civile[modifica | modifica wikitesto]

Targa di un automezzo militare (grafica 2006–2008)
Formato 2006–2008 per veicoli della Protezione Civile

I veicoli dell'Esercito e della Protezione Civile hanno nelle rispettive targhe una sigla che li contraddistingue; dal 2008 la bandiera nazionale all'interno della fascia blu (in alto) è stata sostituita dalla bandiera dell'Unione Europea.

Sigla dal 2006 Corpo corrispondente Codice/i in uso fino al 2006
BA Bulgarian Army (Esercito Bulgaro) A, В, CB, TB[3], rosso su fondo bianco
CP Civil Protection (Protezione Civile), azzurro su fondo bianco[4] ГЗ, azzurro su fondo bianco

Targhe provvisorie e diplomatiche[modifica | modifica wikitesto]

Targa di un veicolo intestato ad uno straniero ed importato per brevi periodi
  • Le targhe di veicoli intestati a stranieri ed importati in Bulgaria per brevi periodi hanno caratteri bianchi su sfondo celeste; le lettere XX precedono un numero di quattro cifre e l'indicazione dell'anno di scadenza della validità espresso con le ultime due cifre sotto una lineetta orizzontale.
Placca provvisoria per concessionari o proprietari di autofficine
Targa anteriore di un'autovettura da esportazione con a sinistra la banda blu e a destra quella rossa
  • Le piastre provvisorie per proprietari di concessionarie, autofficine o autorimesse si distinguono per la lettera B, che sta per временен ("provvisorio" in bulgaro), posizionata tra due numeri di tre cifre. I caratteri sono neri. Sul margine destro è presente una banda rossa verticale sulla quale sono impresse, anch'esse in nero, due cifre corrispondenti al mese (non sempre presente, sopra una lineetta) e all'anno (sotto la lineetta) di scadenza della validità.
    Hanno medesimi colori e stesso tipo di sequenza le targhe con l'unica lettera H (iniziale di ново, ossia "nuovo" in bulgaro) o dal 2017 M[5] per i veicoli da esportazione che devono ancora essere immatricolati, e quelle con la lettera T, assegnata ai veicoli in transito (транзит) nel territorio della Bulgaria.
Targa diplomatica (01 = Regno Unito)
  • Le targhe delle autovetture dei Corpi diplomatici e consolari sono simili a quelle normali, ma hanno colori diversi: lettere e cifre sono bianche su sfondo rosso, senza la banda blu laterale. I piatti d'immatricolazione che cominciano con C designano uno status diplomatico, il codice CC viene usato per uno status consolare e la sigla CT per veicoli appartenenti allo staff delle rappresentanze diplomatiche. Le prime due cifre del numero identificano il Paese o l'organizzazione internazionale del funzionario a cui è intestata la vettura. A destra due piccole cifre in alto (non sempre presenti) ed altrettante in basso, allineate in verticale sotto una lineetta, indicano rispettivamente il mese e l'anno di scadenza della targa (es.: 07 = luglio, 18 = 2018).
    Fino al 1992 i codici in uso erano solo ДT per il Corpo diplomatico e TC per il personale senza status diplomatico accreditato presso un'ambasciata; entrambe le sigle erano a caratteri neri fino a tutto il 1985, bianchi su sfondo rosso a partire dal 1986.
Codice Paese Codice Paese Codice Paese Codice Paese
01 Regno Unito Regno Unito 26 Venezuela Venezuela 51 Albania Albania 76 Serbia Serbia
02 Stati Uniti Stati Uniti 27 Ghana Ghana 52 Vietnam Vietnam 77 Malta Malta
03 Stati Uniti Stati Uniti 28 Egitto Egitto 53 Vietnam Vietnam 78 Kazakistan Kazakistan
04 Germania Germania 29 Ecuador Ecuador 54 non utilizzato 79 Sudafrica Sudafrica
05 Turchia Turchia 30 Etiopia Etiopia 55 non utilizzato 80 Città del Vaticano Città del Vaticano
06 non utilizzato 31 India India 56 Cambogia Cambogia 81 Unione europea Unione europea
07 Grecia Grecia 32 Indonesia Indonesia 57 Cina Cina 82 Slovenia Slovenia
08 Francia Francia 33 Iraq Iraq 58 Cina Cina 83 The World Bank logo.svg Banca Mondiale
09 Francia Francia 34 Iran Iran 59 Corea del Nord Corea del Nord 84 Croazia Croazia
10 Italia Italia 35 Yemen Yemen 60 Cuba Cuba 85 Ebrd logo.svg EBRD
11 Belgio Belgio 36 Colombia Colombia 61 Cuba Cuba 86 Macedonia del Nord Macedonia del Nord
12 Danimarca Danimarca 37 Kuwait Kuwait 62 Mongolia Mongolia 87 Cipro Cipro
13 Paesi Bassi Paesi Bassi 38 Libia Libia 63 Nicaragua Nicaragua 88 Norvegia Norvegia
14 Spagna Spagna 39 Libano Libano 64 Polonia Polonia 89 Ucraina Ucraina
15 Portogallo Portogallo 40 Marocco Marocco 65 Polonia Polonia 90 Moldavia Moldavia
16 Svezia Svezia 41 Messico Messico 66 Romania Romania 91 Armenia Armenia
17 Svizzera Svizzera 42 Perù Perù 67 Romania Romania 92 Bielorussia Bielorussia
18 Austria Austria 43 Siria Siria 68 Russia Russia 93 non utilizzato
19 Argentina Argentina 44 Uruguay Uruguay 69 Russia Russia 94 non utilizzato
20 Giappone Giappone 45 Irlanda Irlanda 70 Azerbaigian Azerbaigian 95 Sudan Sudan
21 Finlandia Finlandia 46 Palestina Palestina 71 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 96 Pakistan Pakistan
22 non utilizzato 47 Nazioni Unite Nazioni Unite 72 Ungheria Ungheria 97 non utilizzato
23 Afghanistan Afghanistan 48 Nazioni Unite Nazioni Unite 73 Ungheria Ungheria 98 Georgia Georgia
24 Algeria Algeria 49 Fmi.gif FMI 74 Rep. Ceca Rep. Ceca 99 Estonia Estonia
25 Brasile Brasile 50 Corea del Sud Corea del Sud 75 Slovacchia Slovacchia 00 non utilizzato

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paccagnella S., Siglario Automobilistico Europeo, Torri di Quartesolo (VI), Caosfera Edizioni, 2012, p. 31, ISBN 978-88-6628-057-6.
  2. ^ Secondo un'altra ipotesi "EB" sarebbero le prime lettere della parola EBPOПA (cioè "Europa") in caratteri cirillici, un omaggio della città di Gabrovo alla nascita dell'Unione Europea, avvenuta a Maastricht il 7 febbraio 1992, proprio l'anno in cui venne introdotta questa sigla automobilistica. Similmente nel 2012, in occasione dell'inaugurazione della metropolitana di Sofia, una delle stazioni è stata denominata "Unione Europea".
  3. ^ A = Automezzo dello staff generale o degli alti ufficiali della Polizia militare (Armija), B = Automezzo dell'Esercito (Voenen), CB = Veicolo da costruzione dell'Esercito (Stroitelni Vojski), TB = Veicolo da trasporto dell'Esercito (Transportni Vojski).
  4. ^ A partire dal 2015 tutti i veicoli hanno targhe civili in seguito all'incorporazione del Corpo suddetto nel Ministero degli interni.
  5. ^ A causa dell'esaurimento delle combinazioni numeriche con il codice "H".

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]