Targhe d'immatricolazione dell'Austria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piatto d'immatricolazione standard
Targa dell'auto ufficiale del presidente federale, con lo stemma nazionale tra la sigla e le cifre
Targa apposta sulla vettura dell'ambasciatore (il numero 15, identificativo del Paese[1], non è seguito da altre cifre) del Cile a Vienna

Le targhe d'immatricolazione dell'Austria sono destinate ai veicoli immatricolati nel Paese centro-europeo.

Sistema introdotto nel 1990[modifica | modifica wikitesto]

Piastra di un motociclo

Nelle targhe automobilistiche emesse in Austria, generalmente con fondo bianco e caratteri neri disposti su una o due righe, la banda blu con le dodici stelle, gialle e disposte in cerchio, simbolo dell'Unione europea e la sigla automobilistica internazionale A di colore bianco (presente a partire da novembre del 2002), precede la sigla del distretto (composta da una o due lettere), lo stemma dello Stato federato (non presente nelle targhe con codici speciali) e una serie alfanumerica. Due sottili bande orizzontali rappresentano i colori della bandiera austriaca. Le città più popolose hanno due sigle identificative: una per il distretto urbano e una per il distretto extraurbano.
Qualora una piastra non sia più facilmente leggibile, il proprietario del veicolo è tenuto a richiederne una nuova all'ufficio di immatricolazione distrettuale.
Le dimensioni delle targhe sono le seguenti:

  • su unica linea per autoveicoli: 520 × 120 mm;
  • su doppia linea per autoveicoli: 300 × 200 mm;
  • formato per motocicli: 250 × 200 mm o, da aprile 2005, 210 × 170 mm;
  • formato per ciclomotori e quadricicli: 115 × 150 mm, la targa è pentagonale e con gli angoli inferiori smussati.

Veicoli elettrici[modifica | modifica wikitesto]

Targa di un veicolo alimentato da un motore elettrico puro (non ibrido)

Dal 1º aprile 2017 le targhe degli autoveicoli e dei motoveicoli alimentati con un motore elettrico puro si contraddistinguono per le lettere e le cifre di colore verde su fondo bianco; i ciclomotori hanno anche il bordo verde.

Targhe personalizzate[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di targa personalizzata

È possibile richiedere targhe personalizzate, il cui costo ammonta a circa 230 ; diversamente da quelle ordinarie, la sigla del distretto e lo stemma del Land sono seguiti da un massimo di sette o sei caratteri (lettere e/o cifre, con eventuale spazio incluso) a seconda che la sigla distrettuale sia composta rispettivamente da una o due lettere; non vengono utilizzate lettere con segni diacritici né la "Q". Talvolta anche i mezzi pubblici usano piatti d'immatricolazione personalizzati: per esempio l'autobus con matricola interna 450 dell'azienda IVB del distretto urbano di Innsbruck avrà come targa I 450 IVB.
Sono vietate le seguenti combinazioni che alludono al terrorismo, al nazismo o a movimenti razzisti: HH (iniziali di Heil Hitler), 88 (cifre che corrispondono alla doppia "H", ottava lettera dell'alfabeto latino), BH (acronimo di Blood & Honour, gruppo musicale neonazista), IS (lettere che stanno per Islamic State), FG (sigla che equivale a Führer Geburtstag, cioè "compleanno del Führer"), SS, 1919 (cifre che corrispondono alla diciannovesima lettera dell'alfabeto ripetuta due volte, ossia "SS"), WAW (iniziali di White Aryan War, gruppo online di estrema destra) e 420 (numero allusivo al giorno e mese di nascita di Hitler, 20/4)[2].

Veicoli corazzati dell'esercito[modifica | modifica wikitesto]

Targa dipinta di un mezzo corazzato cingolato della fanteria (lettera "S")
Placca posteriore di un veicolo di mobilità della fanteria ATF Dingo con formato utilizzato dal 2009

Dal 1999 sui veicoli corazzati dell'esercito, che non siano stati immatricolati in precedenza, sono dipinte targhe che si contraddistinguono per la bandiera nazionale a sinistra al posto della banda blu UE, seguita da un numero di cinque cifre che parte da 00001, un trattino ed una lettera od un numero identificativo della categoria (vedi infra); i caratteri sono bianchi su fondo nero.
Per i blindati da combattimento ATF Dingo, dal 2009 vengono emesse targhe con colori invertiti, cioè a caratteri neri su fondo bianco, e di alluminio come quelle ordinarie. Nelle targhe posteriori, su doppia linea, in alto sono posizionate la bandiera e le prime due cifre, mentre le restanti tre cifre, il trattino e la lettera "D" si trovano sulla linea inferiore[3].

Codici e categorie corrispondenti nelle targhe dei mezzi corazzati[modifica | modifica wikitesto]

Codice Categoria del veicolo[4]
09 Obice M109 semovente
60 Carro armato medio M60A3
78 Veicolo corazzato da recupero M578
88 Veicolo corazzato da recupero M88A1
D, DG Veicolo di mobilità della fanteria ATF Dingo
G Veicolo corazzato da recupero Bergepanzer Greif
J Cacciacarri Jaguar 1
K Cacciacarri Kürassier
L Carro armato medio Leopard 2
P Veicolo corazzato d'ingegneria Pionierpanzer A1
R Veicolo corazzato della fanteria
S Veicolo corazzato cingolato della fanteria
U Veicolo da combattimento della fanteria Ulan

Formato senza banda blu[modifica | modifica wikitesto]

Targa con formato 1990–11/2002

Dal 1990 a novembre del 2002 venivano utilizzate targhe di formato identico a quello in uso oggi, senza però la banda blu dell'Unione europea. I proprietari dei veicoli immatricolati nel periodo sopra specificato hanno dovuto incollarla a sinistra della placca anteriore e posteriore.

Elenco dei codici in uso[modifica | modifica wikitesto]

Oberoesterreich Wappen.svg Alta Austria Niederösterreich CoA.svg Bassa Austria Burgenland Wappen.svg Burgenland Kaernten shield CoA.svg Carinzia Salzburg Wappen.svg Salisburghese
Steiermark Wappen.svg Stiria AUT Tirol COA.svg Tirolo Wien Wappen.svg Vienna Vorarlberg CoA.svg Vorarlberg Austria Bundesadler.svg Sigle speciali
  • W
    • Vienna / Wien (città)
    • Autorità governative del Land Vienna
  • WD - Corpo diplomatico nel Land Vienna (Wien Diplomat)
  • WK - Corpo consolare nel Land Vienna (Konsularkorps Wien)

Targhe colorate[modifica | modifica wikitesto]

Immagine Uso o categoria del veicolo
Austria trial license plate - IL 65 IH.jpg Targhe azzurre con caratteri bianchi. Identificano targhe per test drive e sono utilizzate da titolari di concessionarie, autofficine, garage. Il fissaggio può essere provvisorio.
Austria Villach-Land license plate - VL-48-UY (95).jpg Targhe azzurre con caratteri bianchi e fascia rossa a destra (in basso a destra nelle piastre su doppia linea, in basso in quelle dei ciclomotori). Vengono usate per immatricolazioni provvisorie, nei casi in cui il proprietario del veicolo non abbia la residenza in Austria o una società abbia sede legale all'estero. A destra è posizionata una fascia rossa al cui interno sono scritte le ultime due cifre dell'anno di validità (per esempio 16 sta per 2016). La loro durata massima è di un anno.
Austria export license plate.JPG Targhe di colore verde acqua o verde scuro con caratteri bianchi. Identificano targhe temporanee assegnate a veicoli importati in Austria o da esportare. A destra è indicata in un bollino rotondo la data di scadenza della validità (giorno, mese ed anno). Possono essere fissate provvisoriamente.
Deckkennzeichen.jpg Targhe rosse con caratteri bianchi. Sono utilizzate in portabiciclette da installare sul gancio di traino oppure in rimorchi immatricolati all'estero che devono essere trainati da trattori stradali immatricolati in Austria, a condizione che il conducente dimostri che deve effettuare il trasporto dall'estero verso il territorio austriaco;
IL 77 J0.JPG
Targhe rosse di dimensioni ridotte (vd. sopra) con caratteri bianchi. Sono apposte su ciclomotori e quadricicli non alimentati da motori elettrici; la serie è composta dalla sigla della zona di immatricolazione, un trattino e un blocco alfanumerico, generalmente di quattro o cinque caratteri, distribuito su due righe.

Sigle cessate[modifica | modifica wikitesto]

Land Stiria Steiermark Wappen.svg[modifica | modifica wikitesto]

Land Bassa Austria Niederösterreich CoA.svg[modifica | modifica wikitesto]

Sigle speciali Austria Bundesadler.svg[modifica | modifica wikitesto]

  • ZW - Guardia Doganale (Zollwache) fino al 31/12/2004, dal 2005 → FV

Sistema utilizzato dal 1947 al 1990[modifica | modifica wikitesto]

Targa di un veicolo immatricolato nel Land Stiria con formato utilizzato dal 1973 al 1990
Targa di un rimorchio del Land Alta Austria (1973–1990)
Esempio di piatto d'immatricolazione per motocicli del vecchio formato

Dal 1947 al 1990 le targhe erano nere con caratteri bianchi e misuravano 460 × 120 mm. L'unica lettera (soltanto la sigla del Land Stiria ne aveva due, la seconda delle quali minuscola), indicante lo Stato federato dove il veicolo era stato immatricolato, era seguita da un numero composto da un massimo di sei cifre; prima delle ultime tre era posizionato un punto, non presente nelle targhe su doppia riga per motocicli e ciclomotori.
Nei Länder che avevano esaurito tutte le combinazioni numeriche possibili, dal 1º ottobre 1972 la serie diventò alfanumerica, cioè al posto della cifra corrispondente alle centinaia (cioè la prima dopo il punto) venne assegnata una delle seguenti lettere: A, C, E, J, M, R, U, X, Y, Z (es.:N 12.A34). Dal 23 gennaio 1981 furono utilizzate tutte le lettere dell'alfabeto tranne B, I, O, Q e W.
Nelle targhe dei veicoli immatricolati nell'Alta Austria, per evitare che la lettera "O" venisse letta come la cifra "0", si inseriva un trattino prima delle cifre.
Le piastre colorate avevano lo stesso significato di quelle emesse dal 1990. Le targhe dei motocicli di cilindrata non superiore a 50 cm³ ma più veloci dei ciclomotori avevano fondo nero e scritte bianche come quelle ordinarie, dalle quali si differenziavano unicamente per una fascia arancione riflettente sotto la targa. Le placche dei rimorchi si distinguevano per il bordo rosso.

Le sigle automobilistiche e i Länder corrispondenti erano i seguenti:

Targhe e sigle automobilistiche dell'Impero austro-ungarico[modifica | modifica wikitesto]

L'arciduca Eugenio d'Asburgo-Teschen a bordo della prima vettura imperiale (immatricolata a Vienna, sigla "A") a Bad Ischl nel 1906

Fin dal 1906 l'Austria usava targhe bianche che si componevano di una combinazione in nero formata dalla lettera identificativa del Land seguita dal numero di serie, tenendo presente però la particolarità per cui le migliaia erano indicate con numeri romani. Le lettere non erano le iniziali dei nomi degli attuali Länder, ma erano state assegnate in ordine alfabetico seguendo un immaginario itinerario attraverso l'impero[10]. All'imperatore Carlo I erano riservate autovetture le cui targhe avevano il solo stemma della corona dell'Austria o dell'Ungheria su fondo bianco.
Le aree d'immatricolazione e le rispettive sigle erano le seguenti:

Tale sistema fu mantenuto fino al 1930, anche dopo il disastro della Grande Guerra.
Per il nuovo Land del Burgenland, ceduto dall'Ungheria nel 1921, venne riciclata la lettera "M" rimasta libera.
I piatti d'immatricolazione dei veicoli di proprietari stranieri, in visita o missione diplomatica nell'impero, si distinguevano per una lettera rossa al termine della serie alfanumerica: una G in Bosnia-Erzegovina, una U in Ungheria ed una Z nelle restanti aree d'immatricolazione sopra elencate[11].

  K IV 529  
Schema di una targa di Trieste

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. http://www.dna.nl/austria3.htm, dov'è riportato l'elenco con i codici numerici e i Paesi o le organizzazioni internazionali corrispondenti.
  2. ^ Andrea Tarquini, Targhe auto in Austria: proibite quelle "naziste" e con allusioni al terrorismo, su repubblica.it, 31 luglio 2015.
  3. ^ Austria Y2K, su www.plateshack.com. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  4. ^ Neil Parker - John Weeks, Registration Plates of the World, Fourth Edition, L J Print Group, Yeovil, Somerset, United Kingdom 2004, ISBN 0-9502735-7-0, p. 72.
  5. ^ (DE) Bundesgesetzblatt für die Republik Österreich,Teil II, Nummer 394, su www.ris.bka.gv.at, 10 dicembre 2019.
  6. ^ Umgebung = "dintorni".
  7. ^ Fino al 30/06/2013 questa sigla identificava il distretto di Bruck an der Mur.
  8. ^ La prima cifra dopo la sigla indica il Land: 1 = Burgenland, 2 = Carinzia, 3 = Bassa Austria, 4 = Alta Austria, 5 = Salisburghese, 6 = Stiria, 7 = Tirolo, 8 = Vorarlberg, 9 = Vienna.
  9. ^ La numerazione è seguita dalla sigla del distretto.
  10. ^ La parte ungherese usava però targhe proprie.
  11. ^ (DE) Michael Kustermann, License Plates of the World, su www.worldlicenseplates.com. URL consultato il 2 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]