TT17

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
TT17
Tomba di Nebamon
TT17.jpg
Planimetria schematica della tomba TT17
CiviltàAntico Egitto
Utilizzotomba
EpocaXVIII dinastia
Localizzazione
StatoEgitto Egitto
LocalitàLuxor
Amministrazione
PatrimonioNecropoli di Dra Abu el-Naga
EnteMinistry of State for Antiquities
Visitabile
Mappa di localizzazione

Coordinate: 25°43′59.88″N 32°36′00″E / 25.7333°N 32.6°E25.7333; 32.6

imn
n
V30
[1]
Nebamun
in geroglifici
Mappa di localizzazione: Egitto
Necropoli di Tebe
Necropoli di Tebe
La posizione della necropoli di Tebe in Egitto

TT17 (Theban Tomb 17) è la sigla che identifica una delle Tombe dei Nobili[N 1][2] ubicate nell’area della cosiddetta Necropoli Tebana, sulla sponda occidentale[N 2] del Nilo dinanzi alla città di Luxor[N 3][3], in Egitto. Destinata a sepolture di nobili e funzionari connessi alle case regnanti, specie del Nuovo Regno, l'area venne sfruttata, come necropoli, fin dall'Antico Regno e, successivamente, sino al periodo Saitico (con la XXVI dinastia) e Tolemaico.

Titolare[modifica | modifica wikitesto]

TT17 Era la tomba di:

Titolare Titolo Necropoli[N 4] Dinastia/Periodo Note[N 5]
Nebamon Scriba e medico del re Dra Abu el-Naga XVIII dinastia (Amenhotep II) (?) sulla collina a circa 150 yards (circa 140 m) sopra il deposito, a nord-ovest della TT16

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nebamon, medico reale e scriba, fu figlio di Nebseny, giudice. Il nome della moglie, non completamente preservato, è stato interpretato come Ta[..]nefer[1].

La tomba[modifica | modifica wikitesto]

La tomba, che presenta vivide scene di vita anche privata, ricalca lo stile tipico del periodo a "T" rovesciata. Ad un ingresso, in cui la decorazione parietale rappresenta il defunto in offertorio agli dei Anubi e Amon nonché allo stesso defunto e alla moglie, sotto la cui sedia un cane mangia frutta e cipolle, da parte di un uomo (il figlio?). In altre scene il defunto offre, portate da piccole fanciulle, specchi e piccoli contenitori di kohl ai suoi genitori in presenza di musicisti tra cui un'arpista e un suonatore di liuto. Poco oltre, il defunto, con un assistente, sovrintende al riempimento di contenitori di grano e alla loro pesatura mentre giovani donne gli offrono del vino ed altre sono intente a cuocere cibi in un forno e a fabbricare la birra.

Un altro breve corridoio conduce ad una camera in cui le rappresentazioni parietali concernono scene di offertorio del defunto e della moglie agli dei Anubi e Osiride; sono inoltre presenti inni dedicati a Ra, scene del corteo funebre e del pellegrinaggio ad Abydos nonché processioni funerarie e offertori in presenza della mummia[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La prima numerazione delle tombe, dalla n.ro 1 alla 253, risale al 1913 con l’edizione del "Topographical Catalogue of the Private Tombs of Thebes" di Alan Gardiner e Arthur Weigall. Le tombe erano numerate in ordine di scoperta e non geografico; ugualmente in ordine cronologico di scoperta sono le tombe dalla 253 in poi.
  2. ^ I campi della Duat, ovvero l'aldilà egizio, si trovavano, secondo le credenze, proprio sulla riva occidentale del grande fiume.
  3. ^ Nella sua epoca di utilizzo, l'area era nota come "Quella di fronte al suo Signore" (con riferimento alla riva orientale, dove si trovavano le strutture dei Palazzi di residenza dei re e i templi dei principali dei) o, più semplicemente, "Occidente di Tebe".
  4. ^ le Tombe dei Nobili, benché raggruppate in un'unica area, sono di fatto distribuite su più necropoli distinte.
  5. ^ Le note, sovente di inquadramento topografico della tomba, sono tratte dal "Topographical Catalogue" di Gardiner e Weigall, ed. 1913 e fanno perciò riferimento alla situazione dell'epoca.
  6. ^ La rappresentazione del lago di Nebamon è sintomatica dei canoni dell'arte egizia in cui, benché è noto che i pittori egizi sapessero rappresentare la prospettiva, la cosa più importante era che ogni soggetto fosse facilmente e incontestabilmente identificabile. Perciò lago in pianta, ma alberi che lo circondano, e pesci nel lago, rigorosamente di profilo.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]