Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Suddivisione amministrativa della Cina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Divisione amministrativa cinese.

La suddivisione amministrativa della Cina sin dall'antichità si è sempre basata su più livelli di suddivisione per governare al meglio il vasto territorio e l'elevata popolazione.

La Costituzione della Cina stabilisce de iure tre livelli di suddivisione, ma de facto nella Cina continentale vi sono cinque livelli di governo locale: la provincia, la prefettura, la contea, il comune e il villaggio. La Repubblica di Cina sull'isola di Taiwan utilizza un sistema leggermente diverso basato su province semplificate e nessun livello di tipo prefettizio (si veda la suddivisione amministrativa di Taiwan). Le province da sempre rivestono un importante ruolo culturale in Cina. I cinesi tendono a identificarsi con la provincia nativa e solitamente a ogni territorio provinciale corrispondono determinati stereotipi riferiti alla popolazione. I confini della maggior parte delle province cinesi furono definiti al tempo della tarda dinastia Ming. Dopo la vittoria delle forze comuniste (1949) i maggiori cambiamenti territoriali provinciali hanno interessato le province del nord-est e la creazione delle regioni autonome sulla base della teoria sovietica della nazionalità.

Livelli[modifica | modifica wikitesto]

La Costituzione della Repubblica Popolare Cinese stabilisce tre livelli di suddivisione amministrativa: la provincia, la contea e il comune. Di fatto esistono altri due livelli: la prefettura (subordinata alla provincia); e il villaggio (subordinato al comune). Esiste anche un sesto livello: il pubblico ufficio distrettuale o distretto, subordinato alle contee, in via di abolizione. Ogni livello di suddivisione amministrativa corrisponde a un livello nella carriera del servizio civile della Repubblica Popolare Cinese.

Livello delle province[modifica | modifica wikitesto]

La Cina amministra trentatré suddivisioni di livello provinciale di cui: ventidue province, cinque regioni autonome, quattro municipalità e due regioni amministrative speciali. Taiwan amministra invece due municipalità e due province (sebbene entrambi i governi provinciali siano stati semplificati).

Nella Cina continentale le province teoricamente sono sottomesse al governo centrale di Pechino, ma nella pratica gli amministratori provinciali, nella scelta della politica economica, dispongono di un buon grado di autonomia. Fino ai primi anni novanta, a differenza degli Stati Uniti d'America e ad eccezione dell'esercito, il potere del governo centrale del secolo scorso non è mai stato esercitato attraverso un sistema parallelo di istituzioni. L'attuale potere delle province ha creato un sistema politico che diversi economisti definiscono come un federalismo aventi peculiari caratteristiche cinesi.

I territori della maggior parte delle province, ad esclusione di quelle del nord-est, furono definiti durante le dinastie Yuan, Ming e Qing. A volte i confini provinciali non corrispondono ai confini culturali o geografici e questa differenza costituisce un fenomeno conosciuto come: "intreccio dei denti di cane". Lo stesso fenomeno può essere spiegato con il motto: "divide et impera" ed era parte della politica imperiale di controllo del separatismo e delle ribellioni dei signori della guerra. Tuttavia oggi le province rivestono un ruolo culturale di rilievo, dove le popolazioni si identificano soprattutto con la provincia di nascita e ad ogni provincia corrisponde un insieme di stereotipi riferito agli abitanti.

Le modifiche più recenti all'amministrazione di livello provinciale sono state: la creazione della provincia dell'Hainan e della municipalità di Chongqing; l'organizzazione dei territori di Hong Kong e Macao in regioni ad amministrazione speciale.

A Taiwan, Taipei e Kaohsiung sono state elevate al rango di municipalità centralizzata dopo il ritiro del governo guidato dal partito Kuomintang.

Province[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: province della Cina.

Le province sono il tipo più comune di suddivisione di livello provinciale.

Nome Capoluogo Area (km²) Popolazione
(in milioni di abitanti)
Hebei (河北S) Shijiazhuang 190.000 66,14
Shanxi (山西S) Taiyuan 156.000 32,04
Liaoning (辽宁S) Shenyang 145.700 41,71
Jilin (provincia) (吉林S, JilinP) Changchun 187.000 26,58
Heilongjiang (黑龙江S) Harbin 469.000 37,92
Jiangsu (江苏S) Nanchino 102.600 72,13
Zhejiang (浙江S) Hangzhou 101.800 44,75
Anhui (安徽S) Hefei 139.000 62,37
Fujian (福建S) Fuzhou 120.000 33,16
Jiangxi (江西S) Nanchang 166.600 42,31
Shandong (山东S) Jinan 153.000 88,83
Henan (河南S) Zhengzhou 167.000 93,87
Hubei (湖北S) Wuhan 187.400 59,38
Hunan (湖南S) Changsha 210.000 65,32
Guangdong (广东S) Canton 186.000 72,70
Hainan (海南S) Haikou 34.000 7,62
Sichuan (四川S) Chengdu 488.000 85,50
Guizhou (贵州S) Guiyang 170.000 37,10
Yunnan (云南S) Kunming 394.000 41,92
Shaanxi (陕西S) Xi'an 205.000 36,18
Gansu (甘肃S) Lanzhou 450.000 25,43
Qinghai (青海S) Xining 720.000 5,10
Province contese[modifica | modifica wikitesto]
Nome Capitale Area (km²) Popolazione
(in milioni di abitanti)
Taiwan (臺灣/台湾) Taipei 36.000 21,74 (fine 1997)

Sin dalla creazione della Repubblica Popolare Cinese (1949) Taiwan è stata considerata una provincia della repubblica comunista. La Repubblica di Cina controlla tuttora l'intera provincia reclamata dalla Repubblica Popolare Cinese, costituita dall'isola di Taiwan e dall'arcipelago delle isole Penghu (o isole Pescadores). Taiwan controlla anche altri due gruppi di piccole isole più vicine alla costa, le Kinmen (come contea di Kinmen) a ovest e le isole Matsu (come contea di Lienchiang) a nord-ovest; entrambi i gruppi sono amministrati dalla provincia del Fujian taiwanese. Il governo di Taiwan reclama infine ufficialmente tutta la Cina continentale, il Tibet, la Mongolia esterna e la Repubblica di Tuva (entità federale della Russia).

Sebbene le rivendicazioni territoriali della Repubblica di Cina siano state fatte cadere nel 1991 dall'allora presidente Lee Teng-hui, che dichiarò cessato il periodo della ribellione comunista e abrogò le relative leggi che dal 1949 limitavano fortemente la democrazia sull'isola,[1] l'Assemblea nazionale di Taiwan non ha ufficialmente approvato questo cambio di politica.

Le mappe della Cina pubblicate a Taiwan mostrano spesso i confini provinciali del territorio prima della vittoria comunista del 1949 e includono le aree territoriali reclamate dalla Repubblica di Cina.

Regioni autonome[modifica | modifica wikitesto]

Le cinque regioni autonome sono suddivisioni amministrative della Repubblica Popolare Cinese di livello provinciale. Il territorio delle regioni autonome racchiude minoranze etniche e la costituzione garantisce maggiori diritti. Le regioni autonome dispongono della figura del presidente (le province regolari hanno dei governatori) che deve appartenere ad un gruppo etnico definito dalla regione autonoma (tibetano, uiguro e così via).

Le regioni autonome sono state stabilite dal governo comunista sull'esempio della politica sovietica della nazionalità.

Nome Capoluogo Area (km²) Popolazione
(in milioni di abitanti)
Guangxi (广西壮族S) Nanning 236 300 47,13
Mongolia interna (内蒙古S) Hohhot 1 183 000 23,62
Ningxia (宁夏回族S) Yinchuan 66 400 5,43
Xinjiang (新疆维吾尔族S) Urumqi 1 600 000 17,74
Regione Autonoma del Tibet (西藏S, Xizang/TibetP) Lhasa 1 220 000 2,56

Municipalità[modifica | modifica wikitesto]

Le municipalità sono città di vaste dimensioni che godono di uno status amministrativo pari a quello delle province. Le municipalità amministrano direttamente le contee e non sono quindi dotate del livello di suddivisione della prefettura. Nella pratica l'area metropolitana è solo una parte minore dell'area totale della municipalità: il resto del territorio è occupato da campagna e altre città. Chongqing costituisce un esempio estremo di questa caratteristica delle municipalità cinesi: la popolazione rurale di Chongqing supera la popolazione urbana.

Nella Repubblica Popolare Cinese esistono quattro municipalità.

Nome Area (km²) Popolazione
(in milioni di abitanti)
Pechino (北京S, BeijingP) 16 800 12,57
Chongqing (重庆S) 82 000 30,75
Shanghai (上海S) 6 200 14,74
Tianjin (天津S) 11 300 9,59

La Repubblica di Cina amministra due municipalità che sono piuttosto differenti dalle municipalità della Repubblica Popolare Cinese: amministrano un territorio che corrisponde solo a una frazione dell'area metropolitana della città.

Nome Area (km²) Popolazione
(in milioni di abitanti)
Kaohsiung (高雄S) 154 1,51
Taipei (台北S) 272 2,62

La Repubblica Popolare Cinese non considera legittimo il governo della Repubblica di Cina e quindi non riconosce le modifiche amministrative dell'isola di Taiwan come la creazione delle due municipalità. La Repubblica Popolare Cinese considera Taipei la capitale della provincia di Taiwan (il capoluogo della provincia di Taiwan stabilito dalla Repubblica di Cina è Jhongsing).

Regioni amministrative speciali[modifica | modifica wikitesto]

Le regioni amministrative speciali (abbreviazione inglese: SAR), Hong Kong e Macao, sono regioni amministrative locali della Repubblica Popolare Cinese che godono di una maggiore autonomia grazie al principio: "un solo Paese, due sistemi". Sono controllate direttamente dal governo centrale del popolo così come stabilito dall'articolo 12 delle leggi di base delle due regioni.

A differenza delle province, delle regioni autonome e delle municipalità, che vengono regolate dall'articolo 30 della Costituzione del 1982, le regioni amministrative speciali sono regolate dall'articolo 31 della Costituzione. Le due regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao sono state costituite nel 1997 e nel 1999 quando la sovranità delle due entità venne trasferita alla Repubblica Popolare Cinese dal Regno Unito e dal Portogallo.

Le regioni amministrative speciali gestiscono in modo autonomo: le corti d'appello, il sistema legale, le politiche per il rilascio del passaporto, la moneta, il controllo doganale, le politiche di immigrazione e l'estradizione. Le regioni amministrative speciali non controllano: le relazioni diplomatiche e la difesa nazionale.

Le regioni amministrative speciali partecipano a diverse organizzazioni internazionali e manifestazioni sportive con rappresentanti autonomi separati dalle delegazioni della Repubblica Popolare Cinese e non fanno uso della struttura amministrativa della Repubblica Popolare Cinese. Hong Kong è divisa in diciotto distretti dotati di un consiglio consultivo distrettuale, mentre Macao è divisa in due concelhos (municipio) e sette frequesias (comune) senza doveri formali.

Nome Area (km²) Popolazione
(in milioni di abitanti)
Hong Kong Hong Kong (香港S) 1104,0 7,2348
Macao Macao (澳门S) 29,2 0,5436

Livello delle prefetture[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: prefetture della Cina.

Il livello di suddivisione amministrativa delle prefetture esiste solo nella Repubblica Popolare Cinese e non a Taiwan. Al 31 dicembre 2005 vi erano 333 divisioni con status di prefettura di cui: 283 città, diciassette prefetture, trenta prefetture autonome e tre leghe.

Nella maggior parte dei casi le divisioni prefettizie sono città con status di prefettura. In realtà non sono vere e proprie città, ma territori che includono aree urbane e aree rurali. La maggior parte delle province è suddivisa in città con status di prefettura.

Le prefetture propriamente dette sono suddivisioni di livello prefettizio ed erano il livello di suddivisione amministrativa più diffuso in Cina prima della creazione delle città con status di prefettura durante gli anni novanta del secolo scorso. Oggi le prefetture sono suddivisioni principalmente limitate al territorio delle regioni autonome del Tibet e dello Xinjiang.

La lega è una suddivisione amministrativa di livello prefettizio tipica della regione autonoma della Mongolia interna. Oggi molte leghe sono state sostituite dalle città di livello prefettizio.

Le prefetture autonome sono prefetture create per specifiche minoranze etniche. Si trovano soprattutto nella parte occidentale della Repubblica Popolare Cinese.

Livello delle contee[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: contee della Cina.

Il livello amministrativo delle contee è il terzo negli enti locali del Paese dopo quelli delle province e delle prefetture. Al 31 dicembre 2005 esistevano nel Paese 2.862 suddivisioni di livello equivalente alla contea, tra cui: 1.464 contee, 117 contee autonome, 374 città-contee, 852 distretti, quarantanove banner, tre banner autonomi, due regioni speciali e un'area forestale. La Repubblica di Cina governa ventitré suddivisioni di tipo contea di cui: diciotto contee e cinque municipalità provinciali.

Contee[modifica | modifica wikitesto]

Le contee (; xiàn) sono la suddivisione più comune di questo livello amministrativo. Esistono sin dal periodo dei regni combattenti (476 a.C.-221 a.C.) e furono istituzionalizzate al tempo della dinastia Qin (221 a.C.-207 a.C.). Con riferimento alla Cina imperiale il termine xiàn viene di solito tradotto come "distretto" o "prefettura".

Contee autonome[modifica | modifica wikitesto]

Le contee autonome (自治县; zìzhìxiàn) sono amministrazioni di territori la cui popolazione è costituita principalmente da minoranze etniche o che sono stati storicamente dominati nel passato da tali etnie. Il secondo caso è il più reale a fronte dei massicci esodi della popolazione han voluti dai vari governi cinesi nei territori conquistati, che hanno messo in minoranza i popoli locali.

Secondo lo stesso principio sono state istituite le regioni autonome a livello provinciale e le prefetture autonome a livello prefettizio.

Città-contea[modifica | modifica wikitesto]

Le "città-contea" (县级市; xiànjíshì), come le città-prefettura, non sono città nel senso tradizionale, ma municipalità il cui territorio è stato esteso ad inglobare quello della contea. Tale territorio è quindi composto da un centro abitato principale, altri minori e vaste aree rurali, paragonabile a quello di una provincia italiana.

Il cambiamento è stato apportato a partire dagli anni ottanta e anche negli ultimi anni vi sono state contee assorbite dalla municipalità in precedenza capoluogo della stessa contea. Nella Repubblica di Cina le città-contea sono denominate città provinciali.

Città-viceprefettura[modifica | modifica wikitesto]

Le "città-viceprefettura" o "città-sottoprefettura" (副地级市; fùdìjíshì) sono un tipo di ente che ufficialmente fa parte delle "città-contea", ma hanno di fatto poteri amministrativi superiori, intermedi tra la città-prefettura e la città-contea.

Alcune, come le città-contea, fanno parte della giurisdizione di una prefettura; altre sono amministrate direttamente dal governo provinciale.

Distretti[modifica | modifica wikitesto]

Anche i distretti (市辖区; shìxiáqū) sono suddivisioni amministrative che hanno ottenuto lo status di contea. Nel passato amministravano esclusivamente aree urbane. Oggi molti dei vecchi distretti hanno inglobato i territori rurali limitrofi e attualmente amministrano città, villaggi e campagne.

[modifica | modifica wikitesto]

I banner (, pinyin: , letteralmente "bandiere") sono le contee della Mongolia interna e godono dello stesso status amministrativo delle altre contee.

[modifica | modifica wikitesto]

I banner autonomi (; ) sono le contee autonome della Mongolia interna e, al pari di quelle delle altre province, buona parte della popolazione è formata da individui appartenenti alle minoranze etniche cinesi.

Altre unità amministrative con status equivalente a quello delle contee[modifica | modifica wikitesto]

Esistono inoltre alcuni tipi di suddivisioni speciali equiparati alla contea. Shennongjia è un'area forestale (林区; línqū) con status di contea della provincia dell'Hubei; Liuzhi e Wanshan sono distretti speciali (特区; tèqū) della provincia del Guizhou.

Livello dei comuni[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2005 esistevano 43.275 suddivisioni di livello comunale di cui: 19.322 città, 13.749 comuni, 1.098 comuni etnici, 181 sumu, un sumu etnico, 6.686 sotto-distretti e tre uffici pubblici distrettuali nella Repubblica Popolare Cinese. La Repubblica di Cina, allo stesso livello di suddivisione amministrativa, governa trentadue città-contee, 226 comuni rurali e sessantuno comuni urbani.

Nella Repubblica Popolare Cinese le aree urbane sono divise in sotto-distretti (街道办事处; jiēdàobànshìchù), al contrario delle aree rurali divise in città (; zhèn), comuni (; xiāng) e comuni etnici (民族乡; mínzúxiāng). Il sumu (苏木; sūmù) e il sumu etnico (民族苏木; mínzúsūmù) sono suddivisioni tipiche della regione autonoma della Mongolia Interna e corrispondono rispettivamente al comune e al comune etnico.

La Repubblica di Cina è suddivisa in città-contee, città di livello comunale non presenti nella Repubblica Popolare Cinese, e comuni urbani e rurali simili ai comuni della Cina continentale.

Il pubblico ufficio distrettuale (区公所; qūgōngsuǒ) è un livello di suddivisione amministrativa tipico della Cina continentale che un tempo rappresentava un livello di governo ulteriore tra livello delle contee e livello dei comuni. Il pubblico ufficio distrettuale è una suddivisione obsoleta e le autorità governative sono intenzionate a cancellarla dalle suddivisioni amministrative della Repubblica Popolare Cinese.

Livello dei villaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il livello dei villaggi riveste il ruolo di suddivisione organizzativa (censimento, sistema postale e così via) e non è dotato di molta importanza in termini di potere politico rappresentativo. Le divisioni locali di base, come comunità e quartieri, hanno confini definiti e capi designati per ciascuna area.

Generalmente le aree urbane sono organizzate in comitati di quartiere; le aree non urbane, al contrario, sono organizzate in comitati di villaggio o gruppi di abitanti. Il termine "villaggio" indica quindi: un villaggio naturale o un villaggio amministrativo (una mera entità burocratica). Una città può essere suddivisa in quartieri e comunità che sostituiscono comitati di quartiere e sotto-distretti.

Casi speciali[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene ogni singola suddivisione amministrativa sia associata a un preciso e definito livello di suddivisione, in certi casi la singola entità può essere dotata di maggiore autonomia. Ad esempio, alcune delle più estese città di livello prefettizio godono di maggiore autonomia e vengono quindi denominate città sub-provinciali. Queste particolari entità detengono un potere maggiore delle normali prefetture all'interno delle province.

Anche al livello delle contee esistono simili casi speciali. Alcune città con status di contea detengono una maggiore autonomia di una normale contea e quindi sono denominate città di livello sub-prefettizio. Spesso le città di livello sub-prefettizio sono amministrate direttamente dalla provincia di appartenenza.

Un caso estremo è rappresentato dal distretto di Pudong della municipalità di Shanghai. Sebbene il livello di appartenenza dovrebbe essere quello delle contee, il distretto di Pudong è dotato di poteri sub-provinciali.

Sintesi dei livelli di suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

La tabella sintetizza i livelli di amministrazione della Repubblica Popolare Cinese.

Livello Nome Tipologia
1 Livello delle province
  • Provincia (省 shěng) (22)
  • Regione autonoma (自治区 zìzhìqū) (5)
  • Municipalità (直辖市 zhíxiáshì) (4)
  • Regione amministrativa speciale (特别行政区 tèbié xíngzhèngqū) (2)
2 Livello delle prefetture
  • Prefettura (地区 dìqū) (17)
  • Prefettura autonoma (自治州 zìzhìzhōu) (30)
  • Città con status di prefettura (地级市 dìjíshì) (283)
  • Lega (盟 méng) (3)
3 Livello delle contee
  • Contea (县 xiàn) (1.464)
  • Contea autonoma (自治县 zìzhìxiàn) (117)
  • Città con status di contea (县级市 xiànjíshì) (367)
  • Distretto (市辖区 shìxiáqū) (855)
  • Banner (旗 ) (49)
  • Banner autonomo (自治旗 zìzhìqí) (3)
  • Area forestale (林区 línqū) (1)
  • Distretto speciale (特区 tèqū) (2)
4 Livello dei comuni
  • Comuni (乡 xiāng) (13.749)
  • Comuni etnici (民族乡 mínzúxiāng) (1.098)
  • Città (镇 zhèn) (19.322)
  • Sotto-distretti (街道办事处 jiēdàobànshìchù) (6.686)
  • Ufficio pubblico distrettuale (区公所 qūgōngsuǒ) (3)
  • Sumu (苏木 sūmù) (181)
  • Sumu etnico (民族苏木 mínzúsūmù) (1)
5 Livello dei villaggi (informale)
  • Comitato di quartiere (居民委员会 jūmínwěiyuánhuì) (80.717)
    • Quartiere (社区; shèqū)
  • Comitato di villaggio (村民委员会 cūnmínwěiyuánhuì) o gruppi del villaggio (村民小组 cūnmínxiǎozǔ) (623.669)
    • Villaggio amministrativo (行政村 xíngzhèngcūn)
    • Villaggio naturale (自然村 zìráncūn)

Nota: i dati sono aggiornati al 31 dicembre 2005.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima del dominio della dinastia Qin la Cina era controllata da una rete di monarchi, nobili e tribù. La rivalità tra questi gruppi culminò nel periodo dei regni combattenti durante il quale il regno di Qin prevalse divenendo la potenza dominante cinese.

La dinastia Qin stabilì il primo sistema cinese di suddivisione amministrativa per evitare che il Paese ricadesse nuovamente nel caos del periodo dei regni combattenti. Il sistema era basato su due livelli: i comandi jùn e le contee xiàn (il termine xiàn negli studi di sinologia è generalmente tradotto come "distretto" o "prefettura". Nell'articolo si usa il termine contemporaneo "contea"). La successiva dinastia Han aggiunse al sistema amministrativo il livello delle province.

La dinastia Sui e la dinastia Tang abolirono i comandi jùn e aggiunsero i "circuiti" al vertice del sistema. La dinastia mongola Yuan introdusse il livello delle moderne province portando i livelli del sistema amministrativo a quattro. Il sistema rimase invariato sino alla dinastia Qing, l'ultima dinastia imperiale a governare la Cina.

La Repubblica di Cina ridusse i livelli amministrativi alle sole province e contee e cercò di estendere l'amministrazione politica oltre il livello delle contee creando i comuni. Questo sistema venne ufficialmente adottato anche dalla Repubblica Popolare Cinese a partire dal 1949. Il governo di Pechino sperimentò fino al 1954 l'amministrazione di più province tramite appositi raggruppamenti amministrativi che oggi prevede ufficialmente tre livelli: province, contee e comuni. In realtà esistono anche i livelli delle prefetture e dei villaggi. Le ultime modifiche di rilievo al sistema di suddivisione amministrativa sono la creazione della municipalità di Chongqing e delle regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao.

Riforme[modifica | modifica wikitesto]

Molti ritengono che nei prossimi anni potrebbero esserci riforme significative della suddivisione amministrativa della Repubblica Popolare Cinese. Si ipotizza che potrebbe essere eliminato il livello delle prefetture. Una prova di questa ipotesi è il sempre più frequente trasferimento di poteri dalle prefetture alle contee.

Dettaglio delle suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Laura Li, A Pivotal President-- Lee Teng-hui's 12 Years, Taiwan Panorama, giugno 2000. URL consultato il 18 ottobre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cina Portale Cina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cina