Stefano Battistelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Battistelli
Stefano Battistelli.jpg
Stefano Battistelli (1988)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Nuoto Swimming pictogram.svg
Specialità dorso, misti, stile libero e staffette
Squadra Gymdomar, Imperidomar
Fiamme Gialle
Palmarès
Giochi olimpici Olympic rings with white rims.svg 0 0 2
Mondiali di nuoto 0 2 2
Europei di nuoto 2 1 2
Giochi del Mediterraneo 5 1 1
Universiadi 0 0 1
Europei giovanili 4 3 1
Campionati italiani 31 20 19
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Stefano "Bibi" Battistelli (Roma, 6 marzo 1970) è un ex nuotatore italiano, il primo uomo a vincere una medaglia ai Giochi olimpici nel nuoto, sedici anni dopo Novella Calligaris.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato un nuotatore polivalente a livello internazionale, capace di essere competitivo in tutti gli stili in cui ha gareggiato. All'inizio della sua lunga carriera è stato prevalentemente stileliberista, per poi ottenere migliori risultati nel dorso e nei misti, continuando a dare un'importante contributo quando ha nuotato nelle staffette.

Ha debuttato ai campionati europei giovanili di Ginevra del luglio 1985 appena quindicenne salendo sul podio nella staffetta 4 × 200 m stile libero, bronzo, e nei 400 e 1500 m stile libero, argento e oro, il suo primo internazionale. Poche settimane dopo ha vinto le sue prime medaglie ai campionati italiani assoluti. Nel 1986 ha proseguito la sua crescita vincendo il suo primo titolo italiano nei 1500 m stile libero per poi andare agli Europei giovanili di Berlino ovest, dove di medaglie ne ha vinte cinque: argento nei 200 m e nei 400 m stile libero, oro nei 1500 m, nei 200 m dorso e nei 400 m misti. Ad agosto viene convocato per i campionati mondiali di Madrid, e nella finale dei 1500 m stile libero migliora il primato italiano e arriva secondo battuto solo da Rainer Henkel e precedendo Daniel Jorgensen e Vladimir Sal'nikov.

Nel 1987 gareggia ad agosto ai campionati europei di Strasburgo dove partecipa a quattro finali: 200 m dorso e 400 m misti e le staffette 4 × 200 m stile libero e 4 × 100 m mista. Un mese dopo è a Latakia, in Siria, per i Giochi del Mediterraneo dove vince quattro ori: 100 e 200 m dorso, 400 m misti e 4 × 100 m mista. Nel 1988 ha vinto sei titoli italiani nei campionati primaverili ed estivi, ma quell'anno ci sono i Giochi della XXVI Olimpiade a Seul come evento più importante dell'anno. Nei 200 m dorso e nei 1500 m stile libero non supera le batterie, ma va in finale nei 400 m misti e vince, primo italiano maschio, una medaglia: bronzo dietro Tamás Darnyi e David Wharton.

Il 1989 è stato un altro anno positivo per Stefano: ai campionati europei di Bonn va ancora quattro volte sul podio vincendo un oro nella staffetta 4 × 200 m stile libero con Massimo Trevisan, Roberto Gleria e Giorgio Lamberti e un altro nei 200 m dorso; altri due podi vengono dai 400 m misti, terzo, e dalla 4 × 100 m mista, altro bronzo con Gianni Minervini, Marco Braida e Lamberti. Continua ad essere competitivo anche in Italia, vincendo otto campionati nazionali tra il 1989 e il 1990.

L'anno 1991 è cominciato a gennaio a Perth, con i campionati mondiali australiani in cui va cinque volte in finale: vince ancora il bronzo nei 400 m misti dietro a Tamás Darnyi e Eric Namesnik, e nella staffetta 4 × 200 m stile libero con Emanuele Idini, Gleria e Lamberti: la sua seconda medaglia d'argento ai mondiali la vince nei 200 m dorso, battuto da Martín López-Zubero ma davanti a Vladimir Selkov. Completano la sua partecipazione una finale nei 100 m dorso e il quinto posto nella 4 × 100 m mista con Minervini, Leonardo Michelottie Lamberti. Quell'anno ha gareggiato ancora in due occasioni ad Atene: a luglio per i Giochi del Mediterraneo è primo con la 4 × 200 m stile libero e secondo nei 200 m dorso; un mese dopo agli europei arriva ancora un argento nella 4 × 200 m stile libero, con la stessa formazione che ha nuotato ai mondiali.

Nel 1992 viene convocato per i Giochi Olimpici di Barcellona dove nuota come dorsista e staffettista: nei 200 m dorso va per la seconda volta su un podio olimpico, bronzo dietro a López-Zubero e a Selkov. Va in finale anche con la 4 × 200 m stile libero con Massimo Trevisan al posto di Idini.

Negli anni successivi non ha avuto il successo della sua prima parte di carriera; sia agli Europei di Sheffield del 1993 che ai campionati mondiali del 1994 disputati proprio a Roma, non è riuscito ad entrare in nessuna finale. C'è riuscito a Vienna agli Europei del 1995 nei 400 m misti: sesto. Non ha però preso parte ai giochi del 1996 ad Atlanta. Ha vinto ancora due medaglie internazionali nel 1997: bronzo nei 200 m dorso ai Giochi del Mediterraneo di Bari, gara in cui va poi in finale agli Europei di Siviglia per poi partecipare alle Universiadi a Messina dove arriva terzo nei 400 m misti. Ha concluso la sua carriera internazionale ai mondiali del 1998 ancora a Perth nuotando nei 200 m dorso: ai campionati italiani nel 1999 ha chiuso invece vincendo la staffetta 4 x 100 m mista.

È stato primatista italiano in gare diverse come gli 800 e i 1500 m stile libero, i 100 e i 200 m dorso, i 400 m misti e nelle staffette 4 x 200 m stile libero per undici anni e nella 4 x 100 m mista per nove.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici Olympic rings with white rims.svg 1500 m st. libero 100 m dorso 200 m dorso 400 m misti 4 × 200 m st. libero 4 × 100 m mista
1988 Seul
Corea del Sud Corea del Sud
20º in batteria
15'36"54
--- 17º in batteria
2'03"63
Bronzo
4'18"01
--- ---
1992 Barcellona
Spagna Spagna
--- 23º in batteria
57"40
Bronzo
1'59"40
--- 5º - 7'18"10
frazione: 1'51"04
Campionati del mondo 1500 m st. libero 100 m dorso 200 m dorso 400 m misti 4 × 200 m st. libero 4 × 100 m mista
1986 Madrid
Spagna Spagna
Argento
15'14"80
--- --- --- --- ---
1991 Perth
Australia Australia
---
57"03
Argento
1'59"98
Bronzo
4'16"50
Bronzo: 7'17"18
frazione: 1'50"22
5º - 3'42"29
frazione: 57"01
1994 Roma
Italia Italia
--- --- 2º in finale B
2'01"47
--- --- ---
1998 Perth
Australia Australia
--- --- 3º in finale B
2'03"03
--- --- ---
Campionati europei 1500 m st. libero 100 m dorso 200 m dorso 400 m misti 4 × 200 m st. libero 4 × 100 m mista
1987 Strasburgo
Francia Francia
--- ---
2'03"84

4'21"87
6º - 7'27"33
:
4º - 3'46"63
:
1989 Bonn
bandiera Germania Ovest
--- --- Oro
1'59"96
Bronzo
4'19"13
Oro: 7'15"39
frazione: 1'51"82
Bronzo: 3'43"14
frazione: 57"40
1991 Atene
Grecia Grecia
--- ---
2'00"89

4'22"23
Argento: 7'18"30
frazione: 1'51"38
---
1993 Sheffield
Regno Unito Regno Unito
--- --- elim. in batteria
2'02"01
elim. in batteria
4'26"44
--- ---
1995 Vienna
Austria Austria
--- --- elim. in semifinale
2'03"18

4'22"83
--- ---
1997 Siviglia
Spagna Spagna
--- ---
2'01"75
--- --- ---
Giochi del Mediterraneo --- 100 m dorso 200 m dorso 400 m misti 4 × 200 m st. libero 4 × 100 m mista
1987 Latakia
Rep. Araba Unita Siria
--- Oro
58"09
Oro
2'03"73
Oro
4'25"59
--- Oro: 3'44"60
:
1991 Atene
Grecia Grecia
--- --- Argento
2'02"33
--- Oro: 7'28"71
:
1997 Bari
Italia Italia
--- --- Bronzo
2'02"09
--- --- ---
Universiadi --- --- --- 400 m misti --- ---
1997 Messina
Italia Italia
--- --- --- Bronzo
4'25"66
--- ---
Europei giovanili 200 m st. libero 400 m st. libero 1500 m st. libero 200 m dorso 400 m misti 4 × 200 m st. libero
1985 Ginevra
Svizzera Svizzera
--- Argento
4'00"88
Oro
15'44"70
--- --- Bronzo: 7'43"86
:
1986 Berlino ovest
bandiera Germania Ovest
Argento
1'53"24
Argento
3'58"21
Oro
15'25"94
Oro
2'07"51
Oro
4'28"55
---
Altri risultati
Coppa latina (vengono elencate solo le gare individuali)
  • 1987: 100 m dorso: oro, 58"65
200 m dorso: oro, 2'05"47
400 m misti: oro,
  • 1988: 100 m dorso: oro, 57"41
200 m dorso: oro, 2'02"56
200 m misti: argento, 2'06"02
400 m misti: oro, 4'23"56
  • 1990: 100 m dorso: argento, 56"71
200 m dorso: oro, 2'01"41
400 m misti: oro, 4'19"53

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

23 titoli individuali e 8 in staffette, così ripartiti:

  • 4 nei 1500 m stile libero
  • 3 nei 100 m dorso
  • 6 nei 200 m dorso
  • 3 nei 200 m misti
  • 7 nei 400 m misti
  • 4 nella staffetta 4 × 200 m stile libero
  • 4 nella staffetta 4 × 100 m mista
  • nd = non disputata
Anno Edizione st.libero
400 m
st.libero
1500 m
st.libero
4×100 m
st.libero
4×200 m
dorso
100 m
dorso
200 m
misti
200 m
misti
400 m
mista
4×100 m
1985 Estivi 3 3 - - - - - 2 -
1986 Estivi 3 1 - - - - - 3 -
1987 Primaverili - 2 - - - - - 1 -
1987 Estivi - 3 - - - - - 1 -
1988 Primaverili - 1 3 2 1 1 - 1 3
1988 Estivi - 1 3 3 - 1 - - 3
1989 Primaverili - - - - - 1 1 1 -
1989 Estivi - - - - - 1 1 - 2
1990 Primaverili - - - - 1 1 - 1 -
1990 Estivi - - - 3 - - - - -
1991 Estivi - - - - 2 2 - - -
1992 Primaverili - - - - - - - 2 -
1992 Estivi - 1 - - - 1 1 - -
1993 Estivi - - - - - - - 1 -
1994 Estivi - - - - - 2 - - -
1995 Primaverili - - - 1 - - - - -
1995 Estivi - - - 1 - 2 2 2 2
1996 Primaverili - - - 1 3 3 - 3 2
1996 Estivi - - - 1 2 3 - - 1
1997 Primaverili - - - 2 3 2 - - -
1997 Estivi - - - 2 - 2 - 1 2
1998 Primaverili - - - 3 - - - - 1
1998 Estivi - - - 3 3 - - - 1
1998 Invernali - nd nd nd 1 2 - - nd
1999 Estivi - - - - - - - - 1

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 24 luglio 2003. Di iniziativa del Presidente della repubblica.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Stefano Battistelli, quirinale.it. URL consultato il 17 aprile 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aronne Anghileri, Alla ricerca del nuoto perduto, Cassina de' Pecchi, SEP editrice S.R.L., 2002, vol. II. ISBN 88-87110-27-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]