Siri Hustvedt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Siri Hustvedt

Siri Hustvedt (Northfield, 19 febbraio 1955) è una scrittrice, poetessa e saggista statunitense.

Nasce in Minnesota da genitori di origine norvegese; il padre, Lloyd Hustvedt, docente di letteratura scandinava e la madre Ester Vegan emigrano dalla Norvegia all'età di trent'anni.

Siri Hustvedt si diploma in Storia presso il St. Olaf College, in Minnesota, e consegue un Ph.D. in letteratura inglese presso la Columbia University (New York) con una tesi su Charles Dickens.

Nel 1990 e 1991 inizia la sua pubblicazione di poesie e brevi romanzi su The Paris Review e Fiction.

Nel 1998. pubblica il suo primo romanzo, La benda sugli occhi.

Nel 2004 si è imposta al pubblico mondiale con il libro What I loved, tradotto successivamente in italiano da Einaudi con il titolo Quello che ho amato.

Attualmente vive a Brooklyn con il marito Paul Auster e loro figlia Sophie, cantante e attrice.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • La benda sugli occhi (The Blindfold) (1992)
  • The Enchantment of Lily Dahl (1996)
  • Quello che ho amato (What I Loved) (2003)
  • Elegia per un americano (The Sorrows of an American) (2008)
  • L'estate senza uomini (The Summer Without Men) (2011)
  • Il mondo sfolgorante (The Blazing World) (2014)
  • Ricordi del futuro (Memories of the Future) (2019)

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Reading to You (1983)

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Yonder (1998)
  • Mysteries of the Rectangle: Essays on Painting (2005)
  • A Plea for Eros (2005)
  • La donna che trema (The Shaking Woman or A History of My Nerves) (2009)
  • Living, Thinking, Looking (2012) tradotto in italiano nel 2014: Vivere, pensare, guardare
  • Le illusioni della certezza (2018)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Premio Principessa delle Asturie per la letteratura (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principessa delle Asturie per la letteratura (Spagna)
— Oviedo, 22 maggio 2019[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4998691 · ISNI (EN0000 0001 0854 7885 · SBN RAVV108105 · LCCN (ENn87808224 · GND (DE115468943 · BNE (ESXX910281 (data) · BNF (FRcb14049363f (data) · J9U (ENHE987007262928205171 · NDL (ENJA00805767 · CONOR.SI (SL27107683 · WorldCat Identities (ENlccn-n87808224