Anne Carson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anne Carson (Toronto, 21 giugno 1950) è una poetessa, saggista, traduttrice e insegnante canadese.

Ha insegnato lettere classiche all'Università McGill, l'Università del Michigan e all'Università di Princeton dal 1980 al 1987. Per la sua attività poetica ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui la Guggenheim Fellowship nel 1998 e il MacArthur Fellows Program nel 2000.[1] All'attività artistica e di insegnante ha affiancato anche la traduzione di diversi classici del teatro greco, tra cui Elettra, Orestea, Antigone e Ifigenia in Tauride.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Odi et amo ergo sum (1981)
  • Eros the Bittersweet (1986)
  • Short Talks (1992)
  • Glass, Irony, and God (1995)
  • Plainwater (1995)
Antropologia dell'acqua. Riflessioni sulla natura liquida del linguaggio, Roma, Donzelli Editore, 2010. ISBN 978-8860364814
  • Autobiography of Red: A Novel in Verse (1998)
Autobiografia del rosso, Milano, Bompiani, 2000. ISBN 9788845244414
  • Economy of the Unlost: Reading Simonides of Ceos with Paul Celan (1999)
  • Electra (2001)
  • Men in the Off Hours (2001)
  • The Beauty of the Husband: A Fictional Essay in 29 Tangos (2001)
  • If Not, Winter: Fragments of Sappho (2002)
  • Decreation: Poetry, Essays, Opera (2005)
  • Grief Lessons: Four Plays by Euripides (2006)
  • An Oresteia (2009)
  • NOX (2010)
  • Antigonick (2012)
  • Red Doc> (2013)
  • Iphigenia among the Taurians (2014)
  • The Albertine Workout (2014)
  • Nay Rather (2014)
  • Float (2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN110404294 · ISNI: (EN0000 0001 2147 6276 · LCCN: (ENn85370220 · GND: (DE122416309 · BNF: (FRcb120964972 (data)