Sinfonia n. 36 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sinfonia n. 36
(Linz)
CompositoreWolfgang Amadeus Mozart
TonalitàDo maggiore
Tipo di composizioneSinfonia
Numero d'operaK 425, Catalogo Köchel
Epoca di composizioneLinz, fine ottobre - inizio novembre 1783
Prima esecuzioneLinz, 4 novembre 1783
PubblicazioneAndré, Offenbach, 1784
Autografoperduto
Durata media25 minuti
Organico2 oboi, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani, archi
Movimenti
  • I Adagio - Allegro spiritoso
  • II Poco adagio
  • III Minuetto
  • IV Finale: Presto

La Sinfonia n. 36 in Do maggiore K 425, anche conosciuta come Sinfonia Linz, fu composta da Wolfgang Amadeus Mozart alla fine del 1783, durante una breve permanenza di passaggio a Linz, dove Mozart e sua moglie Constanze sostarono durante il viaggio di ritorno a Vienna da Salisburgo.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mozart e sua moglie trovarono ospitalità presso il conte Joseph Anton Thun. Costui, conoscendo la bravura e la fama del compositore, aveva organizzato un concerto e Mozart, che non aveva portato con sé nulla, scrisse di getto la sinfonia in quei pochi giorni a disposizione.

La prima rappresentazione ebbe luogo appunto a Linz il 4 novembre 1783, quattro giorni dopo l'arrivo di Mozart in città. La première viennese ebbe invece luogo il 1º aprile 1784.[1]

La partitura autografa è andata perduta.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La strumentazione prevede due oboi, due fagotti, due corni, due trombe, timpani e archi.

Mozart SY36 Incipit.gif

Sono presenti quattro movimenti, coerentemente con i canoni della sinfonia del Classicismo:

  1. Adagio, 3/4 e Allegro spiritoso, 4/4
  2. Poco adagio, 6/8
  3. Minuetto, 3/4
  4. Presto, 2/4

Che la sinfonia fosse scritta per una occasione festosa può anche essere dedotto dalla tonalità di Do maggiore nonché dall'uso nell'orchestrazione delle trombe e dei timpani. Mozart tuttavia utilizza questi strumenti per dare alla sinfonia un carattere imponente e non galante; sono inoltre presenti più episodi di natura piuttosto introspettiva che saranno pienamente sviluppati nelle tre grandi sinfonie n. 39, n. 40 e n. 41.

Il secondo movimento ha un ritmo e metro alla siciliana, cosa rara nelle sinfonie giovanili di Mozart (usati soltanto nella n. 31 "Parigi") ma frequenti in opere sinfoniche successive come la Sinfonia n. 38 e la n. 40.[2]

Per la prima volta in una sinfonia di Mozart si ha una apertura con un tempo lento, alla maniera di Haydn, anzi, l'intero tessuto della sinfonia è permeato dall'influsso haydniano: il tono austero dell'andante, il trattamento del tema del minuetto e del suo trio (in forma di Ländler) e gli effetti presenti nel presto che chiude la sinfonia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Wolfgang Amadeus Mozart, Giglberger, Veronika (preface), Robinson, J. Branford (transl.), Die Sinfonien IV., Kassel, Bärenreiter-Verlag, 2005, XVII, ISBN. ISMN M-006-20466-3
  2. ^ Brown, A. Peter, The Symphonic Repertoire (Volume 2). Indiana University Press (ISBN 0-253-33487-X), pp. 401-406 (2002).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN183071265 · LCCN (ENn81118720 · GND (DE300111118 · BNF (FRcb13915169s (data)
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica