Sinfonia n. 23 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinfonia n. 23
Mozart at Melk09.jpg
Ritratto di Mozart nel 1770
Compositore Wolfgang Amadeus Mozart
Tonalità Re maggiore
Tipo di composizione Sinfonia
Numero d'opera K181 / 162b, Catalogo Köchel
Epoca di composizione Salisburgo, 19 maggio 1773
Organico

due oboi, due corni, due trombe, archi

Movimenti

Allegro spiritoso, Andantino grazioso, Presto assai

La Sinfonia n. 23 in Re maggiore K 181 è una composizione di Wolfgang Amadeus Mozart, completata a Salisburgo il 19 maggio 1773.[1]

È una delle cosiddette Sinfonie Salisburghesi, chiamate così da Alfred Einstein, il quale ipotizzò che fossero tutte state commissionate da uno sconosciuto mecenate italiano. Le altre sono la n. 22, n. 24 e n. 26.[2]

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La strumentazione prevede due oboi, due corni, due trombe e archi.

La sinfonia n. 23 è talvolta chiamata "Overture", anche se la partitura autografa segna come titolo "Sinfonia". Ciò è dovuto al fatto che la sinfonia è composta da un unico movimento ininterrotto costituito da 3 tempi diversi:[1]

  1. Allegro spiritoso, 4/4
  2. Andantino grazioso, 3/8
  3. Presto assai, 2/4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Wolfgang Amadeus Mozart, Giglberger, Veronika (preface), Robinson, J. Branford (transl.), Die Sinfonien III., Kassel, Bärenreiter-Verlag, 2005, p. XIII. ISBN. ISMN M-006-20466-3
  2. ^ Bernhard Paumgartner, Mozart, Torino, Einaudi 1994, p.172

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica