Sergei Polunin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sergei Polunin, Londra 2013

Serhij Volodymyrovyč Polunin (in ucraino: Сергій Володимирович Полунін?, in russo: Серге́й Влади́мирович Полу́нин?, internazionalmente noto come Sergei Polunin; Cherson, 20 novembre 1989) è un ballerino classico, attore e modello ucraino.

Come primo ballerino freelance, è ospite di diversi teatri in tutto il mondo[1][2][3] tra i quali Teatro alla Scala[4], Royal Ballet[5], Bol'šoj[6] Teatro di San Carlo[7], Teatro Lirico Moscovita Stanislavsky e Nemirovich-Danchenko,[2] e attualmente è ospite permanente presso il Bayerische Staatsballet[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Galina Polunina, casalinga e Vladimir Polunin, operaio, prende le sue prime lezioni di ballo a tre anni, a quattro entra in un'accademia di ginnastica artistica, dove comincia un serrato programma di allenamenti che da quel momento in poi scandiranno rigidamente la sua vita.[8] A otto anni una grave polmonite lo costringe per mesi a letto, e quando rientra in palestra è ormai molto indietro rispetto ai suoi compagni; a questo punto sua madre decide di tentare nuovamente con la danza.[9] Nel 1999 il giovane Sergei partecipa ad un'audizione per il Kiev's State Choreographic Institut, esibendosi in un'improvvisazione su un'aria di Pavarotti che colpisce particolarmente gli esaminatori, vista la sua giovane età.[9][10] Viene accettato e insieme alla madre, si trasferisce a Kiev. Sono anni difficili a causa dei problemi economici: madre e figlio vivono in un'unica stanza nella periferia della città, mentre il padre accetta di lavorare in Portogallo per riuscire a mantenerli,[11] finché nel 2003 grazie ad una borsa di studio della "Rudolf Nureyev Foundation", Polunin entra a far parte della British Royal Ballet School e si trasferisce a Londra.[12]

Distinguendosi ben presto per le sue doti, viene inserito in una classe di allievi due anni più grandi di lui.[13] Nel 2009 viene nominato primo solista e nel 2010 primo ballerino, il più giovane nella storia del Royal Ballet, a soli diciannove anni.[14] Ne segue una stagione professionalmente molto positiva, ma anche l'inizio di una profonda crisi personale che nei successivi due anni si manifesterà con vari segnali di irrequietezza e ribellione da parte dell'artista.[15][16] Comincerà a palesare la propria insofferenza anche pubblicamente e tramite i social network,[17] finché nel 2012 la situazione diventa tanto insostenibile per lui da spingerlo a rassegnare, nello stupore generale, le sue dimissioni dalla compagnia.[17]. Pur non fornendo ragioni ufficiali, tenterà di spiegare il suo gesto nel corso di successive interviste:[10] "Non riuscivo a trovare un equilibrio, dal punto di vista della danza, io sentivo di non poter decidere su nulla. Mi trovavo in un posto fantastico e lavoravo con persone fantastiche, ma paghi il prezzo di non poter decidere"[18] e ancora, "L'artista in me stava morendo"[19] Qualche giorno dopo si esibisce in Man in Motion, un progetto idealizzato dal collega ed amico Ivan Putrov focalizzato sulla danza al maschile, in quella che molti temono essere la sua ultima esibizione nel Regno Unito, se non addirittura il suo addio alla danza.[20]

Serhij Polunin nello studio dello scultore Richard MacDonald, 2011

Tuttavia Polunin non abbandona la danza e nei mesi seguenti si esibisce in giro per il mondo, senza unirsi stabilmente a nessuna compagnia[21] finché a giugno dello stesso anno si reca a San Pietroburgo per incontrare Igor Zelensky, direttore artistico del Teatro Lirico Stanislavsky e del Teatro dell'opera e del balletto di Novosibirsk. Zelensky, in passato primo ballerino con il Kirov Ballet, il New York City Ballet e il Royal Ballet, sembra comprendere immediatamente ciò di cui il giovane talento ha bisogno, offrendogli il ruolo di primo ballerino nella sua compagnia, ma allo stesso tempo garantendogli piena libertà di esibirsi altrove e di impegnarsi in altri progetti,[22] assumendo, come Zelensky stesso dichiara, il ruolo di un mentore e di un amico:[10] "Mi si può definire come si vuole: direttore, padre, fratello, amico [...] io mi preoccupo davvero di lui, di quello che mangia, dove va, cosa sta facendo. Perché ha bisogno di una spalla"[23]. A sua volta Polunin dice: "Io ho sempre pensato che fosse stata una fortuna aver conosciuto Igor e [Igor] mi ha detto che è una fortuna che lui abbia incontrato me. Dunque è reciproco"[24] Sarà proprio Zelensky a suggerirgli di partecipare al talent show televisivo russo "Big Ballet" dedicato alla danza,[8] talent che Polunin vince[25] e che gli conferisce una notevole popolarità soprattutto in Russia, a cui fanno seguito altre apparizioni televisive, collaborazioni con stilisti e servizi fotografici su varie riviste.[9] L'incontro con David La Chapelle e l'entusiasmo e l'interesse suscitato nel pubblico e nei media dai suoi nuovi progetti portano nuova linfa all'ispirazione di Polunin, che decide di coltivare parallelamente le passioni e i progetti che gli stanno a cuore, non come ballerino o attore o modello, ma come artista indipendente[26] [27]

Balletto e Danza[modifica | modifica wikitesto]

Il repertorio di Sergei Polunin è vasto ed eterogeneo, comprendendo ruoli più prettamente classici, quali ad esempio il principe Siegfried ne Il lago dei cigni, il principe Schiaccianoci ne Lo schiaccianoci, il principe Albrecht nella Giselle, ma anche personaggi di rappresentazioni più recenti, come il principe Rudolf in Mayerling[28] o di nuova creazione, come il Cavaliere di cuori in Alice nel Paese delle Meraviglie, ruolo che ha interpretato per primo. L'artista ha affermato di prediligere ruoli tragici[13] e di apprezzare anche la danza contemporanea: "Da quando ho incontrato Russell Maliphant, il coreografo di Sylvie Guillem, mi entusiasma anche la danza contemporanea, lontana da quella serie di atteggiamenti insulsi imposti senza spiegazione all’accademia. Ho bisogno di tirare fuori quello che ho dentro e per farlo non devo avere troppe costrizioni"[10]

Nel 2014 acquista nuova fama internazionale anche tra i non amanti del balletto, quando, diretto dal regista e fotografo David LaChapelle, danza una coreografia del collega ed amico Jade Hale-Christofi sulle note del brano Take Me to Church di Hozier; il video diventa virale in brevissimo tempo, arrivando a superare i quattordici milioni di visualizzazioni.[29]

LaChapelle ha inserito il video-clip tra le opere della sua mostra "After the Deluge" inaugurata al Palazzo delle Esposizioni di Roma ad aprile 2015.[30]

Nel marzo 2015 Polunin partecipa all'Ellen DeGeneres Show esibendosi in una versione breve della coreografia del video di LaChapelle in studio. La puntata viene trasmessa il 4 giugno 2015[31] The Observer lo definisce "Senza dubbio, il ballerino più naturalmente dotato di questa generazione"[32]. Il New York Times lo descrive come "Un ballerino favoloso, con una tecnica d'acciaio e una meravigliosa linea"[33] mentre il Telegraph "Il James Dean del balletto mondiale".[34] Polunin ha inoltre vinto numerosi premi nella sua carriera, tra cui il Prix de Lausanne e lo Youth American Grand Prix.

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

  • Albrecht. Giselle, musica di Adolphe Adam
  • Ali. Le Corsaire, musica di A. Adam, coreografia di Marius Petipa, P. Gusev, rielaborata da Khomyakov e Zelensky
  • Aminta. Sylvia, coreografia di Sir Frederick Ashton
  • Akteon. Diana e Akteon di Agrippina Vaganova
  • Armand. Marguerite e Armand, coreografia di Sir Frederick Ashton
  • Ballo della regina, coreografia di George Balanchine, musica di Giuseppe Verdi
  • Basilio. Don Chisciotte, musica di Ludwig Minkus, coreografia di Alexander Gorsky, rielaborata da M. Chichinadze
  • Benvolio. Romeo e Giulietta, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Sergej Prokof'ev
  • Des Grieux. L'histoire de Manon, coreografia di Sir Kenneth MacMillan
  • Electric Counterpoint, protagonista, coreografia di C. Wheeldon, musica di J.S. Bach
  • Fauno. L'Apres-midi d'un Faun”, coreografia di Vaclav Nižinskij
  • Frantz. Coppélia, coreografia di Roland Petit
  • Knave of Heart. Alice nel paese delle meraviglie, coreografia di Christopher Wheeldon — (Primo a danzare questo ruolo)
  • L'albero di Giuda, protagonista, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Brian Elias
  • Lensky, Onegin, coreografia di John Cranko, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky
  • Les Bourgeois, protagonista, coreografia di Ben Van Cauwenbergh
  • Lucien d'Hervilly, Paquita grand pas - coreografia di Igor Zelensky e Yana Serebriakova.
  • Lupo. Pierino e il lupo, musica di Sergei Prokofyev
  • Narcissus. Narcissus di Kasyan Goleizovsky
  • Other dances protagonista, coreografia di Jerome Robbins, musica di Frédéric Chopin
  • Principe. Cenerentola, musica di Sergei Prokofyev
  • Principe Désiré. La bella addormentata, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky
  • Principe Schiaccianoci. Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky
  • Principe Siegfried. Il lago dei cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky
  • Rhapsody, ruolo principale, coreografia di Sir Frederick Ashton
  • Rudolf. Mayerling di Sir Kenneth MacMillan
  • Scènes de ballet, protagonista, coreografia di Frederick Ashton, musica di Igor Stravinsky
  • Sinfonia in Do, ruolo principale, coreografia di George Balanchine, musica di Georges Bizet
  • Slave Master (Hannibal) e Shepherd (Il Muto). Il Fantasma dell'Opera di Andrew Lloyd Webbe
  • Solor. La Bayadère, musica di Ludwig Minkus e coreografia di Natalia Makarova
  • Spartacus. Spartacus di Y. Grigorovich e A. Khachaturian
  • Tema e Variazione, protagonista, coreografia di G. Balanchine, musica di P.I.Tchaikovsky
  • Voluntaries, coreografia di Glen Tetley, musica di Francis Poulenc
  • Winter Dreams, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Pyotr Il'yich Tchaikovsky
  • 100 Celsius coreografia di Emil Faski

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 Premio "Serge Lifar" al Concorso Internazionale di Balletto
  • 2006 Medaglia d'oro e premio della giuria al Prix de Lausanne (2006)
  • 2006 Vincitore dello "Youth America Grand Prix/YAGP"
  • 2007 "Young British Dancer of the Year" nel Regno Unito
  • 2010 "Critics'Circ le National Dance Award" del Russian Ballet magazine
  • 2015 Ballerino dell'anno per la rivista "Il giornale della Danza"
  • 2015 Ballerino dell'anno per la rivista "Danza & Danza"

Moda[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua carriera di modello, Polunin vanta numerose esperienze e collaborazioni con fotografi quali Gus Vas Sant, Mario Sorrenti, Jacob Sutton, apparendo in riviste come Vogue, Vogue Italia, Vogue Russia, GQ, Style, Esquire, Man About Town[9], combinando danza e moda in servizi fotografici ma anche in cortometraggi e performance dal vivo: È del 2012 la collaborazione con Bruce Weber nel cortometraggio "Can I Make the Music Fly?" realizzato per Dior[35] mentre nel 2014 è protagonista del cortometraggio "A Gardener is someone who practice gardening", regia di Andy Isakin per la rivista Esquire Russia[36][37] e nel 2016 del video "Sergei" di Raf Stahelin.[38] A gennaio 2016, per la Milan Fashion Week, apre la sfilata uomo di Ports 1961, danzando dal vivo in passerella.[39] Sempre nel 2016, Polunin è stato testimonial per Pal Zilieri, ed è apparso nella campagna autunno inverno di H&M.[40]. Nel 2017 è apparso nel video a tema pacifista "Make Love not Wall", regia di David LaChapelle per il marchio Diesel[41][42] "La danza può unire paesi. È un linguaggio che chiunque comprende"[43] Nel 2019 appare nel prestigioso Calendario Pirelli.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Pur portando avanti la sua carriera di ballerino classico e i suoi progetti nel mondo della danza, Polunin si dedica anche al cinema, sua grande passione fin dall'infanzia, studiando recitazione[44] e preparandosi con la voice-coach Joan Washington[45].

Nel 2007 interpreta il giovane Rudolf Nureyev nelle scene di danza del documentario a cura della BBC "Rudolf Nureyev: from Russia with love"[46][47][48]

Nel 2013 è protagonista del cortometraggio/documentario "The Fragile Balance", di James Goulding, "un intimo ritratto del giovane Sergei Polunin, una delle più elusive ma anche venerate figure nella storia del balletto russo. Polunin parla apertamente e onestamente con Goulding, smontando alcune delle più sensazionalistiche fantasie che la stampa internazionale ha creato intorno alla sua persona" [49]

Nel settembre 2016 esce negli Stati Uniti il documentario Dancer, sulla vita e la carriera di Sergei Polunin, diretto dal regista Steven Cantor, presentato dalla produttrice Gabrielle Tana, come un "coinvolgente ritratto personale della controversa super star del balletto Sergei Polunin"[50] ma anche, nelle intenzioni del protagonista, uno sguardo diverso sul mondo della danza[51]

Il 2017 vede l'ingresso di Polunin nel cinema delle grandi produzioni. Recita nel film Red Sparrow, diretto da Francis Lawrence, dichiarandosi entusiasta di questa esperienza e in generale della carriera cinematografica. L'opportunità di continuare su questa strada gli viene offerta nello stesso anno, quando Kenneth Branagh gli conferisce il ruolo del conte Andrenyi nel suo Assassinio sull'Orient-Express, mentre la Disney lo ingaggia in Lo schiaccianoci e i quattro regni.[52][53][54] Viene inoltre scritturato nel cast di The White Crow per la regia di Ralph Fiennes[55][56]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2015, viene presentato nel corso di un evento privato il "Project Polunin": "In associazione con il teatro Sandler's Well di Londra, è stato lanciato il "Project Polunin" che coinvolge alcuni dei migliori ballerini del mondo. La missione è quella di creare nuove opere per il balletto tramite la collaborazione dei danzatori con artisti contemporanei, musicisti e coreografi per lavori destinati al palco ed al cinema. L'intenzione è quella di ideare opere che attireranno ed ispireranno una nuova generazione di danzatori e spettatori."[57] Una maggior apertura del mondo del balletto è un argomento da sempre molto caro a Polunin[8] insieme all'importanza della formazione dei giovani e dei sistemi di sostegno economico per chi non dispone di mezzi sufficienti a coltivare il proprio talento, come dichiara lui stesso in un'intervista parlando di ciò che vorrebbe dal futuro: "Una fondazione a mio nome che sostenga i ragazzi negli studi di danza, come capitò a me: tredicenne, arrivai a Londra aiutato dalla Rudolf Nureyev Foundation."[12]

Polunin è ambasciatore dell'associazione "Hear the World", per la quale ha tenuto un laboratorio di danza con i ragazzi non-udenti del gruppo di ballo "Angely Nadezhdy" a Mosca[58] e collabora con associazioni come "A Gift of Life", impegnata nel fornire cure e assistenza a bambini malati di cancro.[59]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Polunin ha interpretato il giovane Rudolf Nureyev nelle scene di danza del documentario a cura della BBC "Rudolf Nureyev: From Russia With Love"[46][47][48]
  • Lo scultore Richard MacDonald[60] ha creato alcune sculture di Polunin, il quale oltre a posare nel senso più classico del termine, ha eseguito per lui salti e passi di danza dal vivo, perché l'artista potesse catturarne il movimento nelle sue opere.[61]
  • Polunin è noto anche per i suoi numerosi tatuaggi, scelta rara per un ballerino classico;[62] a seconda delle esigenze di scena e delle scelte stilistiche, i tatuaggi vengono coperti con particolari sessioni di make up prima dello spettacolo e spesso anche in corso d'opera[63] oppure lasciati visibili, come nella coreografia danzata sulle note di Take Me to Church, della quale diventano parte integrante.[64] Come da lui dichiarato, oltre ad attribuirgli un profondo significato simbolico personale, Polunin considera quella del tatuaggio una forma d'arte ed una forma di protesta contro la chiusura del mondo del balletto e le sue rigide norme.[65][66][67][68]
  • Per qualche anno l'artista è stato comproprietario di un tattoo parlour a Londra.[10]

Esibizioni[modifica | modifica wikitesto]

Qui di seguito viene riportato un elenco delle esibizioni di Polunin aggiornato al 2015.[69][70][71][72]

2015

  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (31 Dicembre 2015) NGATOiB (Teatro dell'Opera e del Balletto di Novosibirsk) Novosibirsk
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam (26-27-28 Dicembre 2015) Megaron, Atene
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (16-17 Dicembre 2015) NGATOiB, Novosibirsk
  • Principe Rudolf, Mayerling, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (13 Novembre 2015) Stanmus (Teatro Lirico Moscovita Stanislavsky e Nemirovich-Danchenko) Mosca
  • Frantz, Coppélia, coreografia di Roland Petit (2 Novembre 2015) Stanmus, Mosca
  • Ruolo principale in Rhapsody, coreografia di Frederick Ashton, musica di Sergej Rachmaninov (1 Novembre 2015) Stanmus, Mosca
  • Ruolo principale in Rhapsody, coreografia di Frederick Ashton, musica di Sergej Rachmaninov; Armand, Marguerite e Armand, coreografia di Frederick Ashton (30 Ottobre 2015) Stanmus, Mosca
  • Other Dances, coreografia di Jerome Robbins, musica di Frédéric Chopin (17 Ottobre 2015) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam (11 Ottobre 2015) Teatro Bolshoi (Teatro Accademico Statale Bolshoi della Federazione Russia) Mosca
  • Solor, La Bayadere musica di Ludwig Minkus e coreografia di Natalia Makarova (9 Ottobre 2015) Stanmus, Mosca
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (18 Settembre 2015) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam (1-2 Agosto 2015) San Carlo, Napoli
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam (24 Luglio 2015) Stanmus, Mosca
  • Principe Rudolf, Mayerling, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (20 Luglio 2015) Stanmus, Mosca
  • Other Dances, coreografia di Jerome Robbins, musica di Frédéric Chopin (10-11 Luglio 2015) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (30 Giugno 2015) Teatro Bolshoi, Mosca.
  • Frantz, Coppélia coreografia di Roland Petit (15 Giugno 2015) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (5 Giugno 2015) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (18 Aprile 2015) Teatro San Carlo, Napoli
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (10-11 Aprile 2015) Teatro La Scala, Milano
  • Principe Schiaccianoci, Schiaccianoci, variazione, per Gift of Life charity gala (13 Gennaio 2015) Londra

2014

  • Solor, La Bayadère (Atto 3) musica di Ludwig Minkus e coreografia di Natalia Makarova, Lucien d'Hervilly, Paquita Grand Pas, coreografia di Igor Zelensky e Yana Serebriakova (22 Dicembre 2014) Nuova Delhi (Tour del Teatro dell'Opera e del Balletto di Novosibirsk)
  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (27, 30 Dicembre 2014) NGATOiB
  • Solor, La Bayadère musica di Ludwig Minkus e coreografia di Natalia Makarova (19 Dicembre 2014) Stanmus, Mosca.
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (12,14 Dicembre 2014) Seoul (Tour del Teatro dell'Opera e del Balletto di Novosibirsk)
  • Ali, Le Corsaire musica di Adolphe Adam e coreografia di Marius Petipa e Pyotr Gusev Khomyakov e Zelensky (8 Dicembre 2014) Vladivostok, Russia (Tour del Teatro dell'Opera e del Balletto di Novosibirsk)
  • Principe Rudolf, Mayerling coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (18 Novembre 2014) Stanmus, Mosca
  • Ali, Le Corsaire musica di Adolphe Adam coreografia di Marius Petipa e Pyotr Gusev Khomyakov e Zelensky (1 Novembre 2014) NGATOiB, Novosibirsk
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (26 Ottobre 2014) NGATOiB Novosibirsk
  • Spartacus, Spartacus di Y. Grigorovich e A. Khachaturian (première – 17 Ottobre 2014) NGATOiB, Novosibirsk
  • Frantz, Coppélia coreografia di Roland Petit (22 Giugno 2014) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam, Nureyev International Ballet Festival (13 Giugno 2014) Stanmus, Mosca
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (28 Maggio 2014) Stanmus, Mosca.
  • Solor, La Bayadère musica di Ludwig Minkus, coreografia di Natalia Makarova (26 Maggio 2014) Stanmus, Mosca.
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam, Nureyev International Ballet Festival (16 Maggio 2014) Kazan, Russia
  • Solor, La Bayadere, Atto delle Ombre, musica di Ludwig Minkus, coreografia di Natalia Makarova per Soul of Dance Gala (30 Aprile 2014) Mosca
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (20 Aprile 2014) Stanmus, Moscow
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (15 Aprile 2014) NGATOiB, Novosibirsk
  • Ali, Le Corsaire musica di Adolphe Adam e coreografia si Marius Petipa, Pyotr Gusev Khomyakov e Zelensky (12 Aprile 2014) Teatro Mariinsky (Teatro accademico statale Mariinsky) San Pietroburgo.
  • Principe Schiaccianoci, Schiaccianoci musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (8 Aprile 2014) NGATOiB, Novosibirsk
  • Lucien d'Hervilly, Paquita grand pas, coreografia di Igor Zelensky e Yana Serebriakova (1 Aprile 2014) Bolshoi Theatre, Mosca (Tour del Teatro dell'Opera e del Balletto di Novosibirsk)
  • Principe Schiaccianoci, Schiaccianoci musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (21 Marzo 2014) Stanmus, Mosca
  • Solor, La Bayadère, musica di Ludwig Minkus e coreografia di Natalia Makarova (14 Marzo 2014) Stanmus, Mosca
  • Basilio, Don Chisciotte, passo a due per Russian ballet icons gala (9 Marzo 2014) Londra
  • Principe Rudolf, Mayerling coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (6 Marzo 2014) Stanmus, Mosca
  • Lucien d'Hervilly, Paquita grand pas, coreografia di Igor Zelensky e Yana Serebriakova (22 Febbraio 2014) Sochi, Russia
  • Basilio, Don Chisciotte musica di Ludwig Minkus, coreografia di Alexander Gorsky riadattato da M. Chichinadze (14 Febbraio 2014) Stanmus, Mosca
  • Principe Siegfried, Lago dei cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky(8 Febbraio 2014) Stanmus, Mosca
  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (6 Febbraio 2014) NGATOiB, Novosibirsk
  • Principe Rudolf. Mayerling coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (30 Gennaio 2014) Stanmus, Mosca
  • Solor, La Bayadere, Les Bourgeois di Ben Van Cauwenbergh per Russian ballet gala (24 Gennaio 2014) Beijing, China
  • Frantz, Coppélia coreografia di Roland Petit (19 Gennaio 2014) MAMT
  • Les Bourgeois di Ben Van Cauwenbergh, gala (18 Gennaio 2014) Teatro Mariinsky , San Pietroburgo
  • Ali, Le Corsaire, musica di Adolphe Adam e coreografia si Marius Petipa, Pyotr Gusev Khomyakov e Zelensky (17 Gennaio 2014) NGATOiB, Novosibirsk
  • La Bayadère musica di Ludwig Minkus, coreografia di Natalia Makarova (10 Gennaio 2014) Stanmus, Mosca.
  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (5 Gennaio 2014) NGATOiB, Novosibirsk

2013

  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (25,27,29,31 December 2013) NGATOiB, Novosibirsk
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (16 Dicembre 2013) Stanmus, Mosca
  • Giselle musica di Adolphe Adam (9 Dicembre 2013) Stanmus, Mosca
  • Giselle, festival internazionale del balletto (30 Novembre 2013) Saratov
  • La Bayadère musica di Ludwig Minkus, coreografia di Natalia Makarova (28 Novembre 2013) Stanmus, Mosca
  • Giselle musica di Adolphe Adam (17 Novembre 2013) National Opera House, Kyiev
  • Albrecht. Giselle, passo a due, Mikhailovsky grand prix (10 Novembre 2013) San Pietroburgo.
  • Lucien d'Hervilly, Paquita grand pas, coreografia di Igor Zelensky e Yana Serebriakova (Debutto- 9 Novembre 2013) NGATOiB, Novosibirsk
  • Principe Rudolf, Mayerling coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (8 Novembre 2013) Stanmus, Mosca
  • Frantz, Coppélia, coreografia di Roland Petit (1 Novembre 2013) Stanmus, Mosca
  • Solor, La Bayadère, musica di Ludwig Minkus, coreografia di Natalia Makarova (18,21 Ottobre 2013) Stanmus, Mosca
  • Performance in Style the Show (11 Ottobre 2013) Mosca
  • L'Apres-midi d'un Faun”, coreografia di Vaclav Nižinskij, riadattata da Sergei Polunin e Alexey Lyubimov (8 Ottobre 2013) Bohemian Tune concert, Mosca
  • Ali, Le Corsair, passo a due, Gala evening, Teatro Carre Amsterdam (4 Ottobre 2013)
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (1 Ottobre 2013) MAMT
  • Solor, La Bayadere, variazione. Sadler's Wells, YBSS Star-Studded Summer Gala, Londra (29 Settembre 2013)
  • Frantz, Coppelia, variazione; Diana e Acteon, passo a due, Gala de Ballet Buenos Aires 2013 (29,30 Agosto 2013)
  • Esibizione per serata di beneficenza L'Etincelle 2013 (18 Agosto 2013) Monaco.
  • Ali, Le Corsair passo a due; Les Bourgeois di Ben Van Cauwenbergh, Vail International Dance Festival (2,3 August 2013)
  • Principe Rudolf. Mayerling coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (28 Luglio 2013) Stanmus, Mosca.
  • Coppélia, coreografia di Roland Petit (11-14 Luglio 2013) Coliseum di Londra (Tour del balletto Stanislavsky)
  • Basilio, Don Chisciotte, musica di Ludwig Minkus e coreografia di Alexander Gorsky riadattato da M. Chichinadze (1,5 Luglio 2013) NGATOiB e MAMT
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni, passo a due. Serata per il 110' anniversario del Romanov's historic ball. Teatro Hermitage, (28 Giugno 2013) San Pietroburgo
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (20 Giugno 2013) Stanmus, Mosca
  • Basilio, Don Chisciotte, musica di Ludwig Minkus e coreografia di Alexander Gorsky riadattato da M. Chichinadze (14 Giugno 2013) MAMT
  • Principe Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (10 Giugno 2013) Teatro Bolshoi, Mosca.
  • Rudolf. Mayerling coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (4 Giugno 2013) Stanmus, Mosca
  • Les Bourgeois di Ben Van Cauwenbergh; Basilio, Don Chisciotte, passo a due, Young Ballet Soloists Gala (24,25 Maggio 2013) Stanmus, Mosca
  • Armand, piece da Marguerite e Armande in “Stars of Benois de la Danse” (22 Maggio 2013) Bolshoi Theatre, Mosca.
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam (17 Maggio 2013) NGATOiB, Novosibirsk
  • Basilio, Don Chisciotte, passo a due, Alina Cojocaru Charity Gala (12 Maggio 2013) Sadler's Wells, Londra
  • Frantz, Coppélia, coreografia di Roland Petit (8 Maggio 2013) Stanmus, Mosca
  • Rudolf, Mayerling, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (4 Maggio 2013) Stanmus, Mosca
  • Basilio, Don Chisciotte, musica di Ludwig Minkus, coreografia di Alexander Gorsky riadattato da M. Chichinadze (22 Aprile 2013) Stanmus, Mosca
  • Marguerite e Armand, coreografia di Frederick Ashton – Les Bourgeois di Ben Van Cauwenbergh (21 Aprile 2013) Teatro Bolshoi, Mosca
  • Rudolf. Mayerling, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Franz Liszt (Debutto nel ruolo – 22 Marzo 2013) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam (4 Marzo 2013) Stanmus, Mosca
  • Armand. Marguerite e Armand, coreografia di Frederick Ashton (12,15,21 Febbraio 2013) ROH (Royal Opera House), Londra.
  • Coppélia, coreografia di Roland Petit (25 Gennaio 2013) Stanmus, Mosca
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (20 Gennaio 2013) NGATOiB, Novosibirsk
  • Principe Schiaccianoci, Schiaccianoci, passo a due, Snow ballet evening (18 Gennaio 2013) NGATOiB, Novosibirsk
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (9 Gennaio 2013) Stanmus, Mosca
  • Principe Schiaccianoci, Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (3 Gennaio 2013) MAMT

2012

  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (30 Dicembre 2012) Stanmus, Mosca
  • Basilio, Don Chisciotte, musica di Ludwig Minkus, coreografia di Alexander Gorsky, riadattato da M. Chichinadze (14 Dicembre 2012) Stanmus, Mosca
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (3 Dicembre 2012) Stanmus, Mosca
  • Le Corsaire musica di Adolphe Adam, coreografia di Marius Petipa, Pyotr Gusev Khomyakov e Zelensky (Debutto nel ruolo – 30 Novembre 2012) NGATOiB, Novosibirsk
  • Franzt, Coppélia, coreografia di Roland Petit, 16 November 2012 MAMT
  • Albrecht, Giselle musica di Adolphe Adam (5 Novembre 2012) Stanmus, Mosca
  • Basilio. Don Chisciotte, musica di Ludwig Minkus e coreografia di Alexander Gorsky (Debutto nel ruolo – 29 Ottobre 2012) Stanmus, Mosca
  • Solor, La Bayadère, musica di Ludwig Minkus, coreografia di Natalia Makarova (13 Ottobre 2012) NGATOiB, Novosibirsk
  • Franzt, Coppélia coreografia di Roland Petit (9 Ottobre 2012) Stanmus, Mosca
  • Ali, Le Corsaire passo a due, Gala “Ballet Stars of 21st century” (7 Ottobre 2012) Palazzo del Cremlino, Mosca
  • Performance varie per Russian project Big Ballet: ‘Narcissus' di Kasyan Goleizovsky, Les Bourgeois di Ben Van Cauwenbergh, 100 Celsius di Emil Faski, Armand da Marguerite e Armand di Frederick Ashton, Frantz, da Coppélia di Roland Petit e Akteon, da Diana e Akteon di Agrippina Vaganova (Ottobre-Dicembre 2012) TV-channel Kultura
  • Principe Siegfried, Lago dei Cigni musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (29 Settembre 2012) Stanmus, Mosca.
  • Coppélia coreografia di Roland Petit (Debutto nel ruolo – 8,27 Luglio 2012) Stanmus, Mosca
  • Fauno e James Dean. Men in Motion di Ivan Putrov (Gennaio 2012) Londra.

ESIBIZIONI ROH

  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (Dicembre 2011/Gennaio 2012) ROH
  • Principe Désiré, La Bella Addormentata, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (Novembre/Dicembre 2011) ROH
  • Grieux, La storia di Manon, coreografia di Sir Kenneth MacMillan (Ottobre/Novembre 2011) ROH
  • Armand, Marguerite e Armand, coreografia di Frederick Ashton (Ottobre 2011) ROH
  • Slave Master (Hannibal) and Shepherd (Il Muto) nel Fantasma dell'Opera di Andrew Lloyd Webber al Royal Albert Hall per la celebrazione di 25 anni (Ottobre 2011) ROH
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam, (Luglio 2011) ROH
  • Benvolio, Romeo e Giulietta, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Sergej Prokofyev (Giugno 2011) ROH
  • Scènes de ballet, coreografia di Frederick Ashton, musica di Igor Stravinsky (Maggio/Giugno 2011) ROH
  • Voluntaries, coreografia di Glen Tetley, musica di Francis Poulenc (Maggio/Giugno 2011) ROH
  • Ballo della regina, coreografia di George Balanchine, musica di Giuseppe Verdi (Maggio 2011) ROH
  • Principe, Cenerentola, musica di Sergej Prokofyev (Aprile/Maggio 2011) ROH
  • Ruolo principale in "Rhapsody" coreografia di Frederick Ashton (Marzo 2011) ROH
  • Knave of Hearts, Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, coreografia di Christopher Wheeldon - Primo in questo ruolo (Febbraio/Marzo 2011) ROH
  • Principe Siegfried, Lago dei cigni, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (Gen/Feb/Mar 2011)ROH
  • Albrecht, Giselle, musica di Adolphe Adam (Gennaio 2011) ROH
  • Lupo, Peter e il Lupo, musica di Sergej Prokofyev (Dicembre 2010) ROH
  • Principe, Cenerentola, musica di Sergej Prokofyev (Novembre/Dicembre 2010) ROH
  • Aminta, Sylvia, coreografia di Frederick Ashton (Novembre 2010) ROH
  • Theme and Variations, coreografia di G. Balanchine, musica di P.I.Tchaikovsky (Ottobre 2010) ROH
  • Winter Dreams, coreografia Kenneth MacMillan, musica di Pyotr Il'yich Tchaikovsky (Ottobre 2010) ROH
  • Onegin, coreografia di John Cranko, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (Ottobre 2010) ROH
  • Sinfonia in Do, coreografia di G.Balanchine, musica di George Bizet (Maggio/Giugno 2010) ROH
  • Principe, Cenerentola, musica di Sergej Prokofyev (Apr/Mag/Giu 2010) ROH
  • Electric Counterpoint, coreografia di Christopher Wheeldon, musica di Johann S. Bach (Maggio 2010) ROH
  • L'albero di Giuda, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Brian Elias (Marzo/Aprile 2010) ROH
  • Concerto (Marzo 2010) ROH
  • Principe Désiré, La Bella Addormentata, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (Gennaio 2010, ROH)
  • Benvolio, Romeo e Giulietta, coreografia di Kenneth MacMillan, musica di Sergej Prokofyev. (Gen/Feb/Mar 2010) ROH
  • Principe Schiaccianoci, Lo Schiaccianoci, musica di Pyotr Ilyich Tchaikovsky (Gennaio 2010) ROH.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b staatsoper.de [1]
  2. ^ a b roh.org.uk [2]
  3. ^ Teatro Nazionale di Praga [3]
  4. ^ teatroallascala.org [4]
  5. ^ roh - Marguerite and Armand [5]
  6. ^ bolshoi.ru [6]
  7. ^ teatrosancarlo.it [7]
  8. ^ a b c Sarah Crompton, The Telegraph "Ballet's prodigal son: interview with Sergei Polunin" 5 febbraio 2013
  9. ^ a b c d Julie Kavanagh, More Intelligent life "A dancer's demons" sett/ott 2012
  10. ^ a b c d e Corriere della Sera "Sergej Polunin bello e (ex) dannato: danzo per essere libero" Archiviato il 7 giugno 2015 in Internet Archive. dall'originale cartaceo 11 novembre 2013
  11. ^ Judith Mackrell, The Guardian,"Ballet's men step out of the shadows" 15 gennaio 2012
  12. ^ a b Valeria Crippa, Corriere della Sera, "Il volto ribelle della danza" 01 aprile 2015
  13. ^ a b Sarah Frater, Wall Street Journal "All the World's a Stage" 29 ottobre 2010
  14. ^ Alex Needham, The Guardian "Royal Ballet star Sergei Polunin quits" 25 gennaio 2012
  15. ^ Rosa Silverman, "Sergei Polunin spoke of depression and cutting himself before walk-out" 7 aprile 2013
  16. ^ Jessica Duchen, The Indipendence Sergei Polunin: One giant leap for British Ballet 8 Novembre 2011
  17. ^ a b Alex Needham, The Guardian "Royal Ballet "shocked" by Sergei Polunin resignation" 25 gennaio 2012
  18. ^ Sarah Crompton,The Telegraph, traduzione dall'originale: "Ballet's prodigal son: interview with Sergei Polunin"
  19. ^ BBC News, traduzione dall'originale "Ballet's Sergei Polunin: The artist in me was dying'". 13 Marzo 2012.
  20. ^ Laura Thompson, The Telegraph "Man in Motion, Sadler's Well, review" 31 gennaio 2012
  21. ^ "Ballet's prodigal son: interview with Sergei Polunin"
  22. ^ Tenmag "La leyenda que desapareció del Royal Ballet" Archiviato il 7 giugno 2015 in Internet Archive. luglio/agosto 2014, traduzione dall'originale di Emanuela Borgatta Dunnet per Sergei Polunin Italia[collegamento interrotto]
  23. ^ Sarah Crompton,The Telegraph, traduzione dall'originale: "Ballet's prodigal son: interview with Sergei Polunin"
  24. ^ Sarah Crompton, The Telegraph, traduzione dall'originale: "Ballet's prodigal son: interview with Sergei Polunin"
  25. ^ Tv Kultura
  26. ^ Ella Alexander Harper Bazar 13/03/2017
  27. ^ Debra Craine The Times, 24/02/2017
  28. ^ Raymond Stults, The Moscow Times Legendary Polunin to dazzle in Mayerling ballet, 26.07.2013
  29. ^ David LaChapelle Studio [8] Visualizzato: 1 febbraio 2016
  30. ^ Anna Germano, Eventi Culturali Magazine, "After The Deluge (Dopo Il Diluvio) – David LaChapelle Dal 30 Aprile a Roma" 24 aprile 2015.
  31. ^ The Ellen DeGeneres Show Archiviato il 16 aprile 2016 in Internet Archive.
  32. ^ Luke Jennings, The Observer, traduzione dall'originale: Coppélia - Review 14 luglio 2013
  33. ^ Sulcas, Roslyn. The New York Times, traduzione dall'originale: "Alice on Her Toes, at a Rare Tea Party" 1 Marzo 2011,
  34. ^ Sarah Crompton, Telegraph, traduzione dall'originale: "Sergej Polunin: the James Dean of the ballet world" 07 Mar 2012
  35. ^ [9]
  36. ^ esquire.ru "Сергей Полунин разминается в Ботаническом саду" Archiviato il 30 giugno 2015 in Internet Archive.
  37. ^ ftape.com "Sergei Polunin for Esquire Russia"
  38. ^ Raf Stahelin, Sergei [10]
  39. ^ Gianluca Lo Vetro, La Stampa "Milano moda uomo al via con Sergei Polunin, il nuovo Nureyev"
  40. ^ the fashionisto "Rounds up eclectic cast for dapper dressin H&M"
  41. ^ [Jane Albert, Vogue Australia "How Diesel has turned Donald Trump's wall into a fashion work of art"
  42. ^ Redazione, Quiiky magazine "Make Love Not Walls, Diesel e LaChapelle insieme per la diversità"
  43. ^ Nick Chen, Dazed digital, traduzione dall'originale "Ballet’s bad boy on dancing, dreams & the dark side of drugs"
  44. ^ balletinsider.com "Sergei Polunin Q&A"[collegamento interrotto]
  45. ^ Leo Barraclough, Variety Watch: Ballet Star Sergei Polunin Performs in Documentary 'Dancer'"
  46. ^ a b http://www.johnbridcut.com/filmdetail.php?film=6
  47. ^ a b [11]
  48. ^ a b [12]
  49. ^ Imdb The Fragile Balance, ImDb Plot Summary
  50. ^ Dancer, su westendfilms.com. URL consultato il 6 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2015).
  51. ^ Andreas Wiseman, ScreenDaily, "Sergei Polunin talks ballet on the big screen" 14 May, 2015
  52. ^ Tim Masters, BBC "Ballet star Sergei Polunin sees his future in movies" 2 marzo 2017
  53. ^ Debra Craine, The Times "Sergei Polunin: the bad boy of ballet grows up" 24 febbraio 2017
  54. ^ Marc Snetiker, Entertainment Weekly "The Nutcracker and the Four Realms debuts first trailer, sets release date" 15 luglio 2017
  55. ^ imdb.com "The white Crow"
  56. ^ Leo Barraclough, Variety "Ralph Fiennes to Direct Rudolf Nureyev Movie ‘The White Crow'
  57. ^ Dancing Times Archiviato il 6 giugno 2015 in Internet Archive.
  58. ^ Hear the Word Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive.
  59. ^ Gift of Life, su giftoflife.eu. URL consultato il 6 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2015).
  60. ^ Copia archiviata (PDF), su theartofrichardmacdonald.com. URL consultato il 2 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  61. ^ https://www.telegraph.co.uk/culture/theatre/dance/8883417/World-of-Sergei-Polunin-ballet-dancer.html
  62. ^ Louise Levene, The Telegraph,Sergei Polunin the ballet cheek of it
  63. ^ Kevin O'Flynn, The Moscow Times Sergei Polunin takes stage in Mayerling in Moscow
  64. ^ Costanza Pellegrini, Dancing Post I segni dell'arte nella danza di Sergei Polunin Archiviato il 26 aprile 2016 in Internet Archive.
  65. ^ Kommersant.ru
  66. ^ Traduzione articolo di Kommersant.ru a cura di K. Vorotyntseva[collegamento interrotto]
  67. ^ The Village Archiviato il 6 aprile 2016 in Internet Archive.
  68. ^ Traduzione articolo di The Village a cura di K. Vorotyntseva e E. Borgatta Dunnet [13][collegamento interrotto]
  69. ^ Copia archiviata, su sergeipolunin.wordpress.com. URL consultato il 29 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2016).
  70. ^ Royal Opera House Performance Database
  71. ^ Stanislavsky and Nemirovich-Danchenko Moscow Music Theatre
  72. ^ Новосибирский Государственный Академический Театр Оперы и Балета Archiviato l'11 ottobre 2006 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN226770886 · ISNI (EN0000 0003 6282 3830 · LCCN (ENno2012006966 · GND (DE1023076411 · NDL (ENJA001270273 · WorldCat Identities (ENno2012-006966