Saverio Lanza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Saverio Lanza (Firenze, 24 marzo 1970) è un musicista, compositore e produttore discografico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Saverio Lanza studia Composizione al Conservatorio di Firenze col M° Carlo Prosperi, dove si diploma in Direzione d'orchestra e Strumentazione per Banda. Svolge sia l'attività di chitarrista e pianista che quella di autore, direttore e produttore.

Gli inizi e l'attività solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 nasce il gruppo RockGalileo, di cui Saverio Lanza è voce, strumentista e autore dei brani. Il gruppo si esibisce in numerosi concerti in tutta l'Italia e partecipa ai programmi musicali televisivi e radiofonici dell'epoca[1]. Nel 1994 i RockGalileo sono a Sanremo Giovani (concorso musicale che si tiene a novembre per la selezione delle nuove proposte del Festival di Sanremo) e vincono con la canzone La strada da imboccare. Quindi nel febbraio del 1995 partecipano al Festival di Sanremo, nella sezione Nuove Proposte, con il brano Le cose di ieri.
Dopo varie trasformazioni, il gruppo definitivo è composto da Saverio Lanza, voce solista, chitarra e pianoforte; Alfredo Cappelli, basso e cori; Daniele Cloetta, batteria e cori, in seguito sostituito da Gianmarco Colzi[2].

Come solista Saverio Lanza incide due album: Ce l'hai una sigaretta?[3], del 2003, in cui dà voce ai clochard italiani;[4][5][6] e Madrelingua, del 2007, ricerca sul concetto di "stonato", nel quale dà voce a donne non cantanti immigrate in Italia[7][8], presentato nella sala del Consiglio regionale della Toscana[9]. I brani di Ce l'hai una sigaretta? diventano, in versione live, la musica dell'opera teatrale “Ombre” di Massimo Machiavelli, portato in scena dalla Fraternal Compagnia di Bologna[10][11][12]. Sempre legato a quest'ultimo album, Saverio Lanza realizza il progetto "Fuori Casta Rock Gala", insieme a Massimo Altomare, racconto in musica di storie di homeless, carcerati e immigrati[13].

Nel frattempo, nel 2004, nasce il progetto Mr Grady, con la collaborazione di Alfredo Cappelli, Fabrizio Morganti e Orla della Bandabardò. Lanza e gli altri musicisti si ritrovano per tre giorni al teatro di Cavriglia. per una sessione di registrazioni dal vivo che porta alla realizzazione dell'omonimo disco[14][15].

Nel 2013 Saverio Lanza è invitato con Madrelingua a partecipare alla mostra Arimortis[16] al Museo del Novecento di Milano, con la collaborazione di DOCVA (Documentation Center for Visual Arts). Qui espone, come unico musicista, l'opera "Playback" insieme all'artista russa Olga Schigal[17][18].

Nel settembre 2016 Lanza è invitato dalla Fondazione Teatro della Toscana e dal Comune di Firenze a dirigere l'ORT in Non al denaro, non all'amore né al cielo di Fabrizio De André per i cento anni dalla pubblicazione dell'Antologia di Spoon River, capolavoro di Edgar Lee Masters, presso il sagrato della Basilica di San Miniato di Firenze[19].

Dal 2013 lavora a "Vocazioni", progetto di direzione corale estemporanea sul testo dell' "Ordinarium Missae".[20]"[21]"

Con Pastis[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 fonda insieme al fratello fotografo Marco Lanza il progetto Pastis[22], che unisce in modo originale fotografia e musica, con la creazione di opere di videoarte musicale. Con Pastis i fratelli Lanza partecipano a mostre e concorsi italiani e internazionali[23].

Ad aprile 2008 Marco e Saverio Lanza sono all'appuntamento di Firenze di Creative Social 08[24], incontro tra creativi e mondo dell'industria organizzato dall'agenzia pubblicitaria IAB UK (Internet Advertising Bureau UK). A luglio sono invitati a proiettare i loro lavori nella sede di Londra[25] di IAB UK.

Sempre a luglio 2008, i Pastis partecipano a BitBang, festival sui new media al Museo Stibbert di Firenze, organizzato dal Master in Multimedia e Content Design dell'Università di Firenze[26][27]. Ad agosto i Pastis partecipano come ospiti al Molise Cinema Festival[28].

Nell'autunno del 2008 i fratelli Lanza sono al Backlight Photo Festival - "Tickle attack 08" di Tampere, in Finlandia, festival triennale internazionale di fotografia[29][30] finanziato dall'Unione europea. Il 26 ottobre partecipano a PechaKuchaNight presso il Festival della Creatività di Firenze alla Fortezza da Basso[31]. Il Backlight 2008 - Tickle Attack prosegue al FotoFestiwal 09 di Lodz, in Polonia, a maggio 2009, dove i Pastis sono invitati ad esporre i loro lavori[32].

A gennaio 2009 i Pastis sono a Pitti Immagine Bimbo, dove realizzano un video con 35 bambini lasciati liberi di suonare strumenti musicali. Queste immagini, con i suoni riprodotti casualmente dai bambini, vengono montate in modo creativo, con l'aggiunta di una colonna sonora. Il video viene presentato alla Stazione Leopolda di Firenze nell'evento "REPLAYed: Pastis/22", organizzato da Replay & Sons (linea per bambini del marchio di abbigliamento Replay), a cui partecipa come ospite Max Gazzè, con brani dal vivo che interagiscono con le immagini dei bambini.[33][34][35][36].

Nell'ambito del seminario "Il disordine della famiglia", a cura del Laboratorio di Ricerca Freudiana di Firenze, i fratelli Lanza presentano alcune clip di Pastis durante una performance al Teatrino del Gallo di Firenze. Le conclusioni del seminario confluiscono nel libro Identità Precarie (Edziioni ETS, PIsa, 2010), con allegato un DVD contenente "Pillole Pastis"[37].

A giugno 2009 i fratelli Lanza tornano a Pitti Immagine per "Pitti Uomo 76", nell'ambito del quale presentano il progetto "Pastis 26 Regeneration", sempre per Replay. Anche questa volta si tratta di un video in stile Pastis, con il montaggio originale di immagini e musica, che propone "interviste impossibili" a personaggi del mondo della moda, della cultura e dello spettacolo[38][39].

Il 15 novembre 2009 il progetto Pastis vince il Premio Ciampi nella sezione L'Altrarte[40][41].

Nel dicembre 2011 i Pastis vengono invitati a proiettare alcuni lavori al Video Art and Experimental Film Festival che si tiene al Tribeca Cinema di New York[42][43].

I fratelli Lanza prendono parte a numerose mostre e fiere tra cui: Memoriaoblio (Bologna)[44]; Italian Textile Sonata, - concerto per macchine tessili e altri strumenti - in collaborazione con Tempo Reale presso il Museo del tessuto di Prato[45][46][47]. Nello stesso anno esce il DVD autoprodotto Fotoconcerto, un'antologia di alcuni lavori dei Pastis.

Saverio Lanza, sempre nel 2013, realizza la colonna sonora, con contributi video Pastis, per il film Educazione Affettiva di Federico Bondi e Clemente Bicocchi, distribuito da Ardaco Productions[48][49][50][51] e uscito a febbraio 2015.

Il 26 marzo 2014 i fratelli Lanza sono alla Syracuse University of Florence dove presentano il progetto Pastis ed eseguono dal vivo alcuni lavori tratti da Fotoconcerto, come Italian Textile Sonata[52][53].

Nel maggio 2014 i Pastis partecipano a Milano MIA Fair (Milan Image Art Fair), fiera internazionale dell'arte dedicata alla fotografia e all'immagine in movimento, dove presentano la performance conclusiva insieme con la loro ospite Irene Grandi[54].

Il 3 luglio del 2014, i Pastis portano in scena le loro opere di videoarte musicale ai giardini del CUBO Unipol di Bologna, con una performance dal vivo che ha per ospite Cristina Donà[55].

A maggio del 2015 i fratelli Lanza partecipano a “Galàgalera”, performance all'interno del Carcere di Sollicciano per Tempo Reale. Qui presentano il loro lavoro su Massimo Altomare, direttore dell'Orkestra Ristretta presso la medesima struttura penitenziaria[56][57][58].

Segue il tour con Irene Grandi per Fotoconcerto, una performance interattiva con suoni e immagini del quotidiano. Il 30 maggio i Pastis portano in scena Fotoconcerto presso l'antica Fornace Agresti di Impruneta[59][60].

Nel 2016 la collaborazione con Irene Grandi si consolida e porta alla creazione di un nuovo progetto: Lungoviaggio, un evento a metà tra spettacolo e laboratorio sul tema del viaggio. Qui ricorrono ancora una volta i suoni e le immagini del quotidiano che si fondono con le parole e la musica dello spettacolo, in una performance interattiva con il pubblico a cui partecipa Irene Grandi con il canto[61]. Lo spettacolo debutta il 10 marzo 2016 alla Sala Vanni di Firenze.

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua attività, Saverio Lanza collabora come produttore, autore e strumentista con vari artisti: Cristina Donà, Bugo, PGR, Sarah Jane Morris, Vasco Rossi, Biagio Antonacci, Piero Pelù, Irene Grandi & Stefano Bollani, Arisa[62].

Nel 2010 Saverio Lanza inizia la collaborazione con la cantautrice Cristina Donà, con la quale scrive le musiche dell'album Torno a casa a piedi (2011), di cui è anche il produttore artistico.

Nel 2011 Saverio coproduce insieme a Bugo l'album di Bugo Nuovi rimedi per la miopia.[63] Nel 2013 intraprende con Bugo un tour acustico.[64]

Nel 2014 partecipa alla produzione e, insieme a Cristina Donà alla composizione, di quattro brani del disco Se vedo te di Arisa: Chissà cosa diresti, Se vedo te, Lentamente (Il primo che passa), Dici che non mi trovi mai. L'album contiene anche la canzone Controvento con la quale Arisa vince il Festival di Sanremo, con l'orchestra condotta da Saverio Lanza[65].

Nel settembre dello stesso anno esce il nuovo disco di Cristina Donà Così vicini, in cui Lanza torna a collaborare nelle vesti di produttore, musicista e autore.

Il 2015 inizia con la produzione del disco di Irene Grandi, con la quale scrive Un vento senza nome, brano presentato al Festival di Sanremo 2015, dirigendone l'orchestra e accompagnandola con la chitarra nella serata cover.

A ottobre 2015 Saverio Lanza riceve la Targa Tenco come autore insieme a Cristina Donà per la Migliore Canzone 2015: Il Senso delle Cose[66], secondo singolo estratto dall'album Così vicini.

Sempre nel 2015 produce il brano “Un altro inverno”, incluso nel disco d'esordio de Il Geometra Mangoni “L'anticiclone delle Azzorre". Tale brano sarà eseguiti sul palco del Primo Maggio come brano vincitore del concorso "1M next"[67][68]

Il 23 gennaio 2016 è sul palco dell'Auditorium Parco della Musica di Roma ad accompagnare Cristina Donà nell'esecuzione di alcuni brani durante la seconda serata del XIV Premio Fabrizio De André assegnato alla cantautrice[69][70].

Sempre con Cristina Donà debutta il 3 marzo al Teatro Asioli di Correggio (RE) "Amore che vieni amore che vai", il progetto dal vivo dedicato a Fabrizio De André e alle donne delle sue canzoni. Sul palco sale una formazione di sette musicisti: Cristina Donà, voce e chitarra, Saverio Lanza, chitarra elettrica, Rita Marcotulli pianoforte, Enzo Pietropaoli contrabbasso, Fabrizio Bosso tromba, Javier Girotto sax, Cristiano Calcagnile batteria[71].

L'edizione 2016 di Fabbrica Europa ospita l'allestimento sonoro relativo al disco “Madrelingua” all'interno del Laboratorio Nomade - Festival au Désert.[72]

Nello stesso anno debutta lo spettacolo “Lungoviaggio” di PASTIS&IRENEGRANDI che prosegue per tutto il 2017. [73] Contemporaneamente vede la luce il progetto di improvvisazione corale “Vocazioni”. Una delle performance è stata ospitata all’interno della Estate Fiorentina 2017. [74]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album solisti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 - Ce l'hai una sigaretta?
  • 2007 - MadreLingua

RockGalileo[modifica | modifica wikitesto]

  • 1993 - La strada da imboccare
  • 1996 - Siamo del '70
  • 1998 - Fatti una mela EP
  • 1999 - Galileo

Mr. Grady?[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Arisa

  • 2014 - Se vedo te (coautore, strumentista, arrangiatore, produttore artistico)

Biagio Antonacci
(musicista polistrumentista, arrangiatore e co-produttore artistico)

Bugo

Cristina Donà
(coautore, strumentista, arrangiatore, produttore artistico)

Dolcenera

Irene Grandi

PGR

Piero Pelù
(coautore, strumentista, arrangiatore)

Syria

Vasco Rossi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "RockGalileo su YouTube", su youtube.com.
  2. ^ "Rock Galileo", su ideasuono.it.
  3. ^ "Saverio Lanza Ce l'hai una sigaretta?" Musicplus.it, su musicplus.it.
  4. ^ "Il manifesto" 8 aprile 2004 - Marco Boccitto
  5. ^ "Saverio Lanza", su ricerca.repubblica.it.
  6. ^ "Musica coi clochard il progetto di Lanza", su ricerca.repubblica.it.
  7. ^ "MADRELINGUA", su rockol.it.
  8. ^ "Cantami una canzone", su vita.it.
  9. ^ "Musica: il canto delle madri del mondo", su nosotras.it.
  10. ^ "Gli spettacoli del mese. Ce l'hai una sigaretta?" (PDF), su piazzagrande.it.
  11. ^ "La Fraternal Compagnia e le ombre multimediali", su ricerca.repubblica.it.
  12. ^ "Ombre. Spettacolo di teatro sociale, dedicato alla vita dei senza tetto", su test.eventi.parma.it.
  13. ^ "I "fuoricasta" di Massimo Altomare & Saverio Lanza", su toscanamusiche.it.
  14. ^ "Mr.Grady?", su musicplus.it.
  15. ^ "Mr.Grady?", su saveriolanza.altervista.org.
  16. ^ "Arimortis", su museodelnovecento.org.
  17. ^ "Saverio Lanza con Olga Schigal mostra al Museo del Novecento di Milano", su radiowebitalia.it.
  18. ^ "Saverio Lanza fa...playback", su notespillate.com.
  19. ^ "San Miniato al Monte: sold out "Cento Anni di Spoon River"", su met.cittametropolitana.fi.it.
  20. ^ " http://www.reportpistoia.com/montagna/item/50720-l-importanza-di-essere-piccoli-a-spedaletto-l-ultima-tappa.html "
  21. ^ " http://estatefiorentina.it/event/vocazioni-messa-spontanea-per-coro-misto-di-saverio-lanza-2/ "
  22. ^ "Pastis", su pastislanza.it.
  23. ^ "Creative Review - The Lanza brothers", su creativereview.co.uk.
  24. ^ "In real life we got something better to do", su creativesocialblog.com.
  25. ^ "The Lanza brothers. Putting a frame around the world", su creativereview.co.uk.
  26. ^ "'Bit bang', il festival sui new media", su lanazione.it.
  27. ^ "'18-19 luglio 2008 Museo Stibbert, Firenze - Morpheus" (PDF), su morpheus.micc.unifi.it.
  28. ^ "MOLISECINEMA 2008 Filmfestival 6ª edizione", su 2008.molisecinema.it.
  29. ^ "Backlight artists", su backlight.fi.
  30. ^ "Backlight 08 - Tickle Attack", su photocompetition.it.
  31. ^ "Pecha Kucha Night - Firenze in Movimento", su pkn.isiadesign.fi.it.
  32. ^ "FotoFestiwal 09 Main Programme", su fotofestiwal.com.
  33. ^ "PITTI BIMBO 68 - FLASH EVENTI", su pittimmagine.com.
  34. ^ "Pitti Immagine Bimbo", su fashionmagazine.it.
  35. ^ "Evento Replay & Sons alla stazione Leopolda di Firenze", su alimata.com.
  36. ^ "Evento Replay & Sons a Pitti Bimbo a Firenze", su fashiondesignlabmagazine.com.
  37. ^ "Identità precarie", su edizioniets.com.
  38. ^ "Progetto Re-Generation", su pittimmagine.com.
  39. ^ ""Pastis 26 regeneration" by Replay for Pitti People", su styleandfashion.blogosfere.it.
  40. ^ "Premio Ciampi >L'altrarte", su premiociampilaltrarte.blogspot.it.
  41. ^ "Presentata la XV ed. del Premio Ciampi", su premiociampi.it.
  42. ^ "VAEFF 2011 Artists", su festival.videoart.net.
  43. ^ "Trailer: 2011 Video Art and Experimental Film Festival", su vimeo.com.
  44. ^ "Casa Saraceni MEMORIAOBLIO", su genusbononiae.it.
  45. ^ "Italian Textile Sonata; a Prato un concerto per macchine tessili", su indie-eye.it.
  46. ^ "Italian Textile Sonata", su video.repubblica.it.
  47. ^ "Pastis, Italian Textile Sonata", su vimeo.com.
  48. ^ "Educazione Affettiva", su educazioneaffettiva.com.
  49. ^ "Educazione Affettiva" (PDF), su mediatecatoscana.net.
  50. ^ "Educazione Affettiva", su imdb.com.
  51. ^ "Educazione Affettiva", su smemoranda.it.
  52. ^ "Spring 2014 Lectures and Events", su suflorence.syr.edu.
  53. ^ "FOTOCONCERTO with PASTIS", su youtube.com.
  54. ^ "Milano, Pastis & Irene Grandi: una performance insieme per MIA Fair", su rockol.it.
  55. ^ "Cristina Donà ospite di Pastis a Bologna", su cristinadona.it.
  56. ^ "GALÀGALERA", su temporeale.it.
  57. ^ "Galàgalera, ancora musica nel teatro di Sollicciano", su toscanamusiche.it.
  58. ^ "Pastis, Galàgalera per Sollicciano", su lanazione.it.
  59. ^ "Fotoconcerto", su buongiornoceramica.it.
  60. ^ "Pastis: Mraco e Svario Lanza in Fotoconcerto", su indie-eye.it.
  61. ^ "PASTIS & IRENE GRANDI 'LUNGOVIAGGIO'", su pastislanza.it.
  62. ^ "Saverio Lanza", su notelegali.it.
  63. ^ [1]
  64. ^ [2]
  65. ^ "Lanza, anima rock di Arisa:'Così abbiamo vinto Sanremo'", su firenze.repubblica.it.
  66. ^ "Vincitori Targhe Tenco 2015", su premiotenco.it.
  67. ^ Rockol.com s.r.l., √ Recensioni | Dischi | Il Geometra Mangoni - L'ANTICICLONE DELLE AZZORRE su Rockol.it, su Rockol. URL consultato il 31 maggio 2016.
  68. ^ Il Geometra Mangoni vince il contest del Primo Maggio: Guarda il video alla Festa della Musica 2015 | Indie-eye - REC, su www.indie-eye.it. URL consultato il 31 maggio 2016.
  69. ^ "Premio Fabrizio De André", su premiofabriziodeandre.it.
  70. ^ "XIV Premio De André: vincono ex aequo Blindur e Marco Greco, Luciano D'Abbruzzo e La Suonata Balorda", su musicalnews.com.
  71. ^ "Amore che vieni amore che vai", su cristinadona.it.
  72. ^ Fabbrica Europa  » Archive  » Festival au Désert – Laboratorio nomade, su fabbricaeuropa.net. URL consultato il 31 maggio 2016.
  73. ^ rocksulserio.it, http://www.rocksulserio.it/serata/irene-grandi-i-pastis-albo/.
  74. ^ https://www.belviveremedia.com/amadeus/vocazioni-firenze-progetto-saverio-lanza

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]