Royal Oak (metropolitana di Londra)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Underground.svg Royal Oak
Royal Oak tube station Entrance.jpg
Ingresso della stazione di Royal Oak
Stazione della metropolitana di Londra
Gestore TFL
Inaugurazione 1871
Stato in uso
Linea Circle line flag box.png
Hammersmith & City line flag box.png
Localizzazione Westbourne Green, Città di Westminster
Tipologia Stazione di superficie
Note 1,545 milioni di passeggeri all'anno[1]
Mappa di localizzazione: Londra
Royal Oak
Royal Oak
Metropolitane del mondo

Coordinate: 51°31′09″N 0°11′17″W / 51.519167°N 0.188056°W51.519167; -0.188056

Royal Oak è una stazione della metropolitana di Londra, situata sulla Hammersmith and City Line e sulla Circle Line, tra le stazioni di Westbourne Park e Paddington, nella Travelcard Zone 2. È la meno utilizzata delle stazioni della Hammersmith and City line con i suoi 1,545 milioni di passeggeri all'anno, ma molto frequentata durante il Carnevale di Notting Hill.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione aprì il 30 ottobre 1871[2] nonostante l'estensione della Metropolitan Railway (MR, oggi la Metropolitan Line) verso Hammersmith fosse stata aperta nel 1864.

Dal 1867 la MR e la Great Western Railway (GWR) divennero comproprietarie della nuova linea Hammersmith & City Railway (H&CR), oggi la Hammersmith and City Line, e si accordarono per l'apertura di ulteriori stazioni lungo questa tratta. La nuova stazione di Westbourne Park, ricostruita e spostata verso est, e Royal Oak furono aperte quasi contemporaneamente.[2]

La stazione prende il nome probabilmente da un pub vicino, il Royal Oak, che cambiò nome intorno al 2006, ed è oggi chiamato The Porchester.[3]

La stazione era servita sia dai convogli della GWR sia da quelli della MR. Poiché il traffico era condiviso sulla Great Western Main Line gestita dalla GWR e interferiva con i loro treni, la compagnia costruì una nuova coppia di binari da Paddington fino a Westbourne Park per uso esclusivo della H&CR e il 12 maggio 1878 aprì un sottopassaggio per evitare conflitti nel punto in cui la linea metropolitana attraversava la linea principale. Questi binari, dedicati al solo uso della metropolitana, passarono sotto il controllo della London Underground solo il 1º gennaio 1948.[2]

Stazione ferroviaria di Royal Oak[modifica | modifica wikitesto]

La sezione della stazione di Royal Oak della GWR fu chiusa perché la Hammersmith and City Line forniva un servizio alternativo. Era la prima fermata dopo Paddington sulla Great Western Main Line. Anche Westbourne Park aveva binari e piattaforme sulla linea, che chiusero nel 1992 per la vicinanza della linea della metropolitana e perché creavano rallentamenti al progettato servizio dell'Heathrow Express.

Il servizio della GWR cessò il 1º ottobre 1934 e le relative piattaforme furono chiuse. La stazione rimase servita dai soli treni della metropolitana. Oggi la prima fermata dopo Paddington sulla linea ferroviaria è Acton Main Line.

La stazione oggi[modifica | modifica wikitesto]

Royal Oak è situata vicino all'autostrada A40. È rimasta chiusa dal 10 aprile all'11 maggio 2015 per la sostituzione delle scale.[2] Dal 13 dicembre 2009[2] è servita anche dalla Circle Line.

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è servita delle seguenti linee di autobus:

  • Buses roundel.svg: 18, 36 e la linea notturna N18.[4]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

La stazione compare nel film Kidulthood (2006).[5]

La stazione è situata su Lord Hills Bridge, che è citato nella canzone 'Nature Springs' di The Good, the Bad & the Queen.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistiche
  2. ^ a b c d e (EN) Clive's Underground Line Guides - Hammersmith & City Line, davros.org. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  3. ^ (EN) Hidden London - Royal Oak, Westminster, hidden-london.com. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  4. ^ (EN) Transport for London - Buses, tfl.gov.uk. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  5. ^ (EN) The London Underground in Films & Television, nickcooper.org.uk. URL consultato il 17 gennaio 2017.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]