Riserva naturale orientata Pantalica, Valle dell'Anapo e Torrente Cava Grande

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riserva naturale orientata Pantalica, Valle dell'Anapo e Torrente Cava Grande
Sponda del fiume (Pantalica).jpg
Il torrente Calcinara presso Pantalica
Tipo di areaRiserva naturale orientata
Codice EUAPEUAP1139
StatiItalia Italia
RegioniSicilia Sicilia
ProvinceSiracusa Siracusa
ComuniBuscemi, Cassaro, Ferla, Palazzolo Acreide, Sortino
Superficie a terra3.712,07 ha
Provvedimenti istitutiviD.A. 482/44 25/07/1997
Pantalica-Schlucht.jpg
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

La Riserva naturale orientata Pantalica, Valle dell'Anapo e Torrente Cava Grande è una riserva naturale regionale della Sicilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pantalica e Anapo.

La riserva è stata istituita nel 1997.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La riserva si estende per gran parte sui territori di Ferla, Cassaro e Sortino su cui si trovano la maggior parte delle catacombe. È attraversata dal fiume Anapo e dal Calcinara che scorrono attraverso i canyon a "V" caratteristici della zona.
Comprende più sistemi; la Valle del Fiume Anapo, che nasce sul Monte Lauro, nei Monti Iblei, e sfocia nel porto di Siracusa, la Valle di Pantalica e il torrente di Cava Grande.
All'interno della riserva sono presenti anche due grotte carsiche, la grotta dei pipistrelli e la grotta Trovato. Nei pressi di Ferla è presente il Bosco di Giarranauti.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

L'area meteorologica della riserva è compresa tra la fascia bioclimatica termomediterranea e quella mesomediterranea ad ombroclima subumido superiore.
Le precipitazioni medie annue, come si può notare dalle tabelle sotto riportate, sono concentrate principalmente nei mesi autunnali ed invernali.
All'interno della valle, limitatamente alle forre più strette ed ai versanti esposti a nord, coperti da una fitta vegetazione forestale, si registra un clima nettamente più umido rispetto a quello circostante.[1]

Dati provenienti dalla stazione meteorologica di Presa San Nicola

Precipitazioni medie mensili ed annue (371 m s.l.m., 32 anni di osservazione)[1]

Valle dell'Anapo Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
Precipitazioni (mm) 1217510168331011205814810711130720241313863
Dati provenienti dalla stazione meteorologica di Sortino

Precipitazioni medie mensili ed annue (438 m s.l.m., 36 anni di osservazione)[1]

Valle dell'Anapo Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
Precipitazioni (mm) 1187392583181016551669911830918134320844

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Flora della riserva

Per quanto riguarda l'aspetto naturalistico, la riserva di Pantalica offre ambienti ecologici diversificati che consentono l'espressione di una biodiversità significativa. Vi sono diversi biotopi a seconda degli ambienti: un acquatico, uno ripariale (delle pareti), uno della valle, dei pianori e delle grotte. Lungo il corso del fiume si sviluppa una crescente vegetazione a platano orientale. Sulle rocce invece vi è la presenza di oleandri, perfettamente adatti a questo clima. Tra gli alberi dominano i salici, il pioppo nero, l'orniello, il carpino e la roverella, mentre il sottobosco diventa intricato a causa dei rovi e delle piante lianose come la vitalba. Arbusti del sottobosco sono anche il pungitopo, il biancospino, il lentisco e l'euforbia cespugliosa. Come fiori sono presenti ciclamini, margheritine di campo, fiorellini bianchi dell'aglio selvatico e il ranuncoli dalla corona gialla. Spostandoci verso le pareti della valle vi è la presenza della macchia mediterranea costituita da sempreverdi quali il leccio, il terebinto, la fillirea e l'alaterno.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

L'ambiente fluviale di natura torrentizia offre un habitat ideale alla rara trota siciliana (Salmo trutta macrostigma), presente in altre pochissime stazioni in Sicilia, alla trota fario (Salmo trutta fario) e alla tinca (Tinca tinca). Non è raro trovare anche l'anguilla (Anguilla anguilla) e il granchio di fiume (Potamon fluviatile).

Dei numerosi uccelli rapaci che un tempo popolavano quest'area sopravvivono solo il falco pellegrino (Falco peregrinus) e qualche raro esemplare dell'aquila del Bonelli (Hieraaetus fasciatus), che si nutrono di conigli (Oryctolagus cuniculus) e coturnici (Alectoris graeca), specie queste presenti tra la bassa vegetazione dei pendii. Tra le altre specie ornitologiche presenti merita un cenno l'upupa (Upupa epops).

Altri mammiferi presenti sono la volpe (Vulpes vulpes), la martora (Martes martes), la donnola (Mustela nivalis) e l'istrice (Hystrix cristata). Nella grotta dei Pipistrelli e nella grotta Trovato trovano inoltre ospitalità numerose specie di pipistrelli.

Variegato e ricco il regno degli anfibi, che trovano nella Riserva ideali condizioni di vita: tra di essi merita una citazione il raro discoglosso dipinto (Discoglossus pictus).

Tra i rettili da segnalare infine il colubro di Riccioli (Coronella girondica), un serpente diffuso nelle campagne dell'isola, e alcune specie di testuggini terrestri (Emys trinacris e Testudo hermanni).

La ferrovia Siracusa-Vizzini[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: ferrovia Siracusa-Vizzini-Ragusa.

Nella valle dell'Anapo, nei primi del novecento venne costruita una ferrovia che collegava la costa con l'entroterra passando all'interno dell'area di Pantalica. La ferrovia rimase in funzione sino agli anni cinquanta del secolo scorso, poi venne dismessa. Ad oggi restano percorribili le gallerie e alcuni edifici ferroviari dei primi del novecento. Allora vi era persino la fermata del treno Necropoli di Pantalica.

I percorsi ciclopedonali[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della riserva sono stati allestiti due percorsi ciclopedonali per ampliare le possibilità di fruizione del sito. Nel Bosco di Giarrananuti è presente un percorso in pendenza di circa 5 km all'interno dell'area boschiva[2].

Il secondo percorso è fruibile dietro autorizzazione della forestale e si staglia sull'ex tracciato ferroviario Siracusa-Vizzini che attraversa la valle dell'Anapo.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia