Riccardo Budoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riccardo Budoni
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1988
Carriera
Giovanili
Teramo
Squadre di club1
1977-1978 Teramo 5 (-?)
1978-1980 Lazio 4 (-3)
1980-1981 Siena 34 (-20)
1981-1982 Empoli 34 (-33)
1982-1983 Brescia 0 (-0)
1983-1984 Piacenza 1 (-1)
1984-1985 Brescia 0 (-0)
1985-1986 Massese 32 (-19)[1]
1986-1988 Spezia 26 (-31)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Calcio a 5 Futsal pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Carriera
Squadre di club
1988-1990non conosciuta Helios Ostia? (-?)
1990-1991Torrino? (-?)
1991-1995Ladispoli? (-?)
1995-1997Roma Futsal? (-?)
1999-2000Ciampino? (-?)
2003-2004TC Garden? (-?)
2005-2007600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg Proginf? (-?)
Carriera da allenatore
2000-2002Nepi
2002-2003NepiVice e giovanili
2003-2004TC GardenUnder-21
2004-2005CinecittàUnder-21
2005-2007600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg ProginfUnder-21
2007-2008600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg Proginf
2008-2009600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg ProginfUnder-21
2010-Italia Italia Under 21Portieri
2012-2014non conosciuta Futbolclub
2014-2016non conosciuta TC Parioli
2016-2017Capitolina Marconi
2017-2019non conosciuta CCCP
2019-Olimpus
 

Riccardo Budoni (Roma, 8 settembre 1959) è un ex calciatore, ex giocatore di calcio a 5 e allenatore di calcio a 5 italiano, che ha ricoperto il ruolo di portiere sia da calciatore che da giocatore di calcio a 5.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nelle giovanili del Teramo, con cui esordisce in Serie C nella stagione 1977-1978[2]. Nella stagione successiva passa alla Lazio, con cui gioca prevalentemente nel Campionato Primavera conquistando la Coppa Italia nel 1979[3] e raggiungendo la finale nel Torneo di Viareggio 1980, persa contro il Dukla Praga[4]. Nel finale di stagione 1979-1980 esordice in Serie A a seguito delle sospensioni per il calcioscommesse che colpiscono, tra gli altri, il portiere titolare Massimo Cacciatori[5]. Preferito al portiere di riserva Giuseppe Avagliano[3][5] nonostante problemi a un ginocchio[6], debutta nella massima serie il 30 marzo 1980, nel 2-0 interno sul Catanzaro[6], e a fine stagione le presenze sono in tutto 4.

Nel 1980, dopo la retrocessione e l'acquisto di Maurizio Moscatelli e Aldo Nardin, viene mandato nuovamente in Serie C per maturare esperienza: gioca due stagioni da titolare, a Siena (in Serie C2)[7] ed Empoli (Serie C1). Rientrato alla Lazio, viene ceduto in comproprietà al Brescia, nell'ambito della cessione di Gabriele Podavini ai biancocelesti[8], ma con le Rondinelle gioca solamente due partite di Coppa Italia, e nel novembre 1983 passa in prestito al Piacenza, in Serie C2[9]. Gioca un'unica partita, che coincide con la sconfitta interna contro il Pavia[10], e a fine stagione fa rientro al Brescia. Dopo un'altra annata vissuta alle spalle di Roberto Aliboni e culminata con la promozione in Serie B, si trasferisce per una stagione alla Massese in Serie C2: con gli apuani stabilisce una striscia di imbattibilità di oltre 700 minuti[11]. A fine stagione passa allo Spezia[12], rimanendovi per due campionati in Serie C1 e C2 nei quali viene ricordato dalla tifoseria spezzina per alcune sue incertezze[13].

Nel 1988, a soli 29 anni, chiude la carriera calcistica per dedicarsi al calcio a 5[2][3].

Calcio a 5[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1988 ha militato in numerose squadre di Roma e dintorni[2], tra cui il Torrino, con cui partecipa al campionato di Serie A 1990-1991[14]. Con la maglia della Lazio Master C5 ha vinto anche un campionato di categoria nel 1997[3].

Dopo il ritiro, Budoni torna occasionalmente in campo con le maglie di TC Garden Roma[15] e Proginf, nel periodo in cui è anche allenatore della squadra romana[16][17].

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera agonistica, allena diverse squadre nei campionati laziali. È alla guida del Nepi[18], con cui ottiene la doppia promozione dalla Serie D alla Serie B e la vittoria nella Coppa Italia di Serie C nel 2002[19]; nello stesso anno, tuttavia, viene sostituito da Fulvio Colini e diventa allenatore in seconda e coordinatore delle giovanili[19][20]. Lasciata Nepi, guida le giovanili del TC Garden Roma (poi ridenomatosi Cinecittà)[21][22] e della Proginf[16][23]; all'inizio della stagione 2007-2008 assume la guida della prima squadra, subentrando a Massimo Del Rosso, senza poter evitare la retrocessione in Serie C1[24]. Riconfermato all'inizio della stagione successiva[24], viene successivamente avvicendato ancora con Del Rosso[25], e torna ad occuparsi delle giovanili[26].

Ricopre poi l'incarico di dirigente della Nazionale italiana Master di calcio a 5[3] e di preparatore dei portieri della Nazionale Under-21 di calcio a 5 dell'Italia[27]. Dal 2012 al 2014 Budoni si divide tra l'incarico con la Nazionale e il ruolo di allenatore del Futbolclub, squadra partecipante al campionato di Serie C2 di calcio a 5[28]. Nel 2014 diventa allenatore del Tc Parioli, Circolo Storico Italiano, la cui massima rappresentativa milita nel campionato di serie C1, confermando il suo impegno con la Nazionale Italiana U21; in seguito guida Capitolina Marconi (Serie B) e CCCP Futsal (Serie C1), sempre nella Capitale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 1978-1979

Club[modifica | modifica wikitesto]

Brescia: 1984-1985[29]

Calcio a 5[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nepi: 2002-2003 (Vice)
Nepi: 2001-2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Panini edizioni, 1987, p. 309.
  2. ^ a b c Intervista a Riccardo Budoni, su davidcalabria.com (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2014).
  3. ^ a b c d e Il personaggio: Riccardo Budoni Archiviato il 1º agosto 2014 in Internet Archive. Museodellemaglie.it
  4. ^ Il Dukla su autogol batte la Lazio: 1-0, La Stampa, 19 febbraio 1980, pag.40
  5. ^ a b Lazio-giovane per salvarsi Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive., L'Unità, 30 marzo 1980, pag.19
  6. ^ a b Gran gol del «capitano». La Lazio-giovane esulta Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive., L'Unità, 31 marzo 1980, pag.11
  7. ^ Natili, Fontanelli, p.289.
  8. ^ Il Napoli vuole Marchetti, la Samp Milla del Camerun Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive., L'Unità, 24 giugno 1982, pag.17
  9. ^ Rosa 1983-1984 Storiapiacenza1919.it
  10. ^ Piacenza-Pavia 0-1 – Stagione 1983-1984 Storiapiacenza1919.it
  11. ^ Alessandria, la prova più difficile, La Stampa, 22 gennaio 1986, pag.16
  12. ^ Stagione 1986-1987 Tifosolospezia.altervista.org
  13. ^ Cresci, p.7.
  14. ^ In cerca di punti, La Stampa, 6 ottobre 1990, pag.11
  15. ^ Serie B - Decisioni del Giudice Sportivo Ilcalcioa5.com
  16. ^ a b (PDF) Il Proginf è risorto con un portiere speciale, La Provincia Sportiva, 21 ottobre 2005, pag.17
  17. ^ IL CAPOTERRA 2000 TENTA LA SCALATA ALLA SERIE B Sardiniafutsal.it
  18. ^ Nepi, 8 gol per abbattere anche l'Acquedotto Ilcalcioa5.com
  19. ^ a b Mercato: Fulvio Colini è il nuovo tecnico dell'A.S. Nepi 2000 per la stagione 2002/03 Ilcalcioa5.com
  20. ^ Ore 16: comincia l'avventura dell'As Nepi 2000 Ilcalcioa5.com
  21. ^ (PDF) Cambio di denominazione sociale Archiviato il 9 settembre 2016 in Internet Archive. Figc.it
  22. ^ (PDF) Under 21: in rampa di lancio un Cinecittà un po' più brasiliano, La Provincia Sportiva, 23 settembre 2005, pag.8
  23. ^ PAOIL LATINA-PROGINF 6-4 Ilcalcioa5.com
  24. ^ a b (PDF) Proginf, Budoni ha le idee chiare[collegamento interrotto], La Provincia Sportiva, 19 settembre 2008, pag.12
  25. ^ (PDF) Il Proginf saluta Del Rosso[collegamento interrotto], Calcio a 5 anteprima, 10 gennaio 2009, pag.8
  26. ^ (PDF) Budoni:“Proginf, gli elogi sono meritati” Archiviato il 12 giugno 2009 in Internet Archive., Calcio a 5 anteprima, 28 maggio 2009, pag.12
  27. ^ Staff tecnico Archiviato il 19 marzo 2013 in Internet Archive. Divisionecalcioa5.it
  28. ^ Quarta vittoria consecutiva, il Futboclub è tornato: "Puntiamo alla tranquillità" Calcioa5live.com
  29. ^ In rosa, ma senza essere sceso in campo nella competizione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Fontanelli; Nicola Natili, 100 anni con la Robur, Empoli, GEO Edizioni, 2004.
  • Lorenzo Cresci, L'almanacco dello Spezia, La Spezia, Edizioni Cinque Terre, 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]