Rapolano Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rapolano Terme
comune
Rapolano Terme – Stemma Rapolano Terme – Bandiera
Rapolano Terme – Veduta
Panorama di Rapolano Terme
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Siena-Stemma.svg Siena
Amministrazione
SindacoAlessandro Starnini (centrosinistra) dal 26-05-2019
Territorio
Coordinate43°17′N 11°36′E / 43.283333°N 11.6°E43.283333; 11.6 (Rapolano Terme)Coordinate: 43°17′N 11°36′E / 43.283333°N 11.6°E43.283333; 11.6 (Rapolano Terme)
Altitudine334 m s.l.m.
Superficie83,04 km²
Abitanti5 338[3] (30-4-2018)
Densità64,28 ab./km²
FrazioniArmaiolo, Modanella, Poggio Santa Cecilia, San Gimignanello, Serre di Rapolano[1]
Comuni confinantiAsciano, Bucine (AR), Castelnuovo Berardenga, Lucignano (AR), Monte San Savino (AR), Sinalunga, Trequanda
Altre informazioni
Cod. postale53040
Prefisso0577
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT052026
Cod. catastaleH185
TargaSI
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[4]
Cl. climaticazona D, 1 914 GG[5]
Nome abitantirapolanesi[2]
PatronoVergine Maria Assunta
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rapolano Terme
Rapolano Terme
Rapolano Terme – Mappa
Posizione del comune di Rapolano Terme all'interno della provincia di Siena
Sito istituzionale

Rapolano Terme è un comune italiano di 5.338 abitanti della provincia di Siena in Toscana. È una località termale che dispone di due stabilimenti: le Terme San Giovanni, immerse nella collina senese, e le Terme Antica Querciolaia, vicine al centro abitato.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il comune, conosciuto anticamente come Rapolano, ha assunto la denominazione Rapolano Terme nel 1949.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Porta dei Tintori

Nel centro storico, costruita vicino ad un pezzo di antiche mura, si trova la porta dei Tintori: è stata costruita nel XIV secolo ed è il più antico ingresso al paese.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Monumento ai caduti

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 634 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Teatri[modifica | modifica wikitesto]

Paesaggio delle Crete Senesi

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale di Rapolano Terme comprende, oltre al capoluogo, cinque frazioni:[1]

Località[modifica | modifica wikitesto]

Campigliola, Castiglion Baroti, Ficaiole, Laticastelli, Montauto e Selvapiana.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Rapolano Terme si trova vicina al raccordo autostradale Siena-Bettolle.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico il paese dispone di una propria stazione ferroviaria mentre il trasporto autobus è operato dalla società consortile Siena Mobilità.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Immagine miracolosa di Santa Maria in Ferrata

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
25 giugno 1985 24 maggio 1990 Fabio Bardelli Partito Comunista Italiano Sindaco [7]
24 maggio 1990 9 giugno 1992 Fabio Bardelli Partito Democratico della Sinistra, Partito Comunista Italiano Sindaco [7]
1º agosto 1992 24 aprile 1995 Enza Billi Partito Democratico della Sinistra Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Alvaro Forzoni Partito Democratico della Sinistra Sindaco [7]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Alvaro Forzoni centro-sinistra Sindaco [7]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Patrizia Baldaccini centro-sinistra Sindaco [7]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Emiliano Spanu centro-sinistra Sindaco [7]
26 maggio 2014 25 maggio 2019 Emiliano Spanu centro-sinistra: continuare a crescere Sindaco [7]
26 maggio 2019 in carica Alessandro Starnini PD Sindaco [7]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ha sede nel comune la società di calcio GSD Rapolano Terme, che ha disputato campionati dilettantistici regionali. Disputa gli incontri allo stadio comunale intitolato a Ubaldo Passalacqua.

Sono presenti due società di Calcio a 5 che militano nei campionati FIGC regionali: l'IBS Le Crete che milita in serie C1 e il G.S.D.Real Calcetto Rapolano che milita nel campionato di serie C2.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Statuto comunale di Rapolano Terme, art. 4.1 (PDF), su incomune.interno.it. URL consultato il 5 ottobre 2017.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 447.
  3. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2018.
  4. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  5. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139983329 · GND (DE4442600-8 · WorldCat Identities (ENlccn-nr90007157