Ramón María Narváez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ramón María Narváez y Campos, I duca di Valencia
Ramon Maria Narvaez.jpg
Ritratto del duca di Valencia. Vicente López Portaña. (Museo de Bellas Artes de Valencia).
Duca di Valencia
In carica 1845 –
1868
Predecessore Titolo inesistente
Successore José María de Narváez y Porcel, II duca di Valencia
Nascita Loja, 5 agosto 1800
Morte Madrid, 23 aprile 1868
Padre José María de Narváez y Porcel, I conte di Cañada Alta
Madre María Ramona de Campos y Mateos
Consorte French Marie Alexandrine de Tascher

Ramón María Narváez y Campos (Loja, 5 agosto 1800Madrid, 23 aprile 1868) è stato un nobile, generale e politico spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Loja, presso Granada, Ramon Maria era figlio di José María de Narváez y Porcel, I conte di Cañada Alta, e di sua moglie María Ramona de Campos y Mateos.[1] Ancora giovanissimo entrò nell'esercito spagnolo e conobbe un servizio particolarmente attivo sotto il comando di Francisco Espoz y Mina in Catalogna nel 1822.

Conservatore per tendenza personale, non poté supportare però completamente l'opposizione radicale di Ferdinando VII presso il quale giurò fedeltà dopo la restaurazione. Quando il re morì nel 1833, Narváez divenne uno strenuo sostenitore della politica conservatrice della regina Isabella II.

Egli ottenne grande popolarità grazie alla sua vittoria su Miguel Gómez Damas, il generale carlista, nella Battaglia di Majaceite presso Arcos de la Frontera, nel novembre del 1836. Dopo essersi dedicato all'epurazione dei briganti dalla provincia della Mancia con una vigorosa politica di repressione nel 1838 venne nominato capitano generale della Vecchia Castiglia e comandante in capo della riserva d'esercito.

Nel 1840, per la parte che aveva avuto a Siviglia nell'ambito dell'insurrezione contro Baldomero Espartero, conte di Luchana ed il partito progressista, venne costretto a cercare rifugio in Francia ove, assieme alla regina Maria Cristina, pianificò la spedizione del 1843 che detronizzò Espartero.

Il 3 maggio 1844 Narváez divenne il 26º primo ministro di Spagna ed il 1º luglio di quello stesso anno ottenne anche la carica di ministro degli esteri, mantenendola sino al 21 agosto di quello stesso anno. Il 18 novembre 1845 venne creato feldmaresciallo e Duca di Valencia, ma la sua politica troppo reazionaria non venne a lungo tollerata ed egli venne costretto a lasciare i propri incarichi il 12 febbraio 1846. Si dedicò dunque alla carriera diplomatica ed ottenne il posto di ambasciatore a Parigi sino al 16 marzo di quello stesso anno, quando venne nuovamente chiamato a presiedere il consiglio dei ministri, sino al 4 aprile di quell'anno e nuovamente gli affari esteri dal 16 marzo al 5 aprile 1846. Divenne ancora una volta primo ministro e ministro degli affari esteri dal 23 ottobre 1847, ma a causa di incomprensioni con la regina Maria Cristina venne costretto a rassegnare le proprie dimissioni prima da ministro degli esteri (23 ottobre 1847) e poi da primo ministro (19 ottobre 1849). Il 20 ottobre 1849, ad ogni modo, venne richiamato al suo incarico di primo ministro, rimanendo tale sino al 10 gennaio 1850.

Ramón María Narváez, in un ritratto di Vicente López.

Dopo un periodo di pausa durante il quale il generale Leopoldo O'Donnell, duca di Tetuan fu primo ministro tra il 12 ottobre 1856 ed il 15 ottobre 1856, tornò nuovamente al potere per alcuni mesi come primo ministro dal 16 settembre 1864 al 19 maggio 1865. Rimpiazzò nuovamente O'Donnell come primo ministro l'11 luglio 1866 e rimase in carica sino al 22 aprile 1868.

Sposò la nobildonna francese Marie Alexandrine de Tascher.

Venne succeduto nei suoi titoli da suo nipote, figlio di suo fratello maggiore José de Narváez y Campos, II conte di Cañada Alta, José María de Narváez y Porcel (m. 1890), che divenne così II duca di Valencia, I marchese di Oquendo, III conte di Cañada Alta e II visconte di Aliatar.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran croce dell'Ordine di Carlo III
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare di Alcántara - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare di Alcántara
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Ferdinando - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Ferdinando
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Ermenegildo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Ermenegildo

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Regno di Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Regno di Francia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN75249420 · ISNI (EN0000 0000 2377 6064 · LCCN (ENn84060568 · GND (DE1019745800 · BNF (FRcb169677232 (data) · CERL cnp01423390
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie