Francisco Martínez de la Rosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francisco Martínez de la Rosa
MartinezRosa-1-.jpg

Presidente del Consiglio dei Ministri
Durata mandato 15 gennaio 1834 –
7 giugno 1835
Predecessore Francisco Cea Bermúdez
(Ultimo Segretario di Stato in carica)
Successore José María Queipo de Llano

Ministro degli affari esteri
Durata mandato 15 gennaio 1834 –
7 giugno 1835
Predecessore Francisco Cea Bermúdez
(Ultimo Segretario di Stato in carica)
Successore José María Queipo de Llano

Durata mandato 21 agosto 1844 –
12 febbraio 1846
Predecessore Ramón María Narváez
Successore Manuel Pando Fernández de Pinedo

Durata mandato 25 ottobre 1857 –
14 gennaio 1858
Predecessore Pedro José Pidal
Successore Francisco Javier de Istúriz

Dati generali
Partito politico Partito Moderato

Francisco de Paula Martínez de la Rosa Berdejo Gómez y Arroyo (Granada, 10 marzo 1787Madrid, 7 febbraio 1862) è stato un poeta, drammaturgo e politico spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1808, quando Napoleone invase la Spagna, fu inviato a Londra per sollecitare aiuti. Fu deputato liberale dal 1812 al 1814; a causa del suo liberalismo nel 1814 fu confinato a Gomera (isole Canarie) e vi rimase fino al 1820. Segretario di Stato nel 1822-23, durante il triennio liberale, non riuscì né a evitare la rivoluzione né il successivo intervento controrivoluzionario dei Francesi. Fu nuovamente in esilio durante il successivo decennio nefasto dal 1823 al 1831, soggiornando soprattutto a Parigi.

Tornò alla guida dell'esecutivo e fu il Primo ministro, succedendo a Francisco Cea Bermúdez, dal 1834 al 1835, dal 1844 al 1846 d poi nuovamente dal 1857 al 1858 fu ministro degli esteri. Come politico gli vengono riconosciute intelligenza e onestà, ma anche mancanza di energia. In seguito fu ambasciatore a Parigi e a Roma (1842) e infine presidente delle Cortes nel 1852.

Come scrittore fu considerato, assieme a Espronceda, Bécquer e Rosalía de Castro, uno dei massimi esponenti del romanticismo spagnolo, ma ormai è caduto nell'oblio. I suoi versi sono giudicati eleganti ma privi di ispirazione profonda. Delle sue opere per il teatro si ricordano l'Edipo (1829) e La congiura di Venezia (1834), un dramma ispirato alla storia di Venezia del XIV secolo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Drammi[modifica | modifica wikitesto]

  • La viuda de Padilla (1812, Cadice)
  • Lo que puede un empleo (1812, Cadice) Commedia satírica.
  • Morayama (1815)
  • La niña en casa y la madre en la máscara (1815)
  • Los celos infundados o el marido en la chimenea (1824)
  • Edipo (1829)
  • Aben Humeya (1836)
  • La conjuración de Venecia. Año de 1310 (1830)
  • La boda y el duelo 1839

Romanzi storici[modifica | modifica wikitesto]

  • Hernán Pérez del Pulgar, el de las hazañas. Madrid, 1834.
  • Isabel de Solís. (1837)

Lirica[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesías. Madrid, 1833

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Espíritu del siglo. (1835, 1836, 1838)
  • Bosquejo histórico de la política de España en tiempos de la dinastía austriaca. Madrid 1856
  • La moralidad como norma de las acciones humanas. Madrid, 1856

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • «Martínez de la Rosa, Francisco de Paula». In : Diccionario biográfico del Trienio Liberal. Madrid: El Museo Universal, 1991.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Consiglio dei Ministri Successore
Francisco Cea Bermúdez
(Ultimo Segretario di Stato in carica)
15 gennaio 1834 - 7 giugno 1835 José María Queipo de Llano
Controllo di autorità VIAF: (EN14811738 · LCCN: (ENn85342393 · ISNI: (EN0000 0001 1797 6243 · GND: (DE118893750 · BNF: (FRcb12172718j (data) · BAV: ADV10300067 · CERL: cnp00541579