Arsenio Martínez Campos y Antón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arsenio Martínez Campos y Antón
Arsenio martinez campos.jpg
Arsenio Martínez Campos come Governatore di Cuba

Primo ministro della Spagna
Durata mandato 7 marzo 1879 –
9 dicembre 1879
Predecessore Antonio Cánovas del Castillo
Successore Antonio Cánovas del Castillo

Governatore generale di Cuba
Durata mandato 1878 –
1879
Predecessore Joaquín Jovellar Soler
Successore Cayeta

Ministro della Guerra
Durata mandato 8 febbraio 1881 –
13 ottobre 1883
Predecessore José Ignacio de Echavarría
Successore José López Domínguezno Figueroa

Governatore generale di Cuba
Durata mandato ottobre 1895 –
febbraio 1896
Predecessore Emilio Calleja Isasi
Successore Valeriano Weyler

Dati generali
Partito politico
  • Partito Liberal-Conservatore (fino al 1880)
  • Partito Liberale (dopo il 1880)
Firma Firma di Arsenio Martínez Campos y Antón

Arsenio Martínez Campos y Antón (Segovia, 14 dicembre 1831Zarauz, 23 settembre 1900) è stato un generale spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver combattuto in Marocco (1860), in Messico (1862) e a Cuba (1869), comandò le truppe sostenitrici di Alfonso XII di Spagna contro i carlisti e i repubblicani, debellandoli nel 1874 e ponendo fine alla Prima Repubblica Spagnola.

Inviato di nuovo a Cuba nel 1876, ne divenne Governatore generale, carica che lasciò nel 1879; firmò con i rivoltosi, privi del loro comandante Calixto García Iñíguez, il cosiddetto trattato di Zanjón (1878), che pose fine alla guerra dei dieci anni.

Divenuto nel 1879 primo ministro della Spagna, si dimise in fretta, ma nel 1881 fu ministro della guerra. Dimessosi nel 1883, fu capitano generale madrileno (1887) e governò la Catalogna dal 1889.

Nel 1895 tornò a Cuba come Governatore generale, per trattare, purtroppo invano, con il vecchio rivale Calixto García Iñíguez, tornato in quell'anno all'attacco. Lasciò la carica di Governatore nel febbraio del 1896.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87706671 · ISNI (EN0000 0000 6112 9482 · GND (DE1057240710 · BNE (ESXX861877 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88182715