Pushing Daisies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pushing Daisies
Pushing Daisies.jpeg
Titolo originale Pushing Daisies
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2007-2009
Formato serie TV
Genere commedia, drammatico, fantasy
Stagioni 2
Episodi 22
Durata 45 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16/9
Colore Colore
Audio Stereo
Crediti
Ideatore Bryan Fuller
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore Bruce Cohen, Bryan Fuller, Dan Jinks, Barry Sonnenfeld, Brooke Kennedy, Peter Ocko
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 2 ottobre 2007
Al 13 giugno 2009
Rete televisiva ABC
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 24 gennaio 2011
Al 4 aprile 2011
Rete televisiva La 5
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 8 ottobre 2008
Al 8 aprile 2009
Rete televisiva Joi

Pushing Daisies è una serie televisiva ideata da Bryan Fuller ed originariamente mandata in onda sul canale ABC dal 2 ottobre 2007 al 13 giugno 2009. Essa è composta da 2 stagioni.

Il 20 novembre 2008, il network americano che ospita la serie, la ABC, l'ha cancellata definitivamente dal palinsesto, fermandosi quindi alla seconda stagione, dopo gli insufficienti risultati d'ascolto ottenuti.[1] Gli ultimi tre episodi della seconda stagione sono stati trasmessi in anteprima mondiale in Germania (4-11 marzo 2009) e in Italia (1º-8 aprile 2009), mentre sono stati trasmessi negli USA dal 30 maggio 2009 al 13 giugno 2009.

In Italia, le due stagioni della serie sono state trasmesse in prima visione assoluta (compresi gli ultimi tre episodi, ancora inediti negli USA, della seconda stagione) tra l'8 ottobre 2008 e l'8 aprile 2009 su Joi di Premium Gallery.

In chiaro, la serie è stata trasmessa dal 24 gennaio al 4 aprile 2011 in prima serata su La 5.[2]

La trama[modifica | modifica sorgente]

La storia racconta le avventure di Ned, un giovane ragazzo col potere di riportare in vita ogni cosa morta. Il titolo prende spunto dall'espressione inglese "spingere le margherite" (sottinteso: dal basso), attività ovviamente possibile solo per chi si trova sottoterra.

La scoperta del dono[modifica | modifica sorgente]

Il racconto inizia nei prati intorno alla città di Couer d'Couers, dove il piccolo Ned, di nove anni, sta giocando con il suo cane e migliore amico Digby, che però, sfortunatamente, viene investito da un camion e muore. Ned allora spaventato si avvicina e lo tocca con la sua mano, ed il cane così come se nulla fosse successo si rialza e continua a correre col suo padrone.

I poteri del dono: la vita[modifica | modifica sorgente]

Ned però era ancora troppo piccolo per capire, finché un giorno sua madre morì di colpo nella cucina, mentre suo figlio stava mangiando una sua torta, allora Ned si avvicinò e la toccò ed anche lei riprese a vivere senza sapere cosa fosse successo. Ma la persona che veniva riportata in vita non poteva restare viva per più di 60 secondi se no qualcun altro avrebbe dovuto pagare con la propria, ed in quel caso morì il padre di Charlotte "Chuck" Charles, la migliore amica di Ned, il bambino capì che era colpa sua ma non fece nulla per cambiare le cose.

I poteri del dono: la morte[modifica | modifica sorgente]

La sera stessa della morte del genitore di Chuck, Ned andò a dormire e come al solito la madre gli dette un bacio sulla fronte e morì all'istante. Ned allora capì che non avrebbe dovuto più toccare neanche il suo cane Digby o anche per lui sarebbe stata la fine. Dopo i fatti di quella giornata Ned comprese i poteri del suo dono: "Primo tocco di nuovo la vita, secondo tocco la morte, per sempre"

L'allontanamento[modifica | modifica sorgente]

Al funerale dei rispettivi genitori Ned e Chuck si dettero il loro primo bacio e poi Ned fu lasciato in un collegio da suo padre e Chuck fu portata via dalle zie Lily e Vivian, i due non si sarebbero visti per molti anni.

Il presente[modifica | modifica sorgente]

La storia poi riprende quando Ned, 19 anni dopo, è diventato "il fabbricatorte" e vive solo, col suo cane Digby in un appartamento sopra il suo bar. Oltre a lavorare lì, Ned guadagna parecchi soldi lavorando col detective Emerson Cod il quale, a conoscenza del suo dono è diventato suo socio, i due trovano le persone morte misteriosamente, Ned le riporta in vita, scoprono chi è l'assassino e riscuotono la ricompensa. Un giorno però succede che una di queste persone morte misteriosamente è Chuck e Ned decide di farla rivivere, intristendo la sua collaboratrice Olive che è innamorata di lui senza sapere del suo dono.

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

  • Ned: interpretato da Lee Pace e Field Cate (giovane Ned), proprietario del Pie Hole, per questo chiamato nella storia "fabbricatorte", e possessore del magico potere di resuscitare i morti.
  • Charlotte Charles (Chuck): interpretata da Anna Friel, amica d'infanzia e surreale "fidanzata" di Ned, che l'ha resuscitata dopo che era stata uccisa in una crociera.
  • Emerson Cod, interpretato da Chi McBride, investigatore privato che si avvale dell'aiuto del potere di Ned per risolvere i casi.
  • Vivian e Lily Charles: interpretate da Ellen Greene e Swoosie Kurtz, zie di Chuck.
  • Olive Snooke: interpretata da Kristin Chenoweth, cameriera del Pie Hole, innamorata di Ned.
  • Digby: il cane di Ned, anche lui resuscitato dopo esser stato investito da un camion.
  • Voce narrante: l'intera storia è raccontata da Jim Dale, mai comparso sullo schermo, ma solo voce narrante.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 9 2007 2008
Seconda stagione 13 2008-2009 2009

Il fumetto[modifica | modifica sorgente]

Vista la cancellazione prematura della serie tv, l'ideatore Bryan Fuller in un'intervista ha annunciato che le vicende di Ned, Chuck, Emerson e Olive continueranno in un fumetto che sarà pubblicato nell'autunno 2009 dalla DC Comics.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.telefilm-central.org/news.php?itemid=4814
  2. ^ LA5 - Pushing Daisies - Video Mediaset
  3. ^ http://www.telesimo.it/news/2009/series-e-casting-news-ugly-betty-heroes-pushing-daisies-lo-svu-gossip-girl-glaad-awards....html

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione