Pfalz D.XIV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pfalz D.XIV
DXIV.jpg
Descrizione
Tipo Aereo da caccia
Equipaggio 1
Costruttore Germania Pfalz
Data primo volo 1918
Utilizzatore principale Germania Luftstreitkräfte
Sviluppato dal Pfalz D.XII
Dimensioni e pesi
Lunghezza 6,32 m
Larghezza 10,0 m
Altezza 2,7 m
Superficie alare 25,43
Peso a vuoto 833 kg
Peso max al decollo 1 032 kg
Propulsione
Motore un Benz Bz.IVü
Potenza 200 PS (147 kW)
Prestazioni
Velocità max 180 km/h a 4 000 m
Velocità di salita a 1 000 m in 3 min
a 1 000 m in 26 min 6 s
Autonomia 1 h 30 min
Armamento
Mitragliatrici 2 LMG 08/15 Spandau calibro 7,92 mm

i dati sono estratti da German Aircraft of the First World War[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Pfalz D.XIV fu un biplano da caccia prodotto dall'azienda tedesca Pfalz alla fine degli anni dieci del XX secolo e testato dalla Luftstreitkräfte, il servizio aereo dell'esercito imperiale tedesco, durante la prima guerra mondiale.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il Pfalz D.XIV era un derivato del modello D.XII; infatti utilizzava la stessa fusoliera e le stesse ali. Il D.XIV differiva dal precedente principalmente per la sostituzione del motore Mercedes D.IIIü da 180 CV con il più potente, ma anche più pesante Benz Bz.IVü da 200 CV. Per far fronte alla maggiore potenza e al maggior peso, il D.XIV era caratterizzato da alettoni e stabilizzatori più grandi rispetto al precedente modello. Alcuni prototipi vennero testati al concorso Adlershof da cui scaturì un primo piccolo ordine di preproduzione.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

I primi esemplari furono consegnati molto velocemente, tuttavia il D.XIV non vide il servizio attivo in quanto non offriva un sensibile aumento delle prestazioni rispetto al D.XII, e il motore Benz Bz.IVü era inoltre necessario per gli aerei da ricognizione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Peter Gray, Owen Thetford, German Aircraft of the First World War, Londra, Putnam, 1962, ISBN 0-93385-271-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]