Siemens-Schuckert D.I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Siemens-Schuckert D.I
SSW D.I in snow.jpg
Siemens-Schuckert D.I di fine produzione, copia del Nieuport 17
Descrizione
Tipoaereo da caccia
Equipaggio1
ProgettistaFranz Steffen
CostruttoreGermania Siemens-Schuckertwerke
Data primo voloottobre 1916
Data entrata in servizio1917
Utilizzatore principaleGermania Luftstreitkräfte
Esemplari95
Sviluppato dalNieuport 11
Altre variantiSiemens-Schuckert D.II
Dimensioni e pesi
Lunghezza6,00 m
Apertura alare7,50 m
Altezza2,59 m
Superficie alare14,40
Peso a vuoto444 kg
Peso carico654 kg
Propulsione
Motoreun Siemens-Halske Sh.I
Potenza110 PS (81 kW)
Prestazioni
Velocità max155 km/h
Velocità di crociera132 km/h[1]
Velocità di salitaa 1 000 m (3 280 ft) in 3 min 30 s
Autonomia2 h 18 min
Tangenza4 800 m[1]
Armamento
Mitragliatrici2 LMG 08/15 calibro 7,92 mm

i dati sono estratti da The Complete Book of Fighters[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Siemens-Schuckert D.I fu un aereo da caccia monomotore, monoposto e biplano, sviluppato dall'azienda aeronautica tedesco imperiale Siemens-Schuckertwerke GmbH negli anni dieci del XX secolo.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il Siemens-Schuckert D.I deriva dallo studio effettuato su un francese Nieuport 11 catturato dai tedeschi durante la prima guerra mondiale. Dopo l'inferiorità tecnica dimostrata in combattimento dai modelli Fokker Eindecker, il governo riuscì ad avere a disposizione i velivoli francesi che vennero inizialmente riprodotti fedelmente dall'azienda tedesca.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Il modello venne inizialmente inviato, in modeste quantità, come equipaggiamento degli Jagdgeschwader, i reparti da caccia della Luftstreitkräfte, gli Jasta da 1 a 5, 7, 9, 11 e 14, tutti dislocati sul fronte occidentale.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

D.I
modello di produzione in serie.
D.Ia
prototipo, velatura e carrello d'atterraggio leggermente modificati, con la prima portata a 15,7 m², realizzato in un solo esemplare.[2]
D.Ib
prototipo, velatura nuovamente modificata con area portata a 19,2 m² ed equipaggiato con un motore Sh.I ad alta compressione capace di 140 PS, realizzato in due esemplari.[2]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (RU) Siemens-Schuckers D.III, su Уголок неба, http://www.airwar.ru. URL consultato il 23 luglio 2012.
  2. ^ a b c Green e Swanborough 1996, Siemens-Schuckers D.III.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Enzo Angelucci, Paolo Matricardi, Flugzeuge von den Anfängen bis zum Ersten Weltkrieg, Wiesbaden, 1976, ISBN 3-8068-0391-9.
  • (EN) Peter Gray, Owen Thetford, German Aircraft of the First World War, 2nd edition, London, Putnam, 1970, ISBN 0-370-00103-6.
  • (EN) William Green, Gordon Swanborough, The Complete Book of Fighters, 1st Edition, London, Salamander Books Ltd., 1996, ISBN 0-86101-643-2.
  • (EN) Imrie, Alex: German Fighter Units 1916 - May1917, Osprey Pub. 1978.
  • (EN) Imrie, Alex: Pictorial History of the German Army Air Service, Ian Allen Pub., 1971.
  • (EN) Kens, Karlheinz; Müller, Hanns: Die Flugzeuge des Ersten Weltkriegs 1914-1918, München 1973 ISBN 3-453-00404-3
  • (EN) Kroschel, Günter; Stützer, Helmut: Die deutschen Militärflugzeuge 1910-18, Wilhelmshaven 1977 ISBN 3-920602-18-8
  • (DE) Nowarra, Heinz: Die Entwicklung der Flugzeuge 1914-18. München 1959
  • (DE) Nowarra, Heinz: Eisernes Kreuz und Balkenkreuz, 1968.
  • (EN) Partee, D.: Siemens Schuckert D.I / II, in Cross & Cockade, Vol.6 Nr. 3, S. 131-132. 1975.
  • (EN) Rimell, Ray: Siemens Schuckert D.I, in: Windsock Vol. 5 Nr. 3, S. 24-27.
  • (EN) Woodman, Harry: Siemens Schuckert D.I/ III/ IV, in: Scale Models, S. 348-352, Juli 1981
  • (EN) Woodman, Harry: BÉBÉ, Aspects of the Nieuport 11, in: Model Aircraft Monthly Vol.1 Nr. 4, S.22-27, 2002
  • (EN) German Aircraft of the First World War by Putnam Pub. (?)
  • (EN) German Army Air Service in WWI, Osprey, Vintage Warbirds Nr. 2, Bilder 42-44, 1985

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]