Nieuport 11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nieuport 11
Nieuport 11 C.1.jpg
L'asso francese Jean Navarre ed il meccanico Servant con il "Bébé".
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Progettista Gustave Delage
Costruttore Francia S.A.E. Nieuport
Data primo volo 1915
Data entrata in servizio 1916[1]
Utilizzatore principale Francia Aviation militaire
Altri utilizzatori Belgio Reale aeronautica militare belga
Italia Corpo Aeronautico Militare
Paesi Bassi Luchtvaartafdeling
Esemplari oltre 7 100[1]
Altre varianti Nieuport 16
Nieuport 17
Dimensioni e pesi
Nieuport-Macchi 11000 (Ni 11) drawing.jpg
Tavole prospettiche
Lunghezza 5,80 m
Apertura alare 7,55 m
Altezza 2,45 m
Superficie alare 13 [2]
Peso a vuoto 320 kg
Peso max al decollo 480 kg
Propulsione
Motore un rotativo Le Rhône 9C
Potenza 80 hp (59,7 kW)
Prestazioni
Velocità max 156 km/h
Autonomia oltre 2 h
Tangenza 4 600 m
Armamento
Mitragliatrici una Lewis calibro 7,7 mm

Dati estratti da Guida agli Aeroplani di tutto il Mondo[3],dove non diversamente specificato.

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Nieuport 11, citato anche come Nieuport XI e battezzato affettuosamente "Bébé" dai suoi equipaggi, era un caccia monomotore biplano prodotto dall'azienda francese Société Anonyme des Établissements Nieuport negli anni dieci del XX secolo.

Adottato dalle forze aeree delle nazioni della Triplice intesa, principalmente di Francia e Regno d'Italia, venne utilizzato con successo durante la prima guerra mondiale fino al suo termine e proseguendo la sua attività operativa in numerose aeronautiche militari.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del conflitto le autorità militari francesi decisero di sviluppare nel proprio paese l'arma aerea ricorrendo all'esperienza maturata dalle aziende nazionali che solo pochi anni prima avevano intrapreso lo sviluppo di nuovi modelli. Venne espressa la necessità di dotare i propri reparti di un nuovo modello richiesta che venne accolta dalla Nieuport.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto venne affidato all'ingegner Gustave Delage il quale sviluppò il precedente modello da lui concepito per partecipare ad una delle tre Gordon Bennett Cup del 1914, il Type 10, che per lo scoppio delle ostilità venne convertito all'uso bellico.[1] Mantenendone l'impostazione generale, monomotore monoposto biplano a carrello fisso, riuscì a mantenerne dimensioni particolarmente compatte, caratteristica quest'ultima che gli valse il soprannome con il quale viene tutt'oggi ricordato.

Il prototipo venne portato in volo per la prima volta nel 1915 confermando le caratteristiche di velocità e affidabilità del Type 10, mostrando grande semplicità nelle evoluzioni, grazie alla sua maggiore compattezza dimensionale.

Il modello venne approvato dalle autorità militari francesi ed avviato alla produzione in serie negli stabilimenti aziendali di Issy-les-Moulineaux, un sobborgo di Parigi.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il motore rotativo Le Rhône 9C del "Bébé".

Biplano, con configurazione sesquiplana, basava le proprie prestazioni sugli 80 CV erogati dal 9 cilindri rotativo "Le Rhône".

L'armamento del "Bébé" era costituito, per i primissimi esemplari, da una mitragliatrice Hotchkiss Mle 1914 con caricatore da 25 colpi. Successivamente venne sostituita da una Lewis calibro 7,7 mm con caricatore prima di 47 e, poi, da 97 colpi, posta sull'ala superiore, con traiettoria esterna al raggio d'azione dell'elica. Contrariamente al predecessore N 10 (inizialmente concepito come biposto), l'ancoraggio d'arma era stato previsto in sede di progettazione e consisteva in un supporto tipo Foster a binario curvo. Su tale binario il pilota aveva facoltà di manovrare manualmente lo scorrimento longitudinale dell'arma e, altresì, di fissarla nella posizione desiderata per il tiro a brandeggio.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Impiegato specialmente per contrastare i Fokker E.III, il Nieuport Type 11 si dimostrava particolarmente efficace, grazie alle ottime prestazioni di ascesa rapida, mentre il suo principale punto debole consisteva nei problemi di aeroelasticità alle alte velocità, meglio note come flutter, che comportavano forti vibrazioni, crescenti proporzionalmente alla velocità, fino a provocare il collasso strutturale.

Le cronache del tempo registrarono parecchi incidenti, dovuti principalmente al cedimento della struttura alare nel corso delle manovre di picchiata, con epiloghi spesso tragici.

Al fine di ovviare al problema, la Nieuport provvide ad allestire il "Type 17" (nel 1917), un modello modificato e rinforzato strutturalmente, che venne parimenti soprannominato "Bébé".

I "Type 11" e "Type 17" furono certamente i velivoli più amati dai piloti alleati in generale e dagli "assi" in particolare. A bordo di questi Nieuport raggiunsero la fama i piloti francesi Guynemer, Navarre e Nungesser, l'inglese Ball, il canadese Bishop, oltre agli italiani Ruffo e Baracca, solo per citare i più conosciuti.

Il "Bébé" venne costruito anche in altri paesi, come Paesi Bassi e Russia, sia durante che dopo il conflitto. Oltre 400 esemplari vennero prodotti in Italia, su licenza, dalla Macchi che costruì la variante Nieuport Ni.11. In Italia vennero distribuiti dal febbraio 1916 alle squadriglie da caccia di prima linea, integrandosi con i Nieuport 10 già in dotazione.

Dal febbraio 1916 la 1ª Squadriglia caccia ne riceve i primi esemplari ed a fine marzo la 2ª Squadriglia caccia ne ha 6. Il 2 aprile il sergente maggiore Giuseppe Barattini col mitragliere sergente Moretto obbligavano un aereo nemico a prender terra vicino Monastero a Cascina Bianca ed il 7 aprile Baracca su Ni 11 attacca un Hansa-Brandenburg C.I costringendolo all'atterraggio ed il volontario Luigi Olivari, il cap. Domenico Bolognesi ed il Cap. Guido Tacchini ne abbattono un altro realizzando le prime vittorie certe dell'aviazione italiana in quanto i nemici vengono catturati.

Dal 15 aprile la 1ª Squadriglia caccia diventata 70ª Squadriglia caccia ed al 19 agosto 1916 ne ha in linea 8 ed al 1º gennaio 1917 ancora 10 e la 2ª Squadriglia caccia diventata 71ª Squadriglia caccia vede nel gennaio 1917 i suoi 8 aerei tutti Ni 11. Anche la 76ª Squadriglia caccia al 25 maggio 1916 aveva i suoi 4 aerei tutti Ni 11 ed ancora 6 al 13 agosto 1917, la 77ª Squadriglia aeroplani li usa dal mese di luglio 1916 fino al novembre 1917, la 78ª Squadriglia aeroplani da caccia dal 15 agosto 1916 con 7 Ni 11 che usa fino al mese di agosto 1917, la 75ª Squadriglia caccia vedeva al 18 agosto 1916 i suoi 7 aerei tutti Ni 11, la 79ª Squadriglia vola solo su Ni 11 dal 13 gennaio 1917 fino alla fine di ottobre 1917, la 80ª Squadriglia caccia dal 28 febbraio 1917 con 5 Ni 11 fino al 16 luglio 1917, la 82ª Squadriglia dall'11 aprile 1917 con 9 Ni 11, la 81ª Squadriglia aeroplani dal 20 aprile 1917 con 12 Ni 11 fino all'inizio di giugno 1917, la 83ª Squadriglia da maggio 1917, la 103ª Squadriglia inizia a riceverli dall'agosto 1917 e nel maggio 1918 ne ha 5, la 72ª Squadriglia caccia al 22 ottobre 1917 aveva tutti Ni 11 e la 73ª Squadriglia alla fine del 1917 aveva alcuni Ni 11. La 122ª Squadriglia passa sui Ni 11 nel novembre 1917 e nel febbraio 1918 ne ha 7.

La 77^ in particolare vede il 14 settembre 1916 Ferruccio Ranza, il Tenente Carlo Savio ed il serg. Giuseppe Tesei costringono ad ammarare due idrovolanti nel golfo di Panzano (Monfalcone). Il 18 ottobre Pier Ruggero Piccio abbatte un pallone frenato Drachen ed il 31 ottobre Tesei rivendica una vittoria. Il 25 novembre Ranza costringe all'atterraggio due Albatros uno verso Hermada ed uno vicino a Ternova. Il 30 novembre 1917 il Sottotenente Giannino Ancillotto abbatte un Drachen come anche il 3 dicembre.[4]

Anche la 79^ inoltre il 26 aprile 1917 con Attilio Imolesi collabora alla decima vittoria di Baracca. Il 14 giugno Marziale Cerutti ottiene la prima vittoria confermata del reparto abbattendo un Hansa-Brandenburg D.I vicino a Monte Verena. Il 26 settembre Imolesi colpisce un Hansa-Brandenburg C.I che precipita su Asiago e nell'ambito della Battaglia di Caporetto il 26 ottobre Cerutti colpisce un caccia che precipita.[5] La 80^ pure il 24 aprile con Guido Keller che abbatte un Hansa-Brandenburg C.I che precipita a Vipacco in territorio italiano ed il 24 maggio Alvaro Leonardi costringe ad ammarare un idrovolante Lohner L e l'equipaggio viene catturato dagli italiani.[6]

La 81^ il 1º maggio 1917 con il sergente Ennio Sorrentino abbatte un Hansa-Brandenburg C.I su Vipacco ed il 15 maggio Flavio Torello Baracchini ottiene la prima vittoria abbattendo un aereo Br. C.1, presso Aisovizza seguita da altre tre entro l'inizio di giugno 1917 (3 Br. C.1 ed un Albatros).[7]

La 82^ nell'ambito della Battaglia di Caporetto il 25 ottobre con il Ten. Antonio Fochessati con Piccio su SPAD abbattono un caccia che precipita tra San Leonardo (Italia) ed il Santuario della Beata Vergine di Castelmonte.[8]

La 83^ a settembre 1917 con il Serg. Giovanni Miracca abbatte un Albatros tedesco nella Campagna di Albania ed a Belluno Arturo Dell'Oro abbatte un aereo nemico scagliandocisi contro.[9]

Alla fine del 1917 5 esemplari erano la linea di volo della 5ª Sezione Difesa.

Tredici pregevoli repliche del Nieuport Type 11 "Bébé" sono state costruite a Independence (Oregon), nel 1999, per commemorare le epiche gesta della Squadriglia Lafayette, attraverso manifestazioni di volo acrobatico.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Il Nieuport 11 nella livrea della francese Aviation militaire esposto nel memoriale a Fleury-devant-Douaumont, uno dei sei villaggi francesi completamente distrutti durante la prima guerra mondiale e mai più ricostruiti.
Il Nieuport 11 della Srpska avijacija, forza aerea dell'allora Regno di Serbia, conservato al Museo dell'aeronautica di Belgrado.
Belgio Belgio
Colombia Colombia
Cecoslovacchia Cecoslovacchia
Francia Francia
Regno Unito Regno Unito
Italia Italia
Paesi Bassi Paesi Bassi
Romania Romania
Russia Russia
Regno di Serbia Regno di Serbia
Siam Siam
bandiera Ucraina

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Nieuport XI Bébé in avionslegendaires.net.
  2. ^ (EN) Christopher Chant, Michael J.H. Taylor, The World's Greatest Aircraft, Edison, NJ, Cartwell Books Inc., 2007, p.248-9, ISBN 0-7858-2010-8.
  3. ^ Enzo Angelucci, Paolo Matricardi, Guida agli Aeroplani di tutto il Mondo (Vol.1), Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1979, p.141.
  4. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentili e Paolo Varriale, 1999 pagg. 258-262
  5. ^ GentilliVarriale, pagg. 267-270.
  6. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentili e Paolo Varriale, 1999 pag. 271
  7. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentili e Paolo Varriale, 1999 pag. 274
  8. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentili e Paolo Varriale, 1999 pag. 277
  9. ^ I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentili e Paolo Varriale, 1999 pagg. 282-283

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Angelucci e Paolo Matricardi, Guida agli Aeroplani di tutto il Mondo (Vol.1), Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1979, p.140-1.
  • Achille Boroli e Adolfo Boroli, L'Aviazione (Vol.10), Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1983, p.257.
  • (EN) Christopher Chant e Michael J.H. Taylor, The World's Greatest Aircraft, Edison, NJ, Cartwell Books Inc., 2007, p.248-9, ISBN 0-7858-2010-8.
  • I Reparti dell'aviazione italiana nella Grande Guerra, AM Ufficio Storico - Roberto Gentili e Paolo Varriale, 1999

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]