LFG Roland D.III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
LFG Roland D.III
L.F.G. Roland D.III.jpg
Descrizione
Tipoaereo da caccia
Equipaggio1
CostruttoreGermania LFG
Data primo volo1917
Data entrata in servizio1917
Utilizzatore principaleBulgaria Voennomorski sili na Balgariya
Altri utilizzatoriGermania Luftstreitkräfte
Sviluppato dalLFG Roland D.II
Altre variantiLFG Roland D.IV
LFG Roland D.V
Dimensioni e pesi
Lunghezza6,84 m
Apertura alare8,94 m
Altezza2,76 m
Superficie alare19,8
Peso a vuoto717 kg
Peso carico961 kg
Propulsione
Motoreun Argus As.III
Potenza180 PS (132 kW)
Prestazioni
Velocità max175 km/h
Autonomia2 h 30 min
Tangenza4 500 m
Armamento
Mitragliatricidue LMG 08/15 "Spandau" calibro 7,92 mm

i dati sono estratti da Die deutschen Militärflugzeuge 1910-18[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'LFG Roland D.III, identificato più semplicemente anche come Roland D.III, era un aereo da caccia monoposto biplano sviluppato dall'azienda aeronautica tedesco imperiale Luft-Fahrzeug-Gesellschaft mbH (LFG) negli anni dieci del XX secolo.

Derivato dall'LFG Roland C.II da ricognizione biposto, del quale riproponeva la tecnica costruttiva, indicata in lingua tedesca Wickelrumpf, che contraddistinguerà tutte le prime produzioni dell'azienda tedesca, prestò servizio durante la Prima guerra mondiale principalmente nei reparti da caccia del Regno di Bulgaria e solo marginalmente nella Luftstreitkräfte, la componente aerea del Deutsches Heer (l'esercito imperiale tedesco), nelle prime fasi della prima guerra mondiale.

A differenza dei C.II e dei precedenti caccia LFG Roland D.I e D.II, caratterizzati da una affusolata fusoliera che ricordava la forma di un pesce e che occupava l'intero spazio tra le ali, il D.III introdusse una fusoliera ridotta in altezza per favorire la visibilità anteriore al pilota.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

bandiera Bulgaria
Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Enzo Angelucci (ed.), World Encyclopedia of Military Aircraft, London, Jane's, 1981, ISBN 0-7106-0148-4.
  • (DE) Enzo Angelucci, Paolo Matricardi, Flugzeuge von den Anfängen bis zum Ersten Weltkrieg, München, Falken Verlag, 1982, ISBN 3-8068-0391-9.
  • (EN) David Donald (ed.), The Encyclopedia of World Aircraft, Leicester, UK, Blitz Editions, 1997, ISBN 1-85605-375-X.
  • (EN) Peter Gray, Owen Thetford, German Aircraft of the First World War, 3rd edition, London, Putnam, 1987 [1962], ISBN 0-85177-809-7.
  • (EN) William Green, Gordon Swanborough, The Complete Book of Fighters: An Illustrated Encyclopedia of Every Fighter Aircraft Built and Flown, New York, Smithmark Publishers, 1994, ISBN 0-8317-3939-8.
  • (EN) Jack Herris, Pfalz Aircraft of World War I (Great War Aircraft in Profile, Volume 4), Boulder, Colorado, Flying Machine Press, 2001, ISBN 1-891268-15-5.
  • (DE) Günter Kroschel, Helmut Stützer, Die deutschen Militärflugzeuge 1910-18, Wilhelmshaven, Lohse-Eissing Mittler, 1977, ISBN 3-920602-18-8.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Entwicklung der Flugzeuge 1914–18, München, Lehmanns, 1959, ISBN non esistente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]