Petrinja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Petrinja
comune
Petrinja – Veduta
Localizzazione
StatoCroazia Croazia
RegioneSisak-Moslavina County coat of arms.png Sisak e Moslavina
Amministrazione
SindacoDarinko Dumbović (NS-R)
Territorio
Coordinate45°26′N 16°17′E / 45.433333°N 16.283333°E45.433333; 16.283333 (Petrinja)
Altitudine106 m s.l.m.
Superficie41,64 km²
Abitanti24 671 (2011)
Densità592,48 ab./km²
Insediamenti55 (vedi elenco)
Altre informazioni
Cod. postale44 250
Prefisso(+385) 044
Fuso orarioUTC+1
TargaSK
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Petrinja
Petrinja
Sito istituzionale

Petrinja (pronuncia [pětriːɲa]; in latino e italiano desueto: Petrinia;[1] in cirillico serbo: Петриња) è un comune croato di 24 671 abitanti della regione di Sisak e della Moslavina, situato nella regione storica della Banovina.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Petrinja sorge sul punto di affluenza del torrente Petrinjčica nel fiume Kupa, a circa 13 km a sud-ovest di Sisak, capoluogo della regione, e a circa 48 km a sud-est della capitale Zagabria.

A ovest di Petrinja si trova Petrova Gora ("la montagna di Pietro"), storicamente nota per essere stata il luogo della battaglia vicino al monte Gvozd tra il re croato Petar Svačić e Colomanno d'Ungheria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima testimonianza scritta di Petrinja come centro abitato risale al 1240.

Tra il XVI e XVII secolo divenne progressivamente una località d'insediamento di artigiani e commercianti, i quali contribuirono allo sviluppo urbano. Nel 1773, sotto il dominio del Sacro Romano Impero, l'arciduchessa Maria Teresa d'Asburgo la designò come centro della corporazione artigiana nel territorio della Frontiera militare austriaca.[2]

Dal 1809 al 1813 la città fece parte dell'Illiria napoleonica e divenne un importante centro di commercio e di traffico. In quell'epoca l'esercito francese vi piantò dei tigli, i quali tutt'oggi rappresentano la traccia di tale momento storico.

Tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo fu uno dei distretti del comitato di Zagabria nel Regno di Croazia e Slavonia (dipendente, a sua volta, dall'Impero austro-ungarico).

Nell'ambito del Regno di Jugoslavia esistito nella prima metà del XX secolo, appartenne tra il 1929 e il 1939 alla Banovina della Sava e successivamente, fino al 1941, alla Banovina di Croazia.

Durante la seconda Guerra Mondiale, con l’istituzione del cosiddetto Stato Indipendente di Croazia (stato-fantoccio di stampo nazifascista), Petrinja e il territorio circostante furono teatro di persecuzioni verso le minoranze serba, ebrea e rom, ma anche di repressione cruenta di molti antifascisti croati, in un contesto di lotta armata tra partigiani e collaborazionisti locali delle forze dell’Asse.[3]

Nel secondo dopoguerra si assistette a un significativo sviluppo economico, soprattutto nell'industria della carne, e il numero degli abitanti aumentò notevolmente (dai 6 000 del 1948 ai quasi 19 000 del 1991, considerando il solo capoluogo municipale). Durante il periodo socialista mutò in parte la composizione etnica della città, in particolare con la crescita della componente serba, a causa dell'afflusso di popolazione dai villaggi circostanti.

La prima metà degli anni novanta del secolo scorso è stata pesantemente segnata dalla guerra d'indipendenza della Croazia dalla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, all'interno del più ampio contesto di conflitti armati che ha portato alla dissoluzione dello Stato jugoslavo. Molte persone di entrambe le etnie (croata e serba) sono state esiliate dalla loro città natale nel periodo dal settembre 1991 all'agosto 1995.

Il 29 dicembre 2020 la città è stata l'epicentro di un forte terremoto con una magnitudo di 6.4 Mwp: il sisma ha provocato il crollo di diversi edifici storici e la morte, nel comune di Petrinja, di una persona,[4] su un totale di sette in tutta l'area interessata.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Al 2011, data dell'ultimo censimento, la popolazione del comune era di 24 671 abitanti, di cui 15 683 residenti nel capoluogo.[5]

Abitanti censiti nel comune

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Anno del censimento Totale Croati Serbi Altri
1961 27.517 14.942 (54.30%) 11.955 (43.45%) 620 (2.25%)
1981 33.570 14.621 (43.55%) 12.617(37.58%) 6.332 (18.86%)
1991 35.565 15.791 (44.40%) 15.969 (44.90%) 3.805 (10.70%)
2001 23.413 19.280 (82.35%) 2.809 (12.00%) 1.324 (5.65%)

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Monumento a Stjepan Radić

Nella piazza principale della città sorge la statua di Stjepan Radić, in argilla ricoperta di bronzo,[6] realizzata dalla scultrice Mila Wood nel 1929, anno successivo all'assassinio del politico nell'aula parlamentare da parte di un oppositore montenegrino. Radić fu una figura di riferimento per la classe contadina croata e forte oppositore dell'organizzazione centralista del Regno di Jugoslavia (sostenuta dai partiti serbi), a favore di un'istanza federalista e di una maggiore autonomia dei territori croati. [7]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Insediamenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale di Petrinja ricadono i seguenti insediamenti:

  • Begovići
  • Bijelnik
  • Blinja
  • Brest Pokupski
  • Cepeliš
  • Čuntić
  • Deanovići
  • Dodoši
  • Donja Bačuga
  • Donja Budičina
  • Donja Mlinoga
  • Donja Pastuša
  • Donje Mokrice
  • Dragotinci
  • Dumače
  • Glinska Poljana
  • Gora
  • Gornja Bačuga
  • Gornja Mlinoga
  • Gornja Pastuša
  • Gornje Mokrice
  • Graberje
  • Grabovac Banski
  • Hrastovica
  • Hrvatski Čuntić
  • Jabukovac
  • Jošavica
  • Klinac
  • Kraljevčani
  • Križ Hrastovički
  • Luščani
  • Mačkovo Selo
  • Mala Gorica
  • Međurače
  • Miočinovići
  • Mošćenica
  • Moštanica
  • Nebojan
  • Nova Drenčina
  • Novi Farkašić
  • Novo Selište
  • Pecki
  • Petkovac
  • Petrinja (capoluogo comunale)
  • Prnjavor Čuntićki
  • Sibić
  • Slana
  • Srednje Mokrice
  • Strašnik
  • Stražbenica
  • Taborište
  • Tremušnjak
  • Veliki Šušnjar
  • Vratečko
  • Župić

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Di principale rilievo nell'economia della città è il locale impianto di lavorazione e confezionamento delle carni, aperto dal 1792 e un tempo fornito dagli allevamenti locali, il quale è rimasto tutt'oggi la più grande impresa della città. Un altro settore economico particolarmente degno di nota è quello della falegnameria, con la produzione di pavimenti in legno.[8] Sono presenti piccole aziende agricole familiari, ma soltanto alcune sono in grado di immettere sul mercato i propri prodotti. La scarsa competitività rispetto agli altri produttori dell'Unione europea deriverebbe dalla mancanza di un sistema organizzativo di gestione cooperativa (a livello sia locale sia nazionale), a sua volta derivante dall'odierna diffidenza nei confronti del modello cooperativo il quale caratterizzava l'era socialista.

Negli ultimi 20 anni si è assistito a un forte declino dell'economia. Lo spopolamento di molti villaggi e la chiusura di molte fattorie è stato in larga parte determinato dal grave impatto della guerra sulla regione e sull'intero territorio dell'ex Stato federato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ György Fejér, Codex diplomaticus Hungariae ecclesiasticus ac civilis, 1829.
  2. ^ (EN) TZ Petrinja - Tradition, su petrinjaturizam.hr.
  3. ^ Xavier Bougarel, Hannes Grandits e Marija Vulesica, Local dimensions of the Second World War in Southeastern Europe, 2019, ISBN 978-0-429-79878-8, OCLC 1079400048. URL consultato il 29 settembre 2021.
  4. ^ (HR) Šest žrtava potresa: U Petrinji poginula djevojčica, u Glini petero mrtvih!, su m.vecernji.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  5. ^ Population by age and sex, by settlements, 2011 census - town of Petrinja, su dzs.hr. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  6. ^ Petrinja: patria di antichi mestieri, musica e arte, su itinari.com, Gennaio 2019. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  7. ^ Stjepan Radić monument, Petrinja, su itinari.com.
  8. ^ Petrinja, la città distrutta dal terremoto in Croazia, su adnkronos.com, 29 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN237846208 · LCCN (ENn94007984 · GND (DE4305015-3 · WorldCat Identities (ENviaf-237846208
Croazia Portale Croazia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Croazia