Terremoto di Petrinja del 2020

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terremoto di Petrinja del 2020
2020-12-29 Petrinja, Croatia M6.4 earthquake shakemap (USGS).jpg
Mappa dell'epicentro e del movimento terrestre causato dal terremoto (USGS)
Data29 dicembre 2020
Ora12:19:54 (CET)
Magnitudo Richter6,2
Magnitudo momento6,4
Profondità10 km
EpicentroPetrinja
45°25′19.2″N 16°15′18″E / 45.422°N 16.255°E45.422; 16.255Coordinate: 45°25′19.2″N 16°15′18″E / 45.422°N 16.255°E45.422; 16.255
Nazioni colpiteCroazia Croazia
Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Slovenia Slovenia
Vittime7
Mappa di localizzazione: Croazia
Terremoto di Petrinja del 2020
Posizione dell'epicentro

Il terremoto di Petrinja del 2020 è un evento sismico che ha avuto luogo il 29 dicembre intorno alle 12:20, con epicentro nella città croata di Petrinja, nella regione di Sisak e della Moslavina, e intensità di 6,4 di magnitudo momento[1] e 6,2 di magnitudo locale.[2] La scossa, preceduta e seguita da altre di minore intensità, ha causato ingenti danni materiali, feriti e vittime, venendo avvertita anche in Austria, Bosnia ed Erzegovina, Italia, Serbia, Slovenia e Ungheria.[3]

Eventi sismici[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito una tabella degli eventi sismici di magnitudo uguale o superiore a 4,0 registratisi nei giorni dal 28 al 31 dicembre nella zona:

Data Orario
(CET)
Magnitudo Profondità
(km)
Comune Coordinate Nota
28/12/2020 6:28:08 5,2 mb 10 Petrinja 45.42°N 16.22°E [4]
28/12/2020 07:49:56 4,8 mb 10 Petrinja 45.42°N 16.28°E [5]
29/12/2020 12:19:54 6,4 Mw 10 Petrinja 45.46°N 16.31°E [6]
29/12/2020 13:34:44 4,5 mb 10 Sisak 45.42°N 16.21°E [7]
29/12/2020 18:57:31 4,0 ML 1 Petrinja 45.47°N 16.34°E [8]
30/12/2020 06:15:05 5,0 ML 14 Petrinja 45.46°N 16.22°E [9]
30/12/2020 06:26:41 5,0 mb 10 Lekenik 45.44°N 16.21°E [10]
30/12/2020 09:21:22 4,0 ML 10 Glina 45.44°N 16.20°E [11]
31/12/2020 04:33:47 4,0 ML 10 Petrinja 45.41°N 16.16°E [12]
31/12/2020 09:15:46 4,1 mb 10 Lekenik 45.5°N 16.28°E [13]

Danni e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Edifici crollati nella città di Petrinja, epicentro del terremoto
Rovine della chiesa di san Nicola a Žažina

Croazia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro della città di Petrinja è stato distrutto dalla scossa principale, che ha causato anche il crollo di una scuola elementare in funzione.[14][15] Quasi tutti gli edifici residenziali sono stati danneggiati[16] e i tetti del municipio e della chiesa cittadina di San Lorenzo sono crollati.[17] Anche le diverse frazioni del comune di Petrinja sono state pesantemente colpite dal terremoto.[16]

Allo stesso modo a Sisak, capoluogo di regione, si sono registrati edifici danneggiati, tra cui l'ospedale, il più grande della regione, reso inagibile.[18] Altri danni ci sono stati nei comuni di Zagabria, capitale del Paese, Glina, Topusko, Dvor, Gvozd, Hrvatska Kostajnica, Lekenik, Sunja e Velika Gorica.[19][20]

Bosnia ed Erzegovina[modifica | modifica wikitesto]

Anche in Bosnia ed Erzegovina ci sono stati danni, in particolare nei comuni di Bihać, Cazin, Doboj e Kozarska Dubica.[21]

Slovenia[modifica | modifica wikitesto]

In Slovenia, la centrale nucleare di Krško è stata chiusa momentaneamente per precauzione.[22] Danni minori a edifici sono stati riportati in diverse aree del paese, soprattutto nei comuni di confine con la Croazia; a essere colpite, comunque in maniera non grave, sono state le città di Brežice, Kostanjevica na Krki, Krško, Maribor, Ptuj e Sveta Trojica. Nella capitale Lubiana una seduta del parlamento sloveno è stata interrotta con l'evacuazione dei deputati e alcuni danni si sono verificati nel Palazzo dell'Assemblea nazionale.[23]

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Il primo decesso accertato è stato quello di una ragazza, avvenuto in una scuola di Petrinja.[22] Altri cinque decessi sono stati accertati nel vicino comune di Glina, nella frazione di Majske Poljane.[24] Una settima vittima è stata trovata sotto le macerie della chiesa di Žažina, nel comune di Lekenik.[25]

Il 3 gennaio 2021 un lavoratore volontario è morto a Petrinja cadendo dal tetto di un edificio danneggiato dal terremoto, durante lavori di riparazione.[26] Un altro lavoratore è morto il 20 gennaio a Sisak, dopo che il muro di un edifico danneggiato è caduto su di lui.[27]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Earthquake Croatia, 6.4, su cnt.rm.ingv.it, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  2. ^ (HR) Snažan potres magnitude 6,2 pogodio Petrinju, prizori su dramatični, jako se tresao i Zagreb, su jutarnji.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  3. ^ Scossa di 6.3 a Petrinja: morti e feriti. Tremano Fiume, Pola, Trieste, Lubiana, su lavoce.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  4. ^ (EN) Earthquake Croatia 28/12/20 06:28, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  5. ^ (EN) Earthquake Croatia 28/12/20 07:49, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  6. ^ (EN) Earthquake Croatia 29/12/20 12:19, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  7. ^ (EN) Earthquake Croatia 29/12/20 13:34, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  8. ^ (EN) Earthquake Croatia 29/12/20 18:57, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  9. ^ (EN) Earthquake Croatia 30/12/20 06:15, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  10. ^ (EN) Earthquake Croatia 30/12/20 06:26, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  11. ^ (EN) Earthquake Croatia 30/12/20 09:21, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  12. ^ (EN) Earthquake Croatia 31/12/20 04:33, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  13. ^ (EN) Earthquake Croatia 31/12/20 09:15, su cnt.rm.ingv.it. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  14. ^ Terremoto Croazia:centro Petrinja distrutto, almeno un morto, su ansa.it, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  15. ^ (HR) Oštećena je osnovna škola u Petrinji, ravnatelj: Samo sam ja u školi. Sad čekamo procjenu, su 24sata.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  16. ^ a b (HR) U ponedjeljak navečer slabiji potres kod Velike Gorice, u Sisku i okolici oštećeno između 700 i 1000 kuća, su vecernji.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  17. ^ (HR) Nije dobro. Okolica Petrinje teško je stradala, tamo je loše, su 24sata.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  18. ^ (EN) Strong Earthquake Strikes Central Croatia, su nytimes.com, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  19. ^ (HR) Novi potresi pogodili Petrinju i Sisak, najmanje sedam mrtvih: 'Tragat ćemo i tijekom noći', su 24sata.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  20. ^ (HR) Tijelo muškarca pronađeno usred javljanja uživo, tragičan kraj potrage u ruševinama crkve, su dnevnik.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  21. ^ (BS) Teške posledice zemljotresa u Bosni i Hercegovini, su rs.n1info.com, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  22. ^ a b Terremoto Croazia: scossa di magnitudo 6.4 vicino a Zagabria. Edifici crollati, vittime. Paura anche in Italia, soprattutto nelle regioni adriatiche, su repubblica.it, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  23. ^ (SL) Poškodbe na fasadah, strehah in dimnikih, kosi ometa padali tudi v predsedniški palači, su rtvslo.si, 29 dicembre 2020. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  24. ^ (HR) Šest žrtava potresa: U Petrinji poginula djevojčica, u Glini petero mrtvih!, su m.vecernji.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  25. ^ (HR) Tlo u Petrinji se još trese: Iz ruševina izvukli dvoje živih, traje potraga, su index.hr, 29 dicembre 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  26. ^ (HR) Fabijan Hrnčić, Preminuo volonter u Petrinji: Sumnja se da je pao s krova..., su 24sata.hr, 3 gennaio 2021. URL consultato il 23 febbraio 2021.
  27. ^ (HR) Urušio se zid: U Sisku poginuo muškarac (34) dok je sanirao štetu od potresa, su dnevnik.hr, 20 gennaio 2021. URL consultato il 23 febbraio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]