Opere liriche di Georg Friedrich Händel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Georg Friedrich Händel.

L'opera house nel Haymarket—dapprima conosciuto come il Teatro della Regina (Queen's Theatre) e più tardi come il Teatro del Re (King's Theatre)—dove molte delle opere di Händel furono eseguite per la prima volta. Illustrazione di William Capon.

Le opere liriche di Georg Friedrich Händel comprendono 42 drammi musicali che furono scritti tra il 1705 ed il 1741 in vari generi.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a comporre opere in Germania e poi per un breve periodo in Italia con modesto successo. Non ebbe molta fortuna in questo genere fino al suo trasferimento in Inghilterra. La sua prima opera in Inghilterra, Rinaldo (1711), fu accolta con entusiasmo e diverse altre opere italiane ben presto fecero seguito. Tuttavia il posizionamento di Händel come figura centrale dell'opera in Inghilterra durante il XVIII secolo non si solidificò fino a quando, sotto l'influenza di Thomas Arne, non iniziò a comporre grandi opere con testi in lingua inglese. Anche se quasi tutte le sue opere in lingua inglese sono tecnicamente oratori e non opere, molti di loro, come Semele (1743), sono diventati una parte importante del repertorio operistico. La prima opera (opera seria - opera seria italiana) di Händel fu Almira (1705).

Durante i 36 anni in cui l'opera italiana fu la sua principale preoccupazione, Händel aderì strettamente alla forma tipica del periodo, determinato dalla precedenza data al canto solista ed alla presentazione sul palcoscenico, in cui i cambi di scena venivano fatti di fronte alla pubblico e il sipario non veniva abbassato fino alla conclusione del lavoro. I recitativi, che precedevano le arie solistiche, di solito in forma di da capo (anche se spesso con un ritorno ridotto alla sezione principale), dominano le opere e le scene sono normalmente concepite per iniziare con diversi personaggi in scena, ognuno dei quali canta un'aria e poi esce. L'ultima scena si conclude in genere con un coro cantato da solisti; gli ensemble sono altrimenti atipici e principalmente limitati a scene di celebrazione comune; solo "Dall'orror" nell'atto 3 di Alcina (1735) raggiunge la profondità dei cori nelle opere corali inglesi. Le opere di Händel sembrano quindi essere molto simili a quelle dei suoi contemporanei; ciò che le rende uniche è la brillantezza della musica che trasmette sapientemente con immediato fervore gli stati emotivi dei personaggi nel contesto del dramma.

Panorama[modifica | modifica wikitesto]

Prima edizione del Giulio Cesare di Händel (1724)

Le opere precedenti di Händel tendevano a essere di natura più leggera, anche se ci sono momenti intermittenti, come ad esempio la scena della prigione da Almira (1705), che sono altamente drammatici. La musica di Händel per le sue prime opere in Inghilterra derivava spesso da idee musicali ed espressioni trovati nelle sue cantate e altre opere scritte durante il suo tempo trascorso in Italia (1706-1709). Ad esempio, la struttura armonica caratteristica di Agrippina (1709), è ovviamente un riutilizzo di materiale conservato in questo periodo italiano. In generale le orchestrazioni di opere precedenti di Händel tendevano ad essere più ricche e più dolci che nelle sue opere successive, utilizzando strumenti supplementari come i fagotti per ottenere diversi colori tonali. La musica per Rinaldo (1711) in particolare utilizzava quattro trombe, una scelta strumentale che Händel non ha mai ripetuto altrove.

Ludovico Ariosto (1474-1533) il cui poema epico Orlando Furioso fu la base delle opere di Händel Orlando, Alcina, e Ariodante.

A cominciare da Ottone (1722), Händel compose numerose opere per la Royal Academy of Music nel 1720. Con l'eccezione di Flavio (1723), le opere di questo periodo sono più gravi nel tono e l'espressione musicale è più astutamente allineata al dramma che nelle sue precedenti opere. Di particolare importanza in questo periodo è Giulio Cesare (1724), che contiene una delle partiture più estese ed emotivamente potenti di Händel. In questo lavoro si trovano musica sontuosa ed abili caratterizzazioni che l'hanno resa una delle opere di Händel più frequentemente riproposte nel corso dei secoli XX e XXI. Degne di nota sono anche Tamerlano (1724) e Rodelinda (1725), che hanno ruoli da tenore principale particolarmente suggestivi che Handel scrisse appositamente per Francesco Borosini. Le opere successive che Händel scrisse per l'Accademia non furono un successo come le precedenti. I due principali soprani dell'Accademia, Francesca Cuzzoni e Faustina Bordoni, erano altamente competitive e Händel dovette soddisfare entrambe ugualmente in queste ultime opere dell'Accademia. Con l'eccezione di Admeto (1727), il tentativo di bilanciare i due ruoli principali di soprano all'interno di un'punica opera ha dimostrato di ostacolare il lavoro sia musicalmente e drammaticamente.

Durante il 1730, Händel tornò a scrivere opere di carattere comico e fantastico o eroico, in gran parte perché non aveva più tempo per soddisfare i gusti dell'Accademia nella scelta di libretti. Queste opere, come Partenope (1730), Orlando (1733) e Alcina (1735), furono influenzate dalle opere di Leonardo Vinci e Leonardo Leo e sono scritti in modo pre-classico. Durante questo periodo, Händel iniziò a utilizzare più spesso le scene nelle sue opere e verso la metà degli anni 1730 stava scrivendo alcune delle sue arie più drammaticamente commoventi, come ad esempio la scena della follia di Orlando e la fine dell'Atto 2 di Alcina. La dimensione delle orchestre di questi lavori era anche più grande, in quanto Händel utilizzò 12 violini, 8 viole, 6 violoncelli, 4 contrabbassi e due clavicembali, oltre a quattro fagotti e una serie di altri strumenti a fiato. In opere come Oreste (1734), Händel tentò di sintetizzare l'opera italiana con l'opera francese nelle sequenze di danze e cori, ma non fece ulteriori sperimentazioni in questo settore al di fuori delle opere del 1734 e 1735. Due delle opere di questo periodo, Ariodante (1735) e Atalanta (1736) si discostavano dai libretti eroici tradizionalmente utilizzati da Händel, adottando una intimità romantica più realistica.

Entro la fine del 1730, l'attenzione di Händel fu distolta sempre più da comporre opere e molto più focalizzata sull'oratorio inglese. Un certo numero di sue opere dal 1737 mancano della brillantezza dei suoi lavori precedenti, molto probabilmente a causa di questo mutamento di interesse. Eppure le sue opere Giustino (1737) e Serse (1738) contengono musica molto bella. Serse si distingue anche per aver mescolato con successo la commedia e la tragedia toccante in una trama magistralmente artigianale, uno sviluppo ripetuto con meno successo in Imeneo (1740). L'ultima opera italiana di Händel, Deidamia, fu prodotta nel 1741 e non fu accolta molto bene, poiché il gusto degli inglesi per l'opera italiana era ormai tramontato. Händel tornò ancora una volta al teatro musicale con la semi-opera Alceste nel 1750.

Lista delle opere[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportato un elenco completo delle opere liriche di Händel. Sono tutte opere serie in tre atti se non diversamente indicato. L'Händel House Museum al 25 di Brook Street e la BBC Radio 3 lavorarono insieme per celebrare la vita e la musica di Händel nel 2009, con la BBC Radio 3 che trasmise tutte le 42 opere complete, 8 gennaio – 25 luglio 2009.

HWV Titolo Libretto Data della Prima Luogo della Prima, Teatro Ripresa moderna Annotazioni
1 Almira (Der in Krohnen erlangte Glücks-Wechsel, o Alimira, Königin von Castilien) Friedrich Christian Feustking, da Giulio Pancieri 8 gennaio 1705 Amburgo, Theater am Gänsemarkt 4 giugno 1994, Händel Festival, Bad Lauchstädt Parte della musica è perduta; indicata come uno Singspiel ma non ha dialoghi parlati
2 Nero o Die durch Blut und Mord erlangte Liebe (Die durch Blut und Mord erlangete Liebe) Friedrich Christian Feustking 25 febbraio 1705 Amburgo, Theater am Gänsemarkt   Musica perduta
3 Florindo (Der beglückte Florindo) Heinrich Hinsch gennaio 1708 Amburgo, Theater am Gänsemarkt   Quasi tutta la musica è perduta
4 Daphne (Die verwandelte Daphne) Heinrich Hinsch gennaio 1708 Amburgo, Theater am Gänsemarkt   Seguito di Florindo, ideata per essere eseguita il giorno dopo. Quasi tutta la musica è perduta
5 Rodrigo (Vincer se stesso è la maggior vittoria) Da II duello d'Amore e di Vendetta di Francesco Silvani
libretto in italiano
novembre 1707 Firenze, Teatro di via del Cocomero 1984, Innsbruck Parte della musica è perduta.
6 Agrippina Vincenzo Grimani 26 dicembre 1709, inizi 1710 Venezia, Teatro San Giovanni Grisostomo 1943, Halle, Saxony-Anhalt  
7a/b Rinaldo Giacomo Rossi/Aaron Hill, da Gerusalemme liberata di Tasso,
libretto in italiano
24 febbraio 1711 Londra, Queen's Theatre giugno 1954, Händel Festival HWV 7b è la revisione del 1731; esiste anche il libretto di una revisione del 1717
8a/b/c Il pastor fido Giacomo Rossi, da Battista Guarini
8b libretto in italiano, 8c libretto in italiano
22 novembre 1712 Londra, Queen's Theatre 20 giugno 1948, Handel Festival Göttingen (versione 3 novembre 1734); 14 settembre 1971, Abingdon, (prima, versione 1712) HWV 8c designa la versione del maggio 1734 e la sua ripresa di novembre. Il prologo Tersicore aggiunto alla ripresa di novembre 1734 è la 8b.
9 Teseo Nicola Francesco Haym, dal libretto per Thésée di Philippe Quinault
libretto in italiano
10 gennaio 1713 Londra, Queen's Theatre 29 giugno 1947, Handel Festival Göttingen 5 atti
10 Lucio Cornelio Silla Giacomo Rossi, da Vite parallele di Plutarco
Italian libretto
2 giugno 1713? Londra, Queen's Theatre? (o Burlington House?)   Gran parte della musica fu riutilizzata in Amadigi
11 Amadigi di Gaula Rossi o Haym (?), da Amadis de Grèce di Antoine Houdar de La Motte, 1699
Italian libretto
25 maggio 1715 Londra, King's Theatre Osnabrück, 1929 Varie aggiunte durante la produzione iniziale ed i revival del 1716 e 1717
12a/b Radamisto Haym (?), da L'amor tirannico, o Zenobia di Domenico Lalli
libretto in italiano
27 aprile 1720 Londra, King’s Theatre 27 giugno 1927, Handel Festival Göttingen Esistono i libretti delle versioni riviste del dicembre 1720 e 1728.
13 Muzio Scevola Paolo Rolli, su rielaborazione di Nicolò Minato di un libretto di Silvio Stampiglia
libretto in italiano
15 aprile 1721 Londra, King’s Theatre 1928, Essen (solo il III atto) solo il III atto è di Handel
14 Floridante Rolli, da La costanza in trionfo di Francesco Silvani
libretto in italiano
9 dicembre 1721 Londra, King’s Theatre 10 maggio 1962, Unicorn Theatre, Abingdon Versioni revisionate ebbero la prima nel 1722, 1727 e 1733
15 Ottone Haym, dal libretto di Stefano Benedetto Pallavicino per l'opera Teofane di Antonio Lotti
libretto in italiano
12 gennaio 1723 Londra, King’s Theatre 5 luglio 1921, Handel Festival Göttingen Versioni revisionate ebbero la prima nel 1726 e 1733
16 Flavio Haym, da Il Flavio Cuniberto di M. Noris
libretto in italiano
14 maggio 1723 Londra, King’s Theatre 2 luglio 1967, Handel Festival Göttingen Esiste anche il libretto della revisione del 1732
17 Giulio Cesare Haym
libretto in italiano
20 febbraio 1724 Londra, King’s Theatre 1922, Handel Festival Göttingen  
18 Tamerlano Haym, da Agostin Piovene e Nicholas Pradon
libretto in italiano
31 ottobre 1724 Londra, King’s Theatre 7 settembre 1924, Karlsruhe  
19 Rodelinda Haym, da Antonio Salvi, a sua volta derivato dal lavoro di Pierre Corneille, Pertharite, roi des Lombards
libretto in italiano
13 febbraio 1725 Londra, King’s Theatre 26 giugno 1920, Handel Festival Göttingen  
20 Scipione Rolli
libretto in italiano
12 marzo 1726 Londra, King’s Theatre 1937, Handel Festival Göttingen  
21 Alessandro O Mauro
libretto in italiano
5 maggio 1726 Londra, King’s Theatre 1959, Stoccarda (in tedesco)  
22 Admeto Haym
libretto in italiano[collegamento interrotto]
31 gennaio 1727 Londra, King’s Theatre 1964, Abingdon  
23 Riccardo Primo Rolli, da Francesco Briani
libretto in italiano
11 novembre 1727 Londra, King’s Theatre 8 luglio 1964, Teatro Sadler's Wells (Handel Opera Society), Londra  
24 Siroe Haym, da Pietro Metastasio
libretto in italiano
17 febbraio 1728 Londra, King’s Theatre dicembre 1925, Gera  
25 Tolomeo Haym, adattamento da Carlo Sigismondo Capece
libretto in italiano
30 aprile 1728 Londra, King’s Theatre 19 giugno 1938, Handel Festival Göttingen  
26 Lotario Da Antonio Salvi
libretto in italiano
2 dicembre 1729 London, King’s Theatre 3 settembre 1975, Kenton Theatre, Henley-on-Thames  
27 Partenope Da Silvio Stampiglia
libretto in italiano
24 febbraio 1730 Londra, King’s Theatre 23 giugno 1935, Handel Festival Göttingen  
28 Poro, re delle Indie Da Metastasio
libretto in italiano
2 febbraio 1731 Londra, King’s Theatre 1928, Braunschweig  
29 Ezio Metastasio
libretto in italiano
15 gennaio 1732 Londra, King’s Theatre 30 giugno 1926, Handel Festival Göttingen  
30 Sosarme Da Salvi
libretto in italiano
15 febbraio 1732 Londra, King’s Theatre 1970, Abingdon  
31 Orlando Da Capece, a sua volta dall'Orlando furioso di Ludovico Ariosto
libretto in italiano
27 gennaio 1733 Londra, King’s Theatre 6 maggio 1959, Abingdon  
32 Arianna in Creta Da Arianna e Teseo di Pietro Pariati 26 gennaio 1734 Londra, King’s Theatre    
A 11 Oreste Da Giangualberto Barlocci 18 dicembre 1734 Londra, Covent Garden Theatre 1990, Karlsruhe Pasticcio
33 Ariodante Da Salvi, a sua volta da Orlando furioso di Ariosto
libretto in italiano
8 gennaio 1735 Londra, Covent Garden Theatre   2016, Stagione lirica Canadian Opera Company, TorontoII 
34 Alcina Dall'Orlando furioso di Ariosto
libretto in italiano
16 aprile 1735 Londra, Covent Garden Theatre 1928, Lipsia  
35 Atalanta Da Belisario Valeriani
libretto in italiano
12 maggio 1736 Londra, Covent Garden Theatre 1970, Hintlesham Festival, Hintlesham  
36 Arminio Da Salvi
libretto in italiano
12 gennaio 1737 Londra, Covent Garden Theatre 23 febbraio 1935, Lipsia (in tedesco)  
37 Giustino Adattamento dal Giustino di Pariati, a sua volta dal Giustino di Nicolò Beregan
libretto in italiano
16 febbraio 1737 Londra, Covent Garden Theatre 21 aprile 1963, Abingdon  
38 Berenice Da Salvi 18 maggio 1737 Londra, Covent Garden Theatre    
39 Faramondo Adattamento da Faramondo di Apostolo Zeno
libretto in italiano
3 gennaio 1738 Londra, King’s Theatre 5 marzo 1976, Händel Festival  
A 13 Alessandro Severo Da Apostolo Zeno 25 febbraio 1738 Londra, King’s Theatre 18 marzo 1997, Britten Theatre, Royal College of Music, Londra Pasticcio
40 Serse Da Stampiglia
libretto in italiano
15 aprile 1738 Londra, King’s Theatre 5 luglio 1924, Handel Festival Göttingen Nota anche come Xerxes
A 14 Giove in Argo Antonio Maria Lucchini 1 maggio 1739 Londra, King’s Theatre 15 settembre 2006, Markgräfliches Opernhaus, Bayreuth Pasticcio
41 Imeneo Dall'Imeneo di Stampiglia 22 novembre 1740 Londra, teatro a Lincoln's Inn Fields 13 marzo 1960, Händel Festival  
42 Deidamia Rolli
libretto in italiano
10 gennaio 1741 Londra, teatro a Lincoln's Inn Fields    
49 Acis and Galatea John Gay, sulla traduzione di John Dryden di "The Story of Acis, Polyphemus and Galatea" dalle Metamorfosi di Ovidio 1718 Cannons, Little Stanmore   Descritta come serenata, masque, opera pastorale, "piccola opera" (dal compositore), intrattenimento, o oratorio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alcune delle informazioni contenute in questa voce sono tratte dalla relativa voce della Wikipedia olandese su Georg Friedrich Händel.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica