Semele (Händel)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Semele
Titolo originaleSemele
Lingua originaleInglese
Genereoratorio
MusicaGeorg Friedrich Händel
LibrettoWilliam Congreve
Fonti letterarieLe Metamorfosi di Ovidio
Atti3
Epoca di composizionegiugno/luglio 1743
Prima rappr.10 febbraio 1744
TeatroTeatro Teatro Covent Garden, Londra
Personaggi
  • Giove (tenore)
  • Cadmus (basso)
  • Semele (soprano)
  • Athamas (contralto)
  • Ino (mezzosoprano)
  • Somnus (basso)
  • Apollo (tenore)
  • Juno (mezzosoprano)
  • Iris (soprano)
  • Alto sacerdote (basso)
  • Coro di preti, auguri, amori, zefiri, ninfe, corteggiatori ed accompagnatori

Semele (HWV 58) è un oratorio in tre parti di Georg Friedrich Händel. La storia è tratta dalle Metamorfosi di Ovidio e parla di Semele, madre di Bacco. Handel si riferiva alla sua opera anche come 'La storia di Semele'.

Il lavoro è classificato come un oratorio, ma fonde in sé elementi dell'opera lirica, dell'oratorio e del dramma classico, che anticipa le grandi opere del XIX secolo. Per maggiore chiarezza: non è propriamente un oratorio perché questo termine è usato per opere basate su testi sacri o religiosi, mentre Semele ha un testo laico. Non è un'opera lirica, a causa del gran numero di cori (ce ne sono dieci in Semele laddove due o tre sarebbero il numero normale per un'opera di Händel). Questi cori sono in stile di inno oratoriale. Inoltre, a differenza dell'opera, numerosi episodi si affidano per il loro effetto alla immaginazione del pubblico (piuttosto che alla rappresentazione diretta), in particolare la morte di Semele e le allusioni alla sua relazione sessuale con Giove.[1]

Storia e contesto[modifica | modifica wikitesto]

Bacco, Sémélé e Apollo

L'ultima opera italiana di Handel, Deidamia, era stata eseguita nel 1741. Dopo questo periodo, egli si concentrò sugli oratori e i drammi musicali con testi in inglese. Molti di questi, tra cui Semele, sono stati eseguiti in prima al Teatro Covent Garden, a cominciare da Alexander's Feast nel 1736 e terminando con The Triumph of Time and Truth nel 1757. Di conseguenza, nella prima parte del 1740, gli oratori al Covent Garden erano l'attività principale di Handel. Mentre la maggior parte delle opere avevano testi sacri o religiosi, due spiccano invece per la laicità: Ercole e Semele.

Il libretto fu scritto da William Congreve intorno al 1705-1706 e originariamente creato per la musica dell'opera lirica Semele di John Eccles. Il testo di Handel è stato adattato da un collaboratore sconosciuto e la musica fu scritta in poco più di un mese, dal 3 giugno al 4 luglio 1743. Semele contiene prestiti da propri lavori, Giulio Cesare e Fra pensieri qual pensiero (Hwy 115), così come prestiti da Alessandro Scarlatti (in particolare Il Pompeo), Porta, Keiser e Telemann. Degni di nota nella partitura sono il numero e la qualità dei recitativi accompagnati (una caratteristica che condivide con Il Pompeo), e la notevole varietà di stili e di indicazioni di tempo (23, di cui nove uniche nelle opere inglesi).

Bacchus being bathed by nymphs after being born from Jupiter Wellcome V0014973.jpg

Il dramma musicale ha una forma simile a un'opera, ma Handel intuì il posto giusto per rappresentarlo nel Teatro Convent Garden, specializzato per gli oratori, durante la stagione dei concerti pubblici di Quaresima, nel febbraio successivo (1744). Così egli adattò Semele per la rappresentazione alla maniera di un oratorio, un lupo travestito da pecora per coloro che non erano ancora a conoscenza delle Metamorfosi di Ovidio. Il suo stratagemma per portare una potente storia drammatica a teatro si scontrò, forse prevedibilmente, con delle reazioni contrastanti. La signora Delany, pur elogiandolo per la bellezza della musica fece però questa dichiarazione:

« Delizioso pezzo di musica. Semele ha un forte partito contro, vale a dire le belle signore, i damerini e gli ignoranti. Tutti gli amanti dell'opera sono inferociti contro Handel »

Questo probabilmente è da mettere in relazione con i sostenitori della rivale Middlesex Opera Company, per la quale Handel non voleva scrivere. Si sa anche di una dura critica dal librettista del Messia Charles Jennens, il quale dichiarò che era 'un'opera oscena'.

La discutibile questione morale se Semele fosse profana e quindi forse non adatto per i dignitosi membri del pubblico fece sì che il lavoro uscisse rapidamente dal repertorio, ripreso una sola volta dallo stesso Handel.

Tuttavia, Semele rimane un lavoro di alta qualità. Come il defunto Lord Harewood ebbe a dire:

« la musica di Semele è così piena di varietà, il recitativo così espressivo, l'orchestrazione così piena di invenzione, la caratterizzazione così adatta, il generale livello di invenzione così alto, l'azione così piena di situazioni credibili e di episodi, in una parola, il pezzo nel suo complesso è così perfettamente adatto alla scena operistica, che si può solo supporre che il suo abbandono sia stato a causa di un atto di rinuncia da parte delle compagnie liriche »

Storia delle esecuzioni[modifica | modifica wikitesto]

La prima di Semele avvenne il 10 febbraio 1744 al Covent Garden Theatre di Londra, come parte di una serie di concerti che si tengono ogni anno durante la Quaresima. Il pubblico naturalmente si aspettava un soggetto basato sulla Bibbia. Ma il tema amoroso di Semele, che è una creazione di epoca tarda Restaurazione, era imperniato in modo fin troppo trasparente sulla mitologia greca e quindi non piacque a coloro che erano abituati ad un diverso tipo divertimento. Essendo in inglese, Semele irritò anche i sostenitori della vera opera italiana, in particolare in quanto Handel non voleva scrivere per la rivale Middlesex Opera Company. Winton Dean nel suo libro Handel's Dramatic Oratorios:

« Il pubblico [nel 1744] trovò il tono [di Semele] troppo vicino a quello della lirica italiana screditata e impostato cone un mancato oratorio; dove si aspettavano il sano pane quaresimale, avevano ricevuto una pietra scintillante estratta dalle rovine della mitologia greca »

Come risultato ci furono soltanto quattro rappresentazioni. Il cast della prima comprendeva Elisabeth Duparc ("La Francesina") come protagonista, Ester Young come Giunone (ed Ino) e John Beard come Giove. Henry Reinhold cantò i ruoli dei bassi. Sembra che Handel abbia scambiato alcune delle musiche tra i cantanti.

Più tardi, il 1 e l'8 dicembre 1744, Handel presentò una versione rivista, questa volta al King's Theatre, dopo aver tagliato quattro sezioni di dialoghi contenenti allusioni sessuali e facendo delle aggiunte che inserivano arie inframmezzate in italiano (per il pubblico dell'opera) dall'Arminio e Giustino.

Jupiter et Sémélé, di Gustave Moreau (1894-1895)
Sebastiano Ricci - Dionysus (1695)

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Semele fu abbandonata per un lungo periodo di tempo, finché non venne rappresentata a Cambridge, in Inghilterra, nel 1925 e a Londra nel 1954. Queste due produzioni hanno acceso l'entusiasmo del pubblico in questa opera che da allora non è più diminuito.

Semele è stata messa in scena in quattro occasioni (1959, 1961, 1964 e 1975) da parte della Handel Opera Society sotto la direzione di Charles Farncombe, ed è entrata nel repertorio della Wells Opera di Sadler (ora English National Opera) nel 1970. L'opera ritornò nel 1982 al Covent Garden, il Royal Opera House, dopo una pausa di 238 anni, diretta come nel caso della Sadler Wells, da Charles Mackerras.

La prima americana ha avuto luogo al Ravinia Festival vicino a Chicago nel 1959. Semele è stata eseguita a Washington DC nel 1980, e alla Carnegie Hall, New York, nel 1985, in quest'ultima recita con Kathleen Battle nel ruolo della protagonista e John Nelson direttore. Una registrazione con un cast simile è stata fatta nel 1990 ed edita con l'etichetta Deutsche Grammophon.

Nel 1999, Semele è tornata all'English National Opera a Londra in una produzione di altissimo livello curata da Robert Carsen. Rosemary Joshua cantava Semele, John Mark Ainsley era Giove, Susan Bickley Giunone e Sarah Connolly la sorella Ino. La produzione fu poi ripresa nel 2004 con Carolyn Sampson (Semele), Ian Bostridge (Giove) e Patricia Bardon (Giunone).[2]

XXI secolo[modifica | modifica wikitesto]

La Pinchgut Opera mise in scena una produzione nel 2002 nella City Recital Hall, Sydney, diretta da Antony Walker regista Justin Way.[3] C'è una registrazione di questa produzione.

Nel 2004 una messinscena diretta da David McVicar sotto la direzione orchestrale di Marc Minkowski fu inaugurata al Théâtre des Champs-Élysées, a Parigi. Questa fu ripresa nel 2010, direttore Christophe Rousset.

Una nuova produzione fu avviata alla New York City Opera, il 13 settembre 2006. Diretta da Stephen Lawless, faceva riferimenti metaforici a Marilyn Monroe, ai presidenti degli Stati Uniti John F. Kennedy e Bill Clinton, e a Jacqueline Kennedy. Elizabeth Futral cantò la parte di Semele, Vivica Genaux Giunone ed Ino e Robert Breault era Giove.

Nel 2007, L'Opera di Zurigo in Svizzera organizzò nel 1999 la produzione di Robert Carsen di Semele appositamente per la voce di Cecilia Bartoli, con Birgit Remmert e Charles Workman come Giunone e Giove e William Christie direttore. Questa messa in scena è stato registrata, commercializzata come un DVD Decca, e trasferita con successo nel 2010 al Vienna's Theater an der Wien.

La Compagnia Fiorentina d'Opera di Milwaukee nel 2009, mise in scena un rifacimento della prima produzione alla Scottish Opera del regista John La Bouchardiere, diretta da Jane Glover al Pabst Theater; cantanti Jennifer Aylmer, Robert Breault e Sandra Piques Eddy.

Nel settembre dello stesso anno un nuovo allestimento dell'artista cinese Zhang Huan, diretto da Rousset, con Les Talens Lyriques, fu avviato a La Monnaie di Bruxelles.[4] Questa si trasferì, il 24 ottobre 2010 al Poly Theatre di Pechino come parte del Pechino Music Festival, la prima grande produzione di un'opera barocca nella Repubblica popolare cinese.[5] Nel maggio 2012 la produzione si trasferì alla Canadian Opera Company, ricevendo generalmente cattive[6][7] recensioni per aver eliminato il finale di Handel e aver introdotto a casaccio temi buddisti in modo incongruente rispetto al materiale originale.

Ruoli[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Tipo voce Cast della prima, 10 febbraio 1744
(Direttore: Georg Friedrich Handel)
Giove tenore John Beard
Cadmus, Re di Tebe basso Henry Reinhold
Semele, figlia di Cadmus, amata da Giove ed innamorata di lui soprano Élisabeth Duparc ("La Francesina")
Athamas, un principe di Beozia, innamorato di Semele e futuro suo sposo designato contralto Daniel Sullivan
Ino, sorella di Semele, innamorata di Athamas mezzosoprano Esther Young
Somnus basso Henry Reinhold
Apollo tenore John Beard
Giunone mezzosoprano Esther Young
Iris soprano Christina Maria Avoglio
Alto sacerdote basso Henry Reinhold
Coro di preti, auguri, amori, zefiri, ninfe, corteggiatori ed accompagnatori

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Parte 1[modifica | modifica wikitesto]

Nel tempio di Giunone, Cadmo, re di Tebe, sta preparando il matrimonio di sua figlia Semele con Atamante, principe di Beozia. Tuttavia, la sposa è titubante perché è segretamente innamorata di Giove. Si raccomanda che il dio la aiuti nella sua situazione.

Anche la sorella di Semele, Ino, è addolorata dal matrimonio imminente, ma per ragioni diverse: lei è innamorata di Atamante. Giove ha sentito l'appello di Semele: i suoi fulmini rendono ben chiaro che, nonostante l'approvazione di Giunone, egli si oppone violentemente al matrimonio di Semele. Tutti fuggono in preda al terrore.

Ino tenta di confortare Atamante, ma così facendo rivela il suo amore per lui. Cadmo interrompe il loro smarrimento descrivendo l'evento straordinario cui ha appena assistito: mentre fuggivano dal tempio Semele era stata improvvisamente rapita da un'aquila. I cortigiani di Cadmo, però portano la felice notizia che in realtà era stato Giove a rapire la ragazza. Come finisce l'atto, si vede Semele godere nel suo ruolo di nuova donna del dio.

Parte 2[modifica | modifica wikitesto]

Iris, messaggera degli Dei, riferisce a Giunone dove si trova il palazzo di Semele, di recente costruzione, custodito da un drago. Infuriata, Giunone giura di distruggere la sua rivale; ma prima decide di uscire e trovare Somnus, il dio del sonno, per avere il suo aiuto nel realizzare la propria vendetta.

Svegliandosi nella sua camera da letto, Semele attende languidamente il ritorno del suo amante. Giove appare e la rassicura sul suo amore. Semele gli dice che lei è a disagio quando paragona la propria mortalità alla sua divinità, facendo preoccupare Giove per la sua ambizione.

Invece di dirle che lei non potrà mai raggiungere l'immortalità, decide di distrarla facendo venire sua sorella Ino dalla Terra. I timori di Semele per il momento sono calmati e quando appare Ino le due sorelle esaltano la musica delle sfere.

Parte 3[modifica | modifica wikitesto]

Somnus dorme tranquillamente nella sua caverna quando Giunone ed Iris arrivano. Solamente quando Giunone rivela il nome della ninfa Pasithea che Somnus si sveglia. In cambio della ninfa, Somnus accetta di aiutare Juno. È anche pronto a prestare la sua bacchetta magica che induce il sonno, di cui lei avrà bisogno per evitare i draghi che proteggono il palazzo di Semele.

Giunone, ora travestita da Ino, appare a Semele. Dapprima si presenta a sua 'sorella' con uno specchio magico che costringe Semele ad innamorarsi immediatamente per propria immagine. Giunone poi ricorda astutamente alla giovane donna come ottenere l'immortalità che desidera: Giove deve essere indotto a fare l'amore con lei nella sua vera forma divina, piuttosto che nel suo travestimento mortale. Semele è felice e la ringrazia copiosamente.

Ritorna Giove, infiammato dal desiderio. Semele lo rifiuta fino a che egli non giuri di darle tutto quello che vuole. Continuando a seguire il consiglio di Giunone, lei gli chiede di apparire in tutto il suo splendore divino. Il dio è inorridito e disperatamente la avverte del pericolo mortale in cui lei si trova. Semele rifiuta di accettare niente di meno che la soddisfazione del suo desiderio e lascia Giove a lamentarsi per la parte che lui avrà nella inevitabile distruzione di Semele.

Giunone gongola per il suo trionfo, mentre Semele si rende conto troppo tardi delle conseguenze della sua ambizione. Mentre si avvicina alla divinità, le fiamme del potere di Giove la bruciano e lei muore.

Le persone piangono la morte di Semele. Ino descrive un sogno in cui Apollo ha rivelato il desiderio di Giove che lei e Atamante si sposino. Apollo stesso ora appare e annuncia che Bacco, dio del vino, nascerà come una fenice dalle ceneri di Semele. Tutti celebrano questa inaspettata buona notizia.

Arie[modifica | modifica wikitesto]

Parte 1

  • "Hymen, haste, thy torch prepare!" (Athamas)
  • "Oh Jove, in pity teach me which to choose" (Semele)
  • "The morning lark to mine accords his note" (Semele)
  • "Why Dost thou thus untimely grieve?" (Cadmus,Athama, Semele and Ino)
  • "Turn, hopeless lover" (Ino)
  • "Your tuneful voice" (Athamas)
  • "You've undone me" (Ino/Athamas duet)
  • "Endless pleasure, endless love" (Semele)

Parte 2

  • "There, from mortal cares retiring" (Iris)
  • "Hence, hence, Iris hence away!" (Juno)
  • "Oh sleep, why dost thou leave me?" (Semele)
  • "I must with speed amuse her" (Jupiter)
  • "Where'er you walk" (Jupiter)
  • "But hark, the heavenly sphere" (Ino)

Parte 3

  • "Leave me, loathsome light" (Somnus)
  • "More sweet is that name" (Somnus)
  • "Obey my will" (Juno/Somnus duet)
  • "Myself I shall adore" (Semele)
  • "I am ever granting, you always complain" (Semele)
  • "No, no, I'll take no less" (Semele)
  • "Above measure is the pleasure" (Juno)
  • "Despair no more shall wound me" (Athamas)

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John K. Andrews (a cura di), The Cambridge Handel Encyclopedia!autore= Annette Landgraf, David Vickers, Cambridge University Press, 26 novembre 2009, pp. 579.
  2. ^ Nella sezione Opera completa di questa voce è possibile ascoltare l'opera completa nell'esecuzione della English National Opera (ENO)
  3. ^ a b Semele prima opera della Pinchgut Opera nel dicembre 2002, Sydney, Australia, Pinchgut Opera, 4,6,7 e 9 dicembre 2002. URL consultato il 5 marzo 2016.
  4. ^ The New York Times, A Chinese Spin on Baroque Opera], su nytimes.com, 16 settembre 2009. URL consultato il 26 luglio 2010.
  5. ^ Xinhua, Myth and Fact share the same stage, su news.xinhuanet.com. URL consultato il 26 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2012).
  6. ^ The Globe and Mail, su theglobeandmail.com.
  7. ^ Semele salvata da una musica spettacolare, su toronto.com (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2012).
  8. ^ http://www.gramophone.co.uk/editorial/handels-semele

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Winton Dean, Handel's dramatic oratorios and masques, Oxford University Press, 1959.
  • Partitura di Semele(E-book), Lipsia, Ed. Friedrich Chrysander, 1860.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Opera completa[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica
Controllo di autoritàVIAF (EN178822766 · LCCN (ENnr96021928 · GND (DE300358210 · BNF (FRcb13913077n (data)