Solomon (oratorio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Solomon
Titolo originaleSolomon
Lingua originaleinglese
Genereoratorio
MusicaGeorg Friedrich Händel
Librettoanonimo
Fonti letterarieBibbia
Attitre
Epoca di composizione1748
Prima rappr.17 marzo 1749
TeatroCovent Garden Theatre in Londra
Personaggi
AutografoLipsia, 1866
Pieter Paul Rubens-Il giudizio di Salomone

Solomon, (HWV 67) è un oratorio in inglese di Georg Friedrich Händel. Il libretto, di anonimo, attualmente si pensa che possa essere stato scritto dal poeta/drammaturgo Moses Mendes (d.1758)[1]. La storia si basa sulle storie bibliche del saggio re Salomone dal primo Libro dei Re e dal secondo Libro delle Cronache con materiale aggiuntivo da Antichità giudaiche dello storico antico Flavio Giuseppe. La musica è stata composta tra il 5 maggio e il 13 giugno 1748 e la prima esecuzione ha avuto luogo il 17 marzo 1749 con Caterina Galli nel ruolo della protagonista al Covent Garden Theatre di Londra, dove ha avuto altre due repliche. Händel riprese il lavoro nel 1759.[2]

L'oratorio contiene un brano strumentale breve e vivace per due oboi e archi nel terzo atto, conosciuto come "L'arrivo della regina di Saba", che è diventato famoso al di fuori del contesto del lavoro completo ed è stato eseguito alle Olimpiadi di Londra nel 2012.[3]

Contesto e analisi[modifica | modifica wikitesto]

Una immagine del teatro di Covent Garden dove Solomon fu rappresentato per la prima volta

Händel, di origine tedesca, era stato residente a Londra dal 1712 ed aveva goduto di grande successo come compositore di opere italiane. Le sue possibilità di utilizzare testi in inglese per la sua musica in un primo momento erano state abbastanza limitate; aveva trascorso gli anni 1717-1719 come compositore residente presso il ricco Duca di Chandos dove aveva scritto inni per la chiesa e due opere teatrali, Aci e Galatea e Esther e aveva composto la musica vocale per i testi in inglese per varie occasioni reali, tra cui una serie di inni di incoronazione per Giorgio II nel 1727, che ebbe un impatto enorme.[4] Nel 1731, una esecuzione della versione del 1718 di Esther, un lavoro in lingua inglese sulla base di un dramma biblico di Jean Racine, fu dato a Londra senza la partecipazione di Händel e si era dimostrato popolare, in modo che Händel rivide il lavoro e pensò di presentarlo nel teatro dove erano state eseguite le sue opere italiane. Tuttavia il vescovo di Londra non avrebbe permesso un dramma basato su una storia biblica recitata sul palcoscenico e quindi Händel presentò Esther in forma di concerto, dando così vita all'oratorio inglese.[5][6] Tale fu il successo dei suoi oratori in lingua inglese che alla fine Händel abbandonò l'opera italiana, la sua ultima fu Deidamia nel 1741, e produsse una serie di capolavori di oratori in inglese.[7]

L'opera seria, sotto forma di opera italiana che Händel aveva composto per Londra, era concentrata prevalentemente sulle arie solistiche e sui recitativi per i cantanti famosi e conteneva poco altro, fra l'altro non erano dotate di cori indipendenti. Con gli oratori inglesi Händel ebbe l'opportunità di mescolare arie d'opera in lingua inglese per i solisti con grandi cori del tipo che aveva usato negli inni di incoronazione. Gli oratori hanno trovato un pubblico più ampio tra classi sociali più diversificate del pubblico aristocratico che aveva sostenuto e goduto delle opere italiane di Händel.[8] "Salomone" è stato ampiamente riconosciuto dai commentatori dell'epoca come un elogio per l'Inghilterra di Re Giorgio, con Salomone, re giusto e saggio, che rappresenta il re Giorgio II e il potente, prosperoso regno di Israele, che riflette un simile stato felice dell'Inghilterra, al momento della prima del lavoro, nella visione del suo creatore.[9]

Dramatis personæ[modifica | modifica wikitesto]

Giulia Frasi, soprano, creator of several roles in Solomon
Ruolo Voce Cast della prima
17 marzo 1749
Solomone contralto Caterina Galli
Regina di Solomone soprano Giulia Frasi
Nicaule, Regina di Saba soprano Giulia Frasi
Prima prostituta soprano Giulia Frasi
Seconda prostituta mezzosoprano Sibilla Gronamann (Mrs Pinto)
Zadok, l'Alto Sacerdote[10] tenore Thomas Lowe
Un Levita basso Henry Theodore Reinhold
Attendente tenore
Coro di preti, coro di Israeliti[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Atto1[modifica | modifica wikitesto]

L'oratorio inizia con Salomone e la sua gente che celebrano la consacrazione del tempio che egli ha costruito a Gerusalemme. Salomone gioisce della felicità del suo matrimonio, a differenza del biblico Salomone, che si dice avesse avuto centinaia di mogli e concubine[11] e promette di costruire alla sua regina un palazzo per lei.[5] Essi si esprimono a vicenda il loro amore e si ritirano per la notte mentre brezze di fiori profumati e canti di usignoli li cullano nel riposo.[12]

Atto 2[modifica | modifica wikitesto]

La saggezza di Salomone è presentata nella famosa storia biblica delle due prostitute che si contendono lo stesso bambino, ciascuna affermando che è il suo. Salomone si offre di risolvere il caso, dividendo il bambino a metà con la sua spada, ma la vera madre respinge questa soluzione e porge subito il bambino all'altra donna, cosa che Salomone sapeva che una vera madre avrebbe fatto.[11] La prima prostituta e il coro lodano il giudizio di Salomone.[12]

Atto 3[modifica | modifica wikitesto]

Nel terzo atto si vede una visita di stato da parte della regina di Saba al regno di Salomone. Il re e il suo popolo la intrattengono con un masque musicale di splendidi cori raffiguranti di volta in volta il "cullante" suono della musica leggera, il desiderio di gloria militare, la disperazione di un amante infelice, e una tempesta che diventa sereno.[5][12] Tutti celebrano Israele del saggio sovrano Salomone come un'era dell'oro di pace, felicità e prosperità.[11]

Numeri musicali[modifica | modifica wikitesto]

Arrival of the Queen of Sheba (info file)
performed by the Advent Chamber Orchestra with Humbert Lucarelli and Edino Biaggi on oboes.
Il terzo atto inizia con la celeberrima Sinfonia conosciuta come "L'arrivo della regina di Saba". "Sinfonia" in questo contesto significa un pezzo puramente strumentale, "Accompagnato" è un recitativo accompagnato dall'orchestra, anziché da soli strumenti del basso continuo, come nei passaggi contrassegnati "recitativo".
Act One
1. Overture
Scene 1: Solomon, Zadok, priests and chorus
2.Your harps and cymbals (chorus)
3.Praise ye the Lord (Levite – air)
4.With pious heart (chorus)
5.Almighty Power (Solomon – accompagnato)
6.Imperial Solomon (Zadok – recitative)
7.Sacred raptures (Zadok – air)
8.Throughout the land (chorus)
9.Bless’d be the Lord (Solomon – recitative)
10.What though I trace (Solomon – air)
Scene 2: To them the Queen
11.And see my Queen (Solomon – recitative)
12.Bless’d the day (Queen – air)
13.Thou fair inhabitant of Nile (Solomon, Queen – recitative)
14.Welcome as the dawn of day (Queen Solomon – duet)
15.Vain are the transient beauties (Solomon – recitative)
16.Indulge thy faith (Zadok – air)
17.My blooming fair (Solomon – recitative)
18.Haste to the cedar grove (Solomon – air)
19.When thou art absent (Queen – recitative)
20.With thee th’unshelter’d moor (Queen – air)
21.May no rash intruder ("Nightingale Chorus") (chorus)
Act Two
Scene 1: Solomon, Zadok, Levite, chorus of priests and Israelites
22.From the censer curling rise (chorus)
23.Prais’d be the Lord (Solomon – recitative)
24.When the sun o’er yonder hills (Solomon – air)
25.Great prince (Levite – recitative)
26.Thrice bless’d that wise discerning king (Levite – air)
Scene 2: To them an attendant
27.My sovereign liege (Attendant, Solomon – recitative)
Scene 3: To them the two harlots
28.Thou son of David (First harlot – recitative)
29.Words are weak (First and second harlot, Solomon – trio)
30.What says the other (Solomon, second harlot – recitative)
31.Thy sentence, great king (Second harlot – air)
32.Withhold, withhold the executing hand (First harlot – recitative)
33.Can I see my infant gor’d (First harlot – air)
34.Israel attend (Solomon – accompagnato)
35.Thrice bless’d be the king (First harlot, Solomon – duet)
36.From the east unto the west (chorus)
37.From morn to eve (Zadok – recitative)
38.See the tall palm (Zadok – air).
39.No more shall armed bands (First harlot – recitative)
40.Beneath the vine (First harlot – air)
41.Swell, swell the full chorus (chorus)
Act Three
42.Sinfonia ("Arrival of the Queen of Sheba")
Solomon, Queen of Sheba, Zadok, chorus of Israelites
43.From Arabia’s spicy shores (Queen of Sheba, Solomon – recitative)
44.Ev’ry sight these eyes behold (Queen of Sheba – air)
45.Sweep, sweep the string (Solomon – recitative)
46.Music spread thy voice around (Solomon and chorus)
47.Now a different measure (Solomon and chorus)
48.Then at once from rage remove (Solomon – recitative)
49.Draw the tear from hopeless love (chorus)
50.Next the tortur’d soul release (Solomon – recitative)
51.Thus rolling surges rise (Solomon and chorus)
52.Thy harmony’s divine (Queen of Sheba – recitative)
53.Pious king (Levite – air)
54.Thrice happy king (Zadok – recitative)
55.Golden columns (Zadok – air)
56.Praise the Lord (chorus)
57.Gold now is common (Solomon – recitative)
58.How green our fertile pastures look (Solomon – air)
59.May peace in Salem (Queen of Sheba – recitative)
60.Will the sun forget to streak (Queen of Sheba – air)
61.Adieu, fair queen (Solomon – recitative)
62.Ev’ry joy that wisdom knows (Queen of Sheba, Solomon – duet)
63.The name of the wicked (chorus)

Caratteristiche musicali[modifica | modifica wikitesto]

"Salomone" è riccamente orchestrata per gli standard del suo tempo, richiedendo un'orchestra di flauti, oboi, fagotti, corni, trombe, timpani, archi e strumenti del basso continuo. Molti dei cori grandi e variegati sono in otto parti ("un doppio coro") al posto dei più usuali quattro parti.[9] Il numero finale del primo atto è il coro "May no rash intruder", di solito chiamato il Nightingale Chorus, con flauti che imitano il canto degli uccelli sopra un dolce effetto di fruscio, creato dagli archi suddivisi in numerose parti diverse.[9] Il terzo atto inizia con la celeberrima Sinfonia conosciuta come "L'arrivo della regina di Saba", un pezzo orchestrale brillante e vivace con oboi, che è stato spesso utilizzato al di fuori del contesto degli oratori come un brano processionale.[3]

Registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast Direttore d'orchestra, coro e/o orchestra Etichetta
1950s (?)
2005 digital remaster
John Cameron
Elsie Morison
Alexander Young
Lois Marshall
Sir Thomas Beecham
Beecham Choir Society
Royal Philharmonic Orchestra
EMI 2 CDs 5 86516 2
1967 Saramae Endich
Patricia Brooks
Alexander Young
John Shirley-Quirk
Stephen Simon
Vienna Youth Choir
Vienna Volksoper Orchestra
RCA Red Seal Records, 1968
3 LPs LP LSC 6187
1984 Carolyn Watkinson
Nancy Argenta
Barbara Hendricks
Joan Rodgers
Della Jones
Anthony Rolfe Johnson
Stephen Varcoe
John Eliot Gardiner
Monteverdi Choir
English Baroque Soloists
Phillips Digital Recording, 1984
3 LPs 289-412612-1
2 CDs 289-412612-2
3 MC 289-412612-4
1999 Andreas Scholl
Inger Dam-Jensen
Susan Gritton
Paul Agnew
Paul McCreesh, conductor
Gabrieli Consort
CD:Archiv Produktion
Cat:4596882
2003 Michael Chance
Nancy Argenta
Laurie Reviol
Julian Podger
Steffen Balbach
Jürgen Budday
Maulbronn Chamber Choir
Hannoversche Hofkapelle
K&K Verlagsanstalt, 2004
2 CDs KuK 73 / ISBN 3-930643-73-1
2006 Mark Padmore
Sarah Connolly
Susan Gritton
Carolyn Sampson
Daniel Reuss
Akademie für Alte Musik Berlin
CD:Harmonia Mundi
Cat:HMC 901949.50
2006 Ewa Wolak
Elisabeth Scholl
Nicola Wemyss
Knut Schoch
Joachim Carlos Martini
Frankfurt Baroque Orchestra
Junge Kantorei
CD:Naxos
Cat:8.557574-75
2007 Tim Mead
Dominque Labelle
Claron McFadden
Roderick Williams
Nicholas McGegan
Winchester Cathedral Choir
Festspielorchester Göttingen
CD:Carus
Cat: CARUS83242

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima stagione della serie BBC One Ultimo tango a Halifax, è citato in diversi episodi che Celia Dawson ha scelto "L'arrivo della regina di Saba" per annunciare il suo ingresso al suo matrimonio con Alan Buttershaw.[13] Molte spose chiedono il pezzo come musica per la loro entrata o per l'uscita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrew Pink, Solomon, Susanna and Moses: locating Handel's anonymous librettist, in Eighteenth Century Music, vol. 12, 02ª ed., settembre 2015, pp. 211-222. URL consultato il 6 aprile 2016.
  2. ^ a b G.F. Handel's Compositions, The Handel Institute. URL consultato il 28 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2013).
  3. ^ a b Betsy Schwarm, The Arrival of the Queen of Sheba, Britannica.com. URL consultato il 28 aprile 2014.
  4. ^ Lindsay Kemp, Programme Notes for Saul (PDF)[collegamento interrotto], BBC. URL consultato il 28 settembre 2013.
  5. ^ a b c Donald Burrows, Handel (Master Musicians Series), Oxford University Press, USA; 2 edition, 2012, ISBN 978-0-19-973736-9.
  6. ^ Burrows, p. 212
  7. ^ Anthony Hicks, Handel, George Frideric, in Grove Music Online, Oxford University Press, 2013.
  8. ^ Joachim C. Martini, Programme notes for "Solomon", Naxos. URL consultato il 29 aprile 2014.
  9. ^ a b c Paul Henry Lang, George Frideric Handel, reprint, Dover Books on Music, 2011, ISBN 978-0-486-29227-4.
  10. ^ Zadok the Priest, HWV 258, è anche il titolo di uno dei quattro inni scritti da Händel per l'incoronazione di Giorgio II di Gran Bretagna ma, a parte il suo nome, il lavoro è estraneo all'Oratorio Salomone.
  11. ^ a b c Chris Woodstra, All Music Guide to Classical Music: The Definitive Guide to Classical Music (All Music Guides), Backbeat Books, 1º settembre 2005, ISBN 0-87930-865-6.
  12. ^ a b c J. Merrill Knapp, Programme notes for "Solomon", Opera Today. URL consultato il 28 aprile 2014.
  13. ^ Last Tango in Halifax season 1, episode quotes and synopses, su Sharetv.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN180026970 · LCCN (ENno92017140 · GND (DE300065787
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica