Imeneo (Händel)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Imeneo
Titolo originaleHimeneo
Lingua originaleitaliano
Genereopera seria
MusicaGeorg Friedrich Händel
LibrettoSilvio Stampiglia
Attitre
Epoca di composizione1738-1740
Prima rappr.22 novembre 1740
TeatroLincoln's Inn Fields in Londra
Personaggi

Imeneo (titolo alternativo: Hymen, HWV 41) è un'opera seria in tre atti di Georg Friedrich Händel. Il libretto in lingua italiana è stato adattato dall'Imeneo di Silvio Stampiglia. Händel aveva iniziato la composizione nel settembre del 1738, ma non la completò fino al 1740. L'opera è stata eseguita per la prima volta al Lincoln's Inn Fields di Londra il 22 novembre 1740 ed è stata replicata una sola volta il 13 dicembre. Händel ha poi rivisto la partitura e questa versione riveduta è stata data a Dublino in forma di concerto il 24 e 31 marzo 1742.[1]

Storia delle esecuzioni[modifica | modifica wikitesto]

Charles Jennens, che creò entrambi i libretti di Saul e del Messiah, descrisse Imeneo come "la peggiore di tutte le composizioni di Händel", ma aggiunse "anche se una metà delle arie non sono male".[2]

La prima produzione moderna avvenne alla Opernhaus Halle il 13 marzo 1960, diretta da Horst-Tanu Margraf. Il lavoro fu subito dopo eseguito a Birmingham nel 1961, sotto la direzione di Anthony Lewis.[3] Lewis guidò anche la prima ripresa londinese dell'opera dai tempi di Händel, nel 1972 alla Royal Academy of Music.[4] Lewis ha predisposto una edizione esecutiva dell'opera.[5]

Ruoli[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Voce Cast della prima, 22 novembre 1740
Imeneo basso William Savage
Tirinto mezzosoprano castrato Giovanni Battista Andreoni
Rosmene soprano Élisabeth Duparc ("La Francesina")
Clomiri soprano Miss Edwards
Argenio basso Henry Theodore Reinhold

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La scena è "Un piacevole giardino" ad Atene. L'opera si apre con il lamento di Tirinto sul suo amore Rosmene, una vergine della dea Cerere, rapita da barbari pirati. Anche il suo confidente Clomiri, è stato rapito. Egli piange con il padre di Clomiri, Argenio. All'improvviso vengono a sapere che un coraggioso e forte uomo chiamato Imeneo ha ucciso tutti i pirati mentre dormivano. Tutti gioiscono e Imeneo, insieme al resto del paese ed ai genitori di Rosmene, si aspetta che Rosmene lo sposi, anche se i veri sentimenti della giovane sono per Tirinto. Così Rosmene è presa in un triangolo amoroso dolorosamente imbarazzante. Inoltre Clomiri è innamorata di Imeneo e lo aiuta a capire che Rosmene è titubante a causa della sua relazione con Tirinto e che lei sta anteponendo la felicità di Tirinto alla propria. Quando Imeneo, che insiste sul fatto che Rosmene è ingrata e Tirinto, che la chiama infedele, la sollecitano a decidere chi sposerà, lei finge una crisi di nervi di fronte a tutti loro. Tirinto sostiene che lei è fuori di testa, ma in aria "Io son quella navicella" Rosmene si paragona ad una nave in tempesta che giunge in porto. Alla fine sposa Imeneo: finalmente ha capito che il vero amore non è così importante come l'onore e il dovere. Rosmene chiede a Tirinto di essere felice per lei. La sua decisione lascia Clomiri e Tirinto in lacrime. Il coro alla fine dell'opera ribadisce che non si deve inchinarsi al proprio desiderio, ma alla ragione; non si bisogna seguire i veri sentimenti e la fedeltà, ma la gratitudine e l'onore.[6]

Registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Compositore Opera Luogo, Orchestra Direttore d'orchestra Cantanti Data di Registrazione Etichetta
Georg Friedrich Händel Imeneo Capella Augustina, Cologne Vocal Ensemble Andreas Spering Locky Chung, Siri Thornhill, Ann Hallenberg, Kay Stiefermann, Johanna Stojkovic 2 febbraio 2004 cpo - B00011MK5G (CD)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrew V. Joness, Handling Sources, in Cecil Hill (a cura di), The Musical Times, review of Handel's 'Imeneo': A Pre-Edition Study, 130 (1758), agosto 1989, pp. 477-478.
  2. ^ Richard Wigmore, Academy of Ancient Music (PDF), AAM, 29 maggio 2013. URL consultato il 29 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ Winton Dean, From the Provinces: Birmingham. i: Handel's Imeneo", in The Musical Times, 102 (1419), 1961, p. 303.
  4. ^ Anthony Hicks, The Musical Times, 113 (1554), agosto 1972, pp. 786-791.
  5. ^ William D. Gudger, Review of edition of George Frideric Handel: Imeneo (Hymenaeus); An Opera, a cura di Anthony Lewis, 39 (2), 2ª ed., MLA Notes, 1981, p. 466.
  6. ^ Handel's 'Imeneo', From Glimmerglass Opera, 27 luglio 2007. URL consultato il 16 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Winton Dean, Handel's Operas, 1726-1741, Il secondo dei due volumi di informazioni definitive sulle opere di Händel, Boydell Press, 2006, ISBN 1-84383-268-2.
  • Anthony Hicks, Imeneo, in Stanley Sadie (a cura di), The New Grove Dictionary of Opera, Londra, 1992, ISBN 0-333-73432-7.
  • Handel's Imeneo, in Glimmerglass Opera.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1980151112564637180007 · LCCN (ENn81143166 · GND (DE300495668 · BNF (FRcb13968355d (data) · WorldCat Identities (ENn81-143166
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica