Daphne (Händel)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daphne
Daphne Händel.jpg
Frontespizio del libretto di Daphne, Amburgo 1708
Titolo originaleDie verwandelte Daphne
Lingua originaletedesco
Genereopera
MusicaGeorg Friedrich Händel
LibrettoHinrich Hinsch
Attitre
Epoca di composizione1706
Prima rappr.gennaio 1708
TeatroTheater am Gänsemarkt, Amburgo
Personaggi
  • Apollo innamorato di Dafne
  • Dafne promessa di Florindo
  • Florindo promesso di Dafne, amato da Alfirena
  • Lycoris ninfa, innamorata di Florindo
  • Damon Pastore innamorato di Lycoris
  • Galatea vecchia ninfa
  • Alfirena segretamente innamorata di Florindo
  • Tirsi amico di Damon
  • Cupido Dio dell'Amore
  • Pastori, pastorelle, gente di campagna, i sacerdoti
Giovan Battista Tiepolo, Apollo e Dafne

Daphne (Die verwandelte Daphne, HWV 4) è un'opera in tre atti di Georg Friedrich Händel composta nel 1706 su libretto in tedesco di Hinrich Hinsch. È la prima opera di Händel e la sua ultima in lingua tedesca, dopo che aveva composto una sola volta un lavoro completo nella sua lingua madre: Die Brockes-Passion (1716). Tutte le successive opere scritte da Händel sono in italiano e la tipologia è l'opera seria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In origine era stata composta come un'opera singola ("Florindo und Daphne"), unita a "Florindo" (HWV 3), ma separata prima della esecuzione.

La prima esecuzione avvenne nel gennaio del 1708 al Theater am Gänsemarkt, Amburgo.

Quasi tutta la musica è andata perduta. Singole documentazioni sono state individuale in collezioni di privati.

Ruoli[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Descrizione
Apollo innamorato di Dafne
Dafne figlia del dio fluviale Pineus, promessa di Florindo
Florindo figlio del dio fluviale Enipheus, promesso di Dafne, segretamente amato da Alfirena
Lycoris ninfa, innamorata di Florindo
Damon pastore innamorato di Lycoris
Galatea vecchia ninfa familiare di Dafne
Alfirena figlia del dio fluviale Apidinus, segretamente innamorata di Florindo
Tirsi nobile pastore del Arcadia, amico di Damon
Cupido Dio dell'Amore
Pastori, pastorelle, gente di campagna, i sacerdoti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Albert Scheibler, Sämtliche 53 Bühnenwerke des Georg Friedrich Händel, in Opern-Führer, Lohmar/Rheinland, Edition Köln, 1995, ISBN 3-928010-05-0.
  • (DE) Bernd Baselt, Thematisch-systematisches Verzeichnis. Bühnenwerke, in Walter Eisen (Hrsg.) (a cura di), Händel-Handbuch: Band 1, Leipzig, Deutscher Verlag für Musik, 1978, ISBN 3-7618-0610-8.
  • (DE) Bernd Baselt, Thematisch-systematisches Verzeichnis. Instrumentalmusik, Pasticci und Fragmente, in Walter Eisen (Hrsg.) (a cura di), Händel-Handbuch: Band 3, Leipzig, Deutscher Verlag für Musik, 1986, ISBN 3-7618-0716-3.
  • (EN) Winton Dean e John Merrill Knapp, Handel’s Operas 1704–1726, Woodbridge, The Boydell Press, 2009, ISBN 978-1-84383-525-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica