Operazione militare turca nel distretto di Afrin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Operazione militare turca ad Afrin
parte della Guerra civile siriana e dello Sconfinamento della guerra civile siriana in Turchia
Operation Olive Branch.svg
Situazione militare attuale:

Verde: Forze ribelli appoggiate dalla Turchia,

Giallo: Rojava (YPG),

Rosso: Forze governative

Vedi anche mappe dettagliate di Aleppo, Deir el-Zor, Hasaka, Qamishli
Data20 gennaio 201818 marzo 2018
Luogo
EsitoVittoria turca e del TSFA con ritirata delle forze curde e governative.
Modifiche territorialiTutto il territorio adiacente al confine precedentemente occupato dallo YPG è stato occupato dalle forze armate turche ed alleati, per un totale di 282 città e villaggi (pari al 70% dei centri abitati del distretto di Afrin)[1][2]
Schieramenti
TurchiaTurchia
Flag of Syria 2011, observed.svg Esercito siriano libero (TSFA, appoggiato dalla Turchia)
Flag of Syria 2011, observed.svgAl-Liwaa.svgAltre fazioni ribelli[3]
Flag of Rojava.svg Rojava Consiglio Nazionale Curdo

Siria Siria

People's Protection Units Flag.svg YPG
Altre formazioni
Flag of YBŞ.svg Unità di Resistenza Sinjar (YBŞ)[4]
Flag of Sinjar Womens Units.svg Unità Femminile Êzîdxan (YJÊ)
Flag of the International Freedom Battalion.svg Brigata Internazionale di Liberazione (IFB)[5] Supporto:
Iran Iran[6]
Coat of Arms of Kurdistan.svg KRG
Stati Uniti Stati Uniti (Contestato della Turchia)[7]
Effettivi

Turchia 6,400[8]

Flag of Syria 2011, observed.svg 10,000 – 25,000[9][10]
Flag of Syrian Democratic Forces.svg 8,000–10,000 (fine gennaio)[11]
Flag of Syrian Democratic Forces.svg 20,000 (fine febbraio)[12]
Siria 800+[13]
Perdite
Per SOHR:[17]

Flag of Syria 2011, observed.svg 500 morti
Turchia 83 morti,2 elicotteri abbattuti,2 carri armati persi e 1 drone abbattuto


Per SDF:
Flag of Syria 2011, observed.svgTurchia 1588 morti[18]


Per la Turchia:
Flag of Syria 2011, observed.svg 400 morti,[19] 100+ feriti[20]

Turchia 53 morti, 225 feriti[21]
Per SOHR:

Flag of Syrian Democratic Forces.svg 4403 neutralizzati
Siria 91 morti


Per SDF:
Flag of Syrian Democratic Forces.svg 820 morti
Siria 56 morti


Per la Turchia:

Flag of Syrian Democratic Forces.svgSiria 4,403 morti, feriti o prigionieri[22] (415 morti al 15 Feb.)[23]

In Siria: 289 - 500 civili uccisi (per SHOR)[14]

In Turchia 9 civili uccisi[15] (2 Siriani)[16]
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Il 20 gennaio 2018 le Forze armate turche hanno iniziato un'operazione militare nel cantone a maggioranza curda di Afrin e nell'area di Tel Rifaat del governatorato di Aleppo, nella Siria settentrionale. La Turchia ha dato all'operazione il nome in codice di "Ramoscello d'Ulivo". L'offensiva ha come obiettivi il Partito dell'Unione Democratica curdo in Siria (PYD),[24] e la sua ala armata Unità di Protezione Popolare (YPG),[25] oltre che le posizioni delle Forze Democratiche Siriane (SDF) che circondano la città siriana di Afrin. Le forze turche sostengono inoltre di combattere contro l'ISIS,[26] seppur l'ISIS non sia presente nella regione.[27][28][29][30][31] Afrin e l'area circostante sono reclamate dal Sistema Federale Democratico della Siria del Nord (Rojava).

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha inoltre annunciato che l'operazione sarà seguita da un'altra avente come obiettivo la città di Mambij, sottratta all'ISIS nel 2016 dai curdi appoggiati dagli Stati Uniti, la quale all'inizio dell'operazione su Afrin ospita ancora una guarnigione americana. Il territorio sotto il controllo del Rojava infatti ospita circa 2000 marines, per la maggior parte impegnati ad addestrare i combattenti SDF.[32][33]

È la quarta operazione turca in Siria dall'inizio della guerra civile siriana dopo l'Operazione Shah Eufrate (2015), l'Operazione Scudo dell'Eufrate (2016-17) e le Operazioni nel Governatorato di Idlib (2017-). Segue in parte lo stesso scopo dell'operazione Scudo dell'Eufrate, ovvero evitare la formazione di un'entità statale curda che copra gran parte della frontiera meridionale della Turchia, impedendo la presenza militare di questi ad ovest dell'Eufrate, linea rossa tracciata unilateralmente dal governo di Ankara. È inoltre considerata parte del più ampio conflitto curdo-turco in atto sin dal 1978, principalmente tra il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK, considerato organizzazione terroristica da Stati Uniti ed Unione europea, al contrario del PYD/YPG) e la nazione turca, e costato più di 50.000 vite, di cui 10.000 turchi e 40.000 curdi.[34][35][36].

L'operazione avviene con il tacito assenso della Russia, i cui militari poco prima dell'inizio si sarebbero ritirati dalla loro base militare presente nel cantone e la cui aviazione controllerebbe lo spazio aereo in cui agiscono i jet turchi. Contemporaneamente anche gli Stati Uniti, sostenitori dei curdi nella lotta all'ISIS soprattutto nella grande regione siriana ad est dell'Eufrate, non fanno seguire all’offensiva alcuna reale protesta diplomatica, essendo già le relazioni tra le due nazioni e membri NATO ai minimi storici e di conseguenza essendo presente il rischio di una disastrosa uscita della Turchia dal Patto Atlantico. La Russia invece si trova nella complessa situazione diplomatica di essere contemporaneamente il principale sostenitore del governo di Damasco di Bashar al-Assad ed il nuovo alleato della Turchia di Recep Tayyip Erdoğan, in conseguenza del fallito Colpo di Stato in Turchia del 2016, la quale sin dall'inizio della guerra civile siriana si è però sempre schierata con l'opposizione.

Iran e governo Siriano al contrario invitano invano fin da subito Ankara a porre immediatamente fine alle operazioni militari contro la città di Afrin, avvertendo inoltre che l’invasione potrebbe creare il caos necessario affinché i gruppi terroristici riprendano le operazioni nella regione.[37].

Assad e le forze PYD/YPG espongono diverse visioni sul futuro della Siria e i rispettivi eserciti si sono a volte scontrati tra di loro anche se hanno per lo più evitato il conflitto diretto, seppur durante la stessa operazione nella parte orientale della Siria avvengano scontri tra i due schieramenti con bombardamenti statunitensi su forze governative nel Governatorato di Deir el-Zor durante la Battaglia di Khasham il 7 febbraio nella quale un'intera colonna di circa 500 soldati filogovernativi e contractors russi sarebbe stata bersaglio di bombardamenti americani, riportando numerose perdite.[38]

Decine di giornalisti e centinaia di users di social networks sono stati inoltre arrestati in Turchia per aver criticato l'attacco turco.[39]

L'inizio dell'operazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 gennaio le forze filoturche occupano sette villaggi ma le forze dello YPG ne ricatturano due.[40]

Il 23 gennaio le acquisizioni territoriali della Turchia sono ancora limitate. Entrambe le parti riferiscono di aver inflitto numerose perdite all'altra, tra i morti vi è anche un comandante di alto grado del TSFA[41]

Il 27 gennaio avviene il primo caso di attacco suicida da parte delle forze curde. La combattente delle YPJ Zuluh Hemo (conosciuta come "Avesta Xabur") lanciatasi contro un Leopard 2A4 (di fabbrica tedesca) lancia una granata nella torretta del carro uccidendo se stessa e i due soldati turchi all'interno.[42] Le forze armate turche negano il fatto che vi siano soldati turchi morti nell'evento e sostengono che Hemo si sia fatta esplodere con una granata in bocca.[43]

La documentazione sull'utilizzo di carri armati tedeschi contro i curdi da parte della Turchia causa clamore in Germania, portando alla sospensione delle forniture militari tedesche ad Ankara e facendo conseguentemente precipitare di nuovo i rapporti tra i due Paesi.[44]

Il 28 gennaio avviene la prima considerevole sconfitta dei curdi con la presa del monte Barsaya, nella parte orientale del cantone, dopo che diversi tentativi precedenti a partire dal 22 gennaio erano falliti.[45]

Il 3 febbraio i curdi riescono a distruggere un carro armato turco (probabilmente un Leopard 2A4 di fabbricazione tedesca) con un ATGM Kornet di fabbricazione russa. Tale notizia viene confermata da fonti curde e turche.[42][46]

Il 6 febbraio un convoglio curdo di rinforzi proveniente dal nord-est della Siria raggiunge il cantone attraversando i territori in mano al governo di Damasco, il numero di combattenti presenti nel convoglio non è chiaro ma è stimato tra 500 e 5000. Diverse fonti affermano che l'arresto dei bombardamenti da parte dell'aviazione turca e la concessione del passaggio al convoglio curdo siano dovute ad una risposta da parte della Russia all'abbattimento dell'aereo Su-25 avvenuto da parte dei ribelli il 3 febbraio nella provincia di Idlib.[47][48][49][50][51] In ogni caso, secondo le forze turche, la Russia ha chiuso solo temporaneamente (a partire dalla notte del 4 febbraio) lo spazio aereo siriano, questo per consentire l'azione di un meccanismo elettronico contro i missili antiaerei portatili. Secondo lo stesso rapporto, i droni armati turchi rimangono operativi ad Afrin.[52] Il 9 febbraio lo spazio aereo Siriano viene di nuovo aperto ai jet Turchi.[53][54]

Il 10 febbraio un elicottero d'attacco turco T129 ATAK si schianta ed i due membri dell'equipaggio rimangono uccisi. Secondo il presidente Erdogan, le SDF e l'Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) l'elicottero è stato abbattuto[55][56][57], mentre l'esercito turco non rivela quale sia stata la causa ma afferma che sia in atto un'indagine per chiarire la dinamica della vicenda.[58]

Il 17 febbraio Stati Uniti e Turchia, in seguito ad un summit ad Ankara tra il segretario di Stato Rex Tillerson ed il ministro degli esteri Mevlüt Çavuşoğlu, trattano per un accordo che prevederebbe il ritiro ad est dell'Eufrate delle truppe YPG a stanziate a Manbij e la costituzione di una "safety zone" cogestita da Turchia e Stati Uniti.[33] [59]

Il 19 febbraio, dopo indiscrezioni da parte di un ufficiale curdo il giorno precedente, l'Agenzia di Stato Araba Siriana (SANA) annuncia che il governo Siriano ha raggiunto un accordo con lo YPG di Afrin il quale prevede l'ingresso di milizie pro-Assad nel cantone per aiutare le forze curde contro l'offensiva turca.[38] Il ministro turco Çavuşoğlu ha risposto che le forze Siriane sono benvenute se la loro intenzione è quella di combattere lo YPG, affermando: "Se è così, non ci sono problemi. Se però stanno entrando ad Afrin per proteggere le forze YPG/PKK, nessuno può fermare l'armata Turca." Nuri Mahmoud, un portavoce dello YPG, ha detto ad Al-Jazeera che i curdi avrebbero chiesto aiuto alle milizie pro-governo per "preservare l'unità della Siria" ma ha aggiunto che i combattenti non sarebbero giunti in giornata.[60]

Il 20 febbraio giungono indiscrezioni riguardanti tentativi di accordo tra Ankara, Damasco e le forze curde per il termine dell'operazione: i governativi prenderebbero il controllo del cantone curdo (avrebbero infatti chiesto ai curdi l'esposizione della bandiera Siriana nei luoghi pubblici e la consegna delle armi pesanti) mentre alla Turchia resterebbe una stretta striscia lungo il confine, una zona cuscinetto profonda alcuni chilometri per impedire eventuali infiltrazioni di elementi dello Ypg nel suo territorio.[61][62]

Ingresso delle truppe governative e seconda fase dell'operazione[modifica | modifica wikitesto]

Fasi dell'operazione "ramoscello d'ulivo"

Il 20 febbraio milizie pro-governative autodefinitesi "Forze Popolari" entrano nel cantone. La Brigata Baqir, parte del network di milizie delle "Forze di Difesa Locali" (LDF) annuncia di aver assunto il comando di tali forze. Un convoglio di forze pro-governative è però bersaglio di "colpi d'avvertimento" dell'esercito turco ed è per tale motivo costretto a ritirarsi parzialmente.[63]

Il presidente turco Erdoğan conferma che le forze sono state bersaglio dell'artiglieria turca ed afferma che esse consistano in "terroristi" che hanno agito indipendentemente e che "pagheranno un alto prezzo".[64]

Fonti del PYD intanto negano che sia stato raggiunto alcun accordo politico col governo Siriano e affermano che l'accordo sia puramente militare.[65] Il 21 febbraio l'agenzia di stato siriana annuncia l'arrivo di altre milizie pro-governative ad Afrin, mentre un comandante dei pro-governativi afferma che le truppe respinte il giorno precedente siano rientrate nel cantone.[66] Il governo Siriano attua quindi la strategia di non schierare l'esercito regolare, già impegnato nella massiccia operazione contro i ribelli nel Ghouta Est, non esponendosi contro la Turchia ma nel contempo cercando di impedire un facile successo del TSFA che porterebbe ad un rafforzamento della posizione dei ribelli al tavolo delle trattative.

Il 26 febbraio le forze YPG perdono gran parte del controllo sul confine con la Turchia e contemporaneamente viene annunciato il dispiegamento delle forze speciali di polizia turche ad Afrin per una nuova battaglia.[67]

Il 28 febbraio il governo turco rende noto che il cessate il fuoco di 30 giorni approvato il 24 febbraio dall'ONU non copre Afrin e che la Turchia non è una parte del conflitto Siriano.[68]

Il 29 febbraio le forze turche prendono completamente controllo del confine della regione con la Turchia e cingono d'assedio le cittadine di Jindires e Rajo.[69] Il giorno seguente 8 soldati turchi rimangono uccisi e 13 rimangono feriti negli scontri mentre 17 miliziani pro-governativi vengono uccisi nei bombardamenti a Jamaa.[70]

Il 3 marzo l'esercito turco annuncia di aver conquistato Rajo, una delle roccaforti curde maggiori, situata nel nord-ovest della regione, sebbene gli scontri nella città continuino almeno fino al 5 marzo, data in cui la notizia viene confermata anche dal SHOR.[71]

Il 6 marzo le SDF annunciano di aver spostato 1700 combattenti dal fronte contro l'ISIS di Deir el-Zor a quello di Afrin.[72]

L'8 marzo i filoturchi catturano Jindires[73] ed il 9 marzo espugnano la Diga del 17 Aprile sul fiume Afrin, la quale prima della guerra civile forniva acqua potabile ed energia elettrica a circa 200 000 persone.[74]

Il 10 marzo i filoturchi raggiungono la periferia di Afrin.[75]

Il 13 marzo il centro urbano di Afrin viene accerchiato, lasciando aperto unicamente un corridoio umanitario per la fuga dei civili verso i territori a sud-est del cantone controllati dal governo siriano.[76]

Il 18 marzo il presidente turco Erdoğan annuncia che "la città è stata conquistata alle 8,30". A riportare la notizia inizialmente è stata la Cnn Turk. Secondo l'emittente lo sfondamento delle difese curde è avvenuto dal sud est della città, con i combattenti del TSFA che hanno preso il controllo di parte del centro, due chilometri all'interno del perimetro urbano. Secondo le Nazioni Unite, almeno 250.000 persone avrebbero lasciato Afrin attraverso il corridoio umanitario predisposto dall'esercito turco.[77] L'offensiva via terra avrebbe trovato un'opposizione inaspettatamente leggera, in quanto la maggior parte delle SDF si sarebbero ritirate, lasciando indietro solo una resistenza simbolica e di conseguenza entrambi gli schieramenti avrebbero riportato solo lievi perdite nella fase finale. Le forze filoturche avrebbero inoltre abbattuto i monumenti curdi nel centro della città ed esposto le bandiere della Turchia e dell'Esercito siriano libero nei luoghi pubblici.[78]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Con la caduta di Afrin, la guerra civile siriana entra in una nuova fase, con le forze curde che promettono guerriglia contro la Turchia nel cantone e le forze governative che essendo ormai prossime alla completa conquista del Ghouta est a danno dei ribelli, secondo gli strateghi di Ankara, nella primavera inoltrata cercheranno di riconquistare le frontiere, compresa quella nord-orientale. Diventa così sempre più concreta la possibilità di uno confronto diretto delle forze turche con le forze lealiste siriane[79], in uno scenario in cui il cessate il fuoco approvato il 24 febbraio all'unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (quindi anche dalla Russia) è stato completamente ignorato sia ad Afrin sia nel Ghouta est, con gli scontri che si sono in realtà intensificati su entrambi i fronti, mentre gli Stati Uniti si dicono "pronti ad agire, se necessario" contro il governo di Damasco.[80] L'intervento diretto della Turchia ha portato inoltre ad un notevole riavvicinamento diplomatico tra Forze Democratiche Siriane e governo centrale.

Crimini di guerra[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'Osservatorio per i Diritti Umani (HRW), le guardie di confine turche avrebbero sparato indiscriminatamente ai rifugiati che avrebbero tentato di fuggire dal cantone verso la Turchia. Coloro che avrebbero cercato asilo oltreconfine sarebbero stati inoltre picchiati, negati alle cure mediche e sottoposti ad abusi.[81]

Verso la fine di gennaio ufficiali curdi avrebbero accusato la Turchia di utilizzare napalm, arma chimica proibita dai trattati internazionali.[82] Le forze tuche hanno smentito[83] e non vi è stata verifica indipendente della notizia.

Sono emersi diversi video mostranti ribelli appoggiati dalla Turchia mutilare i cadaveri dei combattenti YPG. Uno di questi mostra il corpo mutilato di una donna combattente YPJ con i seni tagliati esposti e circondata da ribelli dell'esercito siriano libero che la definiscono "scrofa" ed affermano "si dovrebbero vergognare, ci spediscono contro le donne a combattere" mentre ridono e le calpestano il petto.[84] Rami Abdulrahman, il fondatore del SOHR, noto per la sua posizione anti-governativa, ha condannato tale atto e lo ha definito un "crimine più brutale ed orribile perfino di quelli commessi dall'ISIS, loro non mutilavano i cadaveri in questo modo".[85] Secondo l'agenzia pro-PKK Firat, la donna era una combattente YPJ chiamata "Barin Kobanê" ed avrebbe combattuto fino alla fine, facendosi saltare in aria.[86] Il TSFA ha detto che investigherà sulle accuse rivolte ai propri combattenti riguardo la mutilazione del corpo della combattente YPG.[87]

Fonti Siriane e curde hanno accusato la Turchia di bombardare scuole ed ospedali. Il SOHR denuncia inoltre il bombardamento del maggiore impianto idrico della regione.[88]

Il 16 febbraio la Turchia viene accusata dalle forze YPG di aver effettuato un attacco con gas tossici. Il SOHR ha confermato l'attacco, aggiungendo che in seguito ad esso vi siano state diverse persone con difficoltà a respirare e con le pupille dilatate.[89] La Turchia ha definito le accuse "prive di fondamento".[90]

Il 22 febbraio la Turchia viene accusata di aver bombardato un convoglio di aiuti umanitari diretto ad Afrin. In seguito a ciò, la Mezzaluna Rossa Araba Siriana ha sospeso tutti gli aiuti verso Afrin in quanto impossibilitata ad entrare nella regione.[91]

L'HRW ha criticato la Turchia per "aver fallito nel prendere le necessarie precauzioni per evitare morti tra i civili". Il rapporto citava specificamente 3 attacchi aerei che avrebbero ucciso 26 civili di cui 17 bambini.[92]

Amnesty International sostiene che civili siano stati uccisi dalle forze turche per via di bombardamenti indiscriminati sulle aree civili, atto che costituisce una violazione della legge Internazionale.[93]

L'ONU riporta che le milizie curde (YPG) abbiano impedito a civili di lasciare l'area e che essi siano stati usati come scudi umani durante l'assedio di Afrin.[94][95]

Le milizie YPG accusano le forze ribelli e la Turchia di aver arruolato per l'operazione ex combattenti dell'ISIS e membri di fazioni jihadiste ad esso correlate [96] effettuando inoltre azioni di "pulizia etnica" nei territori conquistati.[97]

Durante l'occupazione del cantone i filoturchi avrebbero compiuto abusi sui civili segregando e violentando le donne rimaste oltre che occupando e saccheggiando le case.[98]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Turkish warplanes carry out a massacre leaving 13 civilian casualties in Jendires town amid desperate efforts by the forces of the “Olive Branch” Operation to control it, su syriahr.com. URL consultato il 5 marzo 2018.
  2. ^ Turkey, Free Syrian Army clear town center in NW Syria, su aa.com.tr. URL consultato il 5 marzo 2018.
  3. ^ Fehim Tastekin, Erdogan's plans for Afrin might not sit well with Syria, su al-monitor.com, 26 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2018).
  4. ^ (FR) Un convoi de 5.000 Kurdes à Afrin contre l’invasion turque, su jforum.fr, 6 febbraio 2018.
  5. ^ (DE) Julian Röpcke, Türkische Offensive in Nordsyrien. Deutsche kämpfen gegen Erdogan, su bild.de, 27 gennaio 2018.
  6. ^ (EN) Assad, Iran support Kurdish forces against Turkey in Syria's Afrin with key weapon systems - reports, Al Masdar News, 9 febbraio 2018.
  7. ^ (EN) U.S. funding of Syrian YPG militia will impact Turkey's decisions: Erdogan, Reuters, 13 febbraio 2018.
  8. ^ Dakika dakika Afrin'de yaşanan son dakika gelişmeler!, su haberturk.com, 22 gennaio 2018.
  9. ^ washingtonpost.com, https://www.washingtonpost.com/world/middle_east/turkish-military-retaliates-against-fire-from-syrian-kurds/2018/01/20/1064ecee-fdb9-11e7-9b5d-bbf0da31214d_story.html.
  10. ^ reuters.com, https://www.reuters.com/article/us-mideast-crisis-ria-turkey-rebels/fsa-commander-says-25000-syrian-rebels-back-turkish-force-in-syria-idUSKBN1FA0OK.
  11. ^ Erdogan: Operation in Syria's Afrin has begun.
  12. ^ nytimes.com, https://www.nytimes.com/2018/02/28/world/middleeast/syrian-kurds-isis-american-offensive.html?smid=tw-share.
  13. ^ Breaking: Second wave of pro-Syrian Army forces enter Afrin to bolster Kurdish defenses, su almasdarnews.com.
  14. ^ anfenglishmobile.com, https://anfenglishmobile.com/rojava/avrin-hospital-170-civilians-died-460-were-wounded-in-attacks-25010.
  15. ^ Soylu: 31 asker, 9 sivil, 39 ÖSO mensubu şehit oldu, su milligazete.com.tr.
  16. ^ 7 civilians killed in Turkey in YPG/PKK terrorist attacks, su dailysabah.com. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  17. ^ The escalated violence of clashes in Afrin area causes human losses and accompanied by the escalation targeting by warplanes and Turkish Forces on places in the area, su syriahr.com.
  18. ^ SDF: 862 soldiers and gang members killed in Afrin in 23 days, ANF News.
  19. ^ sabah.com.tr, https://www.sabah.com.tr/gundem/2018/02/17/cumhurbaskani-erdogan-elinde-zeytin-dali-ile-konustu.
  20. ^ {title}, su miamiherald.com. URL consultato il 20 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2018).
  21. ^ Turkish soldier killed in Syria's Afrin, su kuna.net.kw. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  22. ^ 1,715 terrorists 'neutralized' in Operation Olive Branch in Syria's Afrin, military says, Daily Sabah, 20 febbraio 2018.
  23. ^ almasdarnews.com, 16 febbraio 2018, https://www.almasdarnews.com/article/turkish-media-publishes-photos-415-ypg-fighters-killed-afrin/.
  24. ^ Erdogan: Operation in Syria's Afrin has begun, Al Jazeera.
  25. ^ Turkish field op against Afrin Kurds 'de facto underway' – Erdogan, Russia, RT.
  26. ^ Gul Tuysuz, Joe Sterling and Schams Elwazer, CNN, Turkish jets hammer Syrian town to oust US-backed Kurdish militia, CNN.
  27. ^ US Getting 'Conflicting Signals' on Turkey's Syria Ops, Voice of America, 23 gennaio 2018.
  28. ^ James Snell, Turkey's Afrin offensive is not about Islamic State, su alaraby.co.uk. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  29. ^ Turkey claims over 260 YPG, ISIS fighters killed in northern Syria, su almasdarnews.com, 23 gennaio 2018. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  30. ^ Hundreds of Kurdish, IS fighters killed in Syria's Afrin: Turkey - News - DW - 24.01.2018, su DW.COM. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  31. ^ Associated Press, The Latest: Turkey says 2 soldiers killed in Afrin push, su washingtonpost.com, 27 gennaio 2018. URL consultato il 28 gennaio 2018. Ospitato su www.washingtonpost.com.
  32. ^ Erdogan says to extend Syria operation despite risk of U.S. confrontation, Reuters, 24 gennaio 2018.
  33. ^ a b Intesa Usa-Turchia: «Via i curdi da Afrin e Manbij», su ilmanifesto.it.
  34. ^ Reuters, Turkish forces kill 32 Kurdish militants in bloody weekend as conflict escalates, su theguardian.com, 10 gennaio 2016. Ospitato su The Guardian.
  35. ^ PKK declares end to unilateral truce in Turkey, in AFP, 5 novembre 2015.
  36. ^ Over 1,100 die in PKK attacks in Turkey since July 2015, su aa.com.tr. URL consultato il 10 novembre 2016.
  37. ^ http://www.lindro.it/curdi-al-centro-della-seconda-guerra-di-siria/2/ Curdi al centro della ‘Seconda’ Guerra di Siria.
  38. ^ a b Pro-Assad militias to enter Syria's Afrin: state media
  39. ^ Turkey demands "patriotic" coverage of military offensive in Syria, Reporters without Borders, 23 gennaio 2018.
  40. ^ Syria offensive: Turkish troops 'capture villages' in Afrin, in BBC News, 2018. URL consultato il 22 gennaio 2018.
  41. ^ Syria war: Thousands flee Turkish assault on Afrin enclave, in BBC News, 23 gennaio 2018. URL consultato il 26 gennaio 2018.
  42. ^ a b (EN) Girl Destroys Turkish Leopard 2 Tank With ATGM, Massive Explosion, su funker530.com, 4 febbraio 2018. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  43. ^ Haber7, Ağzında el bombasıyla Türk askerine saldırdı!, su Haber7.
  44. ^ I carri armati tedeschi ad Afrin inguaiano la Merkel, su eastwest.eu.
  45. ^ Turkish forces score first major victory in Afrin, su almasdarnews.com, 28 gennaio 2018.
  46. ^ (TR) Son dakika haberi... Afrin harekatında 8 şehit, su ntv.com.tr, 3 febbraio 2018. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  47. ^ Убивающие турецких солдат курды получили подкрепление, su lenta.ru. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  48. ^ YPG sends terrorists to Syria's Afrin under civilian guise, su dailysabah.com. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  49. ^ Russia may have set up no-fly zone in Syria – claims - Ahval, su ahvalnews.com. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  50. ^ http://www.rudaw.net/english/middleeast/syria/060220183
  51. ^ Syrian Army allows massive YPG convoy to travel to Afrin from their lines, su mobile.almasdarnews.com, 6 febbraio 2018. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  52. ^ Afrin havasında Rusya molası, su hurriyet.com.tr. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  53. ^ [1] مجلس الأمن يرفض إدانة هجوم التحالف على النظام السوري
  54. ^ [2] Anadolu Ajansı'nın haberine göre Türk savaş uçakları Afrin’de terör örgütü PYD/PKK'ya ait hedefleri vuruyor. Sınır hattında konuşlu birliklerdeki Fırtına Obüs’ler ve Çok Namlulu Roket Atar sistemleri de Afrin'deki terör mevzilerini ateş altına aldı.
  55. ^ Turkish helicopter shot down by Kurdish militia in Syria's Afrin: Erdo, su reuters.com, 11 febbraio 2018. Ospitato su Reuters.
  56. ^ Kurdish forces shoot down Turkish helicopter over Afrin: SDF
  57. ^ Ambiguity surrounds the crew of a Turkish helicopter targeted by the Kurdish units in the skies of Raju area in the western section of Afrin countryside, su syriahr.com.
  58. ^ 11 Turkish troops killed in deadliest day of Kurdish offensive, su guardian.ng.
  59. ^ http://www.occhidellaguerra.it/tillerson-siria-tradimento-curdi/.
  60. ^ Cavusoglu: Nobody can stop Turkish forces in Afrin, Al-Jazeera, 19 febbraio 2018.
  61. ^ http://www.occhidellaguerra.it/curdi-siria-turchia/#comment-3766996474, Accordo tra curdi e Damasco per fermare l’avanzata turca.
  62. ^ http://www.lastampa.it/2018/02/19/esteri/svolta-in-siria-i-curdi-pronti-a-cedere-il-controllo-di-afrin-allesercito-di-assad-DXcTYnggI1cApKLIdWSI2L/pagina.html, Svolta in Siria, i curdi pronti a cedere il controllo di Afrin all’esercito di Assad.
  63. ^ Pro-government fighters move into Syria's Afrin, Al-Jazeer.
  64. ^ Erdogan says pro-Damascus, Shi'ite forces repelled by Turkish artillery, su jpost.com.
  65. ^ No political agreement held with the Syrian regime, Saleh Musallam says, su nedaa-sy.com, 21 febbraio 2018.
  66. ^ Stakes rise in Turkey's Afrin assault as pro-Assad militia arrive, Reuters.
  67. ^ Turkey sends special forces for next stage of Afrin offensive, Reuters.
  68. ^ Turkey: UN resolution is not about Afrin, Al-Jazeera.
  69. ^ Turkey takes full control of Afrin borders: monitor, Rudaw.
  70. ^ Eight Turkish soldiers killed, 13 wounded in clashes in Syria's Afrin, Reuters.
  71. ^ More than 120 casualties and injuries in the violent aerial and ground shelling on Afrin area, SOHR. URL consultato il 5 marzo 2018.
  72. ^ US Coalition Asks for Pause in Hostilities in Northwest Syria, Voice of America, 6 marzo 2018.
  73. ^ Turkish military seize control of Jinderes town in Syria’s Afrin region
  74. ^ [3] Afrin’de çok kritik gelişme! 17 Nisan Barajı da ele geçirildi]
  75. ^ Turkish forces reach outskirts of Afrin town: monitor
  76. ^ [4]
  77. ^ repubblica.it, http://www.repubblica.it/esteri/2018/03/18/news/le_forze_ribelli_siriane_sostenute_dai_turchi_entrano_ad_afrin-191572299/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P5-S1.8-T1.
  78. ^ https://www.aljazeera.com/news/2018/03/free-syrian-army-group-captures-afrin-city-180318081430817.html.
  79. ^ https://www.huffingtonpost.it/2018/03/18/ad-afrin-nasce-il-protettorato-ottomano-in-siria_a_23388768/.
  80. ^ https://www.tpi.it/2018/03/12/usa-avvertono-onu-intervento-siria/.
  81. ^ Turk border guards shoot at fleeing Syrians - Human Rights Watch, Reuters, 3 febbraio 2018.
  82. ^ Kurds Accuse Turks of Dropping Napalm, Voice of America, 28 gennaio 2018.
  83. ^ Türk Silahlı Kuvvetleri Genelkurmay Başkanlığı, su www.tsk.tr. URL consultato il 10 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2018).
  84. ^ Videos of Syrian Militia Abusing Kurdish Fighter’s Corpse Stir Outrage, New York Times, 5 febbraio 2018.
  85. ^ The Latest: 7 killed in shelling of Syrian government areas, Washington Post, 1º febbraio 2018.
  86. ^ YPJ: Barin Kobanê, Avesta çizgisinde fedai eylemde şehit düştü, Firat News Agency, 1º febbraio 2018.
  87. ^ Syria: Outrage over 'mutilated' female Kurdish fighter, su www.aljazeera.com. URL consultato il 4 febbraio 2018.
  88. ^ Turkish army hit school, water plant in Syria's Afrin: Syrian Kurdish YPG, Reuters, 7 febbraio 2018.
  89. ^ Turkish army hit village in Syria's Afrin with suspected gas: Kurdish YPG, Observatory, Reuters, 16 febbraio 2018.
  90. ^ Turkey never used chemical weapons in Syria: Diplomatic sources, su Hürriyet Daily News.
  91. ^ The Latest: Syrian leaflets urge Ghouta residents to leave, ABC News, 22 febbraio 2018.
  92. ^ Syria: Civilian Deaths in Turkish Attacks May Be Unlawful, Human Rights Watch, 23 febbraio 2018.
  93. ^ Syria war: Turkey 'indiscriminately shelling civilians in Afrin', BBC, 28 febbraio 2018.
  94. ^ [5] UN says civilians trapped, used as 'human shields' in Afrin
  95. ^ [6] Civilians used as ‘human shields’ by YPG in Afrin, says UN
  96. ^ http://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/turkey-isis-afrin-syria-kurds-free-syrian-army-jihadi-video-fighters-recruits-a8199166.html.
  97. ^ https://www.agenzianova.com/a/5aae944c7ac7f9.51126054/1854739/2018-03-18/siria-afrin-milizie-curde-annunciano-resistenza-a-oltranza-e-accusano-erdogan-di-genocidio/linked.
  98. ^ ilmanifesto.it, https://ilmanifesto.it/cominciata-la-missione-opac-lisis-non-esce-raid-a-yarmouk/.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]