Sinjar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinjar
città
Sinjar – Veduta
Tempio yazida
Localizzazione
StatoIraq Iraq
GovernatoratoNinawa
DistrettoSinjar
Territorio
Coordinate36°19′21″N 41°51′51″E / 36.3225°N 41.864167°E36.3225; 41.864167 (Sinjar)Coordinate: 36°19′21″N 41°51′51″E / 36.3225°N 41.864167°E36.3225; 41.864167 (Sinjar)
Altitudine522 m s.l.m.
Abitanti39 875[1] (2006)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Iraq
Sinjar
Sinjar

Sinjar (latino: Singara) è una piccola città nell'Iraq nordoccidentale, vicina al confine siriano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il censimento del 2006 ha rilevato 39.875 residenti.[1] La popolazione è etnicamente varia, con due gruppi predominanti, gli yazidi e i curdi musulmani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Singara.

Durante l'Impero romano la città di Singara fu un'importante fortezza legionaria al confine romano-persiano e fu molte volte conquistata durante le guerre romano-persiane. Dal 197 fu sede della legione I Parthica. Nel 241 fu conquistata dai Sasanidi di Sapore I, ma venne poi riconquistata dall'imperatore romano Gordiano III (243). Nel 348 fu luogo della battaglia di Singara che vide la vittoria dell'esercito romano dell'imperatore Costanzo II su quello sasanide del re Sapore II; lo stesso re, però, la riconquistò nel 360.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A.Birley, Septimius Severus, Londra 1971-1999, p. 132.
Asia Portale Asia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Asia