Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Peshmerga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
پێشمەرگە
Peshmerga
Flag of Kurdistan.svg
Bandiera del Kurdistan, che utilizzano anche i Peshmerga.
Attiva 1914 - oggi
Contesto NearEast3.png Medio Oriente
Ideologia Autodeterminazione dei popoli
Alleanze Flag of Kurdistan.svg Kurdistan iracheno
Affinità politiche PDK Kurdistan.jpg Partito Democratico del Kurdistan
Flag of PUK.png Unione Patriottica del Kurdistan
Componenti
Fondatori Mustafa Barzani
Componenti principali Mas'ud Barzani
Simboli
Stemma della regione autonoma del Kurdistan iracheno dal 1992: l'aquila che detiene tra le sue ali un sole, con i colori della bandiera curda. Coat of Arms of Kurdistan.svg
Attività
Azioni principali Guerra Iran-Iraq
Guerra d'Iraq
Guerra civile siriana
[1][2]
Voci su unità paramilitari in Wikipedia

I Peshmerga (in lingua curda: پێشمەرگە' - pīs mergah, "fronte alla morte") sono le forze armate della regione autonoma del Kurdistan iracheno. Il termine "Peshmerga" indica letteralmente un combattente-guerrigliero che intende battersi fino alla morte.[3]

Storia recente[modifica | modifica wikitesto]

Peshmerga su un carro T-55 fuori Kirkuk in Iraq.

I peshmerga sono combattenti curdi del Kurdistan nell'Iraq settentrionale. Sono stati attivi nei diversi sconvolgimenti della storia dell'Iraq dalla sua indipendenza, nella guerra Iran-Iraq, nella prima e nella seconda guerra del golfo. In seguito alla prima guerra del Golfo, tra il 1994 e il 1998 scoppiò una guerra civile tra i due maggiori partiti del Kurdistan iracheno, il PDK e l'UPK, e i Peshmerga si combatterono tra di loro. Nonostante i tentativi di unificare i Peshmerga dopo la fine della guerra civile, essi rimangono divisi tra unità sotto il comando del PDK e unità sotto il comando dell'UPK.[4] Durante la seconda guerra del Golfo hanno cooperato con le forze speciali dell'Alleanza americana contro Saddam Hussein, salvando vari piloti e incursori sul loro territorio, e tenendo occupato l'intero V corpo iracheno nel 2003 a nord, impedendogli di schierarsi contro le forze alleate a sud.[5] I Peshmerga si sono anche scontrati con il PKK turco, presente nella parte nord dell'Iraq, e con i guerriglieri islamisti di Ansar al-Islam. Nell'agosto 2014, alcuni battaglioni della milizia peshmerga sono stati integrati nella Guardia Nazionale Irachena (al-Ḥkharas al-Watanī), e sono parte della nuova 2ª divisione irachena, di base a Mossul. Attualmente hanno all'attivo circa 200.000 soldati.[1][2]

Supporto militare da paesi esteri nella guerra contro l'ISIS[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Intervento militare contro lo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante.

Oltre a disporre di un proprio arsenale, nella loro campagna contro lo Stato Islamico, dal 2014, i peshmerga hanno ottenuto massiccio supporto da nazioni estere. I combattenti curdi hanno ricevuto fino a marzo 2015 ingenti carichi di armi dell'ultimo tipo tra cui: Heckler & Koch MP5, Heckler & Koch G36, M40, AK-47 e Beretta MG 42/59; oltre a queste dispongono anche di armi pesanti come RPG-7, AT4 e MILAN.[6] Dal 2014, anche l'Italia ha preso parte alla fornitura di armi ai peshmerga, inviando 200 mitragliatrici, 650 mila munizioni e oltre 2000 razzi HEAT; tuttavia i rifornimenti impiegano più tempo ad arrivare poiché le leggi italiane non consentono di armare milizie ma soltanto di vendere armamenti a stati riconosciuti e, a causa di questo, i rifornimenti devono poter prima passare attraverso l'Iraq per poi arrivare nelle mani dei peshmerga in Kurdistan.[7] Oltre a questo, assieme alla Germania,[8][9] l'Italia sta offrendo anche supporto logistico per le truppe peshmerga grazie ad addestramenti militari in Iraq per oltre 2000 combattenti.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Raja Abdulrahim, Are Iraq's renowned peshmerga fighters any match for Islamic State?, su LATimes.com. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  2. ^ a b Isabel Coles, Outgunned and untested for years, Kurdish peshmerga struggle, su Reuters, 13 agosto 2014. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  3. ^ (EN) Michael M. Gunter, Security Forces of the Kurdistan Regional Government, vol. 65, nº 3, 2009, pp. 508 - 509.
  4. ^ Kurdistan’s Political Armies: The Challenge of Unifying the Peshmerga Forces, su Carnegie, 16 dicembre 2015. URL consultato il 25 dicembre 2015.
  5. ^ Lortz, Michael G., Willing to Face Death: A History of Kurdish Military Forces - the Peshmerga - From the Ottoman Empire to Present-Day Iraq, Florida State University, 28 novembre 2005. URL consultato il 1º luglio 2014.
  6. ^ Le armi dei peshmerga contro l'Isis, su Panorama, 30 marzo 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  7. ^ Stefano Feltri, Isis, cosa ci chiedono i peshmerga a Roma contro il terrorismo, su Il Fatto Quotidiano, 2 dicembre 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  8. ^ Guerra all'ISIS, l'esercito tedesco addestra 32 combattenti curdi, su La Voce Della Russia, 28 settembre 2014. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  9. ^ Emanuele Vena, Germania e curdi contro lo Stato Islamico: procede l'addestramento dei peshmerga, su International Business Times, 12 gennaio 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  10. ^ Terrorismo, più di 2mila Peshmerga formati da addestratori italiani in Iraq, su adnkronos, 16 novembre 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]