Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mas'ud Barzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mas'ud Barzani
Mesud Barzani.jpg

Presidente del Kurdistan iracheno
In carica
Inizio mandato 14 giugno 2005
Predecessore Kosrat Rasul Ali

Presidente del Consiglio di governo iracheno
Durata mandato 1 aprile 2004 –
30 aprile 2004

Dati generali
Partito politico Partito Democratico del Kurdistan

Mas'ud Barzani (Mahabad, 16 agosto 1946) è un politico curdo-iracheno.

Masʿūd Bārzānī (in curdo: مه‌سعوود بارزانی‎‎, Mahsʿūd Bārzānī; in arabo: مسعود برزاني‎, Masʿūd Bārzānī) è il Presidente della regione del Kurdistan iracheno, provincia autonoma dell'Iraq, e dal 1979 capo del Partito Democratico del Kurdistan (PDK).

Figlio di Mustafa Barzani, eroe delle Resistenza curda in Iraq e fondatore del PDK, Masʿūd nacque a Mahabad, nel Kurdistan iraniano, all'epoca dell'effimera Repubblica di Mahabad, mentre suo padre occupava la carica di comandante in capo delle forze curde. Ha cinque figli e tre figlie.

Combattente curdo[modifica | modifica wikitesto]

Masʿūd Bārzānī è succeduto al padre come leader del PDK nel 1979. Combatté a fianco del fratello Idrīs Bārzānī tra i gruppi indipendentistici curdi nel corso della guerra Iran-Iraq, fino alla morte di Idrīs. All'epoca le autorità curde irachene erano in esilio in Iran.

A seguito della disfatta dell'Iraq di Saddam Hussein nel corso della prima guerra del Golfo, le forze curde riuscirono a recuperare una parte del territorio curdo iracheno. Il Kurdistan iracheno fu allora oggetto di contesa fra i due principali movimenti curdi: il PDK da lui guidato, e l'UPK (Unione Patriottica del Kurdistan) di Jalāl Ṭālābānī. Il Kurdistan iracheno incorporò la maggior parte del territorio dei tre precedenti governatorati di Duhok, Hewler e Silemani.

Presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno[modifica | modifica wikitesto]

Eletto una prima volta nel giugno del 2005 Presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Masʿūd Bārzānī è stato confermato alla Presidenza, col 66% dei voti popolari, nel mese di luglio del 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5189410 · LCCN: (ENn97907565 · ISNI: (EN0000 0001 2118 8944 · GND: (DE1089385951 · BNF: (FRcb146470813 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie